20°

30°

polemiche

Profughi, rom...Parole, paure e rabbie parmigiane 2015

Nei commenti al sito e nel dibattito sui social reazioni contrapposte: quasi una doppia parmigianità

Profughi, rom...Parole, paure e rabbie parmigiane 2015
19

Francesco - 10 Luglio @ 05.38:

La gente è stanca e chi non l'ha capito vuol dire che non ha capito il popolo. il buonismo è solo coglionaggine !

Francesco - 10 Luglio @ 07.41:

VERGOGNATEVI! No ai centri di accoglienza significa No a solidarietà umana e aiuto a persone che scappano dalla morte. In Italia siamo a livelli tali di ignoranza e impoverimento culturale da non renderci conto che quello per cui protestare non è la contrarietà a forme di accoglienza organizzata e legale ma l'esatto contrario. NO ALLO STATUS DI CLANDESTINO, NO ALLA DETENZIONE NEI CAMPI PROFUGHI, NO ALLA RIDUZIONE IN SCHIAVITU' DI PERSONE, NO AD UNO STATO CHE SE NE FREGA DI POVERTA' E IMMIGRAZIONE FAVORENDO TENSIONI SOCIALI E ALIMENTANDO MAFIE E CRIMINALITA' DI OGNI TIPO, questi sono i problemi veri e le cose da combattere. SI' ALL'ACCOGLIENZA, SI' ALLA LEGALITA'.        ...............................................

Lo stesso nome Francesco, lo stesso spazio commenti, la stessa città... Eppure è difficile immaginare e simboleggiare meglio due mondi e due modi di pensare così contrapposti.

Sono due commenti all'articolo sui profughi e alla fiaccolata del Golese. Da una parte la rabbia, e quella parola (buonismo) che oggi è diventata quasi un insulto, o - come dice il primo Francesco - rischia di essere sinonimo di "coglionaggine". Dall'altra la replica del secondo Francesco, sulla situazione di queste persone e sulla necessità di un atteggiamento di accoglienza.

Fatta la tara a xenofobia e a strumentali ingerenze politiche (magari di segno opposto, come quelle viste a Golese) quello che arriva in redazione e che si percepisce in giro per la città è un crescente sbandamento, verbale e di pensiero, che non può essere liquidato o ignorato da nessuno. Che non si risolve ignorando chi la pensa diversamente o etichettandolo con disprezzo (razzista a tutti quelli che stanno dalla parte dei no, invertebrato o peggio a chi sta dalla parte dell'accoglienza).

Ovviamente è un problema di dimensioni ben più vaste di Parma o Baganzola. Ma intanto è qui che dobbiamo trovare risposte, possibilmente tutti insieme. Forse ne dovrebbero discutere di più anche le istituzioni e la politica, e più costruttivamente che non nelle ormai stucchevoli schermaglie quotidiane (proprio sui profughi, il dibattito che abbiamo riportato ieri e oggi è l'ennesimo e sterile muro contro muro, come se le lacune fossero tutte e solo a Parma o tutte e solo a Roma

Ma quello che a noi compete come cronisti, è soprattutto registrare questa tensione crescente, e questo snaturarsi - giorno dopo giorno - di quel senso di tolleranza e solidarietà che è sempre stato tipico dei parmigiani. E l'impressione è che non ci scrivano solo razzisti e xenofobi per "vocazione": ma che ci sia anche una fascia, non trascurabile, di parmigiani che pur partendo da "buone" intenzioni faticano ad accettare certe conseguenze di un fenomeno spesso senza controllo, certo non solo a Parma.

La stessa notizia dei 250mila euro stanziati per l'educazione dei bimbi rom, se da una parte viene vista come uno strumento per strappare quei bambini a un certo tipo di vita, dall'altra appare stridente a chi paragona - magari semplificando - i tagli agli asili o ad altri servizi con questo stanziamento. Allo stesso modo, nei commenti al sito avvertiamo la crescente insofferenza per uin sempre più diffuso rispetto dalle regole, che mette oggi fuori gioco (e fuori controllo?) aree di città, come nell'articolo sul parco di via Bologna, o che propone casi di vera impunità, come nella notizia di ieri sull'uomo condannato per avere sfregiato la moglie ma subito libero.

