-5°

Strajè-Stranieri

Gli assessori incontrano gli immigrati

Gli assessori incontrano gli immigrati
4

di Laura Ugolotti

Per vivere in una comunità senza conflitti né pregiudizi l’unica strada è il dialogo. Con questo spirito ieri sera, al centro islamico di via Campanini, si è tenuta la prima «Giornata dell’accoglienza», a cui sono stati invitati rappresentanti delle comunità islamica, albanese, ebraica, tunisina, dell’Amministrazione comunale, della chiesa cattolica (con don Raffaele, presidente del Consiglio delle Chiese) e delle associazioni cittadine, tra cui l’Avis, il Borgo e il Forum interreligioso di Parma, rappresentato da Luciano Mazzoni.
L'incontro, organizzato dalla comunità islamica, è un ulteriore tassello del patto di cittadinanza firmato due anni fa con il Comune di Parma. Un patto «nato come una scommessa, nella convinzione che il dialogo fosse la strada giusta per isolare le tendenze alla chiusura e all’isolamento», ha sottolineato l’assessore alle Politiche sociali, Lorenzo Lasagna, che ha aggiunto: «Ora questa sede non è più un posto chiuso, sottratto alla città, ma ne è diventato parte». Certo i primi mesi non sono stati semplici: «E' stata una scelta coraggiosa, ostacolata - ha ricordato Zoni, assessore al Commercio ma all’epoca in carica alle Politiche Sociali -, ma grazie all’impegno di tanti abbiamo raggiunto un grande risultato. E’ la storia di uomini che sono diventati amici».
Tra i tanti che si sono impegnati per la moschea c'è l’assessore all’Urbanistica Francesco Manfredi, che due anni fa rese possibile il suo insediamento.
 «Noi vi abbiamo dato la disponibilità - ha commentato - e voi avete dimostrato di essere cittadini autonomi, che non chiedono assistenza ma rispetto reciproco, che vivono di diritti e di doveri e che sono una risorsa economica, sociale e culturale per tutta la città».
Maurizio Vescovi, presente nella doppia veste di consigliere comunale e rappresentante dell’Avis Parma Lirica, ha ricordato l’impegno della comunità islamica per la donazione di sangue: «Il progetto che abbiamo intrapreso dimostra che siete parte della comunità, presenti quando questa ha bisogno. Siamo orgogliosi di avervi tra i nostri donatori».
In poco tempo la sede di via Campanini è diventata un luogo, oltre che di preghiera, anche di cultura, araba e italiana: grazie anche ai banchi prestati dal Comune si tengono lezioni di storia e lingua italiana e di educazione civica. Uno spazio in cui le differenze arricchiscono, invece di dividere.
«Per questo abbiamo voluto invitare i rappresentanti di tante culture diverse - ha spiegato il responsabile della comunità islamica Farid Mansouri -. L’accoglienza, il rispetto, la conoscenza reciproca , abbattono i muri della diffidenza e del pregiudizio».  
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • giuliana

    02 Novembre @ 17.57

    Gent.ma Redazione, posso chiedere se i commenti che vi ho inviato sono arrivati a destinazione? In caso affermativo, posso sapere il perché della mancata pubblicazione? Non contenevano congetture o ipotesi, ma verità sull'islam che trovano riscontro nel corano e sono confermate da studiosi musulmani, ma delle quali solo in pochi sono a conoscenza. Oppure è già così grande la paura? La politica dello struzzo servirà solo a temporeggiare, ma non a rendere meno drammatico il risveglio.

    Rispondi

    • www.gazzettadiparma.it

      02 Novembre @ 18.33

      In effetti Giuliana dobbiamo darle atto che è rimasto "fermo" il suo commento, inviato assieme a tanti altri da vagliare (oltre a inserire tutte le notizie e i contributi multimediali che vede nel sito). Tutti possono dire le loro opinioni, però attenzione a non esagerare. La sua posizione è chiara - l'ha espressa in tanti commenti, in tanti "Dite la vostra" - e noi non abbiamo paura a pubblicarla, come lei sostiene. L'importante è documentarsi con fonti adeguate quando si fanno certe affermazioni e (in generale) non cadere nella diffamazione.

