Strajè-Stranieri

Monchio - Emilio e Bruno, la gioia di scoprire le proprie radici

Monchio - Emilio e Bruno, la gioia di scoprire le proprie radici
0

di Beatrice Minozzi

MONCHIO - Sono passati più di 80 anni da quando, alla fine degli anni '20, Giovanni Leni lasciò Valditacca per cercare fortuna in Argentina. Giovanni Leni ora non c'è più, ma prima di andarsene è riuscito a trasmettere ai suoi nipoti l'amore per la sua terra d’origine.
Emilio Leni ha 23 anni e dell’Italia, fino ad ora, aveva visto solo vecchie foto e raccolto i ricordi di nonno Giovanni. Oggi, però, Emilio ha finalmente visto con i suoi occhi la terra di cui tanto suo nonno gli ha parlato, e le vecchie foto in bianco e nero hanno finalmente ritrovato i colori sgargianti della Valle del Cedra.
Tutto questo grazie al concorso «Orizzonti Circolari - Ambasciatori del terzo millennio», organizzato nell’ambito del progetto Parco nel Mondo dalla Comunità Montana della Garfagnana e dal Parco Nazionale, con la collaborazione delle Regioni Emilia e Toscana, e rivolto a giovani residenti all’estero discendenti di emigrati del nostro Appennino.
L’obiettivo del concorso è quello di coinvolgere direttamente i figli e i nipoti di emigrati e farli diventare veri e propri «ambasciatori affettivi» del Parco nelle loro comunità.
«Sono nato a Mendosa, in Argentina, ed è li che ho sempre vissuto - racconta Emilio Leni -. Io, però, mi sento italiano, e questo grazie a mio nonno, che mi ha sempre parlato dell’Italia, e di Valditacca, con tanto amore e nostalgia».
Giovanni ha lasciato in Italia il suo cuore, ma anche la sua famiglia. Una famiglia che Emilio non aveva mai conosciuto, ma che al suo arrivo a Monchio era li ad attenderlo, a braccia aperte.
 Commovente è stato l’incontro con la prozia Emma, sorella di Giovanni, e con la cugina Marta, figlia della prozia Sofia.
«L'ultima volta che mio fratello è tornato in Italia è stato per i 100 anni di nostra madre - spiega Emma, classe 1919 - Ci sentivamo spesso per lettera e per telefono, e la nostalgia era tangibile. La sua terra gli mancava, ma d’altronde lui era li per lavorare».
Da quando Giovanni è morto, però, i contatti con la famiglia «argentina» si erano interrotti. «Oggi, però, siamo di nuovo insieme - afferma Emilio -. E'stato davvero emozionante abbracciare una zia che non avevo mai conosciuto e ritornare, almeno per qualche giorno, alle origini».
 Cambiano i volti, ma le storie sono simili. Bruno Borsi Mililli ha 20 anni, ed è nato a Barquisimeto, in Venezuela. Anche lui, però, afferma di sentirsi italiano al 100 per cento. «Mio nonno Pierluigi è arrivato in Venezuela negli anni '40 - spiega Bruno -. Il suo viaggio, però, è iniziato da Soragna, ed è qui che ha lasciato il suo cuore. Non si perdeva mai una partita dell’Italia. Era un tifoso sfegatato. E quella per il calcio italiano è una delle passioni che mi ha trasmesso».
L’attaccamento di Pierluigi alle sue radici era così forte che, una volta arrivato a Barquisimeto, ha fondato il Club Italo - Venezuelano «per far si che le nostre tradizioni non si perdessero - aggiunge Bruno - Mio nonno mi ha trasmesso un’ideale altissimo della sua terra d’origine, e mi ha lasciato una grande eredità: il sangue italiano che scorre nelle mie vene».
Tra qualche giorno Emilio, Bruno e i loro compagni di viaggio faranno ritorno a casa. Un pezzettino del loro cuore, però, rimarrà per sempre sulle nostre montagne.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Dal 2017 WhatsApp non funzionerà più sui vecchi telefonini

social

Dal 2017 WhatsApp non funzionerà più sui vecchi telefonini

La trollata epica del rapper di Parma sui profughi

tv

La "trollata epica" del rapper parmigiano Bello FiGo sui profughi Video

3commenti

20enne si schianta a folle velocità mentre fa diretta Fb

usa

Si schianta a velocità folle: in diretta Facebook Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Terremoto: cosa rischia Parma

TERREMOTO

Ma Parma quanto rischia?

1commento

Lealtrenotizie

Vendono iPhone: ma è una truffa

Carabinieri

Vendono iPhone: ma è una truffa

RICERCA

Prevedere i terremoti: a che punto siamo

l'agenda

Atmosfere natalizie e sapori della tradizione: cosa fare oggi

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma!

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

MISSIONARI

Saveriani, da sempre tra gli ultimi

PERSONAGGI

Gandini, il pistard d'oro eroe di Melbourne

Calcio

Brodino per il Parma

Intervista

Virginia Raffaele: «Ecco perché i miei personaggi fanno ridere»

Salsomaggiore

«Lorenzo, un ragazzo speciale»

Fidenza

La giunta: «L'aggregazione aiuterà il Solari»

Il nuovo allenatore

D'Aversa: "Mi hanno chiesto di giocare a calcio". Il suo staff

L'intervista: "Ora miglioriamo giorno per giorno. Ritroviamo la serenità" (Video) - Ferrari: "Scelti non i nomi, ma gentre che avesse "fame"" (Video) - Lunedì o martedì l'annuncio del nuovo ds: è una corsa a tre

4commenti

dal tardini

Il Parma va sotto, poi si rialza: 1-1 col Bassano. E finale incandescente Foto

Anche al Tardini un minuto di raccoglimento per la Chapecoense (Video

2commenti

al mercato

Sorpreso a rubare, ferisce con un cutter i titolari di un banco in Ghiaia Foto

6commenti

sala baganza

Preso il 18enne che faceva da pusher ai ragazzini della Pedemontana

degrado

Nuove luci e marciapiedi più larghi e "vivibili": così sarà via Mazzini Foto

17commenti

via toscana

Urta due auto in sosta e poi fugge: è caccia al conducente

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Un po' più di mezzo bicchiere

EDITORIALE

Dal sexting al ricatto: pericoli on line

di Filiberto Molossi

1commento

ITALIA/MONDO

alessandria

Ruba fidanzatino a figlia, condannata per violenza sessuale

CALIFORNIA

Incendio al concerto: si temono 40 vittime

WEEKEND

IL CINEFILO

I film della settimana, da Sully a Agnus Dei  Video

VERNISSAGE

90 anni di Arnaldo Pomodoro: la sua arte invade Milano

1commento

SPORT

SERIE A

La Juve domina: battuta l'Atalanta (3-1)

formula uno

Mercedes: dopo il ritiro di Rosberg, Alonso tra le ipotesi

SOCIETA'

salerno

"Novemila euro alla Arcuri per accendere l'albero di Natale"

1commento

rifiuti abbandonati

Via Anedda e la montagna di scatole (cinesi) Foto

2commenti