Strajè-Stranieri

Pedro Guerra, primo «rifugiato» a Parma

Pedro Guerra, primo «rifugiato» a Parma
Ricevi gratis le news
2

 Margherita Portelli

1974: «Ragazzi, sforziamoci: proviamo a pensare in italiano».
 Così parlottava Pedro Guerra Figueroa. Cileno, sfuggito alla persecuzione omicida del generale Pinochet, dopo settimane di prigionia allo Stadio Nacional di Santiago - tempio sportivo del Paese per l’occasione tramutato in vero e proprio campo di concentramento -, era arrivato a Parma: primo rifugiato politico nella storia della città. Con lui, altri due: Omar Leal e Pedro Torneria. Stessa patria, stesse convinzioni: dissidenza politica e libertà. 
Tempi lontani per lo Stivale: quando gli esuli arrivavano radi e le città li ospitavano negli hotel accogliendoli a festa. «Fummo ricevuti in Comune dal sindaco Gherri, aiutati e accolti da associazioni, sindacati e istituzioni - dice Guerra, che ai tempi era ventenne -. Ricordo il grande impegno e l’attenzione del senatore Fabio Fabbri, allora vice presidente della Provincia. Le prime settimane le passammo all’hotel Button e poi, dopo il lavoro, arrivò l’indipendenza economica e la possibilità di pagarci un affitto». Fuggiti da un regime, perseguitati, a loro modo anch’essi «migranti». Come quelli che oggi arrivano a frotte, che non ci stanno nelle tendopoli e che raccolgono quei pochi soldi e tutto il coraggio del mondo per scappare e tentare una nuova vita, dopo averla rischiata - quella vecchia - a bordo dei barconi.
Oggi il signor Guerra, cinquantanove anni, è un parmigiano a tutti gli effetti. Un caldo accento latino tradisce le origini, ma la sua vita, negli ultimi quarant’anni, l’ha costruita qui: «Ero al lavoro il giorno del golpe, l’11 settembre 1973, in banca - rievoca -. Venuti a conoscenza del colpo di stato ci siamo asserragliati nei locali per difendere quella che per noi era un' istituzione pubblica. Fummo catturati dai militari». Poi la segregazione allo Stadio Nacional, dove fu prigioniero per un mese, e la fuga: dentro il bagagliaio di un’auto riuscì a entrare nell’Ambasciata italiana in Cile, dove conobbe il primo parmigiano della sua vita, l’incaricato d’affari a Santiago Roberto Toscano. Forse fu un presagio, forse no. Fatto sta che a dicembre un aereo lo portò a Roma e, da lì, saltò su un pullman e arrivò a Parma: «Non parlavamo una parola della lingua, ma imparammo presto - continua -. Mi fu offerto un lavoro in Provincia (dove è ancora impiegato come tecnico informatico, ndr) e iniziai a costruirmi una vita. Chi di noi in Cile aveva famigliari riuscì a farli arrivare, io fui raggiunto da mia madre e da mia sorella, e qui a Parma si creò una piccola comunità cilena». 
Dai vent’anni Pedro ricominciò da capo e, pur continuando a lavorare politicamente per la liberazione del suo paese d’origine, iniziò a capire che Parma non l’avrebbe mai più lasciata. «Chi era con me, e magari aveva qualche anno in più, invece, non smise mai di sognare il ritorno in patria, come Torneria e Leal, ad esempio, che quando fu possibile rientrarono a casa. Io invece, a casa, ci ero arrivato». 
Pedro Guerra lo sa: «Un rifugiato politico non è un semplice migrante, ma nel vedere le immagini dei telegiornali di questi giorni provo un senso di grande amarezza. Queste persone vanno ospitate, tutte. Sono già state abbandonate e tradite dal loro paese, noi dobbiamo accoglierle. L’ondata di migrazioni andrà avanti e ci vuole impegno e assunzione di responsabilità da parte di tutti: ogni comune deve rendersi disponibile a dare ospitalità. Molti dei migranti, poi, non vorranno stabilizzarsi in Italia, perché magari hanno parenti in altre parti d’Europa. Noi, comunque, non possiamo rimandarli indietro». 
In Cile, Guerra, qualche volta ci è tornato, ma - spiega - solo in vacanza: «Qui a Parma ho trovato accoglienza, da lì è venuta un’integrazione facile che mi ha permesso di inserirmi da subito». 
2011: i ricordi sono vivi ma distanti e le fotografie di quel periodo oramai iniziano a sbiadirsi. I contorni smangiati, però, incorniciano ancora sorrisi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • omar torneria

