-1°

Strajè-Stranieri

Immigrazione: Parma in testa alla classifica dell'integrazione

Immigrazione: Parma in testa alla classifica dell'integrazione
19

 

IL RAPPORTO DEL CNEL - Più immigrati non vuol dire più criminalità. E tra le collettività straniere che hanno il rapporto percentuale più basso tra carico di denunce penali e numero di connazionali residenti in Italia, ci sono moldavi, romeni, albanesi e cinesi. Lo afferma il Cnel nel VII Rapporto sugli «Indici di integrazione degli immigrati in Italia», presentato oggi a Roma. Dal 2005 al 2008, fa notare il Cnel, «i residenti stranieri sono aumentati del 45,7%, mentre le denunce contro di loro sono cresciute solo di circa il 20%». Se si ipotizza, aggiunge il Consiglio nazionale dell’economia e del lavoro, che «l'aumento di denunce a carico degli stranieri nel 2008, rispetto al 2005, sia addebitabile agli stranieri registrati come nuovi residenti, si arriva alla conclusione che a carico dei nuovi venuti vi è un denunciato ogni 25 individui (esclusi irregolari e stranieri di passaggio), mentre a carico di tutti i residenti in Italia (italiani e stranieri) vi è un denunciato ogni 22 individui; viene così a cadere il pregiudizio di una maggiore pericolosità degli stranieri».                       

Per quanto riguarda le singole collettività, gli immigrati provenienti dalla Moldavia possono essere considerati i più virtuosi (la differenza tra la percentuale delle denunce e quella dei residenti è di 9,6 punti a favore di quest’ultima). A seguire ci sono i romeni (-6,5%), gli albanesi (-4,8%) e i cinesi (-1,8%). Marocco, Senegal, Tunisia, Nigeria ed Egitto totalizzano invece il 29,6% delle denunce presentate contro stranieri, anche se i soggiornanti sono solo il 18,7% della popolazione immigrata. Più immigrati non vuol dire più criminalità. E tra le collettività straniere che hanno il rapporto percentuale più basso tra carico di denunce penali e numero di connazionali residenti in Italia, ci sono moldavi, romeni, albanesi e cinesi.

IL PRIMATO DI PARMA - E' l’Emilia Romagna la regione con ilpiù alto potenziale di integrazione in Italia, mentre la Sicilia offre le condizioni di inserimento socio-occupazionale più paritarie tra immigrati e italiani. Lo rileva il VII Rapporto Cnel sugli «Indici di integrazione degli immigrati in Italia», presentato oggi a Roma.

L'Emilia Romagna, con un valore di 60,82 (su una scala da 1 a100) determinato dalla sintesi di diversi indicatori, si piazza al primo posto della classifica assoluta per l’inserimento sociale degli immigrati; seguono il Friuli Venezia Giulia (59,29), la Lombardia e il Lazio (57), il Veneto (55,04), il Trentino-Alto Adige (54,48) e la Toscana (50,42). Fanalini di coda: Abruzzo (38,24 punti), Puglia (37,36) e Sardegna (32,65).Tra le province il primato spetta a Parma (60,58 punti), secondo e terzo posto per Reggio Emilia e Vicenza.

 

OCCUPAZIONE E CRIMINALITA' - Nel 2008 le collettività straniere ad aver avuto il migliorlivello occupazionale, rapportato al numero di connazionali residenti, sono quelle originarie di India, Romania, Moldavia,Albania, Ucraina e Marocco.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • ParmigianoFiero

    14 Luglio @ 14.24

    Per Rebelde, personalmente ricordo che eravamo strapieni di immigrati anche negli anni '90! Che poi con l'Euro siano aumentati, ok, ma non credere che con la lira si fermassero a prendere un caffè e poi partissero per Germania, Francia ecc... L'unico periodo che ricordo in cui non c'erano immigrati erano gli anni '80 dove gente di colore si vedeva solo ne "I Jefferson", poi ci fu l'invasione.

    Rispondi

  • rebelde

    14 Luglio @ 12.44

    in finlandia non cè l'euro!

