12°

Strajè-Stranieri

Donna uccisa a sassate: come evitare che accada anche qui

Ricevi gratis le news
6

Pino Agnetti

Dunque, è accaduto. Ma non nell’Iran della sventurata Sakineh. O in un sobborgo di Islamabad, in Pakistan. Bensì a Novi di Modena, provincia emiliana profonda, da oggi purtroppo noto come «il posto della lapidazione». L’atroce supplizio impartito da un cinquantatreenne immigrato pakistano - con tanto di permesso di soggiorno e di lavoro perfettamente in regola - alla moglie che tentava di salvare la figlia ventenne dalla furia selvaggia dei maschi di casa inviperiti per il rifiuto della ragazza di maritarsi con un connazionale sconosciuto e molto più anziano di lei. Già in passato la povera Begm Shnez - così si chiamava la donna ammazzata a colpi di pietra e di mattone - aveva fatto da scudo umano alla figlia. Ed è solo per il coraggio immenso di questa eroica madre che il massacro non si è concluso con un secondo cadavere. Nosheen (questo il nome della ragazza), infatti, dovrebbe riuscire a cavarsela nonostante le sprangate con cui il fratello di un anno più giovane le ha spezzato accuratamente ogni osso del corpo. Il presidente della Regione Emilia-Romagna, Vasco Errani, ha già fatto sapere che Nosheen «non sarà lasciata sola». E' una dichiarazione importante e da sottoscrivere in pieno. Ma dopo l’orrore di Novi di Modena, e dopo i martirii-fotocopia della pakistana Hina e della marocchina Saana, la domanda è: cosa possiamo fare per fermare la strage? Anzi: come possiamo evitare che anche Parma, un domani, debba diventare teatro di una barbarie simile a quella che si è appena consumata a una manciata di chilometri da qui? In un modo solo: smettendola di occuparci di questi problemi solo quando ci scappa il morto, o per ragioni di mera propaganda politica. Cominciando a riconoscere, quindi, che pure da queste parti ci sono donne immigrate che ogni giorno rischiano di fare la stessa orribile fine delle varie Begm, Nosheen, Hina e Sanaa. Per la semplice ragione che appartengono tutte a una seconda generazione di immigrati, cosa che le rende sempre meno propense ad accettare lo strapotere maschile e al tempo stesso sempre più inclini a integrarsi con i nostri costumi e con le nostre libertà. Ed allora: meno chiacchiere e meno parate all’insegna del «politicamente corretto». Meno logorroici scontri all’arma bianca su un tema - moschea sì, moschea no - in realtà assolutamente secondario se si considera che pure da noi, come nel resto d’Europa o negli Stati Uniti, i musulmani che vanno a pregare in moschea non superano il 5 per cento del totale! In compenso, molta più vigilanza e intransigenza nei confronti dell’estremismo strisciante di cui sono quotidiane vittime, dietro le mura domestiche, migliaia di donne immigrate.
E’ una ricetta, per certi versi, impopolare e non portatrice di voti e di consensi immediati e a buon mercato. Ma è l’unica in grado di bloccare e di prevenire realmente la strage. E visto che tutti sono bravi a parlare di sicurezza, cominciamo a occuparci di quella delle donne immigrate lanciando ai loro torturatori un messaggio molto chiaro e preciso. E cioè, che la nostra è una civiltà basata sulla uguaglianza fra uomo e donna. Una uguaglianza totale. Senza mezzi termini. E, d’ora in avanti, guai a chi oserà levare la mano, per torcere anche un solo capello, su una di loro. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • giuliana

