21°

Stranieri

"Mi impegno a Parma": 22 profughi diventano volontari

"Mi impegno a Parma": 22 profughi diventano volontari
18

Parafrasando Kennedy si potrebbe tradurre: “Non mi chiedo cosa possa fare il Comune per me, ma mi chiedo cosa posso fare io per la città che mi accoglie”. Lo scrive il Comune in una nota, che spiega: è questo lo spirito che anima 22 giovani provenienti dall’Africa subsahariana, tutti con storie pesanti alle spalle e lunghi mesi di pellegrinaggio, prima del fatidico approdo sui barconi in quella che sognavano come la “terre promessa”, o almeno una terra meno inospitale di quella in cui sono nati e cresciuti
Questi ragazzi sono riconoscenti alla città di Parma e ai suoi abitanti per l’accoglienza ricevuta e desiderano contraccambiare, mettendosi a disposizione per delle attività di volontariato: è questo l’intento, subito recepito con favore dall’Amministrazione Comunale, manifestato da parte dei 22 profughi, ospitati da circa un mese in un dormitorio del Comune al Cornocchio e seguiti dalla comunità “San Cristoforo” di don Umberto Cocconi.
L’assessore al Welfare Laura Rossi ha incontrato oggi i giovani africani, provenienti da Gambia, Ghana, Guinea, Mali e Senegal, che hanno espresso il desiderio di dedicarsi ad alcune attività di volontariato per “sdebitarsi” dell’accoglienza calorosa che hanno ricevuto nella nostra città, dopo anni di soprusi e maltrattamenti.

La cosa si farà attraverso il progetto “Mi Impegno a Parma”.

Lo ha annunciato la stessa Laura Rossi, direttamente in un incontro con loro, presso la sede della Parrocchia Famiglia di Nazareth in via Navetta, dove i ragazzi stanno seguendo il corso di italiano e dove trascorrono la loro giornata insieme ai volontari dell’associazione San Cristoforo, che ha ricevuto dalla Prefettura l’incarico di occuparsi di tutte le incombenze necessarie: con un corrispettivo riconosciuto dallo Stato di 30 euro al giorno per persona, l’associazione – al pari di tutte le altre onlus impegnate nell’accoglienza ai profughi – deve provvedere ad ospitalità, accadimento, alimentazione, corsi di lingua italiana, incontri con lo psicologo, effettuazione delle visite mediche, accompagnamento nella predisposizione dei documenti, quali permessi di soggiorno e pratiche per il riconoscimento eventuale dello status di profughi richiedenti asilo.

“A Parma – ha spiegato Laura Rossi – sono attualmente ospitati, per disposizioni dirette del Governo, dopo il passaggio all’hub di accoglienza regionale, 230 profughi, dei quali 120 sono in città. Come Comune – ha puntualizzato l’assessore – siamo ben consapevoli di cosa c’è dietro la storia di questi giovani, quali terribili peripezie hanno dovuto affrontare per attraversare il deserto e arrivare fino alle coste italiane. Accoglierli è un preciso dovere etico e morale, nonostante quello che stiamo attraversando sia un periodo molto difficile anche per chi è nato e vive nella nostra città e nel nostro Paese. I fondi che con molta fatica facciamo bastare sono garantiti fino a fine anno. Ma poi lo Stato deve continuare a sostenere il progetto, da soli non saremmo in grado di proseguire, anche perché l’ondata di profughi pare destinata ad aumentare”.

Dopo l’incontro con don Umberto Cocconi e gli operatori della “San Cristoforo” presso la sede dell’associazione, Laura Rossi si è recata nella vicina parrocchia di via Navetta per incontrare i ragazzi: “Il vostro è lo spirito giusto per instaurare un rapporto positivo con la città – ha detto loro l’assessore – vi ringrazio della disponibilità che avete manifestato e l’accolgo volentieri. Sarete chiamati a collaborare nell’ambito del progetto “Mi impegno a Parma”, per il quale abbiamo risolte le ultime difficoltà burocratiche. Vi chiederemo di occuparvi di piccoli lavori di manutenzione della città, in particolare del verde, realizzando interventi che il sindaco stesso ci ha segnalato e documentato come necessari, soprattutto per gli spazi verdi, a cominciare dalla Cittadella,. Sarebbe un bel gesto, e la città comincerebbe a guardarvi con occhio diverso. Per un lavoro vero – purtroppo – i tempi sono lunghi e il percorso è difficile”.
A nome dei giovani ha risposto, ringraziando don Umberto e il Comune, e ribadendo la disponibilità, Lamil, proveniente dal Gambia, che parla correttamente inglese e francese, come molti dei suoi compagni di avventura, quasi tutti ad elevato indice di scolarizzazione, fuggiti dalla miseria e dalla violenza e che rivendicano il diritto a costruirsi un futuro dignitoso in un mondo che dovrà aprire loro nuovi orizzonti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Straziato

    08 Settembre @ 16.26

    Comunque vorrei accodarmi ad uno dei commenti qui sotto: per una volta che viene fatta un'iniziativa intelligente dove finalmente chi ha avuto da una comunità la ringrazia come può (lavorando per la comunità stessa in questo caso) si hanno una marea di commenti inutili che vanno contro l'iniziativa! Finalmente un segnale di rispetto e reciprocità! Al contrario sono iniziativae da incentivare!

