21°

Strajè-Stranieri

I risparmi dei poveri dell'India in mano a un ingegnere parmigiano

I risparmi dei poveri dell'India in mano a un ingegnere parmigiano
0

Mara Varoli
Gli manca tanto il «Principe» al culatello dell'Enoteca Fontana, ma New Delhi ormai lo ha adottato. Matteo Chiampo in India ha trovato l'«America». Quarantaquattro anni, parmigiano e ingegnere aerospaziale, dalla Formula Uno è passato ai servizi informatici e da Boston si è trasferito con la famiglia a New Delhi. Il «Corriere della sera» gli ha dedicato una mezza pagina, perchè Chiampo ha vinto la scommessa. E' direttore generale della Eko, una società informatica specializzata in micropagamenti: una società che consente ai poveri di trasferire piccolissime cifre di denaro in modo sicuro, proprio come fa una banca. E in India è oro colato. Un'iniziativa socialmente utile, che è piaciuta a Bill Gates: è stato lui a finanziarla con due milioni di dollari. Chiampo si occupa «del funzionamento quotidiano della società: finanza, human resources, e operations - spiega alla «Gazzetta» Matteo Chiampo -. Siccome abbiamo riorganizzato la struttura della società per eseguire il piano di sviluppo concordato con i nostri investitori, sono anche responsabile ad interim delle vendite nella zona di Delhi». 
Soddisfatto per il finanziamento di Bill Gates?
«Molto. Il contatto con la Bill and Melinda Gates foundation è arrivato durante un momento buio per Eko, nell’autunno del 2008. A quel punto avevamo praticamente esaurito i finanziamenti iniziali, e a causa della crisi finanziaria globale l’accesso a ulteriori capitali era fortemente limitato. Grazie al supporto della Gates Foundation tramite il Consultative Group for Assisting the Poors (Gcap) della Banca Mondiale, siamo stati in grado di ricevere le risorse necessarie per consolidare il progetto sviluppato».
Come è iniziata questa avventura?
«L’avventura in India è partita dalla voglia di trovare nuovi stimoli, nuovi challenges rispetto agli Stati Uniti. Con mia moglie Ashley, verso la metà del 2007, abbiamo deciso di lasciare Boston e trasferirci all’estero, senza però aspettare di essere assegnati su un progetto aziendale. Ci siamo attivati per trovare delle opportunità autonomamente. L’India è risultata essere una scelta ideale: ottime opportunità di business, inglese come linguaggio corrente per il lavoro, un paese in via di sviluppo, e una cultura da esplorare e che non conoscevamo. Tramite un’introduzione di un caro amico di Parma, mi sono messo in contatto con un italiano a Nuova Delhi, che a sua volta mi ha introdotto al team che stava sviluppando l’idea iniziale dietro ad Eko. L’idea iniziale è risultata immediatamente affascinante, dal momento che riuniva il potenziale della telefonia cellulare in India, in fase di crescita straordinaria, con la possibilità di rivoluzionare il modo con cui i servizi finanziari di base vengono forniti al bottom of the pyramid, cioè alla popolazione degli strati sociali piu’ bassi, con un reddito di 2-4 euro al giorno».
Da Boston all'India, una bel salto?
«Agli antipodi, sia geograficamente che come sviluppo economico/sociale. Il periodo di assestamento e’ stato piuttosto duro. Tutto sommato però, guardando indietro ai primi 12 mesi di vita in India, e’ stato un percorso formativo fantastico: abbiamo imparato ad essere molto più flessibili, ad apprezzare le differenze con la cultura e gli approcci occidentali, e a rivalutare tutta una serie di piccole e grandi comodità che davamo per scontate nel modo occidentale - dall’acqua corrente potabile, all’elettricità sempre presente, al rispetto delle regole del traffico stradale. Tutte queste carenze infrastrutturali stimolano l’innovazione e lo spirito imprenditoriale - gli indiani sono maestri nel far funzionare cose che a prima vista sembrano assolutamente senza speranza».
Come si svolgono le sue giornate?
«Al momento attuale, il lavoro sta davvero riempiendo le mie giornate, fatto salvo la prima mattina quando accompagno Stefano, mio figlio di 6 anni alla American Embassy School a Nuova Delhi. Capita spesso di concludere le giornate con amici, sia expatriates che Indiani. C’e’ un grande senso di ospitalità qui in India, che ha facilitato la nostra integrazione nel tessuto sociale locale». 
 Le manca qualcosa di Parma?
«Molte cose. Soprattutto la qualità della vita, come somma di tutto ciò che è piacevole: famiglia, amici, cibo, in particolare il Principe al culatello dell’enoteca Fontana in via Farini, ed un bel salame di Felino. Infatti con mia moglie e i miei figli, più conosciamo culture e vediamo luoghi diversi  in giro per il mondo, più apprezziamo la bellezza e piacevolezza della città di Parma».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Cuoco perfetto, chiuse le iscrizioni