Ecco: quello che oggi sembra dirci il nostro spazio commenti, e quello che da cronisti possiamo limitarci a  segnalare,  è che oggi ci sono come due parmigianità, quasi contrapposte. E in mezzo c'è una grande e delicata questione (profughi e immigrazione di massa) che si potrà risolvere solo se ognuna delle due "fazioni", anzichè rinchiudersi nelle proprie convinzioni, si misurerà molto concretamente con le riflessioni dell'altra. Per arrivare a soluzioni concrete, che non incoraggino un latente razzismo ma che non creino ulteriore tensione.

Qual è la vostra opinione? Quali sono le proposte concrete? Che cosa dovrebbero fare la politica e le istituzioni cittadine? Dite la vostra nello spazio commenti sotto questo articolo

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Nocciolina

    11 Luglio @ 10.37

    se esistono due parmigianità contrapposte, allora sono quella della legalità contro quella dell'illegalità. Illegalità che sta anche nel privare i CITTADINI ITALIANI, che pagano le tasse ecc., delle risorse a cui avrebbero diritto e per le quali pagano: asili, scuole, ospedali, assistenza ai disabili e anziani... Una società sana deve prima di tutto pensare a queste cose e poi, forse, fare della "beneficienza".... ammesso che di ciò si possa parlare, visto che in realtà sembra che per essere "aiutati" in italia si debba essere clandestini, zingari, ladri e furbetti.

    Rispondi

  • marirhugo

    10 Luglio @ 23.22

    un giorno sull'autobus si sente ,dal cellulare acceso dell'autista " ...profughi distribuiti...."" e una signora seduta davanti "eh no, non sono mica pacchi!..."" e dal fondo dell'autobus " no, no, quelli vogliono tutto e subito: il cellulare, la parabolica, tutto gratis..." e poi altri due... 3 a 1 sembra contro i profughi.. ma no, contro il governo, i politici.. Un mio conoscente "la casa popolare le danno tutte agli extracomunitari" e io gli dico " dove abito io ci sono 20 famiglie, una marocchina e una rumena. e gli altri? tutti extra comunitari? " e lui " si mo vabe' pero'..." La terra girava intorno al sole, ma la chiesa ci ha messo 1500 anni per riconoscerlo. e ci sono ancora i lefebvriani. Le persone migrano da 20 mila anni, al giorno d'oggi sono piu' di 200 milioni, Parma ha 338 profughi.. allora e' possibile che esista il comitato Golese? si con i quali si deve dialogare?! giusto. Ma alla fine quelli del comitato nella scuola di baganzola e quelli di baganzola nelle case di quelli del comitato.

    Rispondi

    • filippo

      11 Luglio @ 01.04

      si 338 profughi a 35 euro al giorno quanto fa? ma si basta chiudere gli asili e dare 250.000 euro ai rom e quei fessi dei parmigiani stanno zitti

      Rispondi

  • giuseppe

    10 Luglio @ 19.53

    Ma di quale "razzismo" parli, Maurizio???!!! Qui scrivono solo due categorie di persone: quelle ipocrite (che dovrebbero invitare i profughi a casa loro) e quelle leali, schiette e sincere, quelle che scrivono la pura e semplice verità! Smettiamola con la sciocca demagogia!!!

    Rispondi

  • Maurizio

    10 Luglio @ 19.34

    A me su queste situazioni fanno tristezza i politici non i commenti quì sopra perchè salvo quelli di razzismo puro e fatti in pura malafede, tutte le opinioni hanno una parte di ragione, quello che mi da fastidio è il politico medio perchè o difende o accusa però spesso a seconda se è all'opposizione o al governo, esempio è proprio parma con la lega che si indigigna ma nessuno dice le cavolate che hanno fatto i politici leghisti al governo in materia di immigrazione, anche quelli del pd adesso fingono di non sapere accusando l'amministrazione ma non dicono nulla sulle politiche migratorie e su chi decide di portare i migranti a parma.... Troppe verginelle e troppi interessi da salvaguardare

    Rispondi

    • Filippo Bertozzi

      10 Luglio @ 22.59

      Finalmente la pensiamo nello stesso modo...

      Rispondi

  • Marco

    10 Luglio @ 14.07

    Non c'è niente da fare. Finchè ci "beviamo" tutto quello che ci propina nostra signora televisione continueremo a pensare che lo straniero è solo brutto, cattivo e assassino. Poi quando capita che uno di loro rischia di annegare per salvare nostro figlio nel fiume facciamo finta di niente. Negli anni 80-90 dilagava il rifiuto dei meridionali (la Lega nacque per questo). Ora tocca ai migranti. Comunque NULLA potrà fermare questa situazione. L'integrazione\convivenza razziale è inevitabile. Il Ducato di Parma e Piacenza è morto da un pezzo! E quelli che organizzano le marce lo fanno solo per avere voti (che poi si traducono in potere e soldi). Non c'è da parte loro nessun vero interesse, nessuna base culturale, nessun valore etico.