    Rispondi

  • Katia

    08 Settembre @ 16.18

    signor Pasini il tenore del suo commento...si commenta da solo

    Rispondi

  • Straziato

    08 Settembre @ 09.58

    Sigonr Corra lei parla di tensioni sociali dovute al fatto che i 30 euro vengono dati ai profughi. In realtà questi soldi vengono dati alla'associazione che li gestisce. Posto che ha letto male, le richiedo: tensioni sociali ....dove? tra chi?

    Rispondi

  • gianlucapasini

    07 Settembre @ 22.43

    Tutti i rifugiati a casa di Katia! Avanti, c'è posto!

    Rispondi

  • marirhugo

    07 Settembre @ 20.26

    A Katia, qualcuno che commenta qui sopra sa. E proprio perche' sa scrive le carognate che si leggono. sono sempre gli stessi, arrivano subito, come mosconi, Sono perennemente connessi al sito della gazzetta in attesa di notizie con immigrati protagonisti, non importa se in positivo o in negativo. Sono nazisti. La gazzetta dovrebbe dire qualcosa; per me in molti di questi commenti c'e' istigzione all'odio razziale. E poi si sa che su questo sito erano arrivati commenti, ovviamente censurati, in cui era scritto che "bisognerebbe metterli nei forni" Ora ci si esprime in un altro modo ma il concetto e' sempre lo stesso. REDAZIONE GAZZETTADIPARMA.IT - Appunto: dove ravvisiamo ipotesi di reati, i commenti vanno nel cestino: una volta che l'avevi detta giusta hai voluto lo stesso farci un predicozzo. Fuori bersaglio....

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano Foto Il video

Salsomaggiore

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano Foto Il video

3commenti

Sembra ieri 1/1: 1984 - In piazza della Pace l'ippopotamo Pippo

TV PARMA

Sembra ieri: 1985 - Il "nuovo" Ponte Italia

1commento

Le serate special al Cafè 47

Era qui la festa

Le serate special al Cafè 47

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

musica

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

Lealtrenotizie

Frontale a Pilastro, nessun ferito grave

LANGHIRANO

Frontale a Pilastro, nessun ferito grave

soccorso alpino

Pietra di Bismantova, il ferito è un 43enne di Carpi Il video del salvataggio

Cede un chiodo durante la ferrata: cade nel dirupo

musica

Inaugurato il Centro Toscanini: guarda chi c'era Fotogallery

1commento

CULTURA

Porte aperte all'Ospedale vecchio: tutti in coda con il FAI Fotogallery

Giornate di primavera: domenica si visita l'Università

Dopo l'assoluzione

Raffaele Sollecito: «La mia vita riparte da Parma»

"Vivo a Barriera Bixio, lavoro e ho buoni amici"

13commenti

Tg Parma

Tariffa rifiuti in aumento? Federconsumatori: "Una beffa" Video

1commento

allarme

Piazzale Lubiana, trovata polpetta con chiodi: chiusa l'area cani

4commenti

polizia

Emergenza furti: razzia di vestiti nella notte allo Spip Video

PARMA CALCIO

Intitolato a Tito Mistrali il campo da calcio di via Taro

Esordì nel 1925. Era il bomber con la "retina"

1commento

LEGA PRO

Sotto di 2 gol, il Pordenone ne segna 7 e aggancia il Parma! Domani crociati a Gubbio

AGENDA

Un weekend alla scoperta dei castelli

Sentenza

Multa ingiusta. E stavolta è Equitalia che deve pagare

3commenti

Formaggio

La grana del grana

Profughi

«Lasciati senza cibo per 7 giorni»

10commenti

Autosole

L'ambulanza tampona, il paziente a bordo trasferito sull'elicottero

Medicina

L'osteopatia nella cura della endometriosi

Da uno studio fatto a Parma nuove speranze per combattere una malattia che colpisce il 10% delle donne in età fertile

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Chi ha interesse a volere la realtà percepita

EDITORIALE

Truffe, anziani e soldi sotto il materasso

di Carlo Brugnoli

1commento

ITALIA/MONDO

stanotte

Torna l'ora legale: ricordarsi di mandare avanti le lancette

TREVISO

Si rovescia il pedalò: annega 18enne. Salva la fidanzata

WEEKEND

FOODBLOGGER

Video-ricetta: la tartare di tonno e stracciatella secondo Eleonora Rubaltelli

cinema

Weekend ricco al cinema: i due consigli del CineFilo Video

SPORT

Motogp

Qualifiche annullate, griglia basata sulle libere: Vinales in pole, Rossi lontano

Rugby

Il Munster passa al "Lanfranchi", Zebre battute

MOTORI

NOVITA'

Non solo Suv: ecco le nuove berline e wagon del 2017

restyling

Mercedes, ora la GLA è più alta e più connessa