17°

Strajè-Stranieri

Cleo, dal Burkina Faso a Parma passando per l'inferno di Rosarno

Cleo, dal Burkina Faso a Parma passando per l'inferno di Rosarno
1

 Margherita Portelli

Il Burkina Faso ce l’ha dentro, Cleophas Adrien Dioma. Del suo paese gli manca tutto: la famiglia, i colori, il caldo spesso insopportabile, le strade polverose. E quando vi fa ritorno - in quella fetta di continente nero che ricorda con aria nostalgica -, però, si rende conto di essere anche un parmigiano: «Dopo qualche settimana lontano da Parma - sorride - sento il rimpianto di quella che, ormai, è a tutti gli effetti casa mia, e allora mi manca la nebbia, il prosciutto crudo. Persino l’aperitivo in via Farini». 
È come se fosse in bilico tra due luoghi. Due case: una che ha dovuto salutare dodici anni fa, quando decise di emigrare in Europa, e l’altra che si è costruito con fatica, nel tempo, nella nostra città. Cleophas oggi è felice, lo dice apertamente e glielo si legge negli occhi: il suo lavoro è la scrittura, collabora come giornalista per diverse testate, è educatore in un centro d’aggregazione giovanile e da otto anni organizza la rassegna «Ottobre africano».
 Lui ce l’ha fatta, è il chiaro esempio di quell'integrazione di cui si fa tanto parlare e che, a volte, facciamo fatica a vedere: «Quando sono arrivato in Italia, però, dopo un primo periodo in Francia, non è stata certo una passeggiata - racconta -. Ho fatto due anni da clandestino nel meridione, lavorando sempre in nero, prima nella raccolta dei pomodori a Foggia, poi a Rosarno: le situazioni tragiche che abbiamo visto in televisione pochi mesi fa le ho vissute in prima persona. Lavoravamo a ritmi inumani per niente e dormivamo al freddo in una fabbrica abbandonata. Quella volta che mi hanno sparato contro, poi, ho deciso di andarmene». Lo sconforto, però, non ha prevalso e da lì è iniziato il percorso che l’ha portato alla regolarizzazione: «L'avere i documenti in regola mi ha permesso di sperare in un futuro. Tant'è che il momento che ricordo con maggior tristezza è quando, quattro anni fa, per una serie di vicissitudini, ho perso il permesso di soggiorno. Mi sembrava di aver buttato via tutti i sacrifici accumulati in quegli otto anni». 
Quando arrivò a Parma, Dioma, ha dovuto arrangiarsi: «I primi tempi non avevo una casa. Dormivo in stazione. Poi ho trovato un lavoro come metalmeccanico in provincia, e da lì le cose sono iniziate a migliorare». 
Poi la svolta che, come succede sempre in questi casi, è stata dettata da una sorte benevola: «Ho iniziato ad inviare dei testi all’Internazionale - ricorda - perché mi aveva colpito il fatto che dessero spazio a giovani scrittori del Burkina Faso. Sin dal primo articolo pubblicato ho capito che quello poteva essere il mio mestiere. Ora collaboro anche con la rivista on-line Domani Arcoiris e con L’Internazionale Solidarietà». 
Cleophas oggi è pienamente integrato. «Mi ricordo il momento in cui mi sono reso conto di sentirmi italiano: è stato quando mi sono arrabbiato perché una persona mi ha trattato con disprezzo chiamandomi "negro". Prima non mi sarei mai offeso, era la normalità». 
Il cuore ovviamente è a cavallo tra due continenti, ma il suo  futuro, Cleophas, lo immagina a Parma: «Il mio percorso professionale mi lega all’Italia - conclude -, e a Parma mi trovo benissimo, è una città tranquilla. Oggi le persone mi prendono un po' come esempio, leggono i miei articoli, mi chiamano ai convegni per dare la mia testimonianza. L’altro giorno mi sono ritrovato a pensare che tutte le mie "sfighe", alla fine, mi hanno portato anche un po' fortuna».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • giuliana