    07 Ottobre @ 17.29

    La verità è che l'usanza tribale dei matrimoni combinati con ragazzine minorenni e addirittura bambine continua ad essere mantenuta anche in Italia. Esistono precise segnalazioni di operatori sociali e insegnanti dalle quali risulta che la "sparizione" di ragazzine islamiche in età pubere viene registrato a Bergamo, Brescia, Milano come pure in Veneto e in Emilia Romagna. Vengono rimandate al paese d'origine per sposarsi o per crescere senza "contaminazione" con stili di vita e valori occidentali. Il fenomeno interessa non solo comunità islamiche come pachistana, marocchina o egiziana, ma anche indiani e rom (nelle quali la mercificazione delle spose bambine è la norma). Il matrimonio combinato o forzato è spesso un affare gestito dalle stesse donne della famiglia. Oltre alle tradizioni e al corano, le madri della spose stanno molto attente alla dote: si stabilisce prima e si quantifica spesso con regali. A volte le ragazze sono costrette a tornare al loro paese d'origine con l'inganno di una vacanza o la malattia di una nonna, ma le più ribelli, che hanno intuito la verità, sono spesso picchiate, drogate e portate via con la forza. Alle motivazioni tradizionali se ne aggiunge una, che spesso risulta fondamentale, fornita dall'ipocrito buonismo degli irresponsabili governi occidentali: il ricongiungimento familiare. Una volta che la ragazzina risulta sposata, il neo-sposo chiede SEMPRE il ricongiungimento familiare ed automaticamente ottiene il permesso di soggiorno per arrivare in Italia ed entrare dalla porta principale. Invece delle inutili fiaccolate e manifestazioni di piazza, si deve procedere con immediata espulsione di TUTTI coloro che utilizzano le bambine e abusano, in ogni senso, di loro. Cinque anni per la cittadinanza italiana? L'assassino, dunque, avrebbe già avuto diritto di proclamarsi italiano? Io, come italiana, mi vergogno del disprezzo con il quale i politici trattano la nostra appartenenza ad una nazione che ha lasciato alle spalle queste vergognose forme di discriminazione e schiavizzazione nei confronti delle donne e delle bambine. Propongo CINQUE GENERAZIONI dalle quali risulti senza ombra di dubbio che non ci siano state bambine infibulate, schiavizzate, maltrattate, costrette a matrimoni combinati o alle quale sia stato impedito di scegliere liberamente il proprio stile di vita e la propria religione. (Per piacere, abbiate rispetto per la morte della giovane Sara e nesssuno si permetta di ridurre i nostri commenti a stupidi confronti tra mostri)

    Rispondi

  • Pino Agnetti

    05 Ottobre @ 20.16

    No Luca. Al prossimo capello torto non ci devo andare io. Ci dobbiamo andare noi, usando le armi dello Stato di diritto in cui siamo nati e cresciuti e al quale non dobbiamo assolutamente rinunciare. Usando, cioé, il potere formidabile della stampa e dei media per denunciare questi femomeni aberranti non soltanto quando ci scappa il morto. E (senza scatenare una inutile caccia alle streghe che farebbe solo il gioco di certi mostri trasformandoli in vittime) denunciando noi questi crimini ogni volta che ne siamo al corrente. Loro - le vittime vere, cioé le donne come Nosheen e la povera Begm Shnez - non possono farlo se non al rischio della vita. Tocca quindi a noi. A persone come lei e me. Non è questione di "standing ovation". Ma di cominciare ad agire e a rompere questa cappa orrenda. Pretendendo che siamo in primo luogo i partiti, i governi e le istituzioni a darsi una bella mossa. Certo è che, ad ascoltare certo silenzi assordanti, non si direbbe proprio che ciò stia avvenendo. Ed è proprio per questo che, inevitabilmente, ci sentiamo tutti disorientati e impotenti di fronte a certi orrori. Per cui capisco e, in parte condivido, la sua rabbia. Ma non sarebbe meglio che, invece delle espulsioni di massa, cominciassimo a rimandare indietro i criminali e ad aiutare chi vuole solo vivere in pace con noi e come noi? La saluto cordialmente. Pino Agnetti

    Rispondi

  • luca

    05 Ottobre @ 17.32

    Io propongo di rimandare questi signori a casa loro, è la maniera migliore per risolvere il problema, delle salutari espulsioni di massa nell'interesse della Nazione italiana. Se lo trovate politicamente scorretto, occorrerebbe allora provare a proporre a queste brave persone il Vangelo, che insegna a non uccidere le mogli e i figli. Se non vi va bene neanche questa beh, andate voi nei loro orrendi paesi, ma smettetela di pontificare, per favore. L'articolo di Agnetti si conclude con una bella, quanto inutile e irrealizzabile petizione: "E d’ora in avanti, guai a chi oserà levare la mano, per torcere anche un solo capello, su una di loro": applausi generali, standing ovation! Ma poi? al prossimo capello torto ci va lui? Qui, o ci diamo una mossa, o nel giro di qualche decennio ci mangiano.

    Rispondi

  • ParmigianoFiero

    05 Ottobre @ 14.14

    Mauro, c'è da fare una distinzione radicale tra violenze commesse da criminali (presenti in tutti i gruppi sociali) e quindi isolate e violenze commesse da persone perchè RADICATE NELLA LORO CULTURA. A mio avviso c'è una differenza abissale! I criminali che fanno del male alle donne della loro famiglia ci sono certamente anche qui, ma: 1) Non commettono certi reati per cultura ma per arretratezza mentale PERSONALE 2) Vengono puniti dalle istituzioni (giudice permettendo...) a differenza dei paesi musulmani dove sono le istituzioni stesse ad avere comportamenti aberranti e lontani un paio di anni luce dai Diritti Umani.

