17°

Strajè-Stranieri

Editoriale - Milano come Rosarno. La guerra che stiamo perdendo

6

Pino Agnetti

Pensavamo che lo Stato se ne fosse andato solo da Rosarno. Ci sbagliavamo. Nel frattempo, se n’era andato pure da Milano. Basta ascoltare i racconti atterriti dei residenti di via Padova a Milano: 3 chilometri e 800 metri ininterrotti di spaccio di droga, prostituzione, cumuli di rifiuti, bei palazzi di inizio Novecento ridotti a pezzi, vecchie case di ringhiera piene fino all’inverosimile di disgraziati che vi abitano pigiati uno sull’altro anche in venti per stanza. E poi le risse continue a colpi di coltello e addirittura di machete. Le donne che, da anni, non si azzardano più a uscire la sera. Gli anziani, ultimi discendenti dei nostri immigrati del Sud del “boom” economico, che lo fanno solo per recarsi frettolosamente a fare la spesa prima di tornare a barricarsi in casa per il resto della giornata. Mentre là fuori sono le bande - soprattutto slavi, maghrebini e sudamericani - a dominare incontrastate. A contendersi il “controllo del territorio”. A minacciare e taglieggiare i cittadini e i negozianti onesti (non importa se italiani o stranieri). Insomma, un incubo da cui chiunque pagherebbe pur di fuggire. Ma come si fa a trovare qualcun altro disposto ad andare a vivere in mezzo a un inferno simile?
Poi, come è accaduto l’altra sera, ci scappa il morto. Un giovane egiziano ammazzato con una pioggia di fendenti alla gola e al petto da una gang di coetanei sudamericani. Subito dopo, la guerra. Perché tale è stata, con quell’orda di nordafricani che per cinque ore (cinque!) si è impadronita di un intero quartiere distruggendo ogni cosa sul proprio cammino: auto in sosta, vetrine di negozi, cassonetti dei rifiuti, cartelli stradali, mezzi pubblici. Tutto questo mentre le donne della “casbah” li incitavano a scatenarsi ancora di più. Tanto che, ben presto, la caccia al sudamericano si è trasformata in una furia devastatrice cieca e totale. Durante la quale, si sono uditi slogan tipo “Italiani di merda, vi ammazziamo tutti!” e gli stessi poliziotti intervenuti per ristabilire l’ordine sono stati minacciati solo per aver tentato di rimuovere il cadavere.

Milano come Rosarno, dunque. Anzi, molto peggio. Tenuto conto che piazza Duomo (facilmente raggiungibile da via Padova oltrepassando piazzale Loreto e percorrendo corso Buenos Aires e corso Venezia) non è esattamente la piana di Gioia Tauro teatro della rivolta degli extracomunitari di appena un mese fa. E che solo per miracolo il bilancio delle devastazioni dell’altra sera non è stato, anche in termini di vite umane, ancora più pesante. Ma la cosa forse peggiore è stata, una volta di più, la reazione della politica. Che, con la capitale morale, industriale e finanziaria d’Italia ancora ferita e sotto choc, ha subito dato vita all’ennesima rissa. All’ennesimo teatrino fatto di accuse e di controaccuse. In altre parole, alla solita fuga dalle responsabilità. Responsabilità che, invece, sono di tutti e a tutti i livelli: partiti, governi di centrosinistra e di centrodestra, istituzioni locali, garanti dell’ordine pubblico e della giustizia, “maître a penser” e teorici vari della cosiddetta società multietnica. Infatti, cosa bisogna aspettarsi quando, in un raggio di meno di quattro chilometri, si lascia sorgere un ghetto gigantesco al cui interno sono stipati immigrati di almeno 50 nazionalità? A scorrere l’elenco dei residenti di via Padova sembra di leggere un manuale Onu: cinesi, egiziani, peruviani, colombiani, turchi, marocchini, senegalesi, tunisini, originari del Bangladesh e poi ancora romeni, moldavi, filippini, brasiliani, ucraini, perfino azeri. Come si fa a parlare ancora di integrazione quando, in una strada fra le più “storiche” di Milano, di milanesi ormai non vi è più nemmeno l’ombra? Ricordate il programma di Gad Lerner, “Milano, Italia”? Ebbene, oggi bisognerebbe ribattezzarlo “Cairo Italia”, o qualcos’altro del genere. Ma non basta. Come si fa a sentirsi protetti dalle forze dell’ordine quando queste ultime sono perennemente sotto organico e, non appena riescono ad acciuffare un criminale, se lo vedono rimandare libero all’istante dal magistrato di turno?

Ebbene, di fronte a questa catastrofe che rappresenta ormai l’emergenza numero uno dell’intero Paese, cosa fanno i nostri politici? Litigano. Strepitano. Si azzuffano. Preoccupati solo di raccattare voti in vista delle prossime regionali di marzo. Intanto, la guerra avanza e dilaga. Ed è una guerra che, di questo passo, perderemo.  


