Strajè-Stranieri

Tunisini, sabato un altro corteo

8

 Continua la mobilitazione parmigiana di solidarietà al popolo tunisino. Anche per sabato prossimo, infatti, l’associazione tunisina Giuseppe Verdi ha organizzato una manifestazione a sostegno dei connazionali che stanno portando avanti la protesta contro il governo.  L’appuntamento è fissato per sabato alle 15, in piazzale dalla Chiesa, proprio davanti alla stazione. Da qui partirà un corteo che, passando per via Garibaldi, raggiungerà la piazza con striscioni e fiaccole.  Ma non solo. L’associazione Giuseppe Verdi invita tutta la città  e le associazioni che ogni giorno seguono le situazioni di emergenza,  a dare vita a una catena di solidarietà ovvero a raccogliere mezzi di prima necessità di cui ora il popolo tunisino è sprovvisto, a causa delle rivolte interne.

 «Viste le condizioni in cui si trova attualmente la Tunisia e la necessità di sostegno al popolo da parte di tutti noi - spiega il presidente dell’associazione Verdi, Ben Benjedou Belgacem –, chiediamo l'aiuto di tutti e di tutte le associazioni di volontariato per avere la possibilità di inviare mezzi di prima necessità nel nostro Paese. 
Servono ad esempio medicine, coperte, indumenti pesanti per le persone che dormono per strada e hanno perso la propria famiglia». La raccolta avverrà all’interno della sede Enaip di via Gramsci, a partire da domenica dalle 15. Per ulteriori  informazioni contattare Ben Benjedou Belgacem al numero 388.3610397.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • katiatorri

    01 Febbraio @ 14.35

    veramente l'unica cosa che hai chiarito è il tuo razzismo...oh ariana,non è che la cultura occidentale,specie quella a te affine,abbia portato solo gioie e la cultura islamica,sempre che se ne possa fare un monoblocco,non è al qaeda...in compenso non hai risposto alla domanda centrale,perchè l'Italia ha mandato al potere con Craxi e supportato fino ad ora anche con Frattini un dittatore come Ben Alì?non eravamo democratici?i dati da te citai poi sono fuori dal mondo,chi ha fatto quelle interviste?a chi?

    Rispondi

  • giuliana

    01 Febbraio @ 11.51

    A katia devo chiarire un punto essenziale, un errore comune a tanti di noi: credere che la cultura islamica sia equivalente a quella occidentale e che le rivendicazioni sociali nei paesi islamici possano essere separate da influenze religiose come da noi. Lo sbaglio dell'occidente è stato quello di non mettersi al fianco e di supportare i veri dissidenti, ma l'errore ancor più grande è stato quello di permettere l'invasione dei paesi europei da parte di una civiltà che porta avanti una cultura di morte e ci vorrebbe tutti sottomessi ad essa. Le riporto alcuni dati impressionanti che riguardano l'Egitto, ma sono sovrapponibili a quelli di altri paesi islamici che in questi giorni stanno manifestando per i propri diritti. Ecco, per esempio, che cosa intendono per "propri diritti" . ...il 59 per cento preferisce l’islamizzazione e il 29 la modernizzazione; l’82 per cento è per la lapidazione di chi commette adulterio e l’84 per cento chiede la pena di morte per chi cambia religione...

    Rispondi

  • katiatorri

    30 Gennaio @ 16.34

    Giuliana,perchè la democratica Italia ha appoggiato il governo dittatoriale di Ben Alì?sa come il dittatore è salito al potere?se il nord africa è una bomba ad orologeria è perchè il popolo ha fame e se ha fame è perchè sono stati favoriti regimi dittatoriali,anche da noi,pur di tutelare i nostri interessi.Avete paura di una deriva estremista islamica?bè piantatela di fare in modo che quei popoli vedano nell'islam più estremo l'unica alternativa alla fame.Le rivolte attuali,specie quella tunisina ,sono laicissime,perchè Frattini si è subito affrettato a dare il suo appoggio,ancora una volta,al dittatore Ben Alì?

