17°

Strajè-Stranieri

Provincia multiculturale - Indiani padani

Provincia multiculturale - Indiani padani
1
di Mariachiara Illica Magrini
Petali di fiori e frutti profumati: le divinità sono pronte a ricevere le offerte, la musica riempie l’aria e intorno è un avvicendarsi di mani che si sfiorano per tingersi di porpora e annodare braccialetti ai piedi dell’altare. In quello che pare un casolare qualsiasi tra Zibello e Busseto si consumano i riti di una comunità indiana che, sempre di più, sta ritagliando i suoi spazi nel parmense.
 Il sole comincia a scendere e la veglia durerà tutta la notte. I bambini giocheranno e le donne, avvolte nei veli, cucineranno «chapati» e «pakora» per respirare un poco d’India anche tra le nebbie della Bassa. Il casolare è spoglio e anonimo. Dall’esterno quasi nulla tradisce la sua vocazione di luogo di culto che oramai accoglie da anni gli hindu di tutto il territorio. E c'è una certa gelosia per questa struttura, mantenuta con le offerte di tutta la comunità, con le porte aperte a curiosi e simpatizzanti. 
I seguaci del sikhismo, invece, altra corrente religiosa che accoglie influenze di hindu e Islam (e interessa principalmente chi vive nella regione del Panjab divisa tra India e Pakistan) si ritrovano per celebrare funzioni, matrimoni e battesimi al tempio di Casalmaggiore oppure a quello di Novellara, nel reggiano, inaugurato circa dieci anni fa e ora tra i più organizzati e rinomati in Italia.
 Sono luoghi in cui la preghiera esce dall’intimità della vita domestica, dove ogni sikh possiede un piccolo altare: «Perché qualunque posto che ospita il Granth, il libro sacro ai Sikh, diventa un tempio», assicurano i fedeli riuniti ogni domenica a Novellara. 
Ma anche spazi di socialità in cui i più giovani - che nella maggior parte dei casi masticano un italiano migliore di quello dei genitori -imparano le tradizioni, dove si scambiano informazioni e si risolvono i problemi. 
Sono circa 2.500 gli indiani residenti in provincia di Parma. Il dato risale al gennaio 2009 e mostra un aumento quasi del 55% rispetto al 2004. Nel complesso gli immigrati indiani rappresentano il 5% della popolazione straniera della provincia dietro albanesi (13%), moldavi (10%), marocchini (10%) e tunisini (9%).  
In linea con i dati nazionali - che vedono 83% di quasi 92 mila indiani trovare casa in piccoli comuni e impiegarsi nel settore agricolo - anche nel parmense la maggior parte risiede tra i Comuni di Busseto, Zibello, San Secondo, Soragna, Fontanellato, Polesine e Roccabianca.
 Il motivo è semplice e ormai noto: l’economia della Bassa pare essere pensata su misura per loro. Sono bravi ed esperti nella cura degli animali e nei lavori agricoli. Molti di loro vengono dal Punjab, «La terra dei cinque fiumi»,  e sembra si trovino a loro agio nelle umide atmosfere padane. 
«In India è decisamente meglio», assicura invece ironico Gurbaksh Singh, strizzando due occhi scuri dalla profondità disarmante. E’ in Italia dal 1993 e da dieci anni vive a San Secondo. Lavora come trattorista dalle 7 alle 12, più qualche pomeriggio, spiega, e al suo paese vorrebbe davvero tornarci un giorno. 
Intanto, come molti ha di nuovo riunito qui la sua famiglia. «Il lavoro non manca - spiega - gli italiani non hanno voglia di sporcarsi le mani nei campi dove c'è polvere e fatica: meglio l’aria condizionata davanti al computer». 
La carenza di vocazioni «locali» nel settore figura tra le altre ragioni alla base dell’incremento dell’immigrazione indiana che - tra l’altro - sta diventando preziosa per portare avanti tradizioni tipiche come quelle riguardanti l’indotto del parmigiano-reggiano. 
Punta infatti a diventare casaro Amarjit Singh, 26 anni e un turbante sulla testa. Anche lui, come i famigliari di Gurbaksh, ha raggiunto il paese quattro anni fa appoggiandosi a parenti ed amici in una rete di relazioni che facilita gli spostamenti e la ricerca di un lavoro. 
Con Gurbaksh vivono adesso la moglie e la mamma,  impegnate ora alle sue spalle a stendere panni colorati che spiccano nel grigio della Bassa. Con loro, le due figlie di 17 e 21 anni. Altri invece, come Lailith Sarma, ora vaccaro a Carzeto, sono arrivati diversi anni fa come giostrai o circensi esperti nella cura delle bestie, per poi sistemarsi nelle campagne. 