tg parma

"Cuoco perfetto", boom di richieste: chiuse in anticipo le iscrizioni Video

Sembra ieri 1/1: 1984 - In piazza della Pace l'ippopotamo Pippo

TV PARMA

Sembra ieri: 1985 - Il "nuovo" Ponte Italia

Highlander: San Patrick's

Pgn

Highlander: San Patrick's, le foto della festa

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

musica

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

Lealtrenotizie

Porte aperte all'Ospedale vecchio: tutti in coda con il FAI

Porte aperte all'Ospedale vecchio: tutti in coda con il FAI Fotogallery

Giornate di primavera: domenica si visita l'Università

Dopo l'assoluzione

Raffaele Sollecito: «La mia vita riparte da Parma»

"Vivo a Barriera Bixio, lavoro e ho buoni amici"

11commenti

musica

Inaugurato il Centro Toscanini: guarda chi c'era Fotogallery

allarme

Piazzale Lubiana, trovata polpetta con chiodi: chiusa l'area cani

3commenti

polizia

Emergenza furti: razzia di vestiti nella notte allo Spip Video

PARMA CALCIO

Intitolato a Tito Mistrali il campo da calcio di via Taro

Esordì nel 1925. Era il bomber con la "retina"

1commento

Salsomaggiore

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano Foto Il video

3commenti

AGENDA

Un weekend alla scoperta dei castelli

Formaggio

La grana del grana

Sentenza

Multa ingiusta. E stavolta è Equitalia che deve pagare

2commenti

Profughi

«Lasciati senza cibo per 7 giorni»

9commenti

Autosole

L'ambulanza tampona, il paziente a bordo trasferito sull'elicottero

sport

Alberto Scotti presidente nazionale dei Veterani dello sport

Medicina

L'osteopatia nella cura della endometriosi

Da uno studio fatto a Parma nuove speranze per combattere una malattia che colpisce il 10% della donne in età fertile

Testimonianza

Bloccata in coda in A1: "Ho spento la macchina, attesa senza fine"

6commenti

Autostrada

Auto sbanda in A1: muore un 53enne, traffico in tilt per ore Video

Diversi chilometri di coda anche tra Fidenza e Fiorenzuola verso Milano a causa di un altro incidente

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Chi ha interesse a volere la realtà percepita

EDITORIALE

Truffe, anziani e soldi sotto il materasso

di Carlo Brugnoli

1commento

ITALIA/MONDO

stanotte

Torna l'ora legale: ricordarsi di mandare avanti le lancette

Treviso

Il giudice girerà armato: "Lo Stato non c'è, devo difendermi"

4commenti

WEEKEND

FOODBLOGGER

Video-ricetta: la tartare di tonno e stracciatella secondo Eleonora Rubaltelli

cinema

Weekend ricco al cinema: i due consigli del CineFilo Video

SPORT

tv parma

La ricetta di D'Aversa "Dobbiamo metterci più cattiveria" Video

Formula 1

Ferrari in prima fila, ma la pole è di Hamilton

MOTORI

NOVITA'

Non solo Suv: ecco le nuove berline e wagon del 2017

prova su strada

Kia Niro, il «nativo ibrido»