20°

33°

Stranieri

"Mi impegno a Parma": 22 profughi diventano volontari

"Mi impegno a Parma": 22 profughi diventano volontari
Ricevi gratis le news
18

Parafrasando Kennedy si potrebbe tradurre: “Non mi chiedo cosa possa fare il Comune per me, ma mi chiedo cosa posso fare io per la città che mi accoglie”. Lo scrive il Comune in una nota, che spiega: è questo lo spirito che anima 22 giovani provenienti dall’Africa subsahariana, tutti con storie pesanti alle spalle e lunghi mesi di pellegrinaggio, prima del fatidico approdo sui barconi in quella che sognavano come la “terre promessa”, o almeno una terra meno inospitale di quella in cui sono nati e cresciuti
Questi ragazzi sono riconoscenti alla città di Parma e ai suoi abitanti per l’accoglienza ricevuta e desiderano contraccambiare, mettendosi a disposizione per delle attività di volontariato: è questo l’intento, subito recepito con favore dall’Amministrazione Comunale, manifestato da parte dei 22 profughi, ospitati da circa un mese in un dormitorio del Comune al Cornocchio e seguiti dalla comunità “San Cristoforo” di don Umberto Cocconi.
L’assessore al Welfare Laura Rossi ha incontrato oggi i giovani africani, provenienti da Gambia, Ghana, Guinea, Mali e Senegal, che hanno espresso il desiderio di dedicarsi ad alcune attività di volontariato per “sdebitarsi” dell’accoglienza calorosa che hanno ricevuto nella nostra città, dopo anni di soprusi e maltrattamenti.

La cosa si farà attraverso il progetto “Mi Impegno a Parma”.

Lo ha annunciato la stessa Laura Rossi, direttamente in un incontro con loro, presso la sede della Parrocchia Famiglia di Nazareth in via Navetta, dove i ragazzi stanno seguendo il corso di italiano e dove trascorrono la loro giornata insieme ai volontari dell’associazione San Cristoforo, che ha ricevuto dalla Prefettura l’incarico di occuparsi di tutte le incombenze necessarie: con un corrispettivo riconosciuto dallo Stato di 30 euro al giorno per persona, l’associazione – al pari di tutte le altre onlus impegnate nell’accoglienza ai profughi – deve provvedere ad ospitalità, accadimento, alimentazione, corsi di lingua italiana, incontri con lo psicologo, effettuazione delle visite mediche, accompagnamento nella predisposizione dei documenti, quali permessi di soggiorno e pratiche per il riconoscimento eventuale dello status di profughi richiedenti asilo.

“A Parma – ha spiegato Laura Rossi – sono attualmente ospitati, per disposizioni dirette del Governo, dopo il passaggio all’hub di accoglienza regionale, 230 profughi, dei quali 120 sono in città. Come Comune – ha puntualizzato l’assessore – siamo ben consapevoli di cosa c’è dietro la storia di questi giovani, quali terribili peripezie hanno dovuto affrontare per attraversare il deserto e arrivare fino alle coste italiane. Accoglierli è un preciso dovere etico e morale, nonostante quello che stiamo attraversando sia un periodo molto difficile anche per chi è nato e vive nella nostra città e nel nostro Paese. I fondi che con molta fatica facciamo bastare sono garantiti fino a fine anno. Ma poi lo Stato deve continuare a sostenere il progetto, da soli non saremmo in grado di proseguire, anche perché l’ondata di profughi pare destinata ad aumentare”.

Dopo l’incontro con don Umberto Cocconi e gli operatori della “San Cristoforo” presso la sede dell’associazione, Laura Rossi si è recata nella vicina parrocchia di via Navetta per incontrare i ragazzi: “Il vostro è lo spirito giusto per instaurare un rapporto positivo con la città – ha detto loro l’assessore – vi ringrazio della disponibilità che avete manifestato e l’accolgo volentieri. Sarete chiamati a collaborare nell’ambito del progetto “Mi impegno a Parma”, per il quale abbiamo risolte le ultime difficoltà burocratiche. Vi chiederemo di occuparvi di piccoli lavori di manutenzione della città, in particolare del verde, realizzando interventi che il sindaco stesso ci ha segnalato e documentato come necessari, soprattutto per gli spazi verdi, a cominciare dalla Cittadella,. Sarebbe un bel gesto, e la città comincerebbe a guardarvi con occhio diverso. Per un lavoro vero – purtroppo – i tempi sono lunghi e il percorso è difficile”.
A nome dei giovani ha risposto, ringraziando don Umberto e il Comune, e ribadendo la disponibilità, Lamil, proveniente dal Gambia, che parla correttamente inglese e francese, come molti dei suoi compagni di avventura, quasi tutti ad elevato indice di scolarizzazione, fuggiti dalla miseria e dalla violenza e che rivendicano il diritto a costruirsi un futuro dignitoso in un mondo che dovrà aprire loro nuovi orizzonti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Straziato

    08 Settembre @ 16.26

    Comunque vorrei accodarmi ad uno dei commenti qui sotto: per una volta che viene fatta un'iniziativa intelligente dove finalmente chi ha avuto da una comunità la ringrazia come può (lavorando per la comunità stessa in questo caso) si hanno una marea di commenti inutili che vanno contro l'iniziativa! Finalmente un segnale di rispetto e reciprocità! Al contrario sono iniziativae da incentivare!

    Rispondi

  • Katia

    08 Settembre @ 16.18

    signor Pasini il tenore del suo commento...si commenta da solo

    Rispondi

  • Straziato

    08 Settembre @ 09.58

    Sigonr Corra lei parla di tensioni sociali dovute al fatto che i 30 euro vengono dati ai profughi. In realtà questi soldi vengono dati alla'associazione che li gestisce. Posto che ha letto male, le richiedo: tensioni sociali ....dove? tra chi?

    Rispondi

  • gianlucapasini

    07 Settembre @ 22.43

    Tutti i rifugiati a casa di Katia! Avanti, c'è posto!

    Rispondi

  • marirhugo

    07 Settembre @ 20.26

    A Katia, qualcuno che commenta qui sopra sa. E proprio perche' sa scrive le carognate che si leggono. sono sempre gli stessi, arrivano subito, come mosconi, Sono perennemente connessi al sito della gazzetta in attesa di notizie con immigrati protagonisti, non importa se in positivo o in negativo. Sono nazisti. La gazzetta dovrebbe dire qualcosa; per me in molti di questi commenti c'e' istigzione all'odio razziale. E poi si sa che su questo sito erano arrivati commenti, ovviamente censurati, in cui era scritto che "bisognerebbe metterli nei forni" Ora ci si esprime in un altro modo ma il concetto e' sempre lo stesso. REDAZIONE GAZZETTADIPARMA.IT - Appunto: dove ravvisiamo ipotesi di reati, i commenti vanno nel cestino: una volta che l'avevi detta giusta hai voluto lo stesso farci un predicozzo. Fuori bersaglio....

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

D'Alessio-Tatangelo, "siamo in crisi"

gossip

D'Alessio-Tatangelo ammettono: "Siamo in crisi"

Usa, morto John Heard

STATI UNITI

Trovato morto l'attore John Heard ("Mamma ho perso l'aereo") Video

Enrica Merlo, libero della Savino Del Bene Scandicci

SPORT

Enrica Merlo fra pallavolo e beach volley: "Gioco perché mi diverto" Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Gazzareporter: premiata lettrice "cronista di strada"

CONCORSI

Gazzareporter: manda le tue foto e "cartoline" e vinci

Lealtrenotizie

Schiacciato dal muletto: muore un 74enne

gaione

Schiacciato dal muletto: muore l'imprenditore Alberto Greci

Aveva 74 anni

1commento

Incidente

Carro attrezzi e furgone si scontrano sull'Asolana

polizia

Trova online passaggio in auto fino a Parma: studentessa molestata

5commenti

carabinieri

Con la scusa di un selfie rapina studente in via D'azeglio: arrestato

8commenti

BASSA

Un uomo scompare nel Po: ricerche in corso

Disperso un uomo originario del Parmense

MASSACRO

Solomon, decine di colpi sui corpi anche dopo la morte

PARMA CALCIO

Lucarelli "interrogato" dai tifosi: "Quando scegli con il cuore non sbagli mai" Video

Il capitano conferma: ultimo anno nel calcio giocato ma "l'importante è esserci, l'ho voluto per mille motivi"

VARANO

Mangiano pollo avariato, studenti intossicati

polizia municipale

Autovelox, speedcheck e autodetector: i controlli della settimana

1commento

autostrada

Frana tra il casello di Parma e il bivio A1-A15

Testimonianze

Notte di paura per i parmigiani a Kos

tg parma

Identificato l'aggressore che ha colpito un 47enne a forbiciate Video

1commento

Siccità

Vietato lavare le auto e innaffiare i giardini attingendo dall'acquedotto nel Bercetese

Ordinanza del Comune per limitare l'uso di acqua

Inchiesta bollette

Luce, acqua e gas: storie di ordinaria vessazione

Fortuna

Fidentino gratta e vince 100 mila euro

traversetolo

«Insieme abbiamo salvato il nostro condominio»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL CASO

La lezione di papà Fred Video-editoriale

di Michele Brambilla

2commenti

CHICHIBIO

«Podere Lavinia», tutto il buono della carne

di Chichibio

1commento

ITALIA/MONDO

METEO

Ancora caldo africano ma da lunedì temperature in calo

Prefettura

A Modena nuovo bando per accogliere fino a 2300 migranti

2commenti

SPORT

Auguri capitano

Parma, il Parma, la famiglia: i 40 di Lucarelli

1commento

PARMA

I nuovi acquisti crociati: il portiere Michele Nardi e l'attaccante Marco Frediani Video

SOCIETA'

IL DISCO

Deep Purple, dal Giappone con furore

CINEMA

A Firenze la "temutissima" Coppa Cobram per ricordare Paolo Villaggio

MOTORI

NOVITA'

Opel Insignia GSi, berlina per veri intenditori

MERCEDES

Classe X, la Stella attacca il segmento dei pick-up