Cronaca

Attentato, i tunisini di Parma: «Violenza inaspettata»

Ali Cherif parla di "Un Paese tranquillo"

Ali Cherif (Comunità tunisina di Parma)

Ali Cherif

Ricevi gratis le news
2

Un episodio di «violenza assurda, inaspettata». Anche la comunità tunisina di Parma, rappresentata in città da ben tre associazioni, non può fare altro che guardare con grande sgomento a quanto accaduto ieri nella capitale del proprio paese d’origine.
«Un paese tranquillo», secondo Ali Cherif, tra i referenti dell’Associazione degli Immigrati Tunisini “Verdi” (le altre due sono Voce Nuova Tunisia e Donne Tunisine), che ieri mattina, al lavoro, appena sentito dai colleghi il racconto dell’attentato rivendicato dall’Isis, ha fatto davvero fatica a credere alle propri orecchie. «Era impensabile un fatto del genere: in Tunisia la situazione è sotto controllo in questo periodo - spiega Cherif - e un quinto della popolazione vive grazie al turismo. Le vittime e gli ostaggi dell’attentato erano in vacanza, erano lì per divertimento e un gruppo di pazzi ha rovinato tutto. E così, quanto accaduto - continua il referente dell’associazione - adesso rischia di distruggere completamente l’immagine del nostro paese».
Un’immagine ben diversa da quella del sedicente stato islamico, visto che, ricorda ancora il portavoce dell’associazione Verdi, «attualmente al governo c’è un partito laico». Evidentemente, però, per gli estremisti dell’Isis quella nazione arrivata appena un fa, dopo la cosiddetta Primavera Araba, a una nuova costituzione e a un sistema di elezioni libere, andava colpita e punita. Vicinanze così troppo nette col mondo occidentale sono intollerabili per chi si autoproclama portatore di un messaggio religioso che di certo ha ben altri precetti. «Volevano fare vittime anche nel Parlamento - continua Ali Cherif - e quello che proprio non riesco a capire è da dove sia saltato fuori questo Isis, in grado di fare continuamente danni in tutti i paesi arabi». In quello non molto lontano dalle coste italiane, invece, la popolazione si è conquistata a fatica dei diritti e uno stile di vita che col terrorismo non vuole avere nulla a che fare. Ed è soprattutto per queste ragioni che lo sgomento, anche tra i membri della comunità residente nel parmense, è decisamente grande. «Mi dispiace tantissimo per le vittime - conclude Cherif - e mi auguro che non accada mai più una cosa del genere».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • AlesFino

    20 Marzo @ 12.25

    Alì è tunisino, Alì è musulmano, Alì è un mio amico come tanti tunisini, pakistani, ghanesi, camerunensi, cingalesi, albanesi, rumeni, ucraini, russi, cubani, americani, sudafricani, moldavi.... Quello che sta succedendo è davvero opera di pazzi che come in tanti corsi e ricorsi della storia hanno trovato il modo di fare soldi, avere un territorio e distruggere chi vive in serenità e non si sa e vuole più difendere. La violenza inaspettata dei fatti di Tunisi è vera, e vedere la gente di Tunisi, le donne di Tunisi, riunirsi e condannare, stare tutti insieme per aiutare, per cantare l'inno in un momento di grande paura dà un grande esempio di popolo e identità sociale. Siamo fratelli, siamo umani. E grazie per aver conosciuto persone come Alì, Rebecca, Aftab e tanti altri che sono.... bravissime persone e imparano da noi a possono anche insegnarci nuove importanti e semplici cose della vita. — con Rebecca Kraiem. "Alì è tunisino, Alì è musulmano, Alì è un mio amico come tanti tunisini, pakistani, ghanesi, camerunensi, cingalesi, albanesi, rumeni, ucraini, russi, cubani, americani, sudafricani, moldavi.... Quello che sta succedendo è davvero opera di pazzi che come in tanti corsi e ricorsi della storia hanno trovato il modo di fare soldi, avere un territorio e distruggere chi vive in serenità e non si sa e vuole più difendere. La violenza inaspettata dei fatti di Tunisi è vera, e vedere la gente di Tunisi, le donne di Tunisi, riunirsi e condannare, stare tutti insieme per aiutare, per cantare l'inno in un momento di grande paura dà un grande esempio di popolo e identità sociale. Siamo fratelli, siamo umani. E grazie per aver conosciuto persone come Alì, Rebecca, Aftab e tanti altri che sono.... bravissime persone e imparano da noi a possono anche insegnarci nuove importanti e semplici cose della vita. Alessandro, italiano, cattolico.