    Rispondi

  • ParmigianoFiero

    05 Ottobre @ 12.39

    Togliere i sassi o cercare di far capire a certa gente che quello che fanno e sbagliato? Forse è più facile far sparire i sassi...

    Rispondi

    • mauro

      05 Ottobre @ 13.45

      si potrebbe anche sottoscrivere, a parte alcuni passaggi dove fa capolino un razzismo strisciante; tranne che per una dimenticanza: a subire violenze in casa da parte di mariti, fratelli cugini ecc. ci sono anche delle italianissime. e agnetti queste cose non le scrive. Ma ha mai guardato qualche puntata della trasmissione televisiva "amore criminale?"

      Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Cani e gatti: sai tutto su di loro?

GAZZAFUN

Cani e gatti: sai tutto su di loro?

La canzone di Libera contro la mafia dei ragazzi dell'Udu e dei pensionati Cgil

Tg Parma

Studenti e pensionati nella canzone di Libera contro la mafia

Sembra ieri 1/1: 1984 - In piazza della Pace l'ippopotamo Pippo

SEMBRA IERI

Gli Harlem Globtrotters stregano il Palaraschi (1986)

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso: Giorgio Pasotti dagli spot del Mulino Bianco al Pezzani

VELLUTO ROSSO

Giorgio Pasotti dagli spot del Mulino Bianco al Pezzani Video

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Controlli congiunti della polizia municipale e ispettori Ausl: sequestrati alimenti in cattivo stato di conservazione in un esercizio commerciale

San Leonardo

Carne e pesce scaduti: denunciato il titolare di un negozio di alimentari

Inflitte anche multe per oltre duemila euro

1commento

Furto

Il ladro va in cantina e trova... il grande fratello

4commenti

CARABINIERI

Coltivano marijuana in casa: coppia agli arresti domiciliari a Colorno

Due 37enni sono stati arrestati in flagrante: sequestrate piante e 180 di marijuana in essiccazione

3commenti

ospedale

Ortopedia: ecco le nuove sale operatorie

Sono dotate delle più moderne attrezzature. Vaienti: «Più qualità e più sicurezza»

Parma

Sfondano la vetrina della concessionaria Boselli e rubano quattro moto nuove

Intervento della polizia in via La Spezia

2commenti

Tg Parma

Parco Ducale sempre più insicuro Video

1commento

LUTTO

Addio a Gianmaria Piccinini, fonico del Regio e tifoso del Parma Video

Tg Parma

Smog, per tre giorni consecutivi Pm10 fuori norma Video

1commento

PARMA

Inseguimento nella notte a San Pancrazio: un uomo abbandona l'auto e fugge

Dopo l'alt dei carabinieri, un africano alla guida di una Peugeot 307 è fuggito a fari spenti a tutta velocità

2commenti

Traffico

Strada chiusa per recuperare il camion incidentato

La provinciale Parma-Mezzani

PARMA

Black Friday: sale la febbre per gli sconti Video

CALCIO

Il Parma verso Carpi con un ballottaggio per il "vice Calaiò" Video

L'intervista

Il carabiniere investito: «Voglio tornare sulla strada»

Lutto

Addio Roberta, maestra di una volta

Sicurezza

La Cittadella al buio: nessuno ci va più

5commenti

PARMA

Centro Antiviolenza, aumentano le donne che chiedono aiuto: 265 quest'anno

Sono aumentate rispetto al 2016 le vittime di violenza che si sono rivolte all'associazione

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La crisi di Berlino. Cosa sconta la Merkel

di Domenico Cacopardo

LETTERE

Il primo posto è di Mattia

5commenti

ITALIA/MONDO

spagna

Italiano ucciso in una rissa a Barcellona

MILANO

Ladro ucciso: l'oste pubblica le sue ricette per pagarsi il processo

1commento

SPORT

EUROPA LEAGUE

Vincono Milan e Atalanta, pari per la Lazio: tutte qualificate

IL CASO

Violenza sessuale: 9 anni a Robinho, ex del Milan

SOCIETA'

SALUTE

Quando il design aiuta le mani impacciate Gallery

Francia

Ustionato al 95%, vive per il trapianto di pelle dal gemello

MOTORI

Motori

Tesla Roadster 2, da 0 a 100 km/h in 1,9 secondi Gallery

GAS

Suzuki, la gamma Hybrid acquista l'alimentazione a GPL Fotogallery