    27 Agosto @ 17.50

    ciao pedro ,forse non mi conosci perche io ero piccolo quasi trenta anni fa, ,pero sicuramente avrai parlato con mio zio pedro e mio babbo omar torneria io ,vivevo nel quartiere montanara adesso vivo in cile,ho visto la tua foto nell internet, e sempre ascoltavo il tuo nome,ho vissuto quasi 13 anni in italia e ancora non la posso scordare,saluti a la tua famiglia omar torneria

    Rispondi

  • alessia zambon

    28 Dicembre @ 13.05

    Ciao Pedro, mi ricordo di te, di quando sei arrivato a parma e del pulcino giallo che tua sorella mi regalò. non aveva ltro giocattolo se no quel pulcino giallo e lo volle dare a me. Tu eri il fratello grande, seri e misterioso. tua madre piena di tristezza, ma fiera e dignitosa me la porto ne cuore da allora. Che bello rivederti!

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

David Garrett

David Garrett

TEATRO REGIO

Cancellato il concerto di David Garrett

Renata Tebaldi conservata per l'eternità al Polo Nord

SCIENZA

Renata Tebaldi conservata per l'eternità al Polo Nord

Lo scandalo delle molestie sessuali si allarga a Broadway

Tom Schumacher è il produttore della versione musical di "Frozen"

Stati Uniti

Lo scandalo delle molestie sessuali si allarga a Broadway

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Gene Gnocchi, Pirandello e la danza

VELLUTO ROSSO

La settimana a teatro, da Pirandello alla danza Video

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Allerta meteo livello giallo

meteo

Parma, allerta a livello giallo

1commento

tg parma

Le ex Luigine continueranno a esistere. La gestione passa a Proges Video

lettera aperta

Elezioni, le cinque richieste di Pizzarotti ai candidati

5commenti

Castell'arquato

Aggredisce moglie e figlio con chiave inglese: trasportati in fin di vita al Maggiore

viale bottego

Fiamme in studio dentistico: evacuato tutto il palazzo. Due intossicati Foto

amarcord

Le «innominabili case» (chiuse) che popolavano Parma: la mappa Foto

Via Buffolara

«Prima mi ha investito e poi picchiato»

16commenti

squadra mobile

Preso il rapinatore (seriale?) con roncola della sala scommesse Il video del blitz

TRAFFICO

Tamponamento nel pomeriggio sulla tangenziale nord

furti

Svaligiate le sedi delle associazioni per i disabili. E allora, "Caro ladro ti scrivo..."

1commento

tg parma

Parmigiano 60enne prestanome per una banda di ladri dell'Est Video

Bonifica Parmense

Parte il progetto che metterà in sicurezza Bocca d'Enza

salute

Vincere il tumore: la testimonianza di tre parmigiani

Fidenza

Addio a Fabrizio «Fispo» Rivotti

CURIOSITA'

Il colore del cartello è sbagliato: Langhirano diventa... provincia (o regione) Foto

EDUCAZIONE

Femmine, maschi e gli stereotipi che ingabbiano

Differenze di genere, Torti: «Diamo la libertà di scegliere qualsiasi strada»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

VADEMECUM

Elezioni del 4 marzo: come votare correttamente

3commenti

GAZZAFUN

Ex rimpianti e non: riconosci questi giocatori del Parma?

ITALIA/MONDO

Genova

Mamma salva il figlio di un mese e mezzo seguendo le istruzioni telefoniche del 118

SAN POLO D'ENZA

Operazione Copper Field: sgominata la banda del rame

SPORT

CHAMPIONS

Roma battuta di misura: 2-1 per lo Shakhtar

sport

La discesa d'Oro di una favolosa Sofia Goggia Foto

SOCIETA'

GAZZAREPORTER

Balli e divertimento al Newyork di Sissa Foto

UNESCO

Città Creative per la Gastronomia: il progetto entra nel vivo

MOTORI

ANTEPRIMA

Volvo, ecco la nuova V60 Fotogallery

motori

Ferrari: ecco la 488 Pista, sarà presentata a Ginevra