      Rispondi

  • giuliana

    02 Novembre @ 02.43

    Non esistono soluzioni intermedie e gli islamici di Parma, seguendo alla lettera gli insegnamenti del corano, utilizzano la falsità nei rapporti con gli infedeli. E' lo stesso corano che vieta qualunque legame di amicizia con i non musulmani, a meno che il mostrarsi docili e condiscendenti serva per acquisire dei vantaggi in territorio che considerano nemico. L'errore gravissimo che si sta commettendo nel rapporto con l'islam è quello di deformare, interpretandolo come simile al nostro e quindi occidentalizzandolo, un comportamento che in realtà è il contrario di ciò che noi riteniamo "corretto" e leale. Davvero credete alla favola che, abitando in Italia, si considerino sottoposti alle leggi italiane invece che a quelle stabilite dal corano e dagli hadith? Lo sapete che se fosse vero non potrebbero più considerarsi musulmani? E' un'ingenuità che non possiamo più tollerare da parte dei politici, perché è indice di scarsa conoscenza, se non di ignoranza totale, del mondo islamico. E purtroppo questa ingenuità è destinata a costarci veramente cara.

    Rispondi

  • dario

    29 Ottobre @ 11.52

    questi sono fatti tangibili a differenza di chi sbandiera movimenti inesistenti e degli immigrati non ne conosce l'esistenza mentre l'unica preoccupazione è apparire in telvisione e arricchirsi... chi vuole capire capisca

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Hub Café: il party messicano

Pgn feste

Hub Café: il party messicano Foto

Festa d'addio di Obama, a sorpresa esibizione di Springsteen

Casa Bianca

Festa d'addio di Obama, a sorpresa esibizione di Springsteen

Addio a Loalwa Braz Vieira, regina della "lambada"

brasile

Morta carbonizzata Loalwa Braz Vieira, regina della "lambada"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO 

Prosa e Lirica, risate e emozioni a teatro: il meglio della settimana

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Falsi vigili svuotano una cassaforte

A Marore

Falsi vigili svuotano una cassaforte

Fidenza

Meningite, la 14enne è fuori pericolo

Intervista

Muti: «Con Verdi e Toscanini ho la coscienza in pace»

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma!

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

L'odissea di un giardiniere

«Con il mio Euro2 non posso lavorare»

EMERGENZA

Parma si mobilita

Incidente Cascinapiano

Filippo sarà vestito da calciatore: sabato il funerale a Langhirano Video

IL FATTO DEL GIORNO

Massese pericolosa, Brambilla: "Il rimpallo di responsabilità è inaccettabile" Video

Parma

Legionella: la causa del contagio resta sconosciuta

Esclusi l’acquedotto pubblico, la rete delle derivazioni dall’acquedotto stesso, l'irrigazione del campo sportivo e gli impianti della "Città di Parma"

Il racconto

«Quando Roosevelt si insedio al Campidoglio»

Lutto

Addio a Ines Salsi, una vita piena di fede

MERCATO

Evacuo, trattative congelate

SISMA E GELO

Il Soccorso Alpino di Parma salva famiglie intrappolate sotto due metri di neve Video

I tecnici di Parma operano sull'Appennino di Ascoli Piceno per raggiungere le frazioni isolate

polizia

Rapina in villa a Porporano: arrestata tutta la banda Video

polizia

Raffica di furti in viale Fratti e viale Mentana: arrestato 26enne

2commenti

tg parma

Via Marmolada: si fingono avvocato e maresciallo per truffare anziani Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Quei «no» che non sappiamo più dire ai figli

2commenti

EDITORIALE

L’America di mio padre cinquant'anni dopo

di Filiberto Molossi

ITALIA/MONDO

Rigopiano (Pescara)

Hotel sommerso da una slavina: due vittime accertate, decine di dispersi Foto

2commenti

PADOVA

Orge in canonica, con il prete c'era anche un trans

2commenti

SOCIETA'

AGENDA DELL'AUTO

Bollo auto, ecco cosa bisogna sapere

Pescara

Cantante del "Volo": "Dovevo essere all'hotel Rigopiano"

SPORT

Moto

La nuova Yamaha di Rossi: le foto

RUGBY

Grande festa per la città di Parma: Zebre contro London Wasps Video

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, ci siamo. Il Suv è già ordinabile Fotogallery

PROVA SU STRADA

Peugeot 2008, per chi non si accontenta