Nel tempo hanno fatto proprio un territorio che, a modo suo, ha saputo offrire loro uno spazio ideale; hanno creato reti e comunità famigliari pronte ad affrontare la sfida di un’integrazione che non solo deve oggi rapportarsi agli scenari che le hanno accolte, ma anche con una realtà mutevole e i differenti volti di una multietnicità crescente. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • giuliana

    26 Gennaio @ 11.01

    Multiculturalismo è l'opposto di quell'integrazione offerta su piatti d'argento un giorno sì e l'altro pure a chiunque arrivi e che in realtà nessuno degli ospiti vuole. Gli stranieri prendono solo ciò che permette loro di continuare a vivere come se fossero a casa propria. Il pericolo sta nei grandi numeri. E i numeri, dopo le incertezze di un primo periodo di radicamento, stanno crescendo in modo che presto sarà esponenziale. Nel nostro tessuto sociale non sta avvenendo un lento processo di inglobamento che possa essere considerato fisiologico, ma un inserimento forzato e accelerato di corpi estranei che prima o poi determineranno un fenomeno di rigetto. Sono molte e di diverse etnìe le comunità che stanno occupando il nostro territorio. Ognuna di esse segue proprie regole e tradizioni. Nessuna rinuncerà mai alla propria identità. Ognuna di esse rappresenta un mondo ben separato e che desidera restare tale. Sono tutte potenziali mine vaganti. Gli scontri etnici saranno inevitabili, soprattutto nel momento in cui, sempre grazie ai loro numeri, sfodereranno il proprio orgoglio etnico-religioso per prevalere sugli altri -o per dichiararsi indipendenti..

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

I Soul System, vincitori di X-Factor, a Radio Parma e stasera al Campus Industry

INTERVISTA

Cantano i Soul System, da X-Factor a... Radio Parma Video

Fotografia Europea, 400 mostre "off": anche Parma fra gli eventi

Reggio

Fotografia Europea, 400 mostre "off": anche Parma fra gli eventi Foto

Melania e Juliana: le first lady (bellissime) rubano la scena

trump-macri

Melania e Juliana: le first lady (bellissime) rubano la scena ai presidenti Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Le scalette", il gusto dolce della carne e del pesce

CHICHIBIO

"Le scalette", il gusto dolce della carne e del pesce

di Chichibio

4commenti

Lealtrenotizie

Scompare un 50enne: la zona di Diolo setacciata da cinofili ed elicottero

soragna

Scompare un 50enne: la zona di Diolo setacciata da cinofili ed elicottero Foto

Interrogazione

Jella latitante (e sorridente su Fb): il caso in Parlamento

Fidenza

Anestesista muore a 37 anni

agenda

Street food, primavera in tavola e... tattoo: l'agenda del sabato

Allarme

Un'altra truffa del gas, occhio ai falsi lettori di contatori

Noceto

Noceto senza tangenziale, Fecci alza il tiro

Trasporto pubblico

Addio Tep: i prossimi 9 anni saranno targati Busitalia

Tep ha 30 giorni per un eventuale ricorso al tribunale amministrativo

8commenti

Viabilità

Troppi camion in paese, allarme a Vicofertile

Incidente

Bimbo investito da un'auto a Fontanellato

Scontro auto-scooter a Sanguinaro: un ferito

PENSIONI

Ape social, al via le domande

RUGBY

L'addio al campo di Pulli

Le grandi firme

Ubaldo Bertoli e la Parma del secondo dopoguerra

Inflazione

A Parma i prezzi corrono più della media nazionale: +2,5% ad aprile, pesano i carburanti

Aumentano alimentari, ristorazione e servizi per la casa, calano i prezzi dei settori Comunicazioni e Istruzione

Bullismo

La vittima di una bulla: «Non voglio più andare a scuola»

9commenti

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma!

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

IL FATTO DEL GIORNO

L'omicidio di Alessia Della Pia: Jella è libero in Tunisia, interrogazione in Parlamento

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Vale di più un morto o 100 morti?

EDITORIALE

Alitalia, perché sono tutti colpevoli

di Aldo Tagliaferro

2commenti

ITALIA/MONDO

LA SPEZIA

Scoperta cellula neonazista: pensava a raid contro immigrati e fabbricava ordigni

Piacenza

A processo capo scout: avrebbe toccato il seno a una 16enne

WEEKEND

meteo

Weekend col sole. Ma il 1° maggio è "ballerino" Le previsioni

il disco

I 45 anni di Waterloo Lily

SPORT

TENNIS

La Sharapova continua a vincere

Formula 1

Gp di Russia, prove libere: le Ferrari davanti a tutti

MOTORI

IL TEST

Al volante di Infiniti QX30. Ecco come va Foto

GOLF E UP!

Volkswagen, niente Iva sulle elettriche