Strajè-Stranieri

I risparmi dei poveri dell'India in mano a un ingegnere parmigiano

I risparmi dei poveri dell'India in mano a un ingegnere parmigiano
0

Mara Varoli
Gli manca tanto il «Principe» al culatello dell'Enoteca Fontana, ma New Delhi ormai lo ha adottato. Matteo Chiampo in India ha trovato l'«America». Quarantaquattro anni, parmigiano e ingegnere aerospaziale, dalla Formula Uno è passato ai servizi informatici e da Boston si è trasferito con la famiglia a New Delhi. Il «Corriere della sera» gli ha dedicato una mezza pagina, perchè Chiampo ha vinto la scommessa. E' direttore generale della Eko, una società informatica specializzata in micropagamenti: una società che consente ai poveri di trasferire piccolissime cifre di denaro in modo sicuro, proprio come fa una banca. E in India è oro colato. Un'iniziativa socialmente utile, che è piaciuta a Bill Gates: è stato lui a finanziarla con due milioni di dollari. Chiampo si occupa «del funzionamento quotidiano della società: finanza, human resources, e operations - spiega alla «Gazzetta» Matteo Chiampo -. Siccome abbiamo riorganizzato la struttura della società per eseguire il piano di sviluppo concordato con i nostri investitori, sono anche responsabile ad interim delle vendite nella zona di Delhi». 
Soddisfatto per il finanziamento di Bill Gates?
«Molto. Il contatto con la Bill and Melinda Gates foundation è arrivato durante un momento buio per Eko, nell’autunno del 2008. A quel punto avevamo praticamente esaurito i finanziamenti iniziali, e a causa della crisi finanziaria globale l’accesso a ulteriori capitali era fortemente limitato. Grazie al supporto della Gates Foundation tramite il Consultative Group for Assisting the Poors (Gcap) della Banca Mondiale, siamo stati in grado di ricevere le risorse necessarie per consolidare il progetto sviluppato».
Come è iniziata questa avventura?
«L’avventura in India è partita dalla voglia di trovare nuovi stimoli, nuovi challenges rispetto agli Stati Uniti. Con mia moglie Ashley, verso la metà del 2007, abbiamo deciso di lasciare Boston e trasferirci all’estero, senza però aspettare di essere assegnati su un progetto aziendale. Ci siamo attivati per trovare delle opportunità autonomamente. L’India è risultata essere una scelta ideale: ottime opportunità di business, inglese come linguaggio corrente per il lavoro, un paese in via di sviluppo, e una cultura da esplorare e che non conoscevamo. Tramite un’introduzione di un caro amico di Parma, mi sono messo in contatto con un italiano a Nuova Delhi, che a sua volta mi ha introdotto al team che stava sviluppando l’idea iniziale dietro ad Eko. L’idea iniziale è risultata immediatamente affascinante, dal momento che riuniva il potenziale della telefonia cellulare in India, in fase di crescita straordinaria, con la possibilità di rivoluzionare il modo con cui i servizi finanziari di base vengono forniti al bottom of the pyramid, cioè alla popolazione degli strati sociali piu’ bassi, con un reddito di 2-4 euro al giorno».
Da Boston all'India, una bel salto?
«Agli antipodi, sia geograficamente che come sviluppo economico/sociale. Il periodo di assestamento e’ stato piuttosto duro. Tutto sommato però, guardando indietro ai primi 12 mesi di vita in India, e’ stato un percorso formativo fantastico: abbiamo imparato ad essere molto più flessibili, ad apprezzare le differenze con la cultura e gli approcci occidentali, e a rivalutare tutta una serie di piccole e grandi comodità che davamo per scontate nel modo occidentale - dall’acqua corrente potabile, all’elettricità sempre presente, al rispetto delle regole del traffico stradale. Tutte queste carenze infrastrutturali stimolano l’innovazione e lo spirito imprenditoriale - gli indiani sono maestri nel far funzionare cose che a prima vista sembrano assolutamente senza speranza».
Come si svolgono le sue giornate?
«Al momento attuale, il lavoro sta davvero riempiendo le mie giornate, fatto salvo la prima mattina quando accompagno Stefano, mio figlio di 6 anni alla American Embassy School a Nuova Delhi. Capita spesso di concludere le giornate con amici, sia expatriates che Indiani. C’e’ un grande senso di ospitalità qui in India, che ha facilitato la nostra integrazione nel tessuto sociale locale». 
 Le manca qualcosa di Parma?
«Molte cose. Soprattutto la qualità della vita, come somma di tutto ciò che è piacevole: famiglia, amici, cibo, in particolare il Principe al culatello dell’enoteca Fontana in via Farini, ed un bel salame di Felino. Infatti con mia moglie e i miei figli, più conosciamo culture e vediamo luoghi diversi  in giro per il mondo, più apprezziamo la bellezza e piacevolezza della città di Parma».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Dal 2017 WhatsApp non funzionerà più sui vecchi telefonini