    Rispondi

  • lorenzo

    14 Luglio @ 12.34

    looka76, non sono tutti come Vignali e Fecci? Pensa se fossero stati come Tosi e Zaia di Verona...A buon intenditor, poche parole...Intolleranti? Non credo, infatti qui a Parma non mancano kebaberie, parruccherìe africane, parrucchieri orientali nonchè 'localini' di tutto quanto un pò, senza contare le piccole ditte dell'est 'specializzate' nei più svariati mestieri...Se una nazione, o in una città in partiolare mi rendessero la vita impossibile, farei di tutto x migliorarmi o ad andarmene di corsa, non credo sia il tuo caso...

    Rispondi

  • rebelde

    14 Luglio @ 12.14

    x clansman: sappi che il problema dell'immigrazione nasce rpincipalmente dal fattore economico! infatti prima dell'avvento dell'euro gli immigrati transitavano per l'italia e si trasferivano negli altri paesi eruopei dove la monete era più forte (es: germania, francia...). con l'avvento dell'eruo stare in germania o italia è uguale! infatti ora più che transitare rimangono in italia! basta solamente ritornare alla lira e vedrai che nel giro di poke settimane la stragrande maggioranza delgi immigrati sparisce e se ne va in paesi con moneta più forte! la finlandia ha l'euro????? caro il mio clansman; la finlandia ha l'euro????????

    Rispondi

  • ParmigianoFiero

    14 Luglio @ 08.24

    Il mondo è grande, non esiste solo Parma...

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

pgn feste

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

polemica

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

6commenti

"Cold Chairs": un inno alla vita"!

musica

Bataclan, da Collecchio l'omaggio dei "The Lemon Flavour" Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Officina alimentare dedicata"

CHICHIBIO

"Officina alimentare dedicata"

di Chichibio

Lealtrenotizie

Pizzarotti: «La mia lista per la città»

Intervista

Pizzarotti: «La mia lista per la città»

Lutto

Addio ad Angela, la fisioterapista che aiutava tutti

TERREMOTO

Graiani, il vigile del fuoco volante

INTERVISTA

Silvia Olari «londinese»

Intervista

Dossena: «Non ho mai creduto al suicidio di Tenco»

La storia

Nila e Giovanni, quando l'arte trova casa sui monti

LUTTO

Germano Storci, il «signor Procomac» che fece diventare grande il Collecchio baseball

Lega Pro

Parma, con Evacuo si vola

Stadio Tardini

Parma batte Santarcangelo 1-0 e si avvicina alla vetta Foto Video

Evacuo firma il gol della vittoria. Il Parma è secondo in classifica a 42 punti

1commento

Parma-Santarcangelo

Evacuo spera di rimanere al Parma Video

Anche Mazzocchi in sala stampa

La morte di Filippo

«Eri la mia vita». Lo strazio dei familiari

TESTIMONIANZA

Prima «attacco» con i biscotti, poi calci e pugni: parla la vittima della baby gang

7commenti

polizia municipale

Autovelox e autodetector: ecco dove saranno

gazzareporter

Muri imbrattati, a volte ritornano... Con provocazione al sindaco Foto

10commenti

La storia

Rocco e Giulia, salumieri a Innsbruck

1commento

MOSTRA

"Natura tra le pagine": un mese di foto all'Eurotorri

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Dedicato a Filippo e a chi gli vuol bene

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

La neve, le parole e gli Uomini

ITALIA/MONDO

Gran Sasso

Rigopiano, individuata la sesta vittima: è un uomo

modena

Calcio: genitore picchia ragazzi e dirigenti

SOCIETA'

Reggiolo

Rave party con 600 giovani: fra loro una minorenne scomparsa da giorni

CINEMA

Da "Arrival" a "Qua la zampa": i film della settimana Video

SPORT

6 febbraio

Superbowl: sfida dell'anno tra Patriots e Falcons

Parma Calcio

Baraye "50 volte Crociato": targa con la foto dell'esultanza col passamontagna

MOTORI

IN PILLOLE

Dacia Sandero Stepway
model year 2017

ELETTRICHE

Entro tre anni 200 colonnine in autostrada tra l'Italia e l'Austria