-1°

Strajè-Stranieri

A Gerusalemme fra Torah e guerra

A Gerusalemme fra Torah e guerra
Ricevi gratis le news
0

Roberto Longoni
Perse l'autobus. Questione di un attimo,  ma di quelli che valgono una vita. Raniero Fontana deve a pochi secondi di ritardo gli anni vissuti da quel momento. Il bus svoltò  dietro un angolo, e un kamikaze ci si fece saltare a bordo. Fu una strage, una delle tante della seconda Intifada. «Come quella della caffetteria  Moment, a due passi da casa nostra. Era il tempo in cui si  usciva di casa senza sapere se si sarebbe rientrati». Solo qualche anno prima c'era stata la guerra del Golfo. Allora il terrore non viaggiava ad altezza uomo, pronto a far scoppiare corpetti esplosivi: pioveva dal cielo. Era il 1991, l'anno degli Scud lanciati da Saddam su Israele.

 Le notti insonni, gli allarmi aerei, le finestre sigillate per chiudere fuori la paura degli attacchi batteriologici e chimici «e le maschere indossate in casa, pensando alla fine che ci avevano lasciato intravedere nelle esercitazioni». Fontana paga da 19 anni la «sua» guerra vivendone un'altra  (e ne farebbe volentieri a meno)  nell'eterna  prima linea di Gerusalemme. La guerra di Fontana è quella della  Torah, dei testi sacri ebraici, ognuno dei quali prevede l'interpretazione e il commento. La disputa costruttiva. Parmigiano, 51 anni, laureato in Filosofia, dottore in Teologia, con un master in Letteratura rabbinica all'Università ebraica di Gerusalemme, lo studioso ha dedicato un libro a questo argomento: «La guerra della Torah. democrazia, giudaismo e idolatria» (Milano, 2008). «Lo scopo della tradizione ebraica non è quello di risolvere le contraddizioni, ma di approfondirle, di tenerle in vita con tutta la ricchezza che possono offrire. Di una disputa tra padre e figli, tra maestro e discepoli, solo alla fine si può dire se era una guerra della Torah, nella quale non ci si lascia finché non ci si è amati» dice lui, spiegando questa perenne battaglia del pensiero. «Il Talmud è una grande scuola che obbliga all'esercizio critico dell'intelligenza» aggiunge  il docente, che ha proseguito gli studi rabbinici all'istituto Shalom Hartman («dove si analizzano i testi fondativi»), fino a diventarne ricercatore.  Così, per una singolare passione, Fontana - unico italiano ad aver fatto questa scelta - insegna Talmud nell'istituto francese Albert Decourtray di Studi ebraici a Gerusalemme. Parla ebraico non solo per strada o con gli amici, ma anche da una cattedra. «Molto più semplice che tenere le lezioni in francese: è questa la lingua originale dei testi».

 L'interesse per l'ebraismo venne dopo gli studi di Teologia a Milano e a Roma. «Mi ci sono avvicinato  attraverso la filosofia, in un modo molto laico. In Israele, poi, ho scoperto un ebraismo che non immaginavo». A Gerusalemme, dove ha ormai una residenza permanente, Fontana è arrivato con una borsa di studio, con la moglie Andreina Contessa, ora docente di Arte medievale all'Università ebraica di Gerusalemme. «Andai al Ratisbonne, un centro  cristiano di studi ebraici, nel quale ho poi insegnato Talmud, fino a quando il Vaticano, nel 2001, decise la chiusura».

 Ma com'è la vita a Gerusalemme per un parmigiano che ha deciso di dedicare tutte le energie allo studio dei testi base della cultura ebraica? «Israele è un amore che ha messo radici: ci crediamo. Questo è un Paese piccolo, pieno di tensioni e di problemi. Ha una potenzialità enorme, ma è frenato dalla situazione d'eterna belligeranza». L'amore per Israele nel 1991 - in piena Guerra del Golfo - portò la coppia a scrivere una lettera al quotidiano Haaretz, poi ripresa in tutto il mondo. «Un atto  d'entusiasmo giovanile» sorride lui, aggiungendo che ora forse non la scriverebbe, ma resterebbe a rischiare con gli altri. Un modo per ringraziare un Paese «che ci ha dato molto» e gli «amici che ci stimano e ci sostengono in tutti i modi. Ne abbiamo sia tra gli ortodossi e  religiosi che tra i secolarizzati». E tra gli arabi? «Gerusalemme è formata da due città, che si sfiorano, si osservano “da lontano”: noi viviamo nella parte ebraica». Senza farne davvero parte fino in fondo. «Se qualcuno ci incontra dopo tanto tempo, ci saluta con un “siete tornati?” E poi c'è sempre l'abitudine di chiedere se uno sia ebreo. E io non lo sono». Così, lo sguardo resta sempre un po' esterno. Qualcosa da affrontare attingendo alle proprie origini. «Fa parte dell'essere cristiani la predisposizione all'ascolto, l'attrazione per l'altro. Nell'Ebraismo, invece, ho trovato l'affermazione dell'autonomia e della responsabilità individuale. Vorrei conoscere altrettanto bene Islam e Buddhismo». 

