18°

Strajè-Stranieri

Stranieri a quota 46mila: sono il 10% della popolazione parmense

Stranieri a quota 46mila: sono il 10% della popolazione parmense
11

Gli stranieri residenti in provincia di Parma sono 45.994, vale a dire oltre il 10% del totale dei residenti (per l’esattezza il 10,6%): l'aumento è stato di 6.847 persone rispetto all’anno scorso (+17,5%), il più alto mai rilevato. In dieci anni la presenza di immigrati si è più che quadruplicata: al 1.1.1999, infatti, risiedevano nel nostro territorio 10.781 immigrati.
Questi alcuni dei dati del Rapporto provinciale sull’immigrazione 2009, curato dall’Osservatorio Provinciale Immigrazione in collaborazione con gli altri Osservatori e Servizi della Provincia che si occupano di immigrazione (Ufficio Statistica, Osservatorio Scolastico, Osservatorio sul Mercato del Lavoro, Servizio Formazione Professionale, Osservatorio Politiche Abitative) e, per la prima volta, in collaborazione con l’Azienda Usl di Parma.

FORNOVO: IMMIGRATI A +15% IN UN ANNO - Il rapporto 2009 (scaricabile dal sito www.sociale.parma.it  è stato presentato questa mattina all’Auditorium di Banca Monte. Il documento dice che la popolazione straniera è aumentata nell’ultimo anno nella maggior parte dei comuni della provincia. Le percentuali più alte di presenza straniera rispetto alla popolazione complessiva si rilevano nel capoluogo (11,9%) e nei comuni posti nelle immediate vicinanze, ma anche in alcuni centri collinari. Al primo e al secondo posto della graduatoria relativa troviamo infatti i comuni di Fornovo (15,1%) e Calestano (15,0%). La crescita degli immigrati continua anche nella scuola: nell’anno scolastico 2008-09 negli istituti della provincia di Parma gli alunni di cittadinanza non italiana sono stati 7.417, l’incidenza è stata del 13,4% sul totale della popolazione scolastica complessiva (55.419).

410 LE CONCESSIONI DI CITTADINANZA - Nel 2008 le concessioni di cittadinanza in provincia di Parma sono state 410, di cui 252 (61,4%) per residenza e 158 (38,5%) per matrimonio. Il 16% dei matrimoni celebrati nel 2008 in provincia di Parma è stato tra una persona italiana e una straniera, le cosiddette “coppie miste”. I matrimoni fra stranieri sono circa l’8% del totale. Per quanto riguarda la casa, al 1° gennaio scorso le famiglie straniere negli alloggi di edilizia residenziale pubblica (Erp) sono 691 (48 in più dell’anno precedente) e rappresentano il 12% del totale delle famiglie assegnatarie.

BERNAZZOLI: "ORA CONCENTRIAMOCI SULL'INTEGRAZIONE" - “I dati ci mostrano che quello della presenza degli immigrati nel nostro territorio è un fenomeno consolidato e caratterizzato da cifre sempre più considerevoli, e contribuiscono a sfatare luoghi comuni che spesso sono duri a morire. Basti pensare a quelli sulla casa: le famiglie straniere negli alloggi di edilizia residenziale pubblica rappresentano non la maggior parte ma il 12% del totale delle famiglie assegnatarie. Credo che i dati contenuti nel Rapporto 2009 costituiscano una base molto utile per affrontare al meglio la cosiddetta “seconda fase”, successiva alla prima ondata: ora possiamo concentrarci a favorire il processo di integrazione, sul quale c’è ancora da fare”, ha detto in apertura il presidente della Provincia Vincenzo Bernazzoli, sottolineando l’impegno dell’ente di piazza della Pace: “impegno per garantire la coesione sociale nel nostro territorio con tante iniziative, nonostante la diminuzione di trasferimenti statali”. 
“Il Rapporto 2009 conferma che siamo oltre il fenomeno – ha commentato l’assessore provinciale alle Politiche sociali Marcella Saccani -. Quando una presenza tocca 46mila unità, come nel nostro caso, non siamo più a un episodio passeggero ma di fronte a una costante. C’è una presenza forte di immigrati nel mercato nel lavoro, nella scuola oltre il 13% degli alunni sono stranieri, c’è una forte partecipazione degli immigrati ai percorsi della formazione professionale, intesi proprio come ricerca di qualificazione, aggiornamento e volontà di contestualizzare la loro presenza in un mondo che si evolve e che produce sempre nuovi saperi. Il Rapporto 2009 non racconta solo numeri ma verità su cui riflettere tutti: amministrazioni pubbliche, politica, mondo del lavoro”.
“Credo che il Rapporto provinciale sia uno strumento molto utile, innanzitutto perché è una fotografia assolutamente trasversale e globale del fenomeno migratorio: è una base imprescindibile per impostare politiche e strategie sul tema”, ha osservato Manuela Amoretti, assessore alla Formazione professionale e alle Politiche del lavoro, che tra le questioni da affrontare ne ha evidenziata in particolare una: “Uno degli obiettivi più importanti che dovremo tutti porci è come far sì che i giovani immigrati possano arrivare sempre più numerosi ai livelli alti dell’istruzione, perché sarà su questo che si deciderà la loro posizione, la loro collocazione nella società di domani. Su questo c’è ancora tanto da fare, basta guardare ai numeri degli studenti universitari immigrati: c’è bisogno di un gran lavoro collettivo”.

