12°

Strajè-Stranieri

«Irregolari espulsi anche se hanno figli che studiano»

«Irregolari espulsi anche se hanno figli che studiano»
Ricevi gratis le news
5
«Indietro tutta» dalla Cassazione  sulla tutela dei diritti dei figli degli immigrati a crescere in Italia, dove già studiano, garantendogli la vicinanza di entrambi i genitori anche nel caso in cui uno dei due sia clandestino e colpito da ordine di allontanamento.
Con una decisione depositata ieri (sentenza 5856) e foriera di polemiche, infatti, la Suprema Corte ha stabilito che - contrariamente a quanto affermato lo scorso 20 gennaio (sentenza 823) - solo i «gravi motivi connessi allo sviluppo psicofisico del minore» consentono il protrarsi della presenza del genitore irregolare. E tra i gravi motivi non è compreso il fatto che i figli frequentino la scuola, perché la circostanza è solo una «esigenza ordinaria collegata al normale processo educativo».
In pratica, secondo il cambio di rotta della Suprema Corte, il «generale interesse della tutela delle frontiere, che si esprime nelle esigenze di ordine pubblico che convalidano il decreto di espulsione», non può cedere il passo in favore della tutela di «situazioni caratterizzate da essenziale normalità e tendenziale stabilità, in quanto collegate al normale processo formativo del minore».
Insomma il timore della Cassazione è che, altrimenti, in Italia si finirebbe «con il  legittimare l'inserimento di famiglie di stranieri strumentalizzando l'infanzia».
A pagare il «giro di vite» è un padre albanese senza documenti che vive a Busto Arsizio (Varese) con la moglie regolare – e in attesa della cittadinanza italiana in quanto adottata nel 2005 da un signore che voleva aiutarla a non tornare tra gli stenti dell’Albania – e due figli che vanno a scuola e sono ben inseriti. Adesso Myrtja A. può dire addio alla speranza di restare accanto alla sua famiglia.
Il verdetto ha suscitato «grande e seria preoccupazione», ad esempio, nell’Alto commissario Onu per i diritti umani, Navi Pillay, che l’ha espressa nel corso della conferenza stampa che chiude la sua visita di due giorni in Italia. «Nel mio incontro con il ministro degli Esteri, Franco Frattini, quest’ultimo – ha spiegato Pillay – mi ha dato la garanzia dell’impegno dell’Italia sulla difesa dei diritti dell’infanzia. Seguiremo questa questione».
Per il presidente di «Terres des Hommes», Raffaele Salinari, «si fa un vistoso passo indietro nel senso civile e nella coerenza fra politica interna e rispetto delle Convenzioni Internazionali sulla tutela dei minori, di cui l'Italia è  firmataria. Inoltre con l’allontanamento, si rende ancora più fragile il minore straniero, che diventa ancora più esposto alla criminalità organizzata, al lavoro nero, alla prostituzione».
«La sentenza della Cassazione non avrà nessun effetto negli asili del Comune di Milano: continueremo ad accogliere i bambini che hanno bisogno, anche se figli di clandestini, nel più fermo rispetto della legalità» ha affermato  l’assessore di Milano alle Politiche Sociali Mariolina Moioli stoppando la proposta del leghista Salvini di rivedere le graduatorie delle scuole d’infanzia alla luce della sentenza. «Al momento - ha detto Moioli - sono 87 i figli di immigrati irregolari che frequentano gli asili  di Milano».
 
 
 
 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • massimo

    20 Marzo @ 17.55

    perfetto

    Rispondi

  • Matteo

    19 Marzo @ 10.37

    Non si capisce come se sono irregolari possano iscrivere i figli a scuola...comunque è giusta l'espulsione, sarò cinico e senza cuore ma è così che bisogna essere ormai. Se non sei in regola torni a casa tua, se puoi ti metti in regola torni da regolare cittadino altrimenti vai da un altra parte mi dispiace. Cosa credete che se un italiano andasse in africa in un paese islamico sarebbe accolto a braccia aperte..? sveglia!

