23°

32°

Strajè-Stranieri

Gli alunni stranieri? Sono italiani

Gli alunni stranieri? Sono italiani
Ricevi gratis le news
3

Ilaria Graziosi


Sono davvero pochi i bambini che, a Parma, possono realmente considerarsi «stranieri».
La grande maggioranza degli alunni - cittadini non italiani - della scuola primaria sono sostanzialmente italofoni, perché nati in Italia (il 52%) e/o con un significativo percorso scolastico italiano.
Queste alcune delle considerazioni presentate ieri mattina da Gilberto Bettinelli, dirigente scolastico dell'Università Bicocca di Milano, durante il convegno sull'integrazione degli studenti stranieri a scuola.
«I dati relativi alle leve degli obbligati della scuola primaria - ha dichiarato Bettinelli - confermano che a Parma, per il prossimo anno scolastico, ben l'81,5% dei ragazzi non italiani indirizzati ad una scuola per la loro zona di residenza, è nato in Italia. Se si sommano alunni italiani e stranieri nati in Italia si arriva addirittura al 97%. Nella scuola secondaria di secondo grado, dove i nati in Italia costituiscono poco più del di un quarto degli alunni cittadini non italiani, la maggioranza, tuttavia, ha lunghi percorsi scolastici italiani. In sostanza, nelle scuole con più alta concentrazione di alunni non italiani, se raggruppassimo gli alunni secondo il criterio dell'italofonia, piuttosto che quello giuridico di cittadinanza, scopriremmo che la gran parte degli alunni è italofona».
Durante il dibattito si è discusso anche dell'arrivo di alunni stranieri non italofoni durante l'anno scolastico, che costituisce una «criticità», come segnalato da insegnanti e dirigenti.
«Negli anni scolastici 2006/2007 e 2007/2008 - ha continuato Bettinelli - a livello cittadino, i nuovi arrivi rappresentano una percentuale assai ridotta dell'intera popolazione scolastica. Il fenomeno è piuttosto localizzato in pochissimi plessi che sembrano attrarre alunni non italofoni non soltanto per la loro collocazione, ma anche perché le classi sono costituite, in partenza, numericamente non complete. In questo caso parrebbe utile un impegno coordinato delle scuole per evitare situazioni di "attrazione" indebita degli alunni non italiani ma anche di quelli italiani».
«Il punto fondamentale per agevolare l’integrazione - ha dichiarato l'assessore alle Politiche per l'Infanzia e per la Scuola, Giampaolo Lavagetto - è certamente la formazione dei docenti in ambito linguistico ed interculturale, in modo che possano conoscere e meglio affrontare i problemi dell'educazione interculturale e dell'educazione linguistica per gli alunni stranieri. E' opportuno che le scuole italiane, nella loro riconosciuta autonomia didattica e pedagogica, si attivino nell’insegnamento dell'italiano, nella promozione dell'educazione interculturale con specifici progetti ed iniziative e nella collaborazione con le strutture formative presenti nel territori (comune, uffici scuola, biblioteche, centri interculturali, associazioni ) che si interessano del mondo dell' immigrazione».
E' «ai nastri di partenza» - aprile 2009 -, inoltre, un progetto sperimentale, coordinato dal Ministero dell’Istruzione, sullo sport come strumento di integrazione interculturale di alunni e studenti stranieri. «Già dal mese di marzo - ha spiegato Roberto Ghiretti, assessore alle Politiche per le Attività Motorie e Sportive - nell’Istituto comprensivo Micheli,  è partita la fase sperimentale di questo progetto».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • BOH

    26 Aprile @ 13.44

    sono d'accordissimo con "V"!

    Rispondi

  • V

    21 Marzo @ 07.20

    Vedo signora che lei conosce a fondo la cultura islamica. E dalle altre culture- dice lei- non abbiamo da imparare nulla: Io spero che non sia cosi anche perchè in Parma non ci sono solo persone con una cultura islamica ma anche altri ma anche perchè non si finisce mai di imparare. Saluti.