 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • parmense doc

    15 Febbraio @ 17.07

    la sinistra li vuole tutti, la destra non fa nulla oltre che parlare....questp è il risultato

    Rispondi

  • nadia

    15 Febbraio @ 16.09

    Pino Agnetti , con l'editoriale "Milano come Rosarno" ha centrato il problema al 100%. BRAVISSIMO !!!

    Rispondi

  • massimo

    15 Febbraio @ 14.42

    l'italia dovrebbe pensare al benessere e alla sicurezza degli italiani che sono coloro che hanno costruito il paese. Gente che è solo capace di chiedere chiedere e chiedere. Facciamo una scrematura con leggi dure..durissime... 5 anni per rissa...15 per rapina... porto d'armi abusivo 5 anni...oggetti da scasso 4 anni...senza indulto...figli violenti o delinquenti...ritiro del permesso di soggiorno ed espulsione in 48 ore...pagato dal loro paese processi rapidi con tribunali appositi ...e vedrete che si soluziona la cosa...e leggi che aiutino a chi si difende.

    Rispondi

  • ParmigianoFiero

    15 Febbraio @ 14.30

    Pienamente d'accordo con il pensiero esposto nell'editoriale!

    Rispondi

  • vittorio

    15 Febbraio @ 14.28

    La colpa di tutto cio' e' della magistratura che fa istanze di incostituzionalita' ogni volta che si vuole espellere un clandestino pure delinquente. In cio' spalleggiata dalla Chiesa, dalla sinistra e da tutta la sequela di ipocriti, tipo Boldrini, che crestano su questa immigrazione (invasione) infame.

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

I Soul System, vincitori di X-Factor, a Radio Parma e stasera al Campus Industry

INTERVISTA

Cantano i Soul System, da X-Factor a... Radio Parma Video

Fotografia Europea, 400 mostre "off": anche Parma fra gli eventi

Reggio

Fotografia Europea, 400 mostre "off": anche Parma fra gli eventi Foto

Melania e Juliana: le first lady (bellissime) rubano la scena

trump-macri

Melania e Juliana: le first lady (bellissime) rubano la scena ai presidenti Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Le scalette", il gusto dolce della carne e del pesce

CHICHIBIO

"Le scalette", il gusto dolce della carne e del pesce

di Chichibio

4commenti

Lealtrenotizie

Autobus

Trasporto pubblico

Addio Tep: i prossimi 9 anni saranno targati Busitalia

Tep ha 30 giorni per un eventuale ricorso al tribunale amministrativo

5commenti

Incidente

Bimbo investito da un'auto a Fontanellato

Scontro auto-scooter a Sanguinaro: un ferito

IL FATTO DEL GIORNO

L'omicidio di Alessia Della Pia: Jella è libero in Tunisia, interrogazione in Parlamento

Inflazione

A Parma i prezzi corrono più della media nazionale: +2,5% ad aprile, pesano i carburanti

Aumentano alimentari, ristorazione e servizi per la casa, calano i prezzi dei settori Comunicazioni e Istruzione

Bullismo

La vittima di una bulla: «Non voglio più andare a scuola»

9commenti

lega pro

Trasferta, crociati a Teramo in treno: ecco i convocati

Calcio

Derby, appello di Pizzarotti: "Sia una giornata di divertimento". Ai crociati: "I parmigiani credono in voi"

Il sindaco è intervenuto sul suo profilo Facebook

3commenti

meteo

Tra pioggia e arcobaleno in città, neve al Lago Santo Video

Raggiri

L'ombra della truffa dietro quei rilevatori di gas

1commento

sorbolo

Danni alla parete del nuovo edificio: il sindaco sequestra i palloni

8commenti

elezioni 2017

Pellacini: "Sosterrò Scarpa". Critiche da Effetto Parma: "Vignali-bis"

10commenti

bologna

Aemilia, 7 imputati parmigiani al processo d'appello. La Procura generale vuole sentire Giglio

Bernini non è in aula 

1commento

MOTO

500 Miles: da Parma la 24 ore delle Harley

500 Miles: da Parmala 24 oredelle Harley

ordinanza

Niente alcol in lattine o bottiglie durante lo Street Food Festival

gazzareporter

Rottura a un tombino: cortile della Pilotta allagato Video

4commenti

IL CASO

Ponte Verdi, i sindaci pronti alla disobbedienza civile

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Vale di più un morto o 100 morti?

EDITORIALE

Alitalia, perché sono tutti colpevoli

di Aldo Tagliaferro

2commenti

ITALIA/MONDO

FERRARA

I carabinieri cercano il killer Igor e trovano gli spacciatori

Mondo

Il Papa in Egitto: viaggio di unità e fratellanza Video

SOCIETA'

Fisco

"Amazon ha evaso 130 milioni"

USA

A Los Angeles un luogo per gli amanti del gelato Video

SPORT

TENNIS

La Sharapova continua a vincere

Formula 1

Gp di Russia, prove libere: le Ferrari davanti a tutti

MOTORI

IL TEST

Al volante di Infiniti QX30. Ecco come va Foto

GOLF E UP!

Volkswagen, niente Iva sulle elettriche