    Rispondi

  • francesco

    16 Marzo @ 16.07

    Scusate, ma con l'espilsione, chi dovebbe provvedere ai filgi che restano in Italia a studiare? Costruiamo Istituti di accoglienza? Ne facciamo bambini di strada? E se i genitori sono stranieri che lavorano in nero per favorire i guadagni di alcuni "benefattori" che colpa hanno? E che traffico di bambini dovrebbe essere contrastato con questi tipi di espulsione? Se i bambini vanno a scuola sono iscritti nell liste della stessa e quindi hanno un certificato anagrafico, per cui non vedo come potrebbero sparire senza lasciare traccia. Non capisco perchè un minore, chiunque esso sia, figlio di Italiani, stranieri, regolari, irregolari o clandestini non dovrebbe meritare una famiglia che si curi di lui. Spero che questa "regola" (o meglio, tegola) non si debba applicare mai e poi mai.

    Rispondi

  • giordana

    14 Marzo @ 09.22

    e i diritti dei bambini ? i famosi diritti umanitari, e i bambini che "dovrebbero" essere posti sopra ad ogni interesse, dove li hanno buttati?

    Rispondi

  • giuliana

    13 Marzo @ 10.46

    All'apparenza potrebbe sembrare una sentenza ingiusta. Così non è. Di fatto impedisce che mettere incinta una qualsiasi cittadina italiana o straniera con regolare permesso di soggiorno diventi la scorciatoia per legalizzare una presenza irregolare. Senza contare il possibile commercio e strumentalizzazione di bimbi già nati.

    Rispondi

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Finale a sorpresa per X Factor:  Lorenzo batte i favoriti Maneskin Video

talent

Finale a sorpresa per X Factor: Lorenzo batte i favoriti Maneskin Video

'A Ciambra' escluso dalla corsa agli Oscar

cinema

"A Ciambra" escluso dalla corsa agli Oscar

Karma: la notte di J.L. David

FESTE PGN

Karma: la notte di J.L. David Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Imu e Tasi, lunedì si chiudono i conti

L'ESPERTO

Imu e Tasi, entro lunedì il saldo. Tutto quello che c'è da sapere

di Daniele Rubini*

Lealtrenotizie

Il Marconi piange Giulia

LUTTO

Il Marconi piange Giulia

Vicino a Coenzo

«Noi, i dimenticati dell'alluvione»

Copermio

«Pensavamo di morire annegati. Mio figlio vivo grazie al maresciallo»

Montagna

Corniglio, «class action» contro Enel?

sciopero

Froneri, la solidarietà ai lavoratori sfila nel cuore della città Foto

oltretorrente

Marcia antirazzista dopo il pestaggio. In corteo con Said

Abdul, il suo dipendente aggredito: non riesco ancora a capire perché ce l'avessero con me

1commento

Il noto ex calciatore

Cosa manca a Beckham dell'Italia? La trattoria Cocchi di Parma

3commenti

Processo

«Spese pazze» in Regione, assolti Ferrari e Garbi

Tg Parma

Striscioni al Marconi per ricordare Giulia Video - Foto

Dopo piena

Lentigione, gli sfollati a casa per Natale

Colorno (e Lentigione), si lavora per tornare alla normalità. Il punto della situazione

A Lentigione un pensionato è morto mentre spalava il fango

ghiaccio

Montagna, dopo tre giorni ci sono ancora famiglie senza elettricità

1commento

Colorno

Oltre un milione di danni per l'Alma

coin e decathlon

Due furti in negozi sportivi, tre ragazzi denunciati

3commenti

LUTTO

Giulia, 15 anni e tanta voglia di vivere

3commenti

Brumotti

Arriva "Striscia la Notizia", fuggi fuggi di pusher in Pilotta e a San Leonardo Le foto

31commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I bitcoin spiegati a tutti. Ecco perché sono da maneggiare con cura

di Aldo Tagliaferro

1commento

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

1commento

ITALIA/MONDO

MILANO

Ex calciatore ucciso, fermati una donna e il figlio. Volevano sciogliere il cadavere nell'acido

IL CASO

La svolta: Ryanair riconosce i sindacati

SPORT

Calciomercato

Parma, Faggiano rinnova: "Il progetto va avanti"

tg parma

Ospedale dei bambini: i giocatori del Parma diventano... Babbo Natale Video

SOCIETA'

dopo la piena

Ecco com'è oggi Colorno: il video dall'alto

social network

Il selfie della ragazza con cancro alla pelle: la campagna di prevenzione è virale

MOTORI

motori

Ford, che Fiesta: ST-Line o Vignale per pensare in grande

DUE RUOTE

La prova: Ducati Multistrada 1260