19°

Strajè-Stranieri

Lo sciopero visto da un immigrato

3

Lo sciopero degli immigrati

Ho letto la lettera di Pino Agnetti e sono d'accordo con lui a metà. È vero che uno sciopero degli stranieri e/o immigrati fatto cosi è un non senso. È vero che c'è bisogno di trovare un altro modo per affrontare la realtà delle persone immigrate in Italia. È vero che dobbiamo andare lontano dai professionisti dell'antirazzismo. Ma è anche vero che l'Italia non è la Francia. La consapevolezza che hanno gli immigrati francesi della loro realtà e dei loro diritti non è la stessa degli immigrati italiani. I diritti e la considerazione degli immigrati in Francia non sono gli stessi in Italia. Uno sciopero organizzato da un coordinamento costituito da associazioni “d'autoctoni” con qualche immigrato è una piccola aberrazione. Ma a parte questo, credo che non possiamo non ragionare sulle motivazioni che hanno portato persone immigrate, che vivono in una realtà come la Francia, dove comunque certe regole riguardanti l'immigrazione sono più rispettate, a promuovere questa giornata senza immigrati. Inoltre non possiamo non chiederci perché ancora oggi “l'immigrato italiano” è considerato più un problema che una risorsa. Non possiamo non chiederci perché ancora oggi le leggi attorno alla realtà delle persone straniere che vivono in Italia creano più problemi alla maggioranza degli immigrati in regola con sopratutto il desiderio di stare bene con loro stessi e con gli italiani che agli immigrati che vengono per delinquere.

Poi noi siamo immigrati. La legge non fa differenza tra l'immigrato rumeno e l'immigrato burkinabe. Noi non la vogliamo fare. Anche se sappiamo bene che tra un albanese e uno della Colombia c'è un mondo enorme. Ma davanti alle leggi o quando si trovano di fronte ad un poliziotto in questura sono trattati nella stessa maniera. Una federazione dei metalmeccanici del Burkina Faso non la vogliamo ma credo che una federazione di metalmeccanici immigrati sarebbe auspicabile. Perché purtroppo i diritti dei metalmeccanici immigrati non sono gli stessi dei metalmeccanici italiani. Loro hanno purtroppo il contratto di lavoro legato al contratto di soggiorno (permesso di soggiorno). Un metalmeccanico italiano che perde il lavoro non viene cacciato dall'Italia. Invece l'operaio burkinabe che perde il lavoro, va in “tilt” perché se non lo trova al più presto possibile, perde il permesso di soggiorno e deve lasciare un paese che ha forse visto nascere i suoi figli. E dunque devono non solo lottare per avere quei diritti legati alla loro categoria lavorativa (metalmeccanico) ma anche per i diritti legati alla loro specificità: l'essere extracomunitari. Se non lo fanno loro chi lo farà per loro? Gli italiani? Ah si? Idem per il sindacato dipendenti pubblici della Costa d’Avorio. Meglio un sindacato dipendenti pubblici degli immigrati. Noi dobbiamo legare queste cose alla nostra realtà. A quello che siamo secondo la legge italiana: immigrati, extracomunitari, stranieri. Quello che scrivono i giornali. Come pensano molti italiani. NOI SIAMO IMMIGRATI. Poi forse nella lotta, nell'organizzazione, nella partecipazione politica potremo ridiventare noi stessi: esseri umani che si sono spostati da un posto all'altro. Con il sogno di trovare una vita migliore. Diritti. Doveri. Possibilità.

Aminata Traore diceva che è l'immigrazione che ha popolato la terra. È camminando che è arrivato anche qui. E siamo dappertutto. Dico siamo, perché anche l'immigrato fa parte della “razza umana”. O forse mi sbaglio? Io credo che una giornata senza immigrati sia possibile. Credo che una giornata senza immigrati sia anche auspicabile. Non per essere contro gli italiani o contro lo stato. Neanche contro i partiti che hanno come programma politico la lotta all'immigrazione. Ma per fare vedere che siamo. Che siamo e chiediamo ascolto. Che siamo e chiediamo possibilità. Che siamo qui e chiediamo la possibilità di partecipare in maniera responsabile al dibattito politico italiano. Che quando si parla di politiche sull'immigrazione, quando si fanno delle leggi sull'immigrazione o sulla sicurezza, quando si parla di noi, che si possa parlare insieme a noi. Perché alla fine sappiamo parlare.
 