    Rispondi

  • giuliana

    30 Gennaio @ 10.46

    Tutto il nord africa è una bomba ad orologeria. I paesi che in questi giorni sono insorti contro i loro governi sono quelli che in occidente definiamo islamici "moderati" nel senso che hanno tentato di darsi una parvenza democratica mostrando di tenere alla larga gli estremisti. Il pericolo è che del caos attuale approfittino gli estremisti per salire al potere, proprio per la possibilità che viene offerta loro dalle proteste di questi giorni, di dichiarare fallito il sistema democratico e presentare la teocrazia islamica quale miglior soluzione. Come è successo in Iran. Se veramente a tutti i maghrebini interessasse la sorte dei propri paesi, dovrebbero tornare in massa per lottare contro tale pericolo, che non è poi tanto remoto. Lo stato di arretratezza dei paesi islamici ha un solo colpevole, l'islam (che è mancanza di diritti umani e di libertà), non la democrazia. La salvezza delle popolazioni è soltanto nella possibilità di avere GOVERNI LAICI, come già aveva fatto Ataturk con le sue riforme. Ma il tumore islam è sempre in agguato, pronto a prendere il sopravvento e infatti ora la Turchia assomiglia sempre più all'Iran. Tutto il maghreb si sta reislamizzando. Presto ci troveremo in trincea, proprio come Israele. Il disegno che stanno portando avanti i musulmani è quello del dominio e della sottomissione mondiale alle leggi di allah. Purtroppo l'Italia (e l'Europa) è piena di traditori pronti a rinnegare la storia e a svendere la nostra libertà. La soluzione alternativa a governi democratici (non perfetti, ma perfettibili) è forse nel comunismo o nell'islamismo? Mi sbaglio o sarebbero queste, Katia, le sue soluzioni? Se i maghrebini non difendono a spada tratta la LAICITA' sono veramente perduti. E' adesso che sono davanti al bivio. Noi possiamo solo restare ad osservare.

    Rispondi

  • katiatorri

    29 Gennaio @ 18.36

    se Pantalone ha le tasche vuote la colpa è del capitalismo reale e disumano che amate tanto e che considera le persone solo come mezzi atti per l'arricchimento di altre,in realtà i ricchi,i Berlusconi ,i Marchionne ,le tasche le hanno più piene di prima,siamo noi a non avere più un futuro ed intendiamo riprendercelo non cadendo nel giochino del farci dividere in italiani e non,se la finanza non ha confini non devono averli neppure le sue vittime

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Mirante è il nuovo amore di Ludovica Valli?

Ex tronista

Mirante è il nuovo amore di Ludovica Valli?

"Butterfly", questa volta è un trionfo

Una scena della "Madama Butterfly" andata in scena ieri alla Scala

La Scala

"Butterfly", questa volta è un trionfo

Il Taro Taro  story al Marisol

Pgn

Il Taro Taro story al Marisol Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso 6 dicembre

VELLUTO ROSSO

Da Shakespeare a Peter Pan: gli spettacoli da non perdere a teatro

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

rogo

allarme

Sterpaglie in fiamme, rogo a Ponte Italia

Attorno alle 22

SQUADRA MOBILE

Presi due spacciatori con la pistola

4commenti

Ospedale

Reparti soppressi, allarme al Maggiore

Sono cinque le strutture coinvolte: semeiotica, ortopedia, centro cefalee e due chirurgie. E arriva la replica dell'Ospedale

4commenti

Polizia municipale

Controlli a San Leonardo: 22 multe ad automobilisti, 2 a ciclisti non in regola

Controlli anche sui veicoli: fermate 2 auto senza assicurazione e 5 senza revisione

8commenti

Anteprima Gazzetta

Truffe, ecco come difendersi Video

Un'inchiesta di due pagine sulle truffe più frequenti

Guardia di Finanza

Incassa poco ma solo per il fisco: sequestrati beni a un evasore "seriale" di Sorbolo

3commenti

Parma Calcio

Il ds Faggiano si presenta: "Voglio un rapporto vero con la squadra" Video

1commento

Calcio

LegaPro: pari del Pordenone, Venezia primo

Guarda i risultati delle partite e la classifica aggiornata

Calestano

La lite per i confini dell'orto finisce a badilate: condannata intera famiglia

1commento

Incidente

E' ancora gravissimo il rugbista ventenne investito 

SONDAGGIO

La commessa più votata? E' Giorgia

2commenti

Parma

Nuovo percorso ciclabile fra la stazione, via Trento, via San Leonardo e via Paradigna Mappe

Ecco dove passerà la pista ciclabile

8commenti

Parma

Attentato incendiario nella sede dei sindacati di base Video

Rilievi della Scientifica in via Mattei

Alta Velocità

Italo aumenta i collegamenti di Parma con la stazione Mediopadana

3commenti

collecchio-noceto

Truffa-furto del finto soccorso stradale: nuove segnalazioni

2commenti

TRASPORTI

Nuovi autobus sulla linea 7. Più grandi e con il wi-fi

I dodici mezzi sono autosnodati, lunghi 18 metri e sono costati circa 3.5 milioni

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Renzi: perché ha perso, perché può rivincere

di Michele Brambilla

13commenti

IL DIRETTORE RISPONDE

Il panino? Non famolo strano

2commenti

ITALIA/MONDO

Governo

Renzi si è dimesso

PIACENZA

Sequestrate ville e auto a due famiglie rom

SOCIETA'

GIORNALISMO

Gramellini passa dalla Stampa al Corriere

dialetto

"Io parlo parmigiano" lancia un Lunäri... da Ufo Video

SPORT

Colombia

Disastro Chapecoense: primi arresti

promozione

Il Fidenza chiama Massimo Barbuti in panchina

CURIOSITA'  

Gazzareporter

Lavori in corso sul marciapiedi di viale Mariotti

Tg Parma

A Fidenza la pista di pattinaggio su ghiaccio più grande della provincia Video