-2°

Strajè-Stranieri

«No alle classi-ghetto per stranieri»

«No alle classi-ghetto per stranieri»
1

Marco Severo

Due parole sono bandite nell’aula magna del Giordani: «classi ponte». Il concetto - proposto mesi fa dalla Lega Nord - neppure esiste nel vocabolario dei prof d’italiano per stranieri, riuniti venerdì scorso nella scuola di via Lazio per una giornata di studi su «Studiare in italiano L2: prospettive di analisi e buone pratiche dal territorio». «I nostri modelli didattici - dice Marco Mezzadri, dipartimento di italianistica della facoltà di Lettere di Parma - tendono proprio al superamento dei ghetti e, anzi, puntano a valorizzare la componente relazionale, dando cioè agli studenti immigrati l’opportunità di sviluppare amicizie nelle classi d’appartenenza».
«No, niente classi ponte: il metodo che noi proponiamo punta all’integrazione e si basa su lezioni parallele a quelle previste dal programma scolastico ordinario» dice Daniela Salami, coordinatrice delle insegnanti per immigrati di Parma.
 Come lei la pensano gli oltre 150 docenti di scuola media e superiore, arrivati da tutta Italia.   Tra i relatori si avvicendano   Paolo Balboni dell’Università Cà Foscari di Venezia, Anna Piperno del Miur, Graziella Favaro del centro specializzato «Come» di Milano e Gabriele Ferrari, assessore alle Politiche scolastiche della Provincia di Parma, promotore dell’incontro insieme all’Ufficio scolastico regionale.
 «Il nostro territorio - dice Mezzadri - è tra le realtà più all’avanguardia per l’insegnamento dell’italiano L2, quello cioè previsto per gli studenti non italofoni. Tuttavia, nonostante gli sforzi della periferia tramite le università e i centri di ricerca e formazione, deve essere l’Amministrazione centrale del Paese a farsi carico di soluzioni strutturali».
A Parma, grazie al suo ateneo e all’investimento di piazzale della Pace, le lezioni per i ragazzi immigrati sono partite nell’anno scolastico 2006/2007. Sono 300 gli studenti che da allora si sono seduti ai banchi dei corsi «paralleli» in tutto il parmense. La maggior parte proviene dall’est Europa - «Moldavia e Romania specialmente»,  dice la Salami - e dall’Africa sub sahariana. Frequentano ogni settimana corsi pomeridiani e mattutini, ben integrati comunque con le lezioni scolastiche. In ciascuna classe  18 alunni al massimo.
 «Le principali difficoltà - spiegano Jessica Aiello, Linda Cammarata e Antonella Cortese, coordinatrici insieme alla Salami - le incontrano nell’uso dei termini tecnici, soprattutto in materie come diritto e, forse a sorpresa, storia». Oltre 50 sono invece gli insegnanti del parmense certificati dalla Ca' Foscari, l’ateneo appositamente accreditato. «La questione dell’italiano L2 - conclude Mezzadri - richiede un intervento rapido, visto che è in continua crescita nelle nostre scuole il numero di ragazzi d’origine straniera».  

 

 


 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • giuliana

    31 Marzo @ 02.55

    Quanto costa agli italiani questo business? Gli interessati, inutile specificarlo (?) non lo fanno certo gratis. Un bell'extra pomeridiano fa sempre comodo, peccato che a pagarlo siano sempre i soliti noti.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Malore alle prove del concerto: operato Al Bano

Roma

Malore alle prove del concerto: operato Al Bano

Raffaella Fico: "Sposerò Moggi"

Gossip Sportivo

Raffaella Fico: "Sposerò Moggi"

Arriva Torinopoli: il Monopoli sabaudo con gianduiotto, bagna cauda e "sold"

Giochi

Arriva Torinopoli: il Monopoli sabaudo con gianduiotto, bagna cauda e "sold"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Ristoranti - La Zagara

CHICHIBIO

Ristoranti - La Zagara: cucina, pizza e dolci di qualità

di Chichibio

Lealtrenotizie

In via d'Azeglio scoppia il caso «supermarket»

Polemica

In via d'Azeglio scoppia il caso «supermarket»

9commenti

Poviglio

Fanno esplodere il bancomat: filiale semidistrutta, caccia all'uomo fra Parma e Reggio  Video

WEEKEND

Bancarelle, spongate, cioccolato: gli appuntamenti a Parma e provincia

Sorbolo

Sedicenne terribile autore di due «spaccate»

5commenti

viabilità

Ecco dove saranno gli autovelox la prossima settimana

1commento

Tg Parma

Polveri sottili, bilancio positivo: metà sforamenti rispetto al 2015 Video

Scuola

Il Romagnosi compie 156 anni

Colorno

451 anolini mangiati: è record Ultimo piatto: il video

11commenti

Fidenza

Ubriaco si schianta contro un albero. Poi la bugia: "Rapito e costretto a bere" 

4commenti

IL CASO

Spray urticante, ennesimo caso in discoteca

E' accaduto mercoledì al Campus Industry

3commenti

Gazzareporter

Un sabato gelido con la nebbia

SANITA'

Allarme a Corcagnano: «Non toglieteci i medici»

Parma che vorrei

Mutti: «Bisogna smettere di essere egoisti»

MECCANICA

Wegh Group, in Bolivia la ferrovia made in Parma

talento

La viadanese Gaia in finale a X Factor

ALLARME

Ladri scatenati: raffica di furti in città nelle ultime ore Video

9commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Draghi, nessun favore ma due messaggi

di Aldo Tagliaferro

IL DIRETTORE RISPONDE

Quelli che «Io? Mai stato renziano»

ITALIA/MONDO

Terremoto

Appennino: scossa magnitudo 2.8 nel Bolognese

Gran Bretagna

I gioielli di famiglia (reale): e Kate indossa la tiara di Diana

WEEKEND

IL CINEFILO

Da "Captain Fantastic" a "Non c'è più religione": i film della settimana

45 ANNI DOPO

Tarkus, il capolavoro di Emerson Lake & Palmer

SPORT

IL RICORDO

Trent'anni senza Bruno Mora

reggiana-parma

Il derby...indossa la maglietta granata

MOTORI

AL VOLANTE

I consigli utili per guidare nella nebbia

3commenti

novità

Dal cilindro di Toyota esce C-HR, il Suv per tutti