15°

Strajè-Stranieri

Editoriale - Milano come Rosarno. La guerra che stiamo perdendo

6

Pino Agnetti

Pensavamo che lo Stato se ne fosse andato solo da Rosarno. Ci sbagliavamo. Nel frattempo, se n’era andato pure da Milano. Basta ascoltare i racconti atterriti dei residenti di via Padova a Milano: 3 chilometri e 800 metri ininterrotti di spaccio di droga, prostituzione, cumuli di rifiuti, bei palazzi di inizio Novecento ridotti a pezzi, vecchie case di ringhiera piene fino all’inverosimile di disgraziati che vi abitano pigiati uno sull’altro anche in venti per stanza. E poi le risse continue a colpi di coltello e addirittura di machete. Le donne che, da anni, non si azzardano più a uscire la sera. Gli anziani, ultimi discendenti dei nostri immigrati del Sud del “boom” economico, che lo fanno solo per recarsi frettolosamente a fare la spesa prima di tornare a barricarsi in casa per il resto della giornata. Mentre là fuori sono le bande - soprattutto slavi, maghrebini e sudamericani - a dominare incontrastate. A contendersi il “controllo del territorio”. A minacciare e taglieggiare i cittadini e i negozianti onesti (non importa se italiani o stranieri). Insomma, un incubo da cui chiunque pagherebbe pur di fuggire. Ma come si fa a trovare qualcun altro disposto ad andare a vivere in mezzo a un inferno simile?
Poi, come è accaduto l’altra sera, ci scappa il morto. Un giovane egiziano ammazzato con una pioggia di fendenti alla gola e al petto da una gang di coetanei sudamericani. Subito dopo, la guerra. Perché tale è stata, con quell’orda di nordafricani che per cinque ore (cinque!) si è impadronita di un intero quartiere distruggendo ogni cosa sul proprio cammino: auto in sosta, vetrine di negozi, cassonetti dei rifiuti, cartelli stradali, mezzi pubblici. Tutto questo mentre le donne della “casbah” li incitavano a scatenarsi ancora di più. Tanto che, ben presto, la caccia al sudamericano si è trasformata in una furia devastatrice cieca e totale. Durante la quale, si sono uditi slogan tipo “Italiani di merda, vi ammazziamo tutti!” e gli stessi poliziotti intervenuti per ristabilire l’ordine sono stati minacciati solo per aver tentato di rimuovere il cadavere.

Milano come Rosarno, dunque. Anzi, molto peggio. Tenuto conto che piazza Duomo (facilmente raggiungibile da via Padova oltrepassando piazzale Loreto e percorrendo corso Buenos Aires e corso Venezia) non è esattamente la piana di Gioia Tauro teatro della rivolta degli extracomunitari di appena un mese fa. E che solo per miracolo il bilancio delle devastazioni dell’altra sera non è stato, anche in termini di vite umane, ancora più pesante. Ma la cosa forse peggiore è stata, una volta di più, la reazione della politica. Che, con la capitale morale, industriale e finanziaria d’Italia ancora ferita e sotto choc, ha subito dato vita all’ennesima rissa. All’ennesimo teatrino fatto di accuse e di controaccuse. In altre parole, alla solita fuga dalle responsabilità. Responsabilità che, invece, sono di tutti e a tutti i livelli: partiti, governi di centrosinistra e di centrodestra, istituzioni locali, garanti dell’ordine pubblico e della giustizia, “maître a penser” e teorici vari della cosiddetta società multietnica. Infatti, cosa bisogna aspettarsi quando, in un raggio di meno di quattro chilometri, si lascia sorgere un ghetto gigantesco al cui interno sono stipati immigrati di almeno 50 nazionalità? A scorrere l’elenco dei residenti di via Padova sembra di leggere un manuale Onu: cinesi, egiziani, peruviani, colombiani, turchi, marocchini, senegalesi, tunisini, originari del Bangladesh e poi ancora romeni, moldavi, filippini, brasiliani, ucraini, perfino azeri. Come si fa a parlare ancora di integrazione quando, in una strada fra le più “storiche” di Milano, di milanesi ormai non vi è più nemmeno l’ombra? Ricordate il programma di Gad Lerner, “Milano, Italia”? Ebbene, oggi bisognerebbe ribattezzarlo “Cairo Italia”, o qualcos’altro del genere. Ma non basta. Come si fa a sentirsi protetti dalle forze dell’ordine quando queste ultime sono perennemente sotto organico e, non appena riescono ad acciuffare un criminale, se lo vedono rimandare libero all’istante dal magistrato di turno?

Ebbene, di fronte a questa catastrofe che rappresenta ormai l’emergenza numero uno dell’intero Paese, cosa fanno i nostri politici? Litigano. Strepitano. Si azzuffano. Preoccupati solo di raccattare voti in vista delle prossime regionali di marzo. Intanto, la guerra avanza e dilaga. Ed è una guerra che, di questo passo, perderemo.  


