14°

Strajè-Stranieri

A Gerusalemme fra Torah e guerra

A Gerusalemme fra Torah e guerra
0

Roberto Longoni
Perse l'autobus. Questione di un attimo,  ma di quelli che valgono una vita. Raniero Fontana deve a pochi secondi di ritardo gli anni vissuti da quel momento. Il bus svoltò  dietro un angolo, e un kamikaze ci si fece saltare a bordo. Fu una strage, una delle tante della seconda Intifada. «Come quella della caffetteria  Moment, a due passi da casa nostra. Era il tempo in cui si  usciva di casa senza sapere se si sarebbe rientrati». Solo qualche anno prima c'era stata la guerra del Golfo. Allora il terrore non viaggiava ad altezza uomo, pronto a far scoppiare corpetti esplosivi: pioveva dal cielo. Era il 1991, l'anno degli Scud lanciati da Saddam su Israele.

 Le notti insonni, gli allarmi aerei, le finestre sigillate per chiudere fuori la paura degli attacchi batteriologici e chimici «e le maschere indossate in casa, pensando alla fine che ci avevano lasciato intravedere nelle esercitazioni». Fontana paga da 19 anni la «sua» guerra vivendone un'altra  (e ne farebbe volentieri a meno)  nell'eterna  prima linea di Gerusalemme. La guerra di Fontana è quella della  Torah, dei testi sacri ebraici, ognuno dei quali prevede l'interpretazione e il commento. La disputa costruttiva. Parmigiano, 51 anni, laureato in Filosofia, dottore in Teologia, con un master in Letteratura rabbinica all'Università ebraica di Gerusalemme, lo studioso ha dedicato un libro a questo argomento: «La guerra della Torah. democrazia, giudaismo e idolatria» (Milano, 2008). «Lo scopo della tradizione ebraica non è quello di risolvere le contraddizioni, ma di approfondirle, di tenerle in vita con tutta la ricchezza che possono offrire. Di una disputa tra padre e figli, tra maestro e discepoli, solo alla fine si può dire se era una guerra della Torah, nella quale non ci si lascia finché non ci si è amati» dice lui, spiegando questa perenne battaglia del pensiero. «Il Talmud è una grande scuola che obbliga all'esercizio critico dell'intelligenza» aggiunge  il docente, che ha proseguito gli studi rabbinici all'istituto Shalom Hartman («dove si analizzano i testi fondativi»), fino a diventarne ricercatore.  Così, per una singolare passione, Fontana - unico italiano ad aver fatto questa scelta - insegna Talmud nell'istituto francese Albert Decourtray di Studi ebraici a Gerusalemme. Parla ebraico non solo per strada o con gli amici, ma anche da una cattedra. «Molto più semplice che tenere le lezioni in francese: è questa la lingua originale dei testi».

 L'interesse per l'ebraismo venne dopo gli studi di Teologia a Milano e a Roma. «Mi ci sono avvicinato  attraverso la filosofia, in un modo molto laico. In Israele, poi, ho scoperto un ebraismo che non immaginavo». A Gerusalemme, dove ha ormai una residenza permanente, Fontana è arrivato con una borsa di studio, con la moglie Andreina Contessa, ora docente di Arte medievale all'Università ebraica di Gerusalemme. «Andai al Ratisbonne, un centro  cristiano di studi ebraici, nel quale ho poi insegnato Talmud, fino a quando il Vaticano, nel 2001, decise la chiusura».

 Ma com'è la vita a Gerusalemme per un parmigiano che ha deciso di dedicare tutte le energie allo studio dei testi base della cultura ebraica? «Israele è un amore che ha messo radici: ci crediamo. Questo è un Paese piccolo, pieno di tensioni e di problemi. Ha una potenzialità enorme, ma è frenato dalla situazione d'eterna belligeranza». L'amore per Israele nel 1991 - in piena Guerra del Golfo - portò la coppia a scrivere una lettera al quotidiano Haaretz, poi ripresa in tutto il mondo. «Un atto  d'entusiasmo giovanile» sorride lui, aggiungendo che ora forse non la scriverebbe, ma resterebbe a rischiare con gli altri. Un modo per ringraziare un Paese «che ci ha dato molto» e gli «amici che ci stimano e ci sostengono in tutti i modi. Ne abbiamo sia tra gli ortodossi e  religiosi che tra i secolarizzati». E tra gli arabi? «Gerusalemme è formata da due città, che si sfiorano, si osservano “da lontano”: noi viviamo nella parte ebraica». Senza farne davvero parte fino in fondo. «Se qualcuno ci incontra dopo tanto tempo, ci saluta con un “siete tornati?” E poi c'è sempre l'abitudine di chiedere se uno sia ebreo. E io non lo sono». Così, lo sguardo resta sempre un po' esterno. Qualcosa da affrontare attingendo alle proprie origini. «Fa parte dell'essere cristiani la predisposizione all'ascolto, l'attrazione per l'altro. Nell'Ebraismo, invece, ho trovato l'affermazione dell'autonomia e della responsabilità individuale. Vorrei conoscere altrettanto bene Islam e Buddhismo». 

