12°

Strajè-Stranieri

Stranieri a quota 46mila: sono il 10% della popolazione parmense

Stranieri a quota 46mila: sono il 10% della popolazione parmense
11

Gli stranieri residenti in provincia di Parma sono 45.994, vale a dire oltre il 10% del totale dei residenti (per l’esattezza il 10,6%): l'aumento è stato di 6.847 persone rispetto all’anno scorso (+17,5%), il più alto mai rilevato. In dieci anni la presenza di immigrati si è più che quadruplicata: al 1.1.1999, infatti, risiedevano nel nostro territorio 10.781 immigrati.
Questi alcuni dei dati del Rapporto provinciale sull’immigrazione 2009, curato dall’Osservatorio Provinciale Immigrazione in collaborazione con gli altri Osservatori e Servizi della Provincia che si occupano di immigrazione (Ufficio Statistica, Osservatorio Scolastico, Osservatorio sul Mercato del Lavoro, Servizio Formazione Professionale, Osservatorio Politiche Abitative) e, per la prima volta, in collaborazione con l’Azienda Usl di Parma.

FORNOVO: IMMIGRATI A +15% IN UN ANNO - Il rapporto 2009 (scaricabile dal sito www.sociale.parma.it  è stato presentato questa mattina all’Auditorium di Banca Monte. Il documento dice che la popolazione straniera è aumentata nell’ultimo anno nella maggior parte dei comuni della provincia. Le percentuali più alte di presenza straniera rispetto alla popolazione complessiva si rilevano nel capoluogo (11,9%) e nei comuni posti nelle immediate vicinanze, ma anche in alcuni centri collinari. Al primo e al secondo posto della graduatoria relativa troviamo infatti i comuni di Fornovo (15,1%) e Calestano (15,0%). La crescita degli immigrati continua anche nella scuola: nell’anno scolastico 2008-09 negli istituti della provincia di Parma gli alunni di cittadinanza non italiana sono stati 7.417, l’incidenza è stata del 13,4% sul totale della popolazione scolastica complessiva (55.419).

410 LE CONCESSIONI DI CITTADINANZA - Nel 2008 le concessioni di cittadinanza in provincia di Parma sono state 410, di cui 252 (61,4%) per residenza e 158 (38,5%) per matrimonio. Il 16% dei matrimoni celebrati nel 2008 in provincia di Parma è stato tra una persona italiana e una straniera, le cosiddette “coppie miste”. I matrimoni fra stranieri sono circa l’8% del totale. Per quanto riguarda la casa, al 1° gennaio scorso le famiglie straniere negli alloggi di edilizia residenziale pubblica (Erp) sono 691 (48 in più dell’anno precedente) e rappresentano il 12% del totale delle famiglie assegnatarie.

BERNAZZOLI: "ORA CONCENTRIAMOCI SULL'INTEGRAZIONE" - “I dati ci mostrano che quello della presenza degli immigrati nel nostro territorio è un fenomeno consolidato e caratterizzato da cifre sempre più considerevoli, e contribuiscono a sfatare luoghi comuni che spesso sono duri a morire. Basti pensare a quelli sulla casa: le famiglie straniere negli alloggi di edilizia residenziale pubblica rappresentano non la maggior parte ma il 12% del totale delle famiglie assegnatarie. Credo che i dati contenuti nel Rapporto 2009 costituiscano una base molto utile per affrontare al meglio la cosiddetta “seconda fase”, successiva alla prima ondata: ora possiamo concentrarci a favorire il processo di integrazione, sul quale c’è ancora da fare”, ha detto in apertura il presidente della Provincia Vincenzo Bernazzoli, sottolineando l’impegno dell’ente di piazza della Pace: “impegno per garantire la coesione sociale nel nostro territorio con tante iniziative, nonostante la diminuzione di trasferimenti statali”. 
“Il Rapporto 2009 conferma che siamo oltre il fenomeno – ha commentato l’assessore provinciale alle Politiche sociali Marcella Saccani -. Quando una presenza tocca 46mila unità, come nel nostro caso, non siamo più a un episodio passeggero ma di fronte a una costante. C’è una presenza forte di immigrati nel mercato nel lavoro, nella scuola oltre il 13% degli alunni sono stranieri, c’è una forte partecipazione degli immigrati ai percorsi della formazione professionale, intesi proprio come ricerca di qualificazione, aggiornamento e volontà di contestualizzare la loro presenza in un mondo che si evolve e che produce sempre nuovi saperi. Il Rapporto 2009 non racconta solo numeri ma verità su cui riflettere tutti: amministrazioni pubbliche, politica, mondo del lavoro”.
“Credo che il Rapporto provinciale sia uno strumento molto utile, innanzitutto perché è una fotografia assolutamente trasversale e globale del fenomeno migratorio: è una base imprescindibile per impostare politiche e strategie sul tema”, ha osservato Manuela Amoretti, assessore alla Formazione professionale e alle Politiche del lavoro, che tra le questioni da affrontare ne ha evidenziata in particolare una: “Uno degli obiettivi più importanti che dovremo tutti porci è come far sì che i giovani immigrati possano arrivare sempre più numerosi ai livelli alti dell’istruzione, perché sarà su questo che si deciderà la loro posizione, la loro collocazione nella società di domani. Su questo c’è ancora tanto da fare, basta guardare ai numeri degli studenti universitari immigrati: c’è bisogno di un gran lavoro collettivo”.