A MARZO SCIOPERO DEGLI STRANIERI - Nel corso dell’incontro di stamattina i dati sono stati presentati dai funzionari dei diversi settori della Provincia coinvolti nella costruzione del Rapporto 2009. Sono intervenuti anche Massimo Fabi, direttore generale dell’Azienda Usl di Parma, Andrea Stuppini, responsabile del Servizio Politiche per l’accoglienza e l’integrazione sociale della Regione Emilia Romagna, il sociologo e giornalista Giorgio Triani, Cecilia Scaffardi, direttrice della Caritas diocesana di Parma, e Radwan Khawatmi, presidente del Movimento Nuovi italiani. Proprio Radwan Khawatmi ha annunciato uno sciopero per il prossimo 1° marzo: “Stiamo dando vita a molte iniziative per far sì che l’integrazione diventi una realtà. Ora la questione sul tappeto è governativa: il governo deve prendere in mano la situazione e trovare delle soluzioni. Noi abbiamo deciso uno sciopero generale il 1° marzo, cui parteciperanno oltre 18 milioni di persone in Europa. In Italia abbiamo circa 2 milioni e 200mila lavoratori, e il 1° marzo ci fermiamo. Vorremmo sensibilizzare l’opinione pubblica per vedere se il lavoro degli immigrati è una cosa utile a questo paese o no”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • giuliana

    21 Dicembre @ 09.42

    Il fenomeno migratorio è tale e resta gestibile solo quando non supera il 2-3% della popolazione. Con i numeri attuali ci troviamo di fronte ad un'INVASIONE. E' facile capire chi arriverà presto ai posti di comando. La verità è che siamo stati regalati, quale popolo bue insieme al nostro territorio, a chi, una volta, veniva chiaramente indicato come INVASORE e respinto.. Buona parte della libertà che avevamo prima dell'esplosione di tale fenomeno è ormai perduta. Come prezzo è molto alto, ma pare che per i politici sia un effetto collaterale del tutto trascurabile. Non siamo che all'inizio. Con lo sciopero annunciato vogliono semplicemente misurare la loro forza per ricattarci e spremerci meglio. Per fare un confronto attendibile COSTi-BENEFICI dell'immmigrazione devono essere rese pubbliche tutte quelle voci che, a partire dai sussidi che vengono erogati fin dall'arrivo nei centri di accoglienza, vengono opportunamente nascoste per non provocare la legittima reazione degli autoctoni. La verità è che questo fenomeno viene incoraggiato sulla pelle dei più deboli dei cittadini italiani, ai quali, se ne restano, vengono riservate le briciole.

