16°

Incontro

Bernardo Valli racconta l'Islam che l'Occidente fatica a capire

Il giornalista: «Il conflitto più lacerante è quello fra sciiti e sunniti»

Bernardo Valli racconta l'Islam che l'Occidente fatica a capire
0
«Dare dell'ateo a un islamico è peggio che dargli dell'ebreo»

 

Pierluigi Dallapina
La storia che racconta Bernardo Valli, parmigiano che ha conosciuto e raccontato il mondo come inviato de La Repubblica, parte da lontano per arrivare fino ai giorni nostri. Per la precisione parte dal 632 dopo Cristo, l’anno della morte di Maometto, e prosegue attraversando lo scisma fra sunniti e sciiti, percorre la via dell’espansione degli arabi in nord Africa e in Spagna, si sofferma ad ammirare le vette della loro cultura in campo medico e matematico, si fa largo fra le macerie dell’impero ottomano, crollato al termine della prima guerra mondiale, e si sofferma con precisione sugli eventi vissuti in prima persona, come le turbolenze del popolo palestinese, la decolonizzazione dell’Algeria, l’attacco americano all’Iraq, la rivoluzione khomeinista in Iran e, infine, la guerra civile che sta insanguinando la Siria. 
Una guerra che è metafora di un Islam instabile e percorso da innumerevoli fratture, più simile alle tessere di un mosaico che non alla comunità dei fedeli promessa dalla tanto agognata Umma. 
«Partii per l’oriente complicato con idee semplici», dice Valli, citando le parole di un giovane Charles De Gaulle spedito in Siria al termine della Grande guerra, per tentare di spiegare a noi occidentali, cristiani e laici, le complessità del mondo musulmano, abitato da oltre 1 miliardo di persone e tutt’altro che monolitico e coeso.
Invitato dall’associazione «Grido d’allarme» per una vera e propria lectio sul tema «L’Islam e noi», e affiancato da Umberto Squarcia, rappresentante del’associazione, dal prorettore Carlo Quintelli e dal direttore de La Repubblica Parma, Antonio Mascolo, Valli si rivolge al pubblico presente nell’Aula dei Filosofi dell’Università con la curiosità del giornalista e la competenza dello studioso, cercando di affrontare il confronto fra noi e l’Islam partendo da una domanda: «Abbiamo fatto guerra all’Iraq per esportare la democrazia, ma cosa diremmo noi se un esercito arabo invadesse Roma?».
Di sicuro non la invaderebbe sbandierando il vessillo della democrazie, perché nel mondo arabo questo concetto va sempre letto attraverso le lenti della religione. 
«La religione impregna il mondo musulmano - spiega - un mondo che non ha conosciuto l’illuminismo e quindi la separazione fra la sfera religiosa e quella politica. Quando incontrai uno dei principali dirigenti del fronte di liberazione dell’Algeria e gli chiesi se il suo movimento era di ispirazione laica, a tale parola ebbe un sussulto, perché per un musulmano il laico è l’ateo, e dare dell’ateo ad un islamico è peggio che dargli dell’ebreo».
Ma l’Islam non è assolutamente un mondo immobile dominato da un’unica fede. «Il conflitto religioso e politico più lacerante all’interno del mondo musulmano - conclude - non è quello fra israeliani e palestinesi, ma fra sciiti e sunniti. Lo vediamo con la guerra in Siria, una nazione comandata da uno sciita, e quindi alleata all’Iran, altro Paese sciita, e alleata agli hezbollah libanesi».
Pierluigi Dallapina

 

La storia che racconta Bernardo Valli, parmigiano che ha conosciuto e raccontato il mondo come inviato de La Repubblica, parte da lontano per arrivare fino ai giorni nostri. Per la precisione parte dal 632 dopo Cristo, l’anno della morte di Maometto, e prosegue attraversando lo scisma fra sunniti e sciiti, percorre la via dell’espansione degli arabi in nord Africa e in Spagna, si sofferma ad ammirare le vette della loro cultura in campo medico e matematico, si fa largo fra le macerie dell’impero ottomano, crollato al termine della prima guerra mondiale, e si sofferma con precisione sugli eventi vissuti in prima persona, come le turbolenze del popolo palestinese, la decolonizzazione dell’Algeria, l’attacco americano all’Iraq, la rivoluzione khomeinista in Iran e, infine, la guerra civile che sta insanguinando la Siria. Una guerra che è metafora di un Islam instabile e percorso da innumerevoli fratture, più simile alle tessere di un mosaico che non alla comunità dei fedeli promessa dalla tanto agognata Umma. «Partii per l’oriente complicato con idee semplici», dice Valli, citando le parole di un giovane Charles De Gaulle spedito in Siria al termine della Grande guerra, per tentare di spiegare a noi occidentali, cristiani e laici, le complessità del mondo musulmano, abitato da oltre 1 miliardo di persone e tutt’altro che monolitico e coeso.Invitato dall’associazione «Grido d’allarme» per una vera e propria lectio sul tema «L’Islam e noi», e affiancato da Umberto Squarcia, rappresentante del’associazione, dal prorettore Carlo Quintelli e dal direttore de La Repubblica Parma, Antonio Mascolo, Valli si rivolge al pubblico presente nell’Aula dei Filosofi dell’Università con la curiosità del giornalista e la competenza dello studioso, cercando di affrontare il confronto fra noi e l’Islam partendo da una domanda: «Abbiamo fatto guerra all’Iraq per esportare la democrazia, ma cosa diremmo noi se un esercito arabo invadesse Roma?».Di sicuro non la invaderebbe sbandierando il vessillo della democrazie, perché nel mondo arabo questo concetto va sempre letto attraverso le lenti della religione. «La religione impregna il mondo musulmano - spiega - un mondo che non ha conosciuto l’illuminismo e quindi la separazione fra la sfera religiosa e quella politica. Quando incontrai uno dei principali dirigenti del fronte di liberazione dell’Algeria e gli chiesi se il suo movimento era di ispirazione laica, a tale parola ebbe un sussulto, perché per un musulmano il laico è l’ateo, e dare dell’ateo ad un islamico è peggio che dargli dell’ebreo».Ma l’Islam non è assolutamente un mondo immobile dominato da un’unica fede. «Il conflitto religioso e politico più lacerante all’interno del mondo musulmano - conclude - non è quello fra israeliani e palestinesi, ma fra sciiti e sunniti. Lo vediamo con la guerra in Siria, una nazione comandata da uno sciita, e quindi alleata all’Iran, altro Paese sciita, e alleata agli hezbollah libanesi».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Domenica di carnevale a Calestano con la sfilata

calestano

Domenica di carnevale a Calestano con la sfilata

Addio al gigante di «Trono di Spade»

MORTO FINGLETON

Addio al gigante di «Trono di Spade»

Amici, la Celentano dà della grassa alla ballerina che si mette a piangere

Video

"Sei grassa" e la ballerina piange: polemica ad Amici

4commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Top500": la classifica

IMPRESE

Top500 Parma, ecco la classifica completa

Lealtrenotizie

Parma, Frattali out: arriva Davide Bassi in porta

LEGA PRO

Parma, Frattali out: in porta arriva Davide Bassi. Il Pordenone travolge il Bassano

L'estremo difensore era svincolato dall'Atalanta, nel suo passato anche Empoli e Torino

svariati casi a Parma

Ed ecco servita la truffa degli estintori (per i negozi)

1commento

il fatto del giorno

Droga, i numeri dell'emergenza Video

L'anteprima sulla Gazzetta di domani

1commento

in mattinata

Scippa in bici l'iphone ad una ragazza in via Farini: caccia al ladro

6commenti

Parma

Altri due incidenti questa mattina: quattro schianti in poche ore

1commento

INCHIESTA

Strada del Traglione: un viaggio nel degrado

8commenti

ieri sera

Pauroso incidente in Tangenziale Ovest, auto si ribalta: una donna ferita Foto

3commenti

crisi

Copador, settimana decisiva

1commento

questa mattina

Tamponamento in via Mantova: furgone nel fosso

comune

Dopo gli allagamenti: Duc, servizi ripristinati

gdf

Raccolta truffa per bimbi abbandonati: 60enne arrestato davanti al Maggiore

1commento

fotografia

Il "Mercante" secondo il fotografo Fabrizio Ferrari Gallery

comune

Casa: "Positivo il 2016, ma ci mancano 40 agenti" Tutti i numeri

L'assessore ha presentato, con i vertici dei vigili urbani i numeri e il bilancio degli interventi dello scorso anno

1commento

GAZZAREPORTER

Ancora rifiuti selvaggi a San Leonardo Fotogallery

AUTOSTRADA

A1: chiuso il casello di Parma per cinque notti consecutive

SANITA'

Scabbia, l'esperto: «In aumento altre malattie infettive»

3commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Le multe facili e quelle difficili

13commenti

EDITORIALE

Quei politici allergici alla libertà di stampa

di Filiberto Molossi

ITALIA/MONDO

MILANO

L'Italia della moda si ferma per Franca Sozzani Video

AREZZO

18enne uccide il padre: "Era quello che dovevo fare"

SOCIETA'

IL CASO

Cappato (che rischia 12 anni di carcere): "Dj Fabo è morto"

6commenti

Cinema

E' morto l'attore Bill Paxton

SPORT

Ciclismo

Grave caduta per la giovane promessa Marco Landi

rugby

L'amarezza di Villagra: "Potevamo vincere" Video

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, la nostra pagella

NOVITA'

Bmw, la nuova Serie 5 ragiona da ammiraglia