A MARZO SCIOPERO DEGLI STRANIERI - Nel corso dell’incontro di stamattina i dati sono stati presentati dai funzionari dei diversi settori della Provincia coinvolti nella costruzione del Rapporto 2009. Sono intervenuti anche Massimo Fabi, direttore generale dell’Azienda Usl di Parma, Andrea Stuppini, responsabile del Servizio Politiche per l’accoglienza e l’integrazione sociale della Regione Emilia Romagna, il sociologo e giornalista Giorgio Triani, Cecilia Scaffardi, direttrice della Caritas diocesana di Parma, e Radwan Khawatmi, presidente del Movimento Nuovi italiani. Proprio Radwan Khawatmi ha annunciato uno sciopero per il prossimo 1° marzo: “Stiamo dando vita a molte iniziative per far sì che l’integrazione diventi una realtà. Ora la questione sul tappeto è governativa: il governo deve prendere in mano la situazione e trovare delle soluzioni. Noi abbiamo deciso uno sciopero generale il 1° marzo, cui parteciperanno oltre 18 milioni di persone in Europa. In Italia abbiamo circa 2 milioni e 200mila lavoratori, e il 1° marzo ci fermiamo. Vorremmo sensibilizzare l’opinione pubblica per vedere se il lavoro degli immigrati è una cosa utile a questo paese o no”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • giuliana

    21 Dicembre @ 09.42

    Il fenomeno migratorio è tale e resta gestibile solo quando non supera il 2-3% della popolazione. Con i numeri attuali ci troviamo di fronte ad un'INVASIONE. E' facile capire chi arriverà presto ai posti di comando. La verità è che siamo stati regalati, quale popolo bue insieme al nostro territorio, a chi, una volta, veniva chiaramente indicato come INVASORE e respinto.. Buona parte della libertà che avevamo prima dell'esplosione di tale fenomeno è ormai perduta. Come prezzo è molto alto, ma pare che per i politici sia un effetto collaterale del tutto trascurabile. Non siamo che all'inizio. Con lo sciopero annunciato vogliono semplicemente misurare la loro forza per ricattarci e spremerci meglio. Per fare un confronto attendibile COSTi-BENEFICI dell'immmigrazione devono essere rese pubbliche tutte quelle voci che, a partire dai sussidi che vengono erogati fin dall'arrivo nei centri di accoglienza, vengono opportunamente nascoste per non provocare la legittima reazione degli autoctoni. La verità è che questo fenomeno viene incoraggiato sulla pelle dei più deboli dei cittadini italiani, ai quali, se ne restano, vengono riservate le briciole.

