19°

32°

Incontro

Bernardo Valli racconta l'Islam che l'Occidente fatica a capire

Il giornalista: «Il conflitto più lacerante è quello fra sciiti e sunniti»

Bernardo Valli racconta l'Islam che l'Occidente fatica a capire
0
«Dare dell'ateo a un islamico è peggio che dargli dell'ebreo»

 

Pierluigi Dallapina
La storia che racconta Bernardo Valli, parmigiano che ha conosciuto e raccontato il mondo come inviato de La Repubblica, parte da lontano per arrivare fino ai giorni nostri. Per la precisione parte dal 632 dopo Cristo, l’anno della morte di Maometto, e prosegue attraversando lo scisma fra sunniti e sciiti, percorre la via dell’espansione degli arabi in nord Africa e in Spagna, si sofferma ad ammirare le vette della loro cultura in campo medico e matematico, si fa largo fra le macerie dell’impero ottomano, crollato al termine della prima guerra mondiale, e si sofferma con precisione sugli eventi vissuti in prima persona, come le turbolenze del popolo palestinese, la decolonizzazione dell’Algeria, l’attacco americano all’Iraq, la rivoluzione khomeinista in Iran e, infine, la guerra civile che sta insanguinando la Siria. 
Una guerra che è metafora di un Islam instabile e percorso da innumerevoli fratture, più simile alle tessere di un mosaico che non alla comunità dei fedeli promessa dalla tanto agognata Umma. 
«Partii per l’oriente complicato con idee semplici», dice Valli, citando le parole di un giovane Charles De Gaulle spedito in Siria al termine della Grande guerra, per tentare di spiegare a noi occidentali, cristiani e laici, le complessità del mondo musulmano, abitato da oltre 1 miliardo di persone e tutt’altro che monolitico e coeso.
Invitato dall’associazione «Grido d’allarme» per una vera e propria lectio sul tema «L’Islam e noi», e affiancato da Umberto Squarcia, rappresentante del’associazione, dal prorettore Carlo Quintelli e dal direttore de La Repubblica Parma, Antonio Mascolo, Valli si rivolge al pubblico presente nell’Aula dei Filosofi dell’Università con la curiosità del giornalista e la competenza dello studioso, cercando di affrontare il confronto fra noi e l’Islam partendo da una domanda: «Abbiamo fatto guerra all’Iraq per esportare la democrazia, ma cosa diremmo noi se un esercito arabo invadesse Roma?».
Di sicuro non la invaderebbe sbandierando il vessillo della democrazie, perché nel mondo arabo questo concetto va sempre letto attraverso le lenti della religione. 
«La religione impregna il mondo musulmano - spiega - un mondo che non ha conosciuto l’illuminismo e quindi la separazione fra la sfera religiosa e quella politica. Quando incontrai uno dei principali dirigenti del fronte di liberazione dell’Algeria e gli chiesi se il suo movimento era di ispirazione laica, a tale parola ebbe un sussulto, perché per un musulmano il laico è l’ateo, e dare dell’ateo ad un islamico è peggio che dargli dell’ebreo».
Ma l’Islam non è assolutamente un mondo immobile dominato da un’unica fede. «Il conflitto religioso e politico più lacerante all’interno del mondo musulmano - conclude - non è quello fra israeliani e palestinesi, ma fra sciiti e sunniti. Lo vediamo con la guerra in Siria, una nazione comandata da uno sciita, e quindi alleata all’Iran, altro Paese sciita, e alleata agli hezbollah libanesi».
Pierluigi Dallapina

 

La storia che racconta Bernardo Valli, parmigiano che ha conosciuto e raccontato il mondo come inviato de La Repubblica, parte da lontano per arrivare fino ai giorni nostri. Per la precisione parte dal 632 dopo Cristo, l’anno della morte di Maometto, e prosegue attraversando lo scisma fra sunniti e sciiti, percorre la via dell’espansione degli arabi in nord Africa e in Spagna, si sofferma ad ammirare le vette della loro cultura in campo medico e matematico, si fa largo fra le macerie dell’impero ottomano, crollato al termine della prima guerra mondiale, e si sofferma con precisione sugli eventi vissuti in prima persona, come le turbolenze del popolo palestinese, la decolonizzazione dell’Algeria, l’attacco americano all’Iraq, la rivoluzione khomeinista in Iran e, infine, la guerra civile che sta insanguinando la Siria. Una guerra che è metafora di un Islam instabile e percorso da innumerevoli fratture, più simile alle tessere di un mosaico che non alla comunità dei fedeli promessa dalla tanto agognata Umma. «Partii per l’oriente complicato con idee semplici», dice Valli, citando le parole di un giovane Charles De Gaulle spedito in Siria al termine della Grande guerra, per tentare di spiegare a noi occidentali, cristiani e laici, le complessità del mondo musulmano, abitato da oltre 1 miliardo di persone e tutt’altro che monolitico e coeso.Invitato dall’associazione «Grido d’allarme» per una vera e propria lectio sul tema «L’Islam e noi», e affiancato da Umberto Squarcia, rappresentante del’associazione, dal prorettore Carlo Quintelli e dal direttore de La Repubblica Parma, Antonio Mascolo, Valli si rivolge al pubblico presente nell’Aula dei Filosofi dell’Università con la curiosità del giornalista e la competenza dello studioso, cercando di affrontare il confronto fra noi e l’Islam partendo da una domanda: «Abbiamo fatto guerra all’Iraq per esportare la democrazia, ma cosa diremmo noi se un esercito arabo invadesse Roma?».Di sicuro non la invaderebbe sbandierando il vessillo della democrazie, perché nel mondo arabo questo concetto va sempre letto attraverso le lenti della religione. «La religione impregna il mondo musulmano - spiega - un mondo che non ha conosciuto l’illuminismo e quindi la separazione fra la sfera religiosa e quella politica. Quando incontrai uno dei principali dirigenti del fronte di liberazione dell’Algeria e gli chiesi se il suo movimento era di ispirazione laica, a tale parola ebbe un sussulto, perché per un musulmano il laico è l’ateo, e dare dell’ateo ad un islamico è peggio che dargli dell’ebreo».Ma l’Islam non è assolutamente un mondo immobile dominato da un’unica fede. «Il conflitto religioso e politico più lacerante all’interno del mondo musulmano - conclude - non è quello fra israeliani e palestinesi, ma fra sciiti e sunniti. Lo vediamo con la guerra in Siria, una nazione comandata da uno sciita, e quindi alleata all’Iran, altro Paese sciita, e alleata agli hezbollah libanesi».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

fori imperiali

degrado

Sesso ai Fori imperiali davanti ai turisti: è polemica

Elisabetta Gregoraci al Win City fa il pieno di selfie

gossip parmigiano

Elisabetta Gregoraci al Win City fa il pieno di selfie Gallery

Scarpa italiana inguaia Ivanka,dal giudice per plagio

GOSSIP

Scarpa italiana inguaia Ivanka, dal giudice per plagio

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Cani da adottare

ANIMALI

Cani da adottare

Lealtrenotizie

Casaltone, un paese diviso in due

Il caso

Casaltone, un paese diviso in due

Poggio di Sant'Ilario

Da fuoco alla stanza e ustiona moglie e figlia

Asessuali

Vivere in astinenza: il documentario della parmigiana Soresini

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma!

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

Fidenza

Piazza Grandi, operazione recupero archeologico

Lutto

Laurano dice addio a «Ester» la centenaria

Integrazione

Fine del Ramadan, una festa condivisa

Serie B

Le avversarie del Parma ai raggi X

Promozione

Apolloni: «Felice per questa B»

BALLOTTAGGIO

"Effetto Parma" festeggia. Pizzarotti: "Altri cinque anni entusiasmanti" Video

L'intervista di TvParma: "Penso che per questa vittoria abbiano pesato la nostra concretezza e i nostri contenuti"

2commenti

elezioni 2017

Lavagetto (Pd): "Ora riflessione ma possiamo imparare dalle cose fatte bene" Video

LE ALTRE CITTA'

Piacenza, Patrizia Barbieri (centrodestra) sindaco

Dem sconfitti praticamente ovunque. Spezia, vittoria di Peracchini. Genova, vince Bucci

PARMA

Upi, oggi l'assemblea annuale al Regio con il ministro Delrio

elezioni 2017

Ballottaggio, affluenza al 45,17%

Calo in tutti i Comuni dell'Emilia-Romagna 

5commenti

Felino

Tenta una strage in famiglia: la figlia è gravemente ustionata. Arrestato

Nella notte a Poggio di Sant'Ilario Baganza

sanità

Caso di chikungunya: disinfestazione in due vie Video - I consigli

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il Parma è l'esempio per la rinascita della città

di Michele Brambilla

2commenti

EDITORIALE

Il partito dell'astensione e del disinteresse

di Filiberto Molossi

2commenti

ITALIA/MONDO

Boretto

La villetta va a fuoco, famiglia salvata dal gatto

MALTEMPO

Frane, smottamenti e vento forte: danni al Nord-Est Foto

SOCIETA'

elezioni 2017

Genova: elettore al seggio con cane al seguito Foto

Elezioni 2017

Votare turandosi il naso? A Piacenza qualcuno lo ha fatto davvero... Video

SPORT

formula 1

Gara pazza. Hamilton e Vettel fanno a botte. E Ricciardo brinda...

SERIE A

Donnarumma inneggia a Raiola, poi si scusa con i tifosi. Dopo l'Europeo incontro con il Milan

MOTORI

MINI SUV

Citroën: la C3 Aircross in tre mosse

anteprima

Volkswagen, la sesta Polo è diventata grande