    Rispondi

  • vittorio

    17 Dicembre @ 13.40

    Quanti ne possiamo assorbire ancora? Questo é il punto. Ce ne sono 300 milioni che vorrebbero venire, cosa facciamo ? Vogliamo diventare un paese afroasiatico e riprodurre qui le loro societá ? Vogliamo arrivare ad avere gli stessi problemi loro, sovrapopolazione , miseria, slums, accattonaggio ? Se sí, non abbiamo che da accoglierli tutti é la via piú facile, che segue gli indirizzi della Chiesa e di tutti i movimenti terzomondisti, e di sinistra. Se sparirá la nostra societá cosí come la conosciamo, nessun problema ci penseranno la Livia Turco, Ferrero, Don Gallo, Monsignor Nogaro, Fini ecc... a risolvere il problema e dar lavoro a tutti.

    Rispondi

  • Maurizio

    17 Dicembre @ 12.38

    Il dato è sottostimato...... basta passeggiare in centro per accorgersi che non solo l'Italiano è una lingua in via di estinzione ma che non è realistico il dato....

    Rispondi

  • mauro

    17 Dicembre @ 12.27

    bravo klukluxiano; allora che vuol dire che l'altro 90% della popolazione commette il 20% dei reati.?

    Rispondi

  • popolo73

    17 Dicembre @ 11.02

    ......SCANDALOSO!!!!!!.......

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano Foto Il video

Salsomaggiore

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano Foto Il video

3commenti

Sembra ieri 1/1: 1984 - In piazza della Pace l'ippopotamo Pippo

TV PARMA

Sembra ieri: 1985 - Il "nuovo" Ponte Italia

1commento

Le serate special al Cafè 47

Era qui la festa

Le serate special al Cafè 47 Fotogallery

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

musica

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

Lealtrenotizie

Cagnolina trova la marijuana al parco e la mangia: salva per miracolo

Falcone-Borsellino

Cagnolina trova la marijuana al parco e la mangia: salva per miracolo

polizia municipale

Tre minorenni sorpresi con alcolici: multa al locale che glieli ha venduti

1commento

gazzareporter

Barriera Repubblica, l'orologio non si è aggiornato con l'ora legale

1commento

Viale Barilla

Lite tra giovani, ma chi ha la peggio è un vigile

2commenti

l'agenda

Domenica tra mercatini golosi, castelli e... la Coppa di Fantozzi

esclusiva

Raffaele Sollecito: «La mia vita riparte da Parma»

Il delitto di Meredith, il processo, l'assoluzione, il rapporto con Amanda. Ecco l'intervista completa

14commenti

La storia

Madre e figlio si laureano lo stesso giorno

ospedale

Radioterapia, arrivano nuove tecnologie

Le testimonianze dei pazienti: "Così sconfiggiamo la paura"

Collecchio

Suona l'allarme, ladri messi in fuga dai vicini

1commento

collecchio

Razziava gli armadietti di una piscina, arrestato un 33enne Video

Langhirano

La torta delle paste rosse: la storia di un paese in una ricetta

Volontariato

Le cento donazioni di Cherubino

L'INTERVISTA

Andrea Pucci: «La mia vita tutta da ridere»

Il 31 marzo il comico sarà al Paganini

musica

Inaugurato il Centro Toscanini: guarda chi c'era Fotogallery

1commento

soccorso alpino

Pietra di Bismantova, il ferito è un 43enne di Carpi Il video del salvataggio

Cede un chiodo durante la ferrata: cade nel dirupo

LANGHIRANO

Frontale a Pilastro, nessun ferito grave

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Chi ha interesse a volere la realtà percepita

EDITORIALE

Truffe, anziani e soldi sotto il materasso

di Carlo Brugnoli

2commenti

ITALIA/MONDO

Incidenti

Tir travolge operai al lavoro sulla A10: due morti

STATI UNITI

Stretta sui visti, controlli anche sui social Video

WEEKEND

la peppa

La ricetta della domenica - Tartine fiorite

cinema

Weekend ricco al cinema: i due consigli del CineFilo Video

SPORT

formula 1

Trionfo rosso: Vettel domina il Gp d'Australia. Hamilton secondo

motomondiale

Speciale Vecchi “leoni” e giovanotti rampanti iniziata la caccia al titolo di Marquez

MOTORI

NOVITA'

Non solo Suv: ecco le nuove berline e wagon del 2017

restyling

Mercedes, ora la GLA è più alta e più connessa