social

Dal 2017 WhatsApp non funzionerà più sui vecchi telefonini

1commento

La trollata epica del rapper di Parma sui profughi

tv

La "trollata epica" del rapper parmigiano Bello FiGo sui profughi Video

5commenti

20enne si schianta a folle velocità mentre fa diretta Fb

usa

Si schianta a velocità folle: in diretta Facebook Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Nidi di rondine di nonna Ida

GUSTO

La ricetta della Peppa- Nidi di rondine di nonna Ida

Lealtrenotizie

Parma, primo allenamento con D'Aversa e il nuovo staff Foto

calcio

Parma, primo allenamento con D'Aversa e il nuovo staff Foto Video

seggi

Referendum, alle 12 al voto il 24,46% dei parmigiani. Istruzioni per l'uso

referendum

File infinite al Duc per la tessera. Un lettore: "Racagni, ascensore guasto: e i disabili?"

Carabinieri

Vendono iPhone: ma è una truffa

2commenti

l'agenda

Atmosfere natalizie e sapori della tradizione: cosa fare oggi

RICERCA

Prevedere i terremoti: a che punto siamo

Salsomaggiore

«Lorenzo, un ragazzo speciale»

Il nuovo allenatore

D'Aversa: "Mi hanno chiesto di giocare a calcio". Il suo staff

L'intervista: "Ora miglioriamo giorno per giorno. Ritroviamo la serenità" (Video) - Ferrari: "Scelti non i nomi, ma gentre che avesse "fame"" (Video) - Lunedì o martedì l'annuncio del nuovo ds: è una corsa a tre

7commenti

Calcio

Brodino per il Parma. E intanto parte l'era D'Aversa

MISSIONARI

Saveriani, da sempre tra gli ultimi

PERSONAGGI

Gandini, il pistard d'oro eroe di Melbourne

elezione

Beltrami nuovo vicepresidente nazionale della Federazione medici sportivi

Intervista

Virginia Raffaele: «Ecco perché i miei personaggi fanno ridere»

1commento

Fidenza

La giunta: «L'aggregazione aiuterà il Solari»

al mercato

Sorpreso a rubare, ferisce con un cutter i titolari di un banco in Ghiaia Foto

9commenti

via mazzini

Un altro pezzo di storia che se ne va: chiude Zuccheri

11commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Ci sarebbe, magari, un "grazie" da dire

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

La verità può nascondersi ma c'è

ITALIA/MONDO

alessandria

Ruba fidanzatino a figlia, condannata per violenza sessuale

1commento

CALIFORNIA

Incendio al concerto: si temono 40 vittime

WEEKEND

IL CINEFILO

I film della settimana, da Sully a Agnus Dei  Video

VERNISSAGE

90 anni di Arnaldo Pomodoro: la sua arte invade Milano

1commento

SPORT

formula uno

Mercedes, Rossi: "Io al posto di Rosberg? Bello, non potrei dire no"

SERIE A

La Juve domina: battuta l'Atalanta (3-1)

SOCIETA'

salerno

"Novemila euro alla Arcuri per accendere l'albero di Natale"

1commento

rifiuti abbandonati

Via Anedda e la montagna di scatole (cinesi) Foto

2commenti