    Rispondi

    • Luca

      10 Luglio @ 15.04

      veramente Marco i cittadini fanno i conti con la realtà e non le fiction della TV e sbaglia chi, come te, della questione vede solo il lato umanitario e sbaglia, come tanti, chi vede solo il lato della sicurezza. In mezzo c'è l'incapacità e la l'improvvisazione politica di ha il compito e il mandato di governare le migrazioni e i flussi umanitari, la questione è solo in questi termini.La "Parma solidale" e "lo spirito dei parmigiani" sono solo parole, quando crei situazioni di degrado (in qualsiasi parte del mondo) non c'è razza o religione che tenga ognuno cerca di difendere il proprio spazio vitale.......

      Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Serena Williams incinta e senza veli su Vanity Fair

Serena Williams sulla copertina di Vanity (Ed. Usa)

Il caso

Serena Williams incinta e senza veli su Vanity Fair

"Bidonata" alle nozze porta gli invitati al ristorante. Risarcimento in arrivo?

sassari

"Bidonata" alle nozze porta gli invitati al ristorante. Risarcimento in arrivo?

«Io, pastore di giorno e pole dancer di sera»

PERSONAGGI

«Io, pastore di giorno e pole dancer di sera» Foto

Notiziepiùlette

Nabila: «Io, al servizio di Parma»
Consigliera marocchina

Nabila: «Io, al servizio di Parma»

Ultime notizie

Autovelox e autodetector: la mappa dei controlli

Autovelox (foto d'archivio)

CONTROLLI

Autovelox e autodetector: la mappa della settimana 

Lealtrenotizie

Truffa milionaria, agente immobiliare condannato a 7 anni e mezzo

IL CASO

Truffa milionaria, agente immobiliare condannato a 7 anni e mezzo

ATENEO

Preghiera musulmana, inaugurato lo spazio

TRIBUNALE

Armi e bossoli in casa, primi due patteggiamenti per la banda dei sardi

Intervista

Ermal Meta: «Il mio sogno si chiama musica»

La foto "virale"

Gocce di pioggia su di loro: ed è record di clic

Impresa

L'America's Cup parla parmigiano

SERIE B

Le vacanze dei crociati

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma!

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

LUTTO

La morte di don Bricoli, storico parroco di Riccò e di Vizzola

Incidente

Ciclista investito alle porte di Basilicagoiano (Video)

E' ricoverato in Rianimazione

1commento

furto

Folle notte al Barino, video 1: i ladri se ne vanno con la cassa, video 2  il secondo "visitatore" con 2 bottigliette d'acqua

13commenti

EMERGENZA

Siccità: in pianura la falda ha autonomia solo per altri 70-90 giorni Video

2commenti

Il fatto del giorno

Le parole di Bonaccini riaprono le ferite del Pd parmigiano Video

Crisi pd?

Bonaccini: "Parma poteva essere laboratorio nazionale". Franceschini: "Nati per unire, non dividere"

9commenti

GIUSTIZIA

Via Burla, l'allarme del sindacato: "Il carcere scoppia" Video

Il Sappe dichiara lo stato d'agitazione

1commento

musica

Silvia Olari ci racconta "Fuori di Testa" Videointervista

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il Parma è l'esempio per la rinascita della città

di Michele Brambilla

3commenti

EDITORIALE

Pd, quanti errori dietro l'ennesima batosta

di Stefano Pileri

4commenti

ITALIA/MONDO

follia

Marina di Massa, lite in famiglia: ferisce tre persone col machete

MANTOVA

Il "re dei ristoranti" finisce ai domiciliari per truffa

SOCIETA'

INFORMATICA

Maxi attacco hacker in Russia e Ucraina

Gallery sport

Lo spettacolo del beach volley Gallery

SPORT

SEMIFINALE

Gli azzurrini in dieci: la Spagna dilaga

vela

Coppa America, trionfo New Zealand. Primo sfidante Luna Rossa. Azzurra? Forse torna

MOTORI

LA PROVA

Nissan, 10 anni di Qashqai. Ecco come va il nuovo Foto Dati tecnici

ANTEPRIMA

Arona, ecco il Suv compatto secondo Seat