11°

22°

Strajè-Stranieri

Integrazione: Parma si piazza diciassettesima

Integrazione: Parma si piazza diciassettesima
Ricevi gratis le news
2

 Una piena integrazione a Parma? Traguardo possibile. Nonostante i problemi e gli episodi di microcriminalità che riempiono le pagine dei giornali. A dirlo è il XV «Rapporto nazionale sulle migrazioni 2009» della Fondazione Ismu che quest'anno scatta una fotografia sul pianeta stranieri impiegando uno strumento in più: il volume degli Indici di integrazione. 

Di cosa si tratta? Molto semplicemente di un numero compreso tra 0 e 1 (estremi di minima e massima integrazione) e basato su un'indagine effettuata su 12 mila immigrati residenti in 32 città. Ebbene, Parma si posiziona circa a metà classifica: al diciassettesimo posto (indice 0,49), segno che una buona convivenza tra italiani e stranieri nella nostra città è tutt'altro che impossibile.
Per quanto riguarda l'Emilia Romagna si piazzano bene Modena e Ravenna, quarte a pari merito con un indice di 0,54.
Guardando non alle aree geografiche ma alle persone l'indagine rivela che i più integrati fra gli stranieri sono le donne, i coniugati (specie con italiani) che hanno figli, coloro che hanno un'istruzione elevata e redditi abbastanza alti. E poi ancora: gli stranieri che sono in Italia da molto tempo, quelli che vivono con i familiari, in autonomia abitatativa e che mantengono pochi legami di relazioni e di aiuto economico con il Paese d'origine.
Se si guarda le aree di provenienza, il gruppo più integrato è quello che arriva dall'America Latina (al primo posto i brasiliani, poi i dominicani) seguito dall'Europa dell'Est (in pole position gli albanesi). Fanalino di coda, invece, è l'Asia.
Se si guarda alle diverse religioni, il punteggio più alto in questo caso è raggiunto dai copti, seguito dai cattolici e da coloro che non praticano nessuna religione.
Il rapporto evidenzia inoltre che cresce il popolo degli immigrati regolari in Italia. Al 1° gennaio 2009 gli stranieri in regola erano 4,8 milioni: mezzo milione in più rispetto al 2008. Di conseguenza diminuiscono gli irregolari: dai 651 mila del 2008 ai 422 mila del 2009.  
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • dj manage

    21 Dicembre @ 20.06

    ma mi chiedo per che cavolo mettete sempre la foto di un nero... cavolo se nn ho letto male tra la classifica (INUTILE perché integrarsi nn è una gara) che hai fatto gli africani nn son nominati,.

    Rispondi

  • giuliana

    21 Dicembre @ 16.29

    Da un'editoriale di Giovanni Sartori- Due premesse. Primo, che la questione non è tra bianchi, neri e gialli, non è sul colore della pelle, ma invece sulla «integra­bilità » dell’islamico. Se­condo, che a fini pratici (il da fare ora e qui) non serve leggere il Corano ma imparare dall'espe­rienza. La domanda è allo­ra se la storia ci racconti di casi, dal 630 d.C. in poi, di integrazione degli islamici, o comunque di una loro riuscita incorpo­razione etico-politica (nei valori del sistema politi­co), in società non islami­che. La risposta è sconfor­tante: no. Il caso esemplare è l’In­dia, dove le armate di Al­lah si affacciarono agli ini­zi del 1500, insediarono l’impero dei Moghul, e per due secoli dominaro­no l’intero Paese. Si avver­ta: gli indiani «indigeni» sono buddisti e quindi pa­ciosi, pacifici; e la maggio­ranza è indù, e cioè poli­teista capace di accoglie­re nel suo pantheon di di­vinità persino un Mao­metto. Eppure quando gli inglesi abbandonarono l’India dovettero inventa­re il Pakistan, per evitare che cinque secoli di coesi­stenza in cagnesco finisse­ro in un mare di sangue. Conosco, s’intende, an­che altri casi e varianti: dalla Indonesia alla Tur­chia. Tutti casi che rivela­no un ritorno a una mag­giore islamizzazione, e non (come si sperava al­meno per la Turchia) l’av­vento di una popolazione musulmana che accetta lo Stato laico. Veniamo all’Europa. In­ghilterra e Francia si sono impegnate a fondo nel problema, eppure si ritro­vano con una terza gene­razione di giovani islami­ci più infervorati e incatti­viti che mai. Il fatto sor­prende perché cinesi, giapponesi, indiani, si ac­casano senza problemi nell’Occidente pur mante­nendo le loro rispettive identità culturali e religio­se. Ma — ecco la differen­za — l’Islam non è una re­ligione domestica; è inve­ce un invasivo monotei­smo teocratico che dopo un lungo ristagno si è ri­svegliato e si sta vieppiù infiammando. Illudersi di integrarlo «italianizzan­dolo » è un rischio da gi­ganteschi sprovveduti, un rischio da non rischia­re. Vuoi vedere che anche a sinistra cominciano a svegliarsi?

