15°

Strajè-Stranieri

Gli alunni stranieri? Sono italiani

Gli alunni stranieri? Sono italiani
3

Ilaria Graziosi


Sono davvero pochi i bambini che, a Parma, possono realmente considerarsi «stranieri».
La grande maggioranza degli alunni - cittadini non italiani - della scuola primaria sono sostanzialmente italofoni, perché nati in Italia (il 52%) e/o con un significativo percorso scolastico italiano.
Queste alcune delle considerazioni presentate ieri mattina da Gilberto Bettinelli, dirigente scolastico dell'Università Bicocca di Milano, durante il convegno sull'integrazione degli studenti stranieri a scuola.
«I dati relativi alle leve degli obbligati della scuola primaria - ha dichiarato Bettinelli - confermano che a Parma, per il prossimo anno scolastico, ben l'81,5% dei ragazzi non italiani indirizzati ad una scuola per la loro zona di residenza, è nato in Italia. Se si sommano alunni italiani e stranieri nati in Italia si arriva addirittura al 97%. Nella scuola secondaria di secondo grado, dove i nati in Italia costituiscono poco più del di un quarto degli alunni cittadini non italiani, la maggioranza, tuttavia, ha lunghi percorsi scolastici italiani. In sostanza, nelle scuole con più alta concentrazione di alunni non italiani, se raggruppassimo gli alunni secondo il criterio dell'italofonia, piuttosto che quello giuridico di cittadinanza, scopriremmo che la gran parte degli alunni è italofona».
Durante il dibattito si è discusso anche dell'arrivo di alunni stranieri non italofoni durante l'anno scolastico, che costituisce una «criticità», come segnalato da insegnanti e dirigenti.
«Negli anni scolastici 2006/2007 e 2007/2008 - ha continuato Bettinelli - a livello cittadino, i nuovi arrivi rappresentano una percentuale assai ridotta dell'intera popolazione scolastica. Il fenomeno è piuttosto localizzato in pochissimi plessi che sembrano attrarre alunni non italofoni non soltanto per la loro collocazione, ma anche perché le classi sono costituite, in partenza, numericamente non complete. In questo caso parrebbe utile un impegno coordinato delle scuole per evitare situazioni di "attrazione" indebita degli alunni non italiani ma anche di quelli italiani».
«Il punto fondamentale per agevolare l’integrazione - ha dichiarato l'assessore alle Politiche per l'Infanzia e per la Scuola, Giampaolo Lavagetto - è certamente la formazione dei docenti in ambito linguistico ed interculturale, in modo che possano conoscere e meglio affrontare i problemi dell'educazione interculturale e dell'educazione linguistica per gli alunni stranieri. E' opportuno che le scuole italiane, nella loro riconosciuta autonomia didattica e pedagogica, si attivino nell’insegnamento dell'italiano, nella promozione dell'educazione interculturale con specifici progetti ed iniziative e nella collaborazione con le strutture formative presenti nel territori (comune, uffici scuola, biblioteche, centri interculturali, associazioni ) che si interessano del mondo dell' immigrazione».
E' «ai nastri di partenza» - aprile 2009 -, inoltre, un progetto sperimentale, coordinato dal Ministero dell’Istruzione, sullo sport come strumento di integrazione interculturale di alunni e studenti stranieri. «Già dal mese di marzo - ha spiegato Roberto Ghiretti, assessore alle Politiche per le Attività Motorie e Sportive - nell’Istituto comprensivo Micheli,  è partita la fase sperimentale di questo progetto».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • BOH

    26 Aprile @ 13.44

    sono d'accordissimo con "V"!

    Rispondi

  • V

    21 Marzo @ 07.20

    Vedo signora che lei conosce a fondo la cultura islamica. E dalle altre culture- dice lei- non abbiamo da imparare nulla: Io spero che non sia cosi anche perchè in Parma non ci sono solo persone con una cultura islamica ma anche altri ma anche perchè non si finisce mai di imparare. Saluti.

