-2°

10°

Stranieri

"Mi impegno a Parma": 22 profughi diventano volontari

"Mi impegno a Parma": 22 profughi diventano volontari
Ricevi gratis le news
18

Parafrasando Kennedy si potrebbe tradurre: “Non mi chiedo cosa possa fare il Comune per me, ma mi chiedo cosa posso fare io per la città che mi accoglie”. Lo scrive il Comune in una nota, che spiega: è questo lo spirito che anima 22 giovani provenienti dall’Africa subsahariana, tutti con storie pesanti alle spalle e lunghi mesi di pellegrinaggio, prima del fatidico approdo sui barconi in quella che sognavano come la “terre promessa”, o almeno una terra meno inospitale di quella in cui sono nati e cresciuti
Questi ragazzi sono riconoscenti alla città di Parma e ai suoi abitanti per l’accoglienza ricevuta e desiderano contraccambiare, mettendosi a disposizione per delle attività di volontariato: è questo l’intento, subito recepito con favore dall’Amministrazione Comunale, manifestato da parte dei 22 profughi, ospitati da circa un mese in un dormitorio del Comune al Cornocchio e seguiti dalla comunità “San Cristoforo” di don Umberto Cocconi.
L’assessore al Welfare Laura Rossi ha incontrato oggi i giovani africani, provenienti da Gambia, Ghana, Guinea, Mali e Senegal, che hanno espresso il desiderio di dedicarsi ad alcune attività di volontariato per “sdebitarsi” dell’accoglienza calorosa che hanno ricevuto nella nostra città, dopo anni di soprusi e maltrattamenti.

La cosa si farà attraverso il progetto “Mi Impegno a Parma”.

Lo ha annunciato la stessa Laura Rossi, direttamente in un incontro con loro, presso la sede della Parrocchia Famiglia di Nazareth in via Navetta, dove i ragazzi stanno seguendo il corso di italiano e dove trascorrono la loro giornata insieme ai volontari dell’associazione San Cristoforo, che ha ricevuto dalla Prefettura l’incarico di occuparsi di tutte le incombenze necessarie: con un corrispettivo riconosciuto dallo Stato di 30 euro al giorno per persona, l’associazione – al pari di tutte le altre onlus impegnate nell’accoglienza ai profughi – deve provvedere ad ospitalità, accadimento, alimentazione, corsi di lingua italiana, incontri con lo psicologo, effettuazione delle visite mediche, accompagnamento nella predisposizione dei documenti, quali permessi di soggiorno e pratiche per il riconoscimento eventuale dello status di profughi richiedenti asilo.

“A Parma – ha spiegato Laura Rossi – sono attualmente ospitati, per disposizioni dirette del Governo, dopo il passaggio all’hub di accoglienza regionale, 230 profughi, dei quali 120 sono in città. Come Comune – ha puntualizzato l’assessore – siamo ben consapevoli di cosa c’è dietro la storia di questi giovani, quali terribili peripezie hanno dovuto affrontare per attraversare il deserto e arrivare fino alle coste italiane. Accoglierli è un preciso dovere etico e morale, nonostante quello che stiamo attraversando sia un periodo molto difficile anche per chi è nato e vive nella nostra città e nel nostro Paese. I fondi che con molta fatica facciamo bastare sono garantiti fino a fine anno. Ma poi lo Stato deve continuare a sostenere il progetto, da soli non saremmo in grado di proseguire, anche perché l’ondata di profughi pare destinata ad aumentare”.

Dopo l’incontro con don Umberto Cocconi e gli operatori della “San Cristoforo” presso la sede dell’associazione, Laura Rossi si è recata nella vicina parrocchia di via Navetta per incontrare i ragazzi: “Il vostro è lo spirito giusto per instaurare un rapporto positivo con la città – ha detto loro l’assessore – vi ringrazio della disponibilità che avete manifestato e l’accolgo volentieri. Sarete chiamati a collaborare nell’ambito del progetto “Mi impegno a Parma”, per il quale abbiamo risolte le ultime difficoltà burocratiche. Vi chiederemo di occuparvi di piccoli lavori di manutenzione della città, in particolare del verde, realizzando interventi che il sindaco stesso ci ha segnalato e documentato come necessari, soprattutto per gli spazi verdi, a cominciare dalla Cittadella,. Sarebbe un bel gesto, e la città comincerebbe a guardarvi con occhio diverso. Per un lavoro vero – purtroppo – i tempi sono lunghi e il percorso è difficile”.
A nome dei giovani ha risposto, ringraziando don Umberto e il Comune, e ribadendo la disponibilità, Lamil, proveniente dal Gambia, che parla correttamente inglese e francese, come molti dei suoi compagni di avventura, quasi tutti ad elevato indice di scolarizzazione, fuggiti dalla miseria e dalla violenza e che rivendicano il diritto a costruirsi un futuro dignitoso in un mondo che dovrà aprire loro nuovi orizzonti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Straziato

    08 Settembre @ 16.26

    Comunque vorrei accodarmi ad uno dei commenti qui sotto: per una volta che viene fatta un'iniziativa intelligente dove finalmente chi ha avuto da una comunità la ringrazia come può (lavorando per la comunità stessa in questo caso) si hanno una marea di commenti inutili che vanno contro l'iniziativa! Finalmente un segnale di rispetto e reciprocità! Al contrario sono iniziativae da incentivare!

    Rispondi

  • Katia

    08 Settembre @ 16.18

    signor Pasini il tenore del suo commento...si commenta da solo

    Rispondi

  • Straziato

    08 Settembre @ 09.58

    Sigonr Corra lei parla di tensioni sociali dovute al fatto che i 30 euro vengono dati ai profughi. In realtà questi soldi vengono dati alla'associazione che li gestisce. Posto che ha letto male, le richiedo: tensioni sociali ....dove? tra chi?

    Rispondi

  • gianlucapasini

    07 Settembre @ 22.43

    Tutti i rifugiati a casa di Katia! Avanti, c'è posto!

    Rispondi

  • marirhugo

    07 Settembre @ 20.26

    A Katia, qualcuno che commenta qui sopra sa. E proprio perche' sa scrive le carognate che si leggono. sono sempre gli stessi, arrivano subito, come mosconi, Sono perennemente connessi al sito della gazzetta in attesa di notizie con immigrati protagonisti, non importa se in positivo o in negativo. Sono nazisti. La gazzetta dovrebbe dire qualcosa; per me in molti di questi commenti c'e' istigzione all'odio razziale. E poi si sa che su questo sito erano arrivati commenti, ovviamente censurati, in cui era scritto che "bisognerebbe metterli nei forni" Ora ci si esprime in un altro modo ma il concetto e' sempre lo stesso. REDAZIONE GAZZETTADIPARMA.IT - Appunto: dove ravvisiamo ipotesi di reati, i commenti vanno nel cestino: una volta che l'avevi detta giusta hai voluto lo stesso farci un predicozzo. Fuori bersaglio....

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Un talento parmigiano in finale al Tour Music Fest: The European Music Contest

Palcoscenico

Un talento parmigiano in finale al "Tour Music Fest"

Shakira

Shakira

musica

Shakira sta male: "Emorragia alle corde vocali". Concerti rimandati

 Mangiamusica, gran finale  con le Sorelle Marinetti

Fidenza

Mangiamusica, gran finale con le Sorelle Marinetti Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

La casa in classe energetica A o B? Va acquistata subito

L'ESPERTO

La casa in classe energetica A o B? Meglio acquistarla subito

di Arturo Dalla Tana*

1commento

Lealtrenotizie

Straser: «Ecco perché si è risvegliata la linea sismica del Taro»

L'ESPERTO

Straser: «Ecco perché si è risvegliata la linea sismica del Taro»

TERREMOTO

A Fornovo tra la gente: «Mi tremavano le gambe»

TERREMOTO

Sciame sismico in Appennino, 17 scosse. Le più forti avvertite in tutta la provincia

A Fornovo la più forte (4.4). Non segnalati danni

5commenti

Vicino al Regio

Ubriaco cerca di rapinare tre ragazzi

TUTTAPARMA

La storia dei carabinieri a Parma

QUARTIERI

Sport e solidarietà , i 50 anni del circolo «Frontiera '70»

Tornolo

Lisa, nonna coraggiosa. Ha detto addio a 101 anni

FIDENZA

Tangenziale Sud, oggi via a nuovi lavori

ULTIM'ORA

Uno dei terremoti più profondi in Emilia Romagna

La scossa più forte su un basamento roccioso

2commenti

Le reazioni

La sindaca di Fornovo: "Tanta paura, ma niente danni"

Il sindaco Pizzarotti "La scossa è stata sentita a Parma, ma non è di particolare rilievo"

Gattatico

«Mi hanno derubato». Ma è una truffa

VIA MILANO

Bocconi avvelenati nel parco dei Vetrai, animali a rischio

La polizia municipale ha circoscritto l'area e sta effettuando rilievi

2commenti

Incidente

Scontro su strada Pilastro, un ferito

2commenti

PARMA

Riina: l'addio senza lacrime (e lite con i cronisti) della vedova e dei figli

Maria Concetta Riina se la prende con i giornalisti. L'avvocato: "Andatevene, è scandalismo". Conclusa l'autopsia sul corpo del boss (Ipotesi tecnica di "omicidio colposo" contro ignoti) : i risultati tra 60 giorni

15commenti

FUNERALE

La lettera della mamma di Mattia

IN PENSIONE

Roncoroni, chirurgo a tutto campo

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La figlia di Totò Riina e una rabbia che offende

di Georgia Azzali

4commenti

TRAFFICO

La mappa degli autovelox dal 20 al 24 novembre

ITALIA/MONDO

Ris di Parma

Scomparse due mogli di un allevatore: trovate ossa nella stalla

3commenti

Il caso

Cerca la madre naturale. Lei la gela: "Sei il simbolo della violenza subita"

2commenti

SPORT

Nazionale

Tavecchio non molla: non si presenterà dimissionario

1commento

SERIE B

Pari fra Salernitana e Cremonese: Parma sempre in testa

SOCIETA'

GENOVA

Uomo aggredito da un cinghiale nei boschi del genovese

LA PEPPA

Pollo e peperoni ripieni

1commento

MOTORI

IL NOSTRO TEST

Meglio ibrida o plug-in? La risposta è Hyundai Ioniq

LA PROVA

Hyundai Kona, il nuovo B-Suv in 5 mosse Le foto