    Rispondi

  • vittorio

    17 Dicembre @ 13.40

    Quanti ne possiamo assorbire ancora? Questo é il punto. Ce ne sono 300 milioni che vorrebbero venire, cosa facciamo ? Vogliamo diventare un paese afroasiatico e riprodurre qui le loro societá ? Vogliamo arrivare ad avere gli stessi problemi loro, sovrapopolazione , miseria, slums, accattonaggio ? Se sí, non abbiamo che da accoglierli tutti é la via piú facile, che segue gli indirizzi della Chiesa e di tutti i movimenti terzomondisti, e di sinistra. Se sparirá la nostra societá cosí come la conosciamo, nessun problema ci penseranno la Livia Turco, Ferrero, Don Gallo, Monsignor Nogaro, Fini ecc... a risolvere il problema e dar lavoro a tutti.

    Rispondi

  • Maurizio

    17 Dicembre @ 12.38

    Il dato è sottostimato...... basta passeggiare in centro per accorgersi che non solo l'Italiano è una lingua in via di estinzione ma che non è realistico il dato....

    Rispondi

  • mauro

    17 Dicembre @ 12.27

    bravo klukluxiano; allora che vuol dire che l'altro 90% della popolazione commette il 20% dei reati.?

    Rispondi

  • popolo73

    17 Dicembre @ 11.02

    ......SCANDALOSO!!!!!!.......

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Hub Cafè: vestiti anni '50

Pgn feste

Hub Cafè: vestiti anni '50 Foto

Morto il fratello dell'inviato Valerio Staffelli

Striscia la notizia

Morto il fratello dell'inviato Valerio Staffelli

«Ok il prezzo è giusto», alla presentatrice cede il vestito in diretta tv

Australia

Cede il vestito in diretta: esce il seno

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO

Il rugby irrompe in scena. E arriva il "bello" Sergio Muniz

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Tre ragazzi con la scabbia alle superiori

Malattie

Tre ragazzi con la scabbia alle superiori

Borseggio

«Tenetevi i soldi, ma ridatemi la foto del nipotino»

SALSOMAGGIORE

Addio a Renzo Tosi, il re della focaccia di Natale

Spettacoli

Agnese Scotti: «Il mio teatro è fisico»

CALCIO

A Salò un Parma affamato

EVENTO

I 70 anni della Famija Pramzana

SORBOLO

Se n'è andato Giuliano Rosati, poliedrico e infaticabile

Lesioni

Borgotaro, carnevale insanguinato

Parma

Carnevale, carri e maschere dal Battistero alla Cittadella Foto Video

Parma

Concerto benefico con Frisina e il coro di Roma: coda per entrare in Duomo

Evento per i 10 anni dell'Hospice delle Piccole Figlie e per ricordare il vescovo Bonicelli, scomparso nel 2009

Parma

Straordinari non pagati: Poste condannate a risarcire portalettere Video

Prima sentenza in Italia

1commento

lutto

Collecchio piange Massimiliano Ori, lo sportivo dall'animo gentile

Aveva 51 anni

1commento

carabinieri

Inseguimento a Vicofertile, recuperato bottino da 15mila euro Video

viabilità

Il calendario e la mappa degli autovelox della settimana

Appennino reggiano

Scontro fra moto: intervengono due elicotteri, un ferito grave portato a Parma 

L'altro motociclista è stato portato a Baggiovara (Modena)

SQUADRA MOBILE

Nigeriane costrette a prostituirsi: arrestata donna complice del racket

Dalle indagini, il racconto dell'odissea delle ragazze reclutate in Africa

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IMPRESE

Top500 Parma, ecco la classifica completa

IL DIRETTORE RISPONDE

Le multe facili e quelle difficili

5commenti

ITALIA/MONDO

loreto mare

I furbetti del cartellino sono stati traditi dai loro telefonini

Padova

Curava le pazienti con "orgasmi terapeutici": medico condannato

1commento

WEEKEND

FIERE

E' iniziato Mercanteinfiera: curiosità fra gli stand Foto

45 anni fa: il disco

Catch bull at four - Quando Cat Stevens cantava in latino

SPORT

lega pro

La Reggiana vince e si fa sotto. Il Gubbio si allontana

sport

Inaugurato il Parma Golf Show Videointerviste

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, il Suv del Biscione. Da 50.800 euro Video

NOVITA'

Bmw, la nuova Serie 5 ragiona da ammiraglia