Cleophas Adrien Dioma

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • V

    12 Marzo @ 17.04

    Credo che un immigrato costi quanto rende. Non si puo' pretendere che un immigrato lavori, paghi i contributi, affitto o mutuo senza che abbia il diritto di usufruire del servizio sanitario o altri costi legati al VIVERE. Un immigrato paga le tasse ma se licenziato e mandato via nessuno li da indietro i contributi maturati, vede nascere i propri figli in Italia ma se mandato via non ha comunque alcun' diritto a rientrarci, se non paga le tasse e se non ha un lavoro lo stato non li garantisce servizi perchè sono tutti legati al contratto di soggiorno del richiedente o di chi lo mantiene (marito, genitore etc.) Io credo che un immigrato rende molto di piu' di quello che spende perchè non puo' spendere se non è regolare e per essere regolare paga le tasse con le quali lo stato paga le spese. Certo che si vive comunque senza di noi, ovvio che molti lavori (vista la crisi) li potete fare voi anziche' noi ma noi siamo persone, non siamo ruote di scorta. Abbiamo diritto alla vita che sia questo esercitato qui o nei nostri paesi. Non si puo' capire cosa si provi ad essere considerato eternamente uno STRANIERO perchè bisogna vivere da straniero per capirlo. Io lavoro qua da 10 anni, ho avuto qua la mia bambina, pago qua il mutuo ed è questa casa mia perchè io altrove non ho nulla. Se avessi avuto qualcosa non me ne venivo qua. Possono mandarmi via se mi licenziano lo so ma mi mandano via da casa mia! L'Italia non è solo degli Italiani ma anche di quelli che per l' Italia vivono e ci lavorano. La TV molte volte ci marcia sul fatto che sia uno straniero a compiere qualche delitto. Noi,e qui parlo a nome di tutti (sono piu' che convinta), siamo i primi a volere giustizia sia per la persona che subisce il danno sia per il fatto che si generalizzi sugli stranieri. Che siano italiani o non tutti i criminali devono essere puniti ma non per la loro nazionalità ma per l'entità del danno comesso.

    Rispondi

  • ALESSANDRO

    02 Marzo @ 09.04

    Perchè l'immigrato italiano è visto come un problema? Sicuramente per il fenomeno della clandestinità origine di delinquenza e lavoro nero ma anche per un utilizzo sbagliato del welfare: quanti appartamenti dell'edilizia popolare per una sbagliata forma di selezione (ora cambiata) sono andati ad immigrati "recenti" anzichè agli autoctoni che con le loro tasse hanno contribuito alla nascita delle case e quanti posti all'asilo nido sono stati occupati nel nome dell'integrazione (anche se la madre non lavora) a discapito di famiglie i cui genitori lavorano ma hanno la colpa di essere italiani? L'immigrato sicuramente contribuisce a produrre ricchezza per il paese ma quanto costa in termini sociali (sanità, casa ecc...)? Purtroppo in un paese disastrato come il nostro dove le regole non esistono è questo che crea il disagio.

    Rispondi

  • vijay kumar

    01 Marzo @ 21.22

    penso che immigrati in italia se sono considerati una minnacia e dovuto politica sbagliata.e anche perche non ci sono controlli.ci vuole tolleranza zero per criminali.e piena integrazione per quali che onestamente lavorano,perch nei angoli di loro case stanno crescendo futuri italiani

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Alessio Lo Passo

Alessio Lo Passo

MILANO

Ex tronista arrestato per estorsione a chirurgo estetico

La tata dell'ex Spice Girl Mel B: "Relazione a tre con suo marito"

gossip

La tata dell'ex Spice Girl Mel B: "Relazione a tre con suo marito" Foto

Le 10 foto con più like nella storia di Instagram

social

Le 10 foto con più like nella storia di Instagram: dominio Beyoncé e Selena Gomez 

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«La Forchetta»: pesce, carne e un po' di tradizione

CHICHIBIO

«La Forchetta»: pesce, carne e un po' di tradizione

Lealtrenotizie

Auto nel fosso dopo l'inseguimento: in manette i finti carabinieri truffatori

carabinieri

Auto nel fosso durante l'inseguimento: presi i finti carabinieri truffatori

3commenti

incidente

Frontale a Sabbioneta: muore 56enne. Un mese fa la stessa tragica scomparsa della nipote

Pieveottoville

Schianto all'incrocio, muore un 55enne

ordinanza

Piazzale Pablo e parco Falcone: scatta il divieto alcolici

5commenti

tg parma

Bassa Est, il Pd vuole la fusione Sorbolo-Mezzani e Colorno-Torrile Video

incidente

Gravissimo il pedone investito in via Spezia. Caccia al pirata

tg parma

Amministrative, verso la dodicesima candidatura a sindaco di Parma?

appuntamenti

Sagre, concerti e street food: l'agenda del 24 e 25 aprile

Eventi 23, 24 e 25 aprile: viabilità modificata, divieto vendita bottiglie e lattine, info sui concerti - Guarda

Lutto

Il Montanara piange Pessina

fidenza

Notte di ricerche per un'anziana scomparsa

BORGO DELLE COLONNE

Assalto dei ladri al bar Portici

gazzareporter

"Servizi igienici provvisori in Cittadella: e i disabili?"

2commenti

VENDITA DELLE AZIONI

Fiere, più sviluppo grazie al privato

LIRICA

«Masnadieri» snobbati

CONCERTO

Brunori Sas, in Pilotta tutto bene

Lutto

Trovato morto in casa l'avvocato Alberto Quaini

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

I vecchi partiti? Meglio di oggi

2commenti

EDITORIALE

Francia: l'Isis cerca di dirottare il voto

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

Presidenziali 2017

Francia: Macron e la Le Pen al ballottaggio

televisione

Addio a Erin Moran, "Sottiletta" Joanie di Happy Days Videoricordo

2commenti

SOCIETA'

gazzareporter

L'Ibis eremita ora sta "perlustrando" Noceto Foto

Stasera Fast Animals e Planet Funk

SPORT

tg parma

Football, Panthers alla 4^ vittoria consecutiva. Doppietta nel baseball Video

tragico schianto

Incidente mortale: addio al rugbysta Andrea Balloni

MOTORI

TOP10

Auto: il lusso delle limited edition

ANTEPRIMA

Audi e-tron Sportback Concept, nel 2019 il Suv-coupé "digitale"