    08 Giugno @ 08.53

    La storia di Cleophas Adrien Dioma dimostra che l'immigrazione nel nostro paese, perché funzioni al meglio, ha bisogno di essere strettamente legata all'esistenza di un posto di lavoro che garantisca la possibilità di una vita dignitosa. Dunque legalità, correttezza e chiarezza nei rapporti fin dall'inizio. L'immigrazione costituisce un problema quando, come è successo in questi ultimi anni, è diventata un'invasione indiscriminata e incontrollata che nessuno Stato di buon senso avrebbe mai dovuto permettere per non compromettere le basi della sua stessa esistenza. Che la politica del "tutti dentro" sia stata fallimentare lo dimostra l'ipocrisia di chi per anni ha strombazzato che gli immigrati costituiscono una ricchezza e che saranno loro a pagare le pensioni degli italiani. Già questa folle dichiarazione portava in sè un sottinteso senso di sfruttamento che non doveva essere tollerato. L'entusiasmo di Cleophas è contagioso perché lui per primo dimostra di apprezzare e condividere, nel bene e nel male, la nostra italianità. E' il senso di appartenenza a questa sua nuova patria che, non togliendo nulla all'amore per quella d'origine, lo ha arricchito e di conseguenza arricchisce anche noi.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Lo "Zoo" di  105,  è morto Leone Di Lernia

spettacoli

Lo "Zoo" di 105: è morto Leone Di Lernia - VIDEO

1commento

Trovato morto a Bogota' tecnico del suono di Vasco, Nek e Pausini

Bogotà

Giallo sulla morte del tecnico del suono di Vasco, Nek e Pausini

Halle Berry si libera del vestito degli Oscar: così il Versace finisce per terra e lei si butta in piscina

come in un film

Halle Berry si libera del vestito degli Oscar e si tuffa Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Top500": la classifica

IMPRESE

Top500 Parma, ecco la classifica completa

Lealtrenotizie

Un altro incidente in A1: auto contro il jersey, grave una giovane

autostrada

Un altro incidente in A1: auto contro il jersey, grave una giovane

lega pro

Parma incerottato, è emergenza: 4-4-2 o 4-2-3-1? Video

La lunga lista degli infortunati e i tempi di recupero. Due note positive: rientra Baraye e la verve realizzativa di Calaiò

Consiglio comunale

Pizzarotti: "Tep: il Cda non ha seguito le indicazioni del Comune" Diretta

parma

Evade dai domiciliari: arrestato

1commento

INCHIESTA

Alberi, sigilli a una casa famiglia per anziani. Tre indagati

1commento

cittadella

Scippavano anziani: rom arrestate da un poliziotto fuori servizio

7commenti

soragna

Camion si ribalta a Diolo: ferito il conducente Video

tradizione

Cella di Noceto, troppo vento: falò di carnevale rinviato a domani

Prezzi

Inflazione a febbraio sale all'1,5%, al top da 4 anni

da mantova a parma

Furto a un distributore, un moldavo in manette

autostrada

Incidente tra due camion a Fiorenzuola: code verso Fidenza

Welcome day

Studenti Erasmus, benvenuti a Parma Fotogallery

L'ALLARME

Droga, a Parma ogni anno 400 segnalati alla Prefettura

5commenti

Amarcord

Prati Bocchi, 67 anni di amicizia

La traversata

Quei velisti con Parma nella cambusa

Mercati esteri

Sicim, tris di commesse per 200 milioni di dollari

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Le multe facili e quelle difficili

17commenti

LAVORO

Venti nuovi annunci per chi cerca un posto

ITALIA/MONDO

il CASO

Dj Fabo ha morso il pulsante per il suicidio assistito

4commenti

PIACENZA

Investe un cinghiale e finisce contro un muro: muore 75enne

SOCIETA'

caffè

A Milano lo Starbucks più grande d'Europa

televisione

Montalbano, ritorno record: supera i 10 milioni

SPORT

inghilterra

Ranieri: il tributo (mascherato) dei tifosi del Leicester Gallery

Ciclismo

Grave caduta per la giovane promessa Marco Landi

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, la nostra pagella

NOVITA'

Bmw, la nuova Serie 5 ragiona da ammiraglia