    Rispondi

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Della Noce: da Zelig al dormire in auto

Il caso

Della Noce: da Zelig al dormire in auto

I meravigliosi colori dell'autunno sull'Appennino parmense: 10 foto di Giovanni Garani

fotografia

I meravigliosi colori dell'autunno sull'Appennino parmense: 10 foto di Giovanni Garani

Tieni sempre allenata la tua parmigianità con i nostri nuovi quiz

GAZZAFUN

Tieni sempre allenata la tua parmigianità con i nostri nuovi quiz

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Da Ezio Mauro a Massimo De Luca: grandi firme in scena

VELLUTO ROSSO

Da Ezio Mauro a Massimo De Luca: grandi firme in scena

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Due telecamere per controllare il terminal dei bus

STAZIONE

Due telecamere per controllare il terminal dei bus

Furto

Via Calatafimi: spaccata «diurna» all'ortofrutta

Fidenza

Addio a Gino Minardi, storico bottegaio

Personaggi

Varriale, voce parmigiana delle World Series

Calcio

Parma, cambia il modulo?

BEDONIA

Telecamera a caccia di meteoriti

Scurano

Il paese fa festa, i ladri anche

SCUOLA

Più di 1.100 supplenti in cattedra

Smog

Stop ai diesel euro 4 da domani e fino a lunedì Il servizio del Tg Parma

Polveri sottili alle stelle, si corre ai rimedi. Escluse dalla limitazioni le auto con almeno tre persone a bordo

23commenti

PARMA

Operata una bimba del peso di 700 grammi

Nata pretermine. Coinvolti chirurghi, cardiologici e neonatologi di tre ospedali

FIDENZA

Muore a 51 anni, 11 giorni dopo l'incidente in bici

Giovanni Rapacioli era molto conosciuto: era il pizzaiolo-dj di via Berenini

ANTEPRIMA GAZZETTA

Busseto, un altro odioso caso di stalking

Le anticipazioni sulla Gazzetta di domani dal direttore Michele Brambilla

tg parma

Via Lagoscuro: arrestato in Romania la mente del racket della prostituzione Video

BUSSETO

Tenta di investire l'ex moglie in un parcheggio: arrestato 65enne Video

L'uomo, un operaio residente a Polesine, è accusato di resistenza e stalking

2commenti

Lutto

Folla al funerale di Luca Moroni

Nel Duomo di Fidenza l'addio all'ingegnere morto in un incidente stradale

UNIVERSITA'

Bici legate al montascale, ancora bloccata la ragazza disabile

7commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Referendum e regionali, la sfida nel centrodestra

di Luca Tentoni

L'INCHIESTA

Bitcoin, il vero problema è la mancanza di un governo

di Giovanni Fracasso

ITALIA/MONDO

Firenze

Cade un capitello della basilica di Santa Croce: turista ucciso

RIMINI

Vigile si uccide: era indagato per assenteismo

SPORT

EUROPA LEAGUE

Vincono Lazio e Atalanta, Milan bloccato a San Siro dall'Aek

Calcio

L'exploit di Federico: esordio in Azzurro con gol

SOCIETA'

MUSICA

ParmaJazz Frontiere 2017: grandi nomi al Festival

musica

Elio e le Storie Tese: dopo 37 anni il "valzer" d'addio

MOTORI

L'ANTEPRIMA

Ecco T-Roc: in 5 punti il nuovo Suv di Volkswagen Foto

ANTEPRIMA

Arona: il nuovo Suv compatto di Seat in 5 mosse Foto