10°

polemiche

Profughi, rom...Parole, paure e rabbie parmigiane 2015

Nei commenti al sito e nel dibattito sui social reazioni contrapposte: quasi una doppia parmigianità

Profughi, rom...Parole, paure e rabbie parmigiane 2015
19

Francesco - 10 Luglio @ 05.38:

La gente è stanca e chi non l'ha capito vuol dire che non ha capito il popolo. il buonismo è solo coglionaggine !

Francesco - 10 Luglio @ 07.41:

VERGOGNATEVI! No ai centri di accoglienza significa No a solidarietà umana e aiuto a persone che scappano dalla morte. In Italia siamo a livelli tali di ignoranza e impoverimento culturale da non renderci conto che quello per cui protestare non è la contrarietà a forme di accoglienza organizzata e legale ma l'esatto contrario. NO ALLO STATUS DI CLANDESTINO, NO ALLA DETENZIONE NEI CAMPI PROFUGHI, NO ALLA RIDUZIONE IN SCHIAVITU' DI PERSONE, NO AD UNO STATO CHE SE NE FREGA DI POVERTA' E IMMIGRAZIONE FAVORENDO TENSIONI SOCIALI E ALIMENTANDO MAFIE E CRIMINALITA' DI OGNI TIPO, questi sono i problemi veri e le cose da combattere. SI' ALL'ACCOGLIENZA, SI' ALLA LEGALITA'.        ...............................................

Lo stesso nome Francesco, lo stesso spazio commenti, la stessa città... Eppure è difficile immaginare e simboleggiare meglio due mondi e due modi di pensare così contrapposti.

Sono due commenti all'articolo sui profughi e alla fiaccolata del Golese. Da una parte la rabbia, e quella parola (buonismo) che oggi è diventata quasi un insulto, o - come dice il primo Francesco - rischia di essere sinonimo di "coglionaggine". Dall'altra la replica del secondo Francesco, sulla situazione di queste persone e sulla necessità di un atteggiamento di accoglienza.

Fatta la tara a xenofobia e a strumentali ingerenze politiche (magari di segno opposto, come quelle viste a Golese) quello che arriva in redazione e che si percepisce in giro per la città è un crescente sbandamento, verbale e di pensiero, che non può essere liquidato o ignorato da nessuno. Che non si risolve ignorando chi la pensa diversamente o etichettandolo con disprezzo (razzista a tutti quelli che stanno dalla parte dei no, invertebrato o peggio a chi sta dalla parte dell'accoglienza).

Ovviamente è un problema di dimensioni ben più vaste di Parma o Baganzola. Ma intanto è qui che dobbiamo trovare risposte, possibilmente tutti insieme. Forse ne dovrebbero discutere di più anche le istituzioni e la politica, e più costruttivamente che non nelle ormai stucchevoli schermaglie quotidiane (proprio sui profughi, il dibattito che abbiamo riportato ieri e oggi è l'ennesimo e sterile muro contro muro, come se le lacune fossero tutte e solo a Parma o tutte e solo a Roma

Ma quello che a noi compete come cronisti, è soprattutto registrare questa tensione crescente, e questo snaturarsi - giorno dopo giorno - di quel senso di tolleranza e solidarietà che è sempre stato tipico dei parmigiani. E l'impressione è che non ci scrivano solo razzisti e xenofobi per "vocazione": ma che ci sia anche una fascia, non trascurabile, di parmigiani che pur partendo da "buone" intenzioni faticano ad accettare certe conseguenze di un fenomeno spesso senza controllo, certo non solo a Parma.

La stessa notizia dei 250mila euro stanziati per l'educazione dei bimbi rom, se da una parte viene vista come uno strumento per strappare quei bambini a un certo tipo di vita, dall'altra appare stridente a chi paragona - magari semplificando - i tagli agli asili o ad altri servizi con questo stanziamento. Allo stesso modo, nei commenti al sito avvertiamo la crescente insofferenza per uin sempre più diffuso rispetto dalle regole, che mette oggi fuori gioco (e fuori controllo?) aree di città, come nell'articolo sul parco di via Bologna, o che propone casi di vera impunità, come nella notizia di ieri sull'uomo condannato per avere sfregiato la moglie ma subito libero.

