-4°

Strajè-Stranieri

«Io, maestro dei bambini stranieri»

0

 Laura Ugolotti

La nota diramata dal ministro Gelmini relativa al tetto massimo del 30% per la presenza di alunni stranieri nelle scuole primarie e medie continua a far discutere. Anche a Parma - lo dicono i dati - la loro presenza degli alunni stranieri è in aumento, ma porre un limite quantitativo può essere utile per favorire l’integrazione? Lo abbiamo chiesto a Giovanni Cattabiani, insegnante della scuola primaria Jacopo Sanvitale e docente nei corsi di alfabetizzazione per i bambini stranieri.
«Non credo che il problema dell’integrazione si risolva con una percentuale - risponde -. La presenza di stranieri nella nostra città e quindi di alunni figli di immigrati, è un dato di fatto che non serve a nulla ignorare; la cosa migliore sarebbe imparare a gestirla, mettendo in atto politiche serie, sociali e scolastiche, per favorire il loro inserimento. Affrontare il fenomeno solo dal punto di vista percentuale credo sia riduttivo».
Su un dato, in particolare, pone l’attenzione Cattabiani: «Da uno studio commissionato dal Comune di Parma lo scorso anno - spiega - è emerso che la concentrazione di alunni stranieri in alcune scuole della città piuttosto che in altre, non rispecchia la presenza di immigrati sul territorio. Ovvero: in alcune scuole la percentuale di alunni stranieri fa registrare dei picchi, anche se nel quartiere di riferimento non risiede, in proporzione, lo stesso numero di immigrati. Questo significa che mentre gli stranieri scelgono la scuola del territorio, sempre più italiani preferiscono trasferire i figli in altri istituti. Un fenomeno che si spiega solo in parte con necessità lavorative o logistiche. Forse sarebbe opportuno chiedersi perché e cercare, dove possibile, di porre un limite». In molti casi, ammette l’insegnante, gioca un ruolo fondamentale la diffidenza: «L'immigrazione - spiega - è sempre associata a concetti come la paura, l’insicurezza; questo genere diffidenza e pregiudizi. Forse i genitori temono che la presenza di stranieri possa ostacolare il percorso formativo dei figli». E' una preoccupazione reale? «In base alla mia esperienza, no. Gli stranieri che ho avuto in classe non hanno mai compromesso per nulla il percorso didattico, né limitato l’apprendimento dei compagni. Hanno invece stimolato me, come insegnante, ad adoperarmi per garantire loro le stesse opportunità dei loro coetanei. Senza contare che la presenza di bambini che provengono da altre culture è una risorsa che arricchisce tutti. Insomma, le difficoltà le vivono sulla loro pelle, non siamo noi a pagarle».
Quali difficoltà incontra una bambino straniero nell’inserimento scolastico? «Prima di tutto occorre fare una precisazione sul significato del termine "straniero", che spesso genera confusione. Ci sono bambini, figli di immigrati, che sono nati in Italia, che hanno affrontato il percorso dal nido alla materna qui, e sono perfettamente inseriti. Parlano senza problemi la nostra lingua e non hanno problemi di apprendimento. Poi ci sono bambini che non sono nati in Italia e che, spesso in corso d’anno, vengono catapultati da un giorno all’altro in una realtà che per loro è del tutto nuova: dal sistema scolastico al cibo, dagli orari alla lingua. Loro, in effetti, incontrano notevoli difficoltà all’inizio, ma rappresentano meno della metà degli stranieri presenti nelle classi. Il problema si potrebbe porre se questa percentuale salisse all’80-90% ma è difficile che si verifichi una situazione simile, soprattutto a Parma». E come affrontare le loro difficoltà? «Come si affrontano tutte le altre - risponde Cattabiani -. Ogni bambino, italiano o straniero che sia, ha delle difficoltà: chi soffre di un handicap mentale o fisico, chi ha difficoltà di apprendimento. I limiti della lingua sono solo una delle sfide a cui la scuola è chiamata e che gli insegnanti devono gestire nella quotidianità. E non è certo la più onerosa».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Juve, nuovo logo. Scoppia l'ironia sul web

calcio e risate

Juve, nuovo logo. Scoppia l'ironia sul web Gallery

1commento

Kim, prima il trucco alle parti intime, poi con la felpa "comunista"

gossip

Kardashian, prima il trucco alle parti intime, poi con la felpa "comunista"

Belen, un altro bacio (con Iannone) nella bufera

gossip

Belen, un altro bacio (con Iannone) nella bufera

2commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Conchiglioni crescenza e mostarda

GUSTO

La ricetta della Peppa: Conchiglioni crescenza e mostarda

Lealtrenotizie

Gli amici: Filippo persona speciale

Il ritratto

Gli amici: Filippo persona speciale

Tragedia

Filippo, una classe in lacrime

Stalker

Insulti e botte alla ex moglie: arrestato

Tradizione

Sant'Antonio, protagonisti gli animali

Allarme

Sorbolo, argini groviera per le nutrie

SALSO

Addio a Gianni Gilioli, papà dell'ex sindaco

Il caso

Guerra fra farmacie, il Tar dà ragione a Medesano

Lutto

Quattrocchi, ristoratore e gentiluomo

cascinapiano

Travolto da un'auto sotto gli occhi della sorella: muore un 17enne

La vittima è Filippo Ricotti. Il ricordo della "sua" Langhiranese Calcio e del Liceo Bertolucci (Video)

17commenti

tg parma

Salso, i rapinatori minacciano un bimbo con un coltello Video

Il fatto del giorno

La tragedia di Filippo: un gigantesco "Perché?" (Senza risposta)

3commenti

consiglio comunale

Polemica D'Alessandro-Vescovi sui vaccini

4commenti

polizia

Mostrava un coltello ai passanti in via Mazzini: denunciato Alongi

12commenti

lega pro

Febbre Venezia-Parma: iniziata la prevendita

Classifica

Gli stipendi più alti: Parma al quinto posto in Italia

furti

Quartiere Lubiana, la razzia dei fanali delle Audi

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Politicamente corretto: l'ipocrisia al potere

di Michele Brambilla

13commenti

EDITORIALE

Conti pubblici: la ricreazione è finita

di Aldo Tagliaferro

ITALIA/MONDO

BRUXELLES

Tajani eletto presidente del Parlamento europeo

scuola

Nuova maturità: non ci sarà più bisogno di avere tutte le sufficienze

1commento

SOCIETA'

PERSONAGGI

Addio a Piacentini, playboy mito della Costa Azzurra anni '60

EDITORIALE

L'orrore in diretta? E' la tv del Medioevo

1commento

SPORT

parma calcio

D'Aversa: "Manca un esterno mancino. Primo posto? Ci proviamo" Video

rugby

Zebre, rescisso il contratto con Guidi, ecco De Marigny e Jimenez

CURIOSITA'

San Polo d'Enza

Volpi, cinghiali, ricci: gli animali di Parma trovano riparo nel Reggiano Video

1commento

animali

Il cervo curioso entra in chiesa Video