    Rispondi

  • Biffo

    19 Marzo @ 17.03

    Ieri ho sentito Chaouki, su Rete4; al suo confronto, una Santanchè becera, frusta e scontata. Persino Khalid la sormontava, di qualche km. Basta poco, che cce vò?

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

"Stallone è morto". Ma era una bufala online

cinema

"Stallone è morto". Ma era una bufala online

David Garrett

David Garrett

TEATRO REGIO

Cancellato il concerto di David Garrett

Filippo Nardi

TELEVISIONE

Isola dei famosi: Filippo Nardi si spoglia davanti a Bianca Atzei Video

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

64 offerte di lavoro per articolo Gazzetta 20 febbraio 2018

LAVORO

64 nuove offerte

Lealtrenotizie

Preso il rapinatore con roncola della sala scommesse

squadra mobile

Preso il rapinatore (seriale?) con roncola della sala scommesse Il video del blitz

lettera aperta

Elezioni, le cinque richieste di Pizzarotti ai candidati

3commenti

viale bottego

Fiamme in studio dentistico: evacuato tutto il palazzo. Due intossicati Foto

tgparma

Meteo: da domani rischio neve in città, domenica arriva il gelo

Via Buffolara

«Prima mi ha investito e poi picchiato»

15commenti

furti

Svaligiate le sedi delle associazioni per i disabili. E allora, "Caro ladro ti scrivo..."

1commento

tg parma

Parmigiano 60enne prestanome per una banda di ladri dell'Est Video

salute

Vincere il tumore: la testimonianza di tre parmigiani

IL CASO

Colf estorce 3.000 euro all'ex datore di lavoro. E patteggia 3 anni

tg parma

Gazzola: "Abbiamo piena fiducia nel mister" Video

2commenti

Fidenza

Addio a Fabrizio «Fispo» Rivotti

SCIENZA

Renata Tebaldi conservata per l'eternità al Polo Nord

amarcord

Le «innominabili case» (chiuse) che popolavano Parma: la mappa Foto

DI NOTTE

Maiatico, razzia dei ladri nelle case

Allarme

Parma, in 10 anni 166 medici in pensione. E chi li sostituisce?

fab lab

La stampa 3D "parmigiana" restituisce le dita a Cornelio Nepote Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Una scintilla per le idee. La vera vittoria di Parma 2020

di Marco Magnani

VADEMECUM

Elezioni del 4 marzo: come votare correttamente

2commenti

ITALIA/MONDO

tribunale

Corona, l'ex fotografo esce dal carcere e va in comunità

vandalismi

Imbrattata con svastiche la targa di Moro a Roma Foto

SPORT

guinness

Trainato da una Levante, Barrow sullo snowboard a 151,57 km/h: è record

sport

La discesa d'Oro di una favolosa Sofia Goggia Foto

SOCIETA'

Spettacolo

Gibson, la storia del rock è sommersa dai debiti Video

PIACENZA

Badante sposa l'invalido che accudisce e lo riduce sul lastrico: denunciata 

3commenti

MOTORI

motori

Ferrari: ecco la 488 Pista, sarà presentata a Ginevra

MOTO

I 115 anni di Harley-Davidson, si avvicina l'open day