Ecco: quello che oggi sembra dirci il nostro spazio commenti, e quello che da cronisti possiamo limitarci a  segnalare,  è che oggi ci sono come due parmigianità, quasi contrapposte. E in mezzo c'è una grande e delicata questione (profughi e immigrazione di massa) che si potrà risolvere solo se ognuna delle due "fazioni", anzichè rinchiudersi nelle proprie convinzioni, si misurerà molto concretamente con le riflessioni dell'altra. Per arrivare a soluzioni concrete, che non incoraggino un latente razzismo ma che non creino ulteriore tensione.

Qual è la vostra opinione? Quali sono le proposte concrete? Che cosa dovrebbero fare la politica e le istituzioni cittadine? Dite la vostra nello spazio commenti sotto questo articolo

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Nocciolina

    11 Luglio @ 10.37

    se esistono due parmigianità contrapposte, allora sono quella della legalità contro quella dell'illegalità. Illegalità che sta anche nel privare i CITTADINI ITALIANI, che pagano le tasse ecc., delle risorse a cui avrebbero diritto e per le quali pagano: asili, scuole, ospedali, assistenza ai disabili e anziani... Una società sana deve prima di tutto pensare a queste cose e poi, forse, fare della "beneficienza".... ammesso che di ciò si possa parlare, visto che in realtà sembra che per essere "aiutati" in italia si debba essere clandestini, zingari, ladri e furbetti.

    Rispondi

  • marirhugo

    10 Luglio @ 23.22

    un giorno sull'autobus si sente ,dal cellulare acceso dell'autista " ...profughi distribuiti...."" e una signora seduta davanti "eh no, non sono mica pacchi!..."" e dal fondo dell'autobus " no, no, quelli vogliono tutto e subito: il cellulare, la parabolica, tutto gratis..." e poi altri due... 3 a 1 sembra contro i profughi.. ma no, contro il governo, i politici.. Un mio conoscente "la casa popolare le danno tutte agli extracomunitari" e io gli dico " dove abito io ci sono 20 famiglie, una marocchina e una rumena. e gli altri? tutti extra comunitari? " e lui " si mo vabe' pero'..." La terra girava intorno al sole, ma la chiesa ci ha messo 1500 anni per riconoscerlo. e ci sono ancora i lefebvriani. Le persone migrano da 20 mila anni, al giorno d'oggi sono piu' di 200 milioni, Parma ha 338 profughi.. allora e' possibile che esista il comitato Golese? si con i quali si deve dialogare?! giusto. Ma alla fine quelli del comitato nella scuola di baganzola e quelli di baganzola nelle case di quelli del comitato.

    Rispondi

    • filippo

      11 Luglio @ 01.04

      si 338 profughi a 35 euro al giorno quanto fa? ma si basta chiudere gli asili e dare 250.000 euro ai rom e quei fessi dei parmigiani stanno zitti

      Rispondi

  • giuseppe

    10 Luglio @ 19.53

    Ma di quale "razzismo" parli, Maurizio???!!! Qui scrivono solo due categorie di persone: quelle ipocrite (che dovrebbero invitare i profughi a casa loro) e quelle leali, schiette e sincere, quelle che scrivono la pura e semplice verità! Smettiamola con la sciocca demagogia!!!

    Rispondi

  • Maurizio

    10 Luglio @ 19.34

    A me su queste situazioni fanno tristezza i politici non i commenti quì sopra perchè salvo quelli di razzismo puro e fatti in pura malafede, tutte le opinioni hanno una parte di ragione, quello che mi da fastidio è il politico medio perchè o difende o accusa però spesso a seconda se è all'opposizione o al governo, esempio è proprio parma con la lega che si indigigna ma nessuno dice le cavolate che hanno fatto i politici leghisti al governo in materia di immigrazione, anche quelli del pd adesso fingono di non sapere accusando l'amministrazione ma non dicono nulla sulle politiche migratorie e su chi decide di portare i migranti a parma.... Troppe verginelle e troppi interessi da salvaguardare

    Rispondi

    • Filippo Bertozzi

      10 Luglio @ 22.59

      Finalmente la pensiamo nello stesso modo...

      Rispondi

  • Marco

    10 Luglio @ 14.07

    Non c'è niente da fare. Finchè ci "beviamo" tutto quello che ci propina nostra signora televisione continueremo a pensare che lo straniero è solo brutto, cattivo e assassino. Poi quando capita che uno di loro rischia di annegare per salvare nostro figlio nel fiume facciamo finta di niente. Negli anni 80-90 dilagava il rifiuto dei meridionali (la Lega nacque per questo). Ora tocca ai migranti. Comunque NULLA potrà fermare questa situazione. L'integrazione\convivenza razziale è inevitabile. Il Ducato di Parma e Piacenza è morto da un pezzo! E quelli che organizzano le marce lo fanno solo per avere voti (che poi si traducono in potere e soldi). Non c'è da parte loro nessun vero interesse, nessuna base culturale, nessun valore etico.

    Rispondi

    • Luca

      10 Luglio @ 15.04

      veramente Marco i cittadini fanno i conti con la realtà e non le fiction della TV e sbaglia chi, come te, della questione vede solo il lato umanitario e sbaglia, come tanti, chi vede solo il lato della sicurezza. In mezzo c'è l'incapacità e la l'improvvisazione politica di ha il compito e il mandato di governare le migrazioni e i flussi umanitari, la questione è solo in questi termini.La "Parma solidale" e "lo spirito dei parmigiani" sono solo parole, quando crei situazioni di degrado (in qualsiasi parte del mondo) non c'è razza o religione che tenga ognuno cerca di difendere il proprio spazio vitale.......

      Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

 Musica sotto l'albero: arrivano Ferro, Liga, Vasco, Biondi e Pausini

NATALE

Musica sotto l'albero: arrivano Ferro, Liga, Vasco, Biondi e Pausini Foto

Dal 2017 WhatsApp non funzionerà più sui vecchi telefonini

social

Dal 2017 WhatsApp non funzionerà più sui vecchi telefonini

1commento

La trollata epica del rapper di Parma sui profughi

tv

La "trollata epica" del rapper parmigiano Bello FiGo sui profughi Video

6commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Nidi di rondine di nonna Ida

GUSTO

La ricetta della Peppa- Nidi di rondine di nonna Ida

Lealtrenotizie

Parma, primo allenamento con D'Aversa e il nuovo staff Foto

calcio

Parma, primo allenamento con D'Aversa e il nuovo staff Foto Video

polfer

Teneva 17 dosi di cocaina nel reggiseno: arrestata

seggi

Referendum, alle 12 al voto il 24,46% dei parmigiani. Istruzioni per l'uso

via chiavari

Santa Barbara: i vigili del fuoco festeggiano con i bambini Foto

3737 interventi in un anno

Carabinieri

Vendono iPhone: ma è una truffa

3commenti

l'agenda

Atmosfere natalizie e sapori della tradizione: cosa fare oggi

RICERCA

Prevedere i terremoti: a che punto siamo

Salsomaggiore

«Lorenzo, un ragazzo speciale»

Il nuovo allenatore

D'Aversa: "Mi hanno chiesto di giocare a calcio". Il suo staff

L'intervista: "Ora miglioriamo giorno per giorno. Ritroviamo la serenità" (Video) - Ferrari: "Scelti non i nomi, ma gentre che avesse "fame"" (Video) - Lunedì o martedì l'annuncio del nuovo ds: è una corsa a tre

7commenti

Calcio

Brodino per il Parma. E intanto parte l'era D'Aversa

MISSIONARI

Saveriani, da sempre tra gli ultimi

PERSONAGGI

Gandini, il pistard d'oro eroe di Melbourne

di corsa

I protagonisti del 2°Cross Country Montanari & Gruzza Foto

elezione

Beltrami nuovo vicepresidente nazionale della Federazione medici sportivi

Intervista

Virginia Raffaele: «Ecco perché i miei personaggi fanno ridere»

1commento

via mazzini

Un altro pezzo di storia che se ne va: chiude Zuccheri

12commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Ci sarebbe, magari, un "grazie" da dire

di Michele Brambilla

3commenti

IL DIRETTORE RISPONDE

La verità può nascondersi ma c'è

ITALIA/MONDO

referendum

Pelù denuncia: "Ho avuto la matita cancellabile". Ma ecco perché è valida

usa

Si schianta a velocità folle: in diretta Facebook Video

WEEKEND

IL CINEFILO

I film della settimana, da Sully a Agnus Dei  Video

IL DISCO

“L'indiano” di De Andrè, 35 anni dopo

SPORT

formula uno

Mercedes, Rossi: "Io al posto di Rosberg? Bello, non potrei dire no"

Bis Jansrud

Sci, per l'Italia un altro podio: Fill è secondo

SOCIETA'

calendario

Scorci, tradizioni e personaggi. Dodici mesi di Parma illustrata

rifiuti abbandonati

Via Anedda e la montagna di scatole (cinesi) Foto

2commenti