12°

Strajè-Stranieri

I risparmi dei poveri dell'India in mano a un ingegnere parmigiano

I risparmi dei poveri dell'India in mano a un ingegnere parmigiano
0

Mara Varoli
Gli manca tanto il «Principe» al culatello dell'Enoteca Fontana, ma New Delhi ormai lo ha adottato. Matteo Chiampo in India ha trovato l'«America». Quarantaquattro anni, parmigiano e ingegnere aerospaziale, dalla Formula Uno è passato ai servizi informatici e da Boston si è trasferito con la famiglia a New Delhi. Il «Corriere della sera» gli ha dedicato una mezza pagina, perchè Chiampo ha vinto la scommessa. E' direttore generale della Eko, una società informatica specializzata in micropagamenti: una società che consente ai poveri di trasferire piccolissime cifre di denaro in modo sicuro, proprio come fa una banca. E in India è oro colato. Un'iniziativa socialmente utile, che è piaciuta a Bill Gates: è stato lui a finanziarla con due milioni di dollari. Chiampo si occupa «del funzionamento quotidiano della società: finanza, human resources, e operations - spiega alla «Gazzetta» Matteo Chiampo -. Siccome abbiamo riorganizzato la struttura della società per eseguire il piano di sviluppo concordato con i nostri investitori, sono anche responsabile ad interim delle vendite nella zona di Delhi». 
Soddisfatto per il finanziamento di Bill Gates?
«Molto. Il contatto con la Bill and Melinda Gates foundation è arrivato durante un momento buio per Eko, nell’autunno del 2008. A quel punto avevamo praticamente esaurito i finanziamenti iniziali, e a causa della crisi finanziaria globale l’accesso a ulteriori capitali era fortemente limitato. Grazie al supporto della Gates Foundation tramite il Consultative Group for Assisting the Poors (Gcap) della Banca Mondiale, siamo stati in grado di ricevere le risorse necessarie per consolidare il progetto sviluppato».
Come è iniziata questa avventura?
«L’avventura in India è partita dalla voglia di trovare nuovi stimoli, nuovi challenges rispetto agli Stati Uniti. Con mia moglie Ashley, verso la metà del 2007, abbiamo deciso di lasciare Boston e trasferirci all’estero, senza però aspettare di essere assegnati su un progetto aziendale. Ci siamo attivati per trovare delle opportunità autonomamente. L’India è risultata essere una scelta ideale: ottime opportunità di business, inglese come linguaggio corrente per il lavoro, un paese in via di sviluppo, e una cultura da esplorare e che non conoscevamo. Tramite un’introduzione di un caro amico di Parma, mi sono messo in contatto con un italiano a Nuova Delhi, che a sua volta mi ha introdotto al team che stava sviluppando l’idea iniziale dietro ad Eko. L’idea iniziale è risultata immediatamente affascinante, dal momento che riuniva il potenziale della telefonia cellulare in India, in fase di crescita straordinaria, con la possibilità di rivoluzionare il modo con cui i servizi finanziari di base vengono forniti al bottom of the pyramid, cioè alla popolazione degli strati sociali piu’ bassi, con un reddito di 2-4 euro al giorno».
Da Boston all'India, una bel salto?
«Agli antipodi, sia geograficamente che come sviluppo economico/sociale. Il periodo di assestamento e’ stato piuttosto duro. Tutto sommato però, guardando indietro ai primi 12 mesi di vita in India, e’ stato un percorso formativo fantastico: abbiamo imparato ad essere molto più flessibili, ad apprezzare le differenze con la cultura e gli approcci occidentali, e a rivalutare tutta una serie di piccole e grandi comodità che davamo per scontate nel modo occidentale - dall’acqua corrente potabile, all’elettricità sempre presente, al rispetto delle regole del traffico stradale. Tutte queste carenze infrastrutturali stimolano l’innovazione e lo spirito imprenditoriale - gli indiani sono maestri nel far funzionare cose che a prima vista sembrano assolutamente senza speranza».
Come si svolgono le sue giornate?
«Al momento attuale, il lavoro sta davvero riempiendo le mie giornate, fatto salvo la prima mattina quando accompagno Stefano, mio figlio di 6 anni alla American Embassy School a Nuova Delhi. Capita spesso di concludere le giornate con amici, sia expatriates che Indiani. C’e’ un grande senso di ospitalità qui in India, che ha facilitato la nostra integrazione nel tessuto sociale locale». 
 Le manca qualcosa di Parma?
«Molte cose. Soprattutto la qualità della vita, come somma di tutto ciò che è piacevole: famiglia, amici, cibo, in particolare il Principe al culatello dell’enoteca Fontana in via Farini, ed un bel salame di Felino. Infatti con mia moglie e i miei figli, più conosciamo culture e vediamo luoghi diversi  in giro per il mondo, più apprezziamo la bellezza e piacevolezza della città di Parma».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Arriva il Tapiro d'oro, Renzi: "Un Tapiro cumulativo lo merito..."

Roma

Arriva il Tapiro d'oro, Renzi: "Un Tapiro cumulativo lo merito..." Foto

Jessica allena i glutei

GOSSIP

Il sexy allenamento ai glutei di Jessica Immobile fa il boom di clic Video

Aurora Ramazzotti canta la canzone di papà Eros e lo imita: «Mi ucciderà»

radio

Aurora Ramazzotti imita papà Eros: «Mi ucciderà» Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

I dieci errori da evitare in palestra

FITNESS

I dieci errori da evitare in palestra

Lealtrenotizie

Le baby gang fanno paura. Negozianti sotto assedio

Via Mazzini

I commercianti: «Minacciati dalle baby gang»

Il fenomeno dilaga

Bocconi al veleno, allarme anche a San Leonardo

BASSA

I truffatori arrestati risarciscono i negozianti raggirati

Salsomaggiore

Addio a Iolanda Campanini, una vita fra libri e giornali

Fidenza

Malore in piazza, l'esercitazione diventa soccorso reale

Cocaina

Preso il pusher dei ragazzini

La storia

Silvia, convertita all'ebraismo: mollo tutto e mi trasferisco in Israele

Lega Pro

Parma: splendida rimonta, Samb ko

Stadio Tardini

Il Parma soffre ma poi vince alla grande: 4-2 sulla Sambenedettese Foto Video

I crociati tengono il passo del Venezia. Partita numero 300 per capitan Lucarelli con la maglia del Parma

1commento

Parma-Samb

D'Aversa: "Nel primo tempo non eravamo aggressivi. Importante l'atteggiamento" Video

2commenti

Polizia municipale

Autovelox e autodetector: ecco la mappa dei controlli a Parma

lega pro

La Reggiana vince 2-0 con il Lumezzane

il caso

Bocconi avvelenati al Parco Martini: e Otto muore in poche ore

7commenti

L'INCHIESTA

Telefonini in classe? A Parma per lo più spenti

8commenti

Il personaggio

Il bussetano Laurini debutterà in F3 al volante di una Dallara: «Che emozione»

Gazzareporter

La foto di un lettore: "Parco del Cinghio finito e mai aperto"

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La risposta che occorre per placare la rabbia

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

Le deprimenti liti dei politici

1commento

ITALIA/MONDO

auto

Addio al libretto di circolazione: il documento sarà unico

Sant'Ilario d'Enza

Mezzo nudo e in perizoma fa l'esibizionista davanti a una bimba: arrestato 

1commento

COSTUME

L'INDISCRETO

I belli delle donne

1commento

il disco

45 ANNI FA - Mu, il mito secondo Cocciante

SPORT

Parma-Samb

Il Parma tira fuori il carattere: l'analisi di Sandro Piovani Video

Parma-Samb

Lucarelli: "Partenza lenta, pericolo scampato" Video

MOTORI

SUPERCAR

Ferrari 812 Superfast,
la nuova berlinetta da 800 Cv

300 CV

Leon Cupra, la Seat più potente di sempre Gallery