    Rispondi

  • giuliana

    14 Marzo @ 22.59

    E avanti con il business che ruota intorno all'invasione multietnica e alla multiculturalità. " Nuovi docenti per poter meglio affrontare i problemi legati all'educazione linguistica e interculturale dei bambini stranieri". Ma non avevano appena finito di farci notare che ormai sono quasi tutti nati in Italia? " In più le scuole italiane dovrebbero attivarsi con progetti per un'educazione interculturale..." Sarebbe molto più proficuo se si insegnasse a tutti il galateo e l'educazione civica. E dalle altre culture non abbiamo da imparare proprio nulla, considerando il fatto che -quella islamica è la sub-cultura prevalente- nei paesi islamici non sono rispettati neppure i più elementari diritti individuali.

    Rispondi

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Grey's Anatomy 14 stupisce ancora, parla italiano

Stefania Spampinato

Tv

Grey's Anatomy 14: il cast parla sempre più italiano

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia

tg parma

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia Video

Nuda in giro per Bologna: individuata e super-multa

SOCIAL

Bologna, la ragazza che passeggiava nuda rivela: "E' un esperimento sociale" Video

2commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Programmazione dal 21/08/2017 al 25/08/2017 delle postazioni di accertamenti strumentali di velocità e irregolarità alla circolazione

VIABILITA'

Autovelox, speedcheck e autodetector: la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Scivola per 50 metri in un calanco: i vigili del fuoco arrivano dall'alto Foto

varano

Scivola per 50 metri in un calanco: i vigili del fuoco arrivano dall'alto Foto

La testimonianza

«Io, molestata da un maniaco al Campus»

4commenti

Testimonianze

Parmigiani a Barcellona: «Abbiamo visto tanta solidarietà tra la gente»

PARMIGIANI A BARCELLONA

«Eravamo lì 40 minuti prima dell'inferno»

weekend

Tra sagre e... castelli di sabbia: l'agenda. Rimandata la festa degli amor

brescia

Cellino riabilita Ghirardi: "A Parma ha fatto tanto". La rabbia del web

1commento

FIDENZA

Addio all'ostetrica Mara Maini: ha fatto nascere migliaia di bambini

CRONACA NERA

Rapina alla farmacia di via Volturno, due banditi in fuga

I dipendenti minacciati con i cutter

1commento

neviano

Attenzione, attraversamento cinghiali. Riuscite a contarli tutti? Video

2commenti

Escursionismo

Rifugi, quelle case dove abita la natura

Amichevole

Parma e Empoli non si fanno male

Teatro

Addio a Tania Rocchetta, 50 anni di palcoscenico. E di impegno civile

Varano Melegari

La Polisportiva Varanese si tinge di Milan

Lutto

E' morto Maurizio Carra, un'istituzione dell'automobilismo

via bixio

Entra di notte al bar e fa bottino: arrestato grazie a un passante

1commento

COLLECCHIO

Talignano invasa da cinghiali e nutrie: la protesta dei residenti

Lamentele anche a Pontescodogna: «Troppe strade sconnesse»

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Che cosa resta dei nostri amori

di Michele Brambilla

2commenti

EDITORIALE

Colpito il simbolo della gioia di vivere

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

barcellona

Ritrovato il piccolo Julian: è in ospedale tra i feriti

spagna

Barcellona, la polizia: "Cellula smantellata". La Catalogna smentisce

SPORT

SERIE A

Higuain, Dybala, Mandzukic: la Juve travolge il Cagliari

Incidenti stradali

Ritirata patente al calciatore Kabashi

SOCIETA'

viabilità

Ritorni e partenze, traffico in intensificazione sulle autostrade Tempo reale

calestano

Mai dire Baganzai: la sfida (anche) dei video

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti