10°

20°

Incontro

Bernardo Valli racconta l'Islam che l'Occidente fatica a capire

Il giornalista: «Il conflitto più lacerante è quello fra sciiti e sunniti»

Bernardo Valli racconta l'Islam che l'Occidente fatica a capire
Ricevi gratis le news
0
«Dare dell'ateo a un islamico è peggio che dargli dell'ebreo»

 

Pierluigi Dallapina
La storia che racconta Bernardo Valli, parmigiano che ha conosciuto e raccontato il mondo come inviato de La Repubblica, parte da lontano per arrivare fino ai giorni nostri. Per la precisione parte dal 632 dopo Cristo, l’anno della morte di Maometto, e prosegue attraversando lo scisma fra sunniti e sciiti, percorre la via dell’espansione degli arabi in nord Africa e in Spagna, si sofferma ad ammirare le vette della loro cultura in campo medico e matematico, si fa largo fra le macerie dell’impero ottomano, crollato al termine della prima guerra mondiale, e si sofferma con precisione sugli eventi vissuti in prima persona, come le turbolenze del popolo palestinese, la decolonizzazione dell’Algeria, l’attacco americano all’Iraq, la rivoluzione khomeinista in Iran e, infine, la guerra civile che sta insanguinando la Siria. 
Una guerra che è metafora di un Islam instabile e percorso da innumerevoli fratture, più simile alle tessere di un mosaico che non alla comunità dei fedeli promessa dalla tanto agognata Umma. 
«Partii per l’oriente complicato con idee semplici», dice Valli, citando le parole di un giovane Charles De Gaulle spedito in Siria al termine della Grande guerra, per tentare di spiegare a noi occidentali, cristiani e laici, le complessità del mondo musulmano, abitato da oltre 1 miliardo di persone e tutt’altro che monolitico e coeso.
Invitato dall’associazione «Grido d’allarme» per una vera e propria lectio sul tema «L’Islam e noi», e affiancato da Umberto Squarcia, rappresentante del’associazione, dal prorettore Carlo Quintelli e dal direttore de La Repubblica Parma, Antonio Mascolo, Valli si rivolge al pubblico presente nell’Aula dei Filosofi dell’Università con la curiosità del giornalista e la competenza dello studioso, cercando di affrontare il confronto fra noi e l’Islam partendo da una domanda: «Abbiamo fatto guerra all’Iraq per esportare la democrazia, ma cosa diremmo noi se un esercito arabo invadesse Roma?».
Di sicuro non la invaderebbe sbandierando il vessillo della democrazie, perché nel mondo arabo questo concetto va sempre letto attraverso le lenti della religione. 
«La religione impregna il mondo musulmano - spiega - un mondo che non ha conosciuto l’illuminismo e quindi la separazione fra la sfera religiosa e quella politica. Quando incontrai uno dei principali dirigenti del fronte di liberazione dell’Algeria e gli chiesi se il suo movimento era di ispirazione laica, a tale parola ebbe un sussulto, perché per un musulmano il laico è l’ateo, e dare dell’ateo ad un islamico è peggio che dargli dell’ebreo».
Ma l’Islam non è assolutamente un mondo immobile dominato da un’unica fede. «Il conflitto religioso e politico più lacerante all’interno del mondo musulmano - conclude - non è quello fra israeliani e palestinesi, ma fra sciiti e sunniti. Lo vediamo con la guerra in Siria, una nazione comandata da uno sciita, e quindi alleata all’Iran, altro Paese sciita, e alleata agli hezbollah libanesi».
Pierluigi Dallapina

 

La storia che racconta Bernardo Valli, parmigiano che ha conosciuto e raccontato il mondo come inviato de La Repubblica, parte da lontano per arrivare fino ai giorni nostri. Per la precisione parte dal 632 dopo Cristo, l’anno della morte di Maometto, e prosegue attraversando lo scisma fra sunniti e sciiti, percorre la via dell’espansione degli arabi in nord Africa e in Spagna, si sofferma ad ammirare le vette della loro cultura in campo medico e matematico, si fa largo fra le macerie dell’impero ottomano, crollato al termine della prima guerra mondiale, e si sofferma con precisione sugli eventi vissuti in prima persona, come le turbolenze del popolo palestinese, la decolonizzazione dell’Algeria, l’attacco americano all’Iraq, la rivoluzione khomeinista in Iran e, infine, la guerra civile che sta insanguinando la Siria. Una guerra che è metafora di un Islam instabile e percorso da innumerevoli fratture, più simile alle tessere di un mosaico che non alla comunità dei fedeli promessa dalla tanto agognata Umma. «Partii per l’oriente complicato con idee semplici», dice Valli, citando le parole di un giovane Charles De Gaulle spedito in Siria al termine della Grande guerra, per tentare di spiegare a noi occidentali, cristiani e laici, le complessità del mondo musulmano, abitato da oltre 1 miliardo di persone e tutt’altro che monolitico e coeso.Invitato dall’associazione «Grido d’allarme» per una vera e propria lectio sul tema «L’Islam e noi», e affiancato da Umberto Squarcia, rappresentante del’associazione, dal prorettore Carlo Quintelli e dal direttore de La Repubblica Parma, Antonio Mascolo, Valli si rivolge al pubblico presente nell’Aula dei Filosofi dell’Università con la curiosità del giornalista e la competenza dello studioso, cercando di affrontare il confronto fra noi e l’Islam partendo da una domanda: «Abbiamo fatto guerra all’Iraq per esportare la democrazia, ma cosa diremmo noi se un esercito arabo invadesse Roma?».Di sicuro non la invaderebbe sbandierando il vessillo della democrazie, perché nel mondo arabo questo concetto va sempre letto attraverso le lenti della religione. «La religione impregna il mondo musulmano - spiega - un mondo che non ha conosciuto l’illuminismo e quindi la separazione fra la sfera religiosa e quella politica. Quando incontrai uno dei principali dirigenti del fronte di liberazione dell’Algeria e gli chiesi se il suo movimento era di ispirazione laica, a tale parola ebbe un sussulto, perché per un musulmano il laico è l’ateo, e dare dell’ateo ad un islamico è peggio che dargli dell’ebreo».Ma l’Islam non è assolutamente un mondo immobile dominato da un’unica fede. «Il conflitto religioso e politico più lacerante all’interno del mondo musulmano - conclude - non è quello fra israeliani e palestinesi, ma fra sciiti e sunniti. Lo vediamo con la guerra in Siria, una nazione comandata da uno sciita, e quindi alleata all’Iran, altro Paese sciita, e alleata agli hezbollah libanesi».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Pallavolo

Volley Usa

Salvataggio alla Mila e Shiro: Autumn diventa una star Video

 Il rapper parmense Chrysma in radio con il nuovo singolo "La prima volta"

musica

Il rapper parmense Chrysma in radio con "La prima volta" Video

14-0 e calcetto finisce in rissa, squadra denunciata

torino

14-0 e il calcetto finisce in rissa, squadra denunciata

Notiziepiùlette

Ultime notizie

L'autunnale torta di riso e verze

LA PEPPA

La ricetta L'autunnale torta di riso e verze

Lealtrenotizie

Piove ma a Parma le Pm 10 restano alte: misure d'emergenza fino a giovedì

ambiente

Piove ma a Parma le Pm 10 restano alte: misure d'emergenza fino a giovedì

4commenti

tegola parma

Ceravolo, lesione dell'adduttore: sarà operato?

1commento

Appello

La mamma di Tommy: "Alessi deve rimanere dentro, devono pagare" Video

1commento

sorbolo

Pedone investito nella notte in via Mantova: muore un 60enne

La vittima è Asani Memedali, macedone, da anni residente in paese

Soccorso Alpino

L'addio a Davide Tronconi: camera ardente a Castelnovo Monti, funerale a Cerreto Alpi

La famiglia chiede di non donare fiori ma offerte per il Saer

anteprima gazzetta

Evasione e soldi all'estero: ancora Parma nel mirino Video

POLIZIA

"Spaccata" alla concessionaria 'Philosophy': rubate tre moto

Bottino di circa 40mila euro

1commento

parma

D’Aversa: "Foggia campo difficile. Cambierò qualcosa" Video

RUGBY

Rugbista colpito in faccia: sviene e va all'ospedale

Il terza linea Belli è rimasto svenuto per 15 minuti. Ora la società presenterà ricorso

CARABINIERI

Preso il pusher dei ragazzini delle medie: è già libero

16commenti

Via D'Azeglio

Offre droga ai carabinieri in borghese e ne colpisce uno durante la fuga

Arrestato uno studente marocchino 23enne nei guai dopo un controllo dei carabinieri

Parma

Evade dai domiciliari per lavorare nel negozio dei genitori: 50enne arrestato

L'uomo è stato arrestato dai carabinieri per evasione

Chiesa cittadina

Fra' Pineda e don Pezzani, i due nuovi parroci

PARMA

"Solo italiani referenziati" per l'appartamento in affitto: l'annuncio che fa discutere

Polemica sui social network: "E' razzista"

44commenti

REPORTAGE

I sentieri del nostro Appennino: 400 km di infinito

IL CASO

«La scuola di San Paolo esclusa dagli Studenteschi»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Renzi contro tutti. Pd lacerato verso il voto

di Stefano Pileri

CHICHIBIO

«Trattoria Ferrari da Cecchino», la tradizione continua

di Chichibio

ITALIA/MONDO

lazio-roma

Vergogna nel mondo ultrà: insulti razzisti con Anna Frank Gallery

INCIDENTE

Tragedia nel Savonese: vuole sparare a un cinghiale ma uccide un fungaiolo

2commenti

SPORT

serie b

Le pagelle in dialetto

calcio

Modificato lo statuto di serie B: cambia l'elezione del presidente

SOCIETA'

social

Ecco come rubano una bici (in 40 secondi) Video

1commento

VAL D'ENZA

San Simone: tre giorni di fiera a Montecchio Il programma

MOTORI

CITYCAR

Toyota Aygo, la limited edition X-Cite

MINI SUV

Hyundai Kona, al lancio prezzi da 14.950 euro