Ma anche dopo 19 anni una cosa resta difficile da capire: «l'ansia di fondo con la quale vive la gente. C'è un forte senso di provvisorietà». Che cosa è cambiato dopo 19 anni nella terra contesa da sempre? «Sono diventato abbastanza bravo a non nutrirmi di assoluti. Si può avere una vita piena pure dal punto di vista spirituale anche senza certezze assolute». A diventare sempre più incerto sembra il futuro, non solo per la minaccia iraniana. «Sono molto pessimista: non vedo la possibilità di creare due veri stati. Ci vorrebbero scambi di territori, spostamenti di popolazioni. E non vedo nemmeno un vero interesse per il mondo dell'altro, quando invece ci sarebbe bisogno dello sguardo critico dell'altro». Quello che apre la guerra della Torah e spegne la guerra delle bombe.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa

PGN

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa Foto

Nadia Toffa

Nadia Toffa

TELEVISIONE

Nadia Toffa racconta i momenti del malore. Stasera in onda alle "Iene"

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

capodanno

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

14commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Torta di stelline

LA PEPPA

La ricetta natalizia - Torta di stelline

Lealtrenotizie

Un uomo cl 54, tratto in arresto per il reato di atti persecutori

salsomaggiore

Perseguita l'ex convivente e le incendia l'auto: arrestato 63enne

IL FIDANZATO

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

INCIDENTI

Frontale sulla provinciale per Medesano: due feriti, uno è grave

Aveva 52 anni

Addio a Filippo Cavallina

Cordoglio in città e nella Valtaro per l'improvvisa scomparsa

1commento

salute

Oculistica, premiata la ricerca targata Parma

2commenti

Gara

La grande sfida degli anolini

2commenti

carabinieri

Altre 37 dosi fiutate dal cane antidroga nei cespugli di viale dei Mille

13commenti

dopo l'alluvione

Don Evandro: "A Lentigione la luce ha vinto sulle tenebre: grazie volontari!"

WEEKEND

La domenica ha il sapore dei mercatini. Natalizi, ovviamente L'agenda

Il dopo alluvione

Colorno, in via Roma sarà un Natale al freddo

IL CASO

Corsie «flessibili» per i bus: si può fare di più?

I «casi» di via Abbeveratoia, via Zarotto e via Montebello

1commento

calcio

Contro il Cesena il Parma deve accontentarsi

Al Tardini il primo 0-0 dell'anno

LUTTO

Busseto ha perso il dolce sorriso di mamma Chiara: aveva 41 anni

Centro storico

Giardini di San Paolo tra chiusure e rifiuti

3commenti

tg parma

Furti in due abitazioni a Colorno Video

FIDENZA

Città in lacrime per Andrea Amadè

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le cose della vita (e quelle del palazzo)

di Michele Brambilla

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

REGNO UNITO

Brexit? Adesso la maggioranza degli inglesi non la vuole più

1commento

libano

Diplomatica inglese violentata e uccisa

SPORT

FORMULA 1

Gunther Steiner: «Dallara Haas, piccoli progressi»

Cus Parma

Minibasket: la carica dei 100 al Palacampus Fotogallery

SOCIETA'

Economia

Tecnologia sotto l'albero a Natale, il gadget è "low-cost"

STATI UNITI

Ultimo volo del Boeing 747: tramonta l'era del jumbo

MOTORI

IL TEST

Mazda CX-3, l'eleganza del crossover

MOTO

Bici o moto? La prova di Bultaco Albero 4.5