    Rispondi

  • giuliana

    14 Marzo @ 22.59

    E avanti con il business che ruota intorno all'invasione multietnica e alla multiculturalità. " Nuovi docenti per poter meglio affrontare i problemi legati all'educazione linguistica e interculturale dei bambini stranieri". Ma non avevano appena finito di farci notare che ormai sono quasi tutti nati in Italia? " In più le scuole italiane dovrebbero attivarsi con progetti per un'educazione interculturale..." Sarebbe molto più proficuo se si insegnasse a tutti il galateo e l'educazione civica. E dalle altre culture non abbiamo da imparare proprio nulla, considerando il fatto che -quella islamica è la sub-cultura prevalente- nei paesi islamici non sono rispettati neppure i più elementari diritti individuali.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano Foto Il video

Salsomaggiore

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano Foto Il video

3commenti

Sembra ieri 1/1: 1984 - In piazza della Pace l'ippopotamo Pippo

TV PARMA

Sembra ieri: 1985 - Il "nuovo" Ponte Italia

1commento

Le serate special al Cafè 47

Era qui la festa

Le serate special al Cafè 47

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

musica

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

Lealtrenotizie

Frontale a Pilastro, nessun ferito grave

LANGHIRANO

Frontale a Pilastro, nessun ferito grave

soccorso alpino

Pietra di Bismantova, il ferito è un 43enne di Carpi Il video del salvataggio

Cede un chiodo durante la ferrata: cade nel dirupo

musica

Inaugurato il Centro Toscanini: guarda chi c'era Fotogallery

1commento

CULTURA

Porte aperte all'Ospedale vecchio: tutti in coda con il FAI Fotogallery

Giornate di primavera: domenica si visita l'Università

Dopo l'assoluzione

Raffaele Sollecito: «La mia vita riparte da Parma»

"Vivo a Barriera Bixio, lavoro e ho buoni amici"

14commenti

Tg Parma

Tariffa rifiuti in aumento? Federconsumatori: "Una beffa" Video

1commento

allarme

Piazzale Lubiana, trovata polpetta con chiodi: chiusa l'area cani

4commenti

polizia

Emergenza furti: razzia di vestiti nella notte allo Spip Video

1commento

PARMA CALCIO

Intitolato a Tito Mistrali il campo da calcio di via Taro

Esordì nel 1925. Era il bomber con la "retina"

1commento

LEGA PRO

Sotto di 2 gol, il Pordenone ne segna 7 e aggancia il Parma! Domani crociati a Gubbio

AGENDA

Un weekend alla scoperta dei castelli

Sentenza

Multa ingiusta. E stavolta è Equitalia che deve pagare

3commenti

Formaggio

La grana del grana

Profughi

«Lasciati senza cibo per 7 giorni»

10commenti

Autosole

L'ambulanza tampona, il paziente a bordo trasferito sull'elicottero

Medicina

L'osteopatia nella cura della endometriosi

Da uno studio fatto a Parma nuove speranze per combattere una malattia che colpisce il 10% delle donne in età fertile

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Chi ha interesse a volere la realtà percepita

EDITORIALE

Truffe, anziani e soldi sotto il materasso

di Carlo Brugnoli

1commento

ITALIA/MONDO

stanotte

Torna l'ora legale: ricordarsi di mandare avanti le lancette

TREVISO

Si rovescia il pedalò: annega 18enne. Salva la fidanzata

WEEKEND

FOODBLOGGER

Video-ricetta: la tartare di tonno e stracciatella secondo Eleonora Rubaltelli

cinema

Weekend ricco al cinema: i due consigli del CineFilo Video

SPORT

Motogp

Qualifiche annullate, griglia basata sulle libere: Vinales in pole, Rossi lontano

Rugby

Il Munster passa al "Lanfranchi", Zebre battute

MOTORI

NOVITA'

Non solo Suv: ecco le nuove berline e wagon del 2017

restyling

Mercedes, ora la GLA è più alta e più connessa