 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • parmense doc

    15 Febbraio @ 17.07

    la sinistra li vuole tutti, la destra non fa nulla oltre che parlare....questp è il risultato

    Rispondi

  • nadia

    15 Febbraio @ 16.09

    Pino Agnetti , con l'editoriale "Milano come Rosarno" ha centrato il problema al 100%. BRAVISSIMO !!!

    Rispondi

  • massimo

    15 Febbraio @ 14.42

    l'italia dovrebbe pensare al benessere e alla sicurezza degli italiani che sono coloro che hanno costruito il paese. Gente che è solo capace di chiedere chiedere e chiedere. Facciamo una scrematura con leggi dure..durissime... 5 anni per rissa...15 per rapina... porto d'armi abusivo 5 anni...oggetti da scasso 4 anni...senza indulto...figli violenti o delinquenti...ritiro del permesso di soggiorno ed espulsione in 48 ore...pagato dal loro paese processi rapidi con tribunali appositi ...e vedrete che si soluziona la cosa...e leggi che aiutino a chi si difende.

    Rispondi

  • ParmigianoFiero

    15 Febbraio @ 14.30

    Pienamente d'accordo con il pensiero esposto nell'editoriale!

    Rispondi

  • vittorio

    15 Febbraio @ 14.28

    La colpa di tutto cio' e' della magistratura che fa istanze di incostituzionalita' ogni volta che si vuole espellere un clandestino pure delinquente. In cio' spalleggiata dalla Chiesa, dalla sinistra e da tutta la sequela di ipocriti, tipo Boldrini, che crestano su questa immigrazione (invasione) infame.

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Il lago Santo visto dal drone

Fotografia

Il lago Santo visto dal drone Foto

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO

Il rugby irrompe in scena. E arriva il "bello" Sergio Muniz

Serenate al balcone: i vicini protestano ma "Topolino" canta ancora

Napoli

Serenate al balcone: i vicini protestano ma "Topolino" canta ancora Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Vini da scoprire», guida sentimentale che porta da Ancarani

IL VINO

«Vini da scoprire», guida sentimentale che porta da Ancarani

di Andrea Grignaffini

Lealtrenotizie

Investe una donna in via Venezia e si dilegua: caccia all'auto

Parma

Investe una donna in via Venezia e si dilegua: caccia all'auto pirata

Il conducente si è fermato dopo l'incidente ma poi è ripartito: ora la polizia municipale lo cerca

1commento

TG PARMA

Corniglio: un tir resta bloccato fra le case Video

Anteprima Gazzetta

Auto di lusso rubate e rivendute all'estero: 88 richieste di rinvio a giudizio Video

Parma

"Spazio verde": quinto furto in tre anni Foto

Ricerca

Top 500: imprenditoria sana, buoni risultati per tutti i settori a Parma Video Foto

Il presidente dell'Upi Alberto Figna spiega i contenuti della ricerca

parmense

Commercialista dalla vita agiata ed evasore totale: incastrato dalla Finanza

5commenti

Inchiesta

Tecnici Bonatti uccisi in Libia: rischio di processo per 6 persone

Trasporto pubblico

Con Busitalia tornerà Mauro Piazza: "I timori per il personale? Solo terrorismo"

14commenti

Gazzareporter

Ponte delle Nazioni: aiuola nel degrado Foto

parma calcio

Parma, manca l'insostituibile Baraye: Scaglia in attacco? Video

Caritas

Parma, un «esercito» di poveri

3commenti

Langhirano

Bimbo di due anni cade dalla finestra

1commento

vigili

Sicurezza e giovani, Noè: "Nessun allarme" Video

Nel 2016 400 interventi del Nucleo antiviolenza per tutelare donne e minori

11commenti

langhirano

Camion ribaltato a Cascinapiano: Massese chiusa per due ore Foto

Scuola

Iscrizioni: scientifico e tecnici, il «sorpasso»

RICERCA

Batteri resistenti agli antibiotici: l'Efsa lancia l'allarme

L'Italia è fra i Paesi più a rischio

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Le deprimenti liti dei politici

9commenti

GAZZETTA

Enogastronomia: un inserto di 6 pagine

ITALIA/MONDO

NASA

Scoperto un sistema solare con 7 pianeti simili alla Terra Foto

BIELLA

Crolla la copertura di un pilastro, muore una bambina

SOCIETA'

modena

Travestito da water, era alla guida completamente ubriaco

3commenti

Fotografia

Scatti al bar per impersonare... la quotidianità

SPORT

RUGBY

Palazzani: "Sei Nazioni, un'emozione unica. Zebre: domenica c'è l'Ulster" Video

LEGA PRO

Parma-Samb 4-2:
il film del match Video

MOTORI

motori

Ecco Stelvio, il primo suv Alfa Romeo Video

SUPERCAR

Ferrari 812 Superfast,
la nuova berlinetta da 800 Cv