Ma anche dopo 19 anni una cosa resta difficile da capire: «l'ansia di fondo con la quale vive la gente. C'è un forte senso di provvisorietà». Che cosa è cambiato dopo 19 anni nella terra contesa da sempre? «Sono diventato abbastanza bravo a non nutrirmi di assoluti. Si può avere una vita piena pure dal punto di vista spirituale anche senza certezze assolute». A diventare sempre più incerto sembra il futuro, non solo per la minaccia iraniana. «Sono molto pessimista: non vedo la possibilità di creare due veri stati. Ci vorrebbero scambi di territori, spostamenti di popolazioni. E non vedo nemmeno un vero interesse per il mondo dell'altro, quando invece ci sarebbe bisogno dello sguardo critico dell'altro». Quello che apre la guerra della Torah e spegne la guerra delle bombe.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO

Il rugby irrompe in scena. E arriva il "bello" Sergio Muniz

Angelina Jolie mangia insetti con i figli

curiosità

Angelina Jolie ai fornelli: mangia insetti coi figli Video

1commento

arsenal

inghilterra

Mangia il panino in panchina. E il Sutton lo licenzia Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Lavagna, la droga e il troppo amore

EDITORIALE

I figli, la droga e una mamma "condannata" per troppo amore

di Carlo Brugnoli

13commenti

Lealtrenotizie

Commercialista dalla vita agiata ed evasore totale: incastrato dalla Finanza

parmense

Commercialista dalla vita agiata ed evasore totale: incastrato dalla Finanza

2commenti

vigili

Sicurezza e giovani, Noè: "Nessun allarme" Video

Nel 2016 400 interventi del Nucleo antiviolenza per tutelare donne e minori

1commento

processo aemilia

Traffico di yacht e gruppi russi: quegli incontri a Parma della 'ndrangheta Tg Parma

Scuola

Iscrizioni: scientifico e tecnici, il «sorpasso»

il caso

Legionella, domani nuovo incontro pubblico alla Don Milani

1commento

Salute

Studio Efsa: 25mila morti all'anno in Europa per la resistenza dei batteri agli antibiotici

L'Italia è fra i Paesi più a rischio

Trasporto pubblico

Busitalia ha già un nome: Mauro Piazza

11commenti

Langhirano

Bimbo di due anni cade dalla finestra

1commento

langhirano

Camion ribaltato a Cascinapiano: Massese chiusa per due ore Foto

Caritas

Parma, un «esercito» di poveri

1commento

Lega Pro

Parma, che attacco sarà senza Baraye

COSMETICA

Davines, crescita in doppia cifra

carabinieri

Collecchio, ecco come sono stati incastrati i rapinatori della Cariparma

7commenti

procura

Bryan, nato senza gambe: chiesta l'archiviazione dell'indagine per lesioni colpose

FIDENZA

Crac Di Vittorio, primi rimborsi

agroalimentare

Falsi prosciutti Dop: indagati, perquisizioni. Consorzio "Parma": "Noi parte lesa"

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Le deprimenti liti dei politici

7commenti

EDITORIALE

L'ottusa burocrazia che blocca l'Italia

di Gian Luca Zurlini

ITALIA/MONDO

Civitavecchia

Donna sparisce su una nave da crociera: fermato il marito

BIELLA

Crolla la copertura di un pilastro, muore una bambina

SOCIETA'

modena

Travestito da water, era alla guida completamente ubriaco

3commenti

Palermo

Blitz dei carabinieri, i rom rispondono cantando Bello Figo

5commenti

SPORT

RUGBY

Palazzani: "Sei Nazioni, un'emozione unica. Zebre: domenica c'è l'Ulster" Video

LEGA PRO

Parma-Samb 4-2:
il film del match Video

MOTORI

LA RIO in pillole

Nuova Kia Rio, lancio sabato 25: da 10.900 euro

SUPERCAR

Ferrari 812 Superfast,
la nuova berlinetta da 800 Cv