22°

32°

Strajè-Stranieri

Come un ritorno in famiglia per i piccoli bielorussi

Come un ritorno in famiglia per i piccoli bielorussi
Ricevi gratis le news
1

di Chiara Pozzati

Da cosa si distingue una classe di bambini bielorussi da quelle italiane? Dal silenzio che regna nel corridoio dove si affaccia l’aula. Silenzio di chi assapora ogni istante e guarda con aria assorta tutto ciò che lo circonda all'interno della scuola elementare «Jacopo Sanvitale». 
Sono arrivati a inizio settimana i 19 bimbi provenienti da Ut, un piccolo villaggio della Bielorussia situato a pochi chilometri dal confine con l’Ucraina.  Rimarranno a Parma per un mese, accolti dalle famiglie che hanno aderito al «Progetto scuola», organizzato dalla Fondazione «Aiutiamoli a vivere».
Progetto che ha coinvolto anche le elementari di Noceto e il convitto Maria Luigia, e che ha permesso di accogliere complessivamente 510 bimbi. 
Occhi grandi e profondi e sorrisi timidi ma che spuntano generosi sul faccino di chi ha subito, e ne patisce ancora le conseguenze, gli effetti del disastro nucleare di Chernobyl.
Questa è l’accoglienza che riservano i piccoli alunni bielorussi a chi fa capolino in classe. Nove di loro hanno appena 7 anni e di italiano ne masticano poco, ma grazie alla presenza della loro maestra, Svetlana Pavuovich e della responsabile, nonché interprete, Stanislava Kasakova, le difficoltà svaniscono. 
Durante le lezioni, che durano 8 ore al giorno, svolgono il programma come tutti gli altri. In più imparano la lingua grazie a Lucia Cavellini, ex insegnante della scuola media Don Cavalli, ora in pensione. 
«La parola gelato piace molto - racconta ridendo Stanislava - ma anche pizza li diverte parecchio». I bimbi, grazie al comitato locale della Fondazione, possono contare su un check up completo e gratuito. 
«Grazie alla disponibilità di medici, dentisti e oculisti, riusciamo a garantire loro tutte le visite di cui hanno bisogno», spiega Renata Borelli, responsabile del comitato ducale. Poi le gite, l’assistenza garantita da interpreti e volontari e la voglia di farli sentire a casa. Il soggiorno parmigiano è una prova per i bambini «catapultati» in una realtà completamente diversa da quella nella quale vivono abitualmente. Specialmente perché non è semplice tornare a casa e fare i conti con una vita decisamente più dura. 
Una vacanza dunque? Forse, ma non solo: «Desideriamo che il tempo che trascorrono qui sia significativo», sottolinea la Borelli. La scuola Jacopo Sanvitale, inoltre, è impegnata in una sensibilizzazione a 360 gradi: «Abbiamo una stanza per la raccolta di vestiti e materiale didattico da destinare alla Bielorussia - spiega Alberta Montanari, vicepreside dell’istituto - e venerdì prossimo organizzeremo nel cortile della scuola un burraco benefico, il cui ricavato verrà devoluto proprio ai piccoli studenti di Ut». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • anna pisano

    19 Dicembre @ 17.35

    la bambinsa con la maglietta a fiori l'ho adottata io!!! :)

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia

tg parma

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia Video

Nuda in giro per Bologna: individuata e super-multa

SOCIAL

Bologna, la ragazza che passeggiava nuda rivela: "E' un esperimento sociale" Video

2commenti

"Vietato annoiarsi" a Bedonia: foto dalla piscina

PISCINe 

"Vietato annoiarsi" a Bedonia Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Ferragosto di una volta: Parma deserta nel 1988

TG PARMA

Come eravamo: Parma deserta nel Ferragosto del 1988 Video

2commenti

Lealtrenotizie

«Eravamo lì 40 minuti prima dell'inferno»

PARMIGIANI A BARCELLONA

«Eravamo lì 40 minuti prima dell'inferno»

Testimonianze

Parmigiani a Barcellona: «Abbiamo visto tanta solidarietà tra la gente»

La testimonianza

«Io, molestata da un maniaco al Campus»

2commenti

weekend

Un sabato tra amor, musica e... castelli di sabbia: l'agenda

CRONACA NERA

Rapina alla farmacia di via Volturno, due banditi in fuga

I dipendenti minacciati con i cutter

1commento

Escursionismo

Rifugi, quelle case dove abita la natura

Amichevole

Parma e Empoli non si fanno male

Teatro

Addio a Tania Rocchetta, 50 anni di palcoscenico. E di impegno civile

Varano Melegari

La Polisportiva Varanese si tinge di Milan

Lutto

E' morto Maurizio Carra, un'istituzione dell'automobilismo

via bixio

Entra di notte al bar e fa bottino: arrestato grazie a un passante

1commento

COLLECCHIO

Talignano invasa da cinghiali e nutrie: la protesta dei residenti

Lamentele anche a Pontescodogna: «Troppe strade sconnesse»

METEO

Temporali, vento e caldo oggi in Emilia-Romagna

Le previsioni per il Parmense

carabinieri

Arrestate tre rom: così fecero bottino al Famila di Salso Il video

13commenti

Elisoccorso

Ora gli «angeli» dell'emergenza volano anche di notte

PASIMAFI

Scandalo sanità, no alla libertà per Fanelli

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Che cosa resta dei nostri amori

di Michele Brambilla

2commenti

CHICHIBIO

«Osteria dl’Andrea», cucina casalinga della tradizione

di Chichibio

ITALIA/MONDO

TERRORISMO

Barcellona: per la polizia sono tutti morti i quattro ricercati. Forse in Francia l'autista-killer

terrorismo

Barcellona, terza vittima italiana: Carmela, residente in Argentina

SPORT

Incidenti stradali

Ritirata patente al calciatore Kabashi

Calciomercato

Telenovela Kalinic, l'ultima puntata è incredibile

SOCIETA'

gazzareporter

Limiti di velocità... al Parco Ducale Foto

MINISTERO

Niente nido e scuola dell'infanzia per i bimbi non vaccinati

2commenti

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti