11°

27°

Strajè-Stranieri

Francia: il Parlamento mette al bando il burqa

Francia: il Parlamento mette al bando il burqa
6

PARIGI – Definitivo via libera del Parlamento francese al progetto di legge per mettere al bando il velo integrale islamico su tutto il territorio nazionale, incluse strade e piazze, nonostante il parere negativo del consiglio di Stato e il disagio espresso dalle comunità musulmane.

La Francia diventa così il primo Stato europeo a censurare il burqa, una misura allo studio anche in Belgio, dove la sua adozione si è però arenata a causa della crisi politica. Dopo l’ok dell’Assemblea nazionale, lo scorso luglio, il testo – fortemente voluto dal presidente Nicolas Sarkozy – è stato approvato oggi dalla maggioranza dei senatori (246 a favore, 1 contrario). L’adozione definitiva dovrà però essere convalidata dalla corte costituzionale, chiamata a pronunciarsi nelle prossime settimane. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • luca

    15 Settembre @ 16.48

    GIUSTO.... per la serie:"se la volete è così,se no è così lo stesso".... è proprio vero che i francesi son piu' "scantati" di noi.... a parte il fatto che ci vuole poco.... ad essere meglio ed 'na "bànda ed sfòrtunè"..... a continuare a farsi prendere per il c..... dalla Libia....

    Rispondi

  • giuliana

    15 Settembre @ 11.03

    Nel momento in cui si legittimano motivazioni religiose per fare eccezioni alle leggi esistenti, si compie un attentato alla laicità dello Stato. Così è successo con l'autorizzazione di moschee (la cui funzione è molto diversa dal quella di un banale luogo di culto), con l'autorizzazione alla macellazione rituale islamica (contraria alle nostre leggi che riconoscono il diritto alla non sofferenza degli animali), con l'occupazione abusiva di strade e piazze per assembramenti non autorizzati (e che impediscono la libera circolazione di automezzi e persone). Ulteriore attacco alla laicità dello Stato italiano e compiere un passo avanti verso l'islamizzazione dell'Italia ci ha pensato un gruppo di parlamentari (Pd e Idv) che in data 11 febbraio 2010 ha presentato una proposta di legge per modificare l'art.5 della legge 22 marzo 1975 n°152 in materia di ordine pubblico e legittimare l'uso di indumenti indossati per ragioni di natura religiosa o etnico-culturale. In pratica vorrebbero legittimare l'uso del velo integrale. -Se a qualcuno interessa, posso inserire un nuovo commento con l'elenco dei nomi-

    Rispondi

  • ParmigianoFiero

    15 Settembre @ 09.27

    Pieno appoggio alla Francia nella decisione in questione e nel rimpatrio dei rom, tenete duro!

    Rispondi

  • michele

    15 Settembre @ 07.36

    pienamente d'accordo! e chi non lo fosse riporti pure sua moglie a casa sua, non ne sentiremo la mancanza.

    Rispondi

  • franco

    15 Settembre @ 07.32

    Grande Sarkozy, hanno poco da dire i politici della UE, se facessero un sondaggio in Europa credo che almeno l'80% sarebbe favorevole. C'è chi ha gli attributi e cho no ! ! ! e lecca i piedi ai libici anche se mitragliano i nostri pescherecci ! !

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Una parmigiana ai «Soliti ignoti», tra sorrisi e prosciutti

televisione

Una parmigiana ai «Soliti ignoti», tra enigmi e prosciutti!

Flavio  Insinna

Flavio Insinna

tv e polemiche

Insinna (e gli insulti): "Chiedo scusa a tutti, anche a chi mi ha tradito"

2commenti

Prometteva la vittoria a Miss Mondo in cambio di sesso: smascherato da "Striscia la notizia"

MISS MONDO

Chiedeva sesso in cambio della vittoria: smascherato da "Striscia la notizia" Foto

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Nasi rossi

PARMA

"Nasi Rossi" sabato in piazza Garibaldi fra gag e solidarietà Video

di Andrea Violi

Lealtrenotizie

Furti all'Esselunga

polizia

Esselunga di via Traversetolo nel mirino, ladri in azione pomeriggio e sera

3commenti

Anteprima Gazzetta

Inchiesta Pasimafi: spariti due computer, giallo all'ospedale Video

PARMA

Due incidenti in un'ora: due donne in gravi condizioni Foto

Anziana investita in via Pellico. Scontro bici-scooter in via Abbeveratoia: ferita una 60enne

2commenti

GAZZAREPORTER

Parcheggio 2.0 in via Bergamo. Continua la serie di "creativi"

Lutto

«Camelot» se n'è andato a 59 anni

Giancarlo Ghiretti fu protagonista nel rugby e nel football

8commenti

PARMA

Veicolo in fiamme: traffico in tilt in tangenziale nord alla Crocetta

calcio

Gian Marco Ferrari, dalle giovanili del Parma alla Nazionale

sorbolo

A caccia di Igor? No, l'elicottero misterioso sulla Bassa è di Enel

7commenti

Roncole Verdi

Uno scandalo sessuale nel passato del nuovo prete

5commenti

gazzareporter

Boccone avvelenato? Allarme in Cittadella Le foto

L'INIZIATIVA

Parma città creativa dell'Unesco: nasce la Fondazione

L'organismo è aperto. Per ora ne fanno parte Comune, Fiere, Upi, Cciaa e Università

tardini

Al via la prevendita per Parma-Lucchese

sondaggio

Dall'anno prossimo torna la Serie C (addio Lega Pro): siete d'accordo?

4commenti

Elezioni 2017

Cattabiani denuncia un attacco hacker al suo sito e parla di atti intimidatori

polizia

Danneggia un'auto nel cuore della notte in via Emilio Casa: denunciato 48enne

1commento

WEEKEND

Cantine aperte, moto, maschere: 5 eventi da non perdere

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La balla dei soldi pubblici ai giornali

di Michele Brambilla

3commenti

CINEFILO

Cannes: le lacrime di Lynch e la bellezza di Marine e Diane Video

ITALIA/MONDO

TAORMINA

G7, bozza finale: sì alla difesa dei confini Video

torino

Con la fionda riforniva di droga il figlio in carcere: condannata

WEEKEND

il disco 

Ha un'anima il Robot di Alan Parsons

CHICHIBIO

«Les Caves», qualità tra tradizione e innovazione

SPORT

GIRO D'ITALIA

Dumoulin in ritardo a Piancavallo: maglia rosa a Quintana

BOXE

Parma riscopre il pugilato Video

MOTORI

il test

Nuovo Discovery, in missione per conto di Land Rover

IL TEST

Tiguan, come prima più di prima