-5°

Strajè-Stranieri

La ragazza pachistana e i genitori - "La religione non c'entra: è un problema tra diverse culture"

1

 A Parma non c'è nessuna «Jamila». Nessun caso simile a quello della ragazza pachistana tenuta a casa da scuola perché troppo bella. Ma ci sono almeno cinque studentesse con «scontri laceranti» in famiglia per il loro modo di vivere «troppo occidentale». Tutte sono seguite dagli psicologi ed educatori dello spazio giovani dell’Ausl di via Melloni. Ragazze che vorrebbero scappare via dalla famiglia, o rifiutano di lasciare l’Italia per un matrimonio combinato nel paese d’origine. Oppure, più banalmente, che si scontrano per i troppi «no» dei genitori, per le compagnie che frequentano, perché non hanno il permesso di uscire la sera. «Più che un problema religioso, si tratta di un problema tra diverse culture -  tiene a precisare la responsabile dello Spazio Giovani, Paola Salvini - Al conflitto tra adolescenza e genitori, da sempre presente, si unisce il conflitto culturale, fra il modello di libertà personale e abitudini, stili di vita diversi. In altre culture c'è un rispetto per gli anziani, per gli adulti, molto elevato, che non è lo stesso da noi». Spesso sono gli insegnanti, gli psicologi della scuola a parlare per la prima volta con loro di questi problemi, e poi le indirizzano allo spazio giovani. I presidi delle superiori di Parma, per difendere la privacy di queste ragazze, non ammetterebbero neanche sotto tortura che sono loro allieve. «Il problema non è legato alla religione musulmana delle famiglie - insiste la Salvini - ma alle diversità culturali, che vanno affrontate: stiamo riflettendo molto, come professionisti e operatori, su questo tema. In culture diverse alla nostra ci sono atteggiamenti differenti rispetto a temi importanti come la libertà degli adolescenti, quali ad esempio gli orari di uscita da casa e di rientro, le compagnie da frequentare, l’autonomia nelle scelte». Lo spazio giovani dell’Ausl è dedicato agli adolescenti fino a 21 anni. È gratuito ed accessibile senza appuntamenti. L’equipe è composta da psicologi, ginecologhe, un medico esperto in problemi dell’alimentazione, ostetriche, educatrici. «Il nostro compito è di capire bene quali sono i reali problemi di chi si rivolge a noi e nel caso di fare mediazione, il nostro obiettivo è riportare la ricomposizione con la famiglia, perché la famiglia può essere strumento di crescita. - spiega Paola Salvini - Come servizio abbiamo una posizione di difesa del minore e di chi viene da noi, ma non abbiamo mai avuto conflitti che non siamo riusciti a ricostruire all’interno della famiglia. È un percorso di accompagnamento e di sostegno delle ragazze. In passato abbiamo anche avuto ragazze che erano uscite di casa ed erano state accolte nelle casa di famiglia. Negli ultimi anni non ci sono più state». «Io credo che il compito fondamentale dei servizi e degli adulti in genere - sostiene la responsabile dello spazio giovani - sia riuscire a trasmettere il concetto che i problemi non sono né bianchi né neri, sono problemi complessi e l’importante è riuscire a leggerli in tutte le dimensioni. Ognuno deve fare propria parte». 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • giuliana

    21 Aprile @ 23.35

    Affermare che la religione non c'entra è un'enorme sciocchezza. Tutti hanno paura di andare all'origine del problema, che è l'islam. Quando l'islam contamina una qualsivoglia cultura ne causa il blocco totale della capacità di migliorare e progredire. Non esiste un paese islamico che spicchi per l'alto livello delle sue ricerche, che abbia dato i natali a qualche scienziato o che si metta in evidenza per scoperte tecnologiche. Solo miseria, ignoranza, negazione di diritti e violenza. Il PaKistan è uno dei paesi in prima linea per la violenza, gli stupri e gli abusi contro i cristiani e le donne. E non saranno tre chiacchiere propinate in nome del volemose bene che potranno scalfire una mentalità ristretta, troglodita, antioccidentale, anti tutto ciò che sa di libertà (soprattutto della donna) di cui sono portatori i pakistani. La religione influenza la cultura, soprattutto quando religione, legge e tradizioni coincidono. Affermare il contrario, ripeto, è solo un'enorme sciocchezza. Non c'è nessuno che voglia veramente aiutare le ragazze musulmane (e pakistane in particolare). Il problema bisogna affrontarlo di petto con il coinvolgimento di un giudice dei minori che spieghi ai genitori che cosa significa diritti dei bambini in Italia, cosa significa uguaglianza di diritti tra uomo e donna, libertà di scelta religiosa compresa la libertà di abbandonare anche l'islam. Se rifiutano di capire, cioè se rifiutano le nostre leggi, espulsione immediata e irrevocabile. Ci sarebbero meno problemi.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Eugenie Bouchard fra tennis e scatti sexy

Australian Open

Eugenie Bouchard fra tennis e scatti sexy Foto

Hub Café: il party messicano

Pgn feste

Hub Café: il party messicano Foto

Acquisto auto nuova: le 6 soluzioni più efficaci

CONSIGLI

Acquistare un'auto nuova: le 6 soluzioni più efficaci

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO 

Prosa e Lirica, risate e emozioni a teatro: il meglio della settimana

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Ecoincentivi per auto metano o gplmetanogp

Parma

Metano e gpl per auto: arrivano gli ecoincentivi

Polizia

Salta il furto di rame nella centrale di Vigheffio: arrestati due romeni

Sequestrato tronchese gigante

5commenti

Incidente Cascinapiano

Filippo sarà vestito da calciatore: a Langhirano il funerale 

Parma

Rapina in villa a Marore: falsi vigili svuotano una cassaforte

2commenti

Parma

L'odissea di un giardiniere: «Con il mio Euro2 non posso lavorare»

24commenti

Parma

Fa "filotto" di auto parcheggiate in via della Salute Foto

Nei guai un extracomunitario che guidava in stato di alterazione

9commenti

Sport

Il Parma Calcio avrà la gestione dello stadio Tardini per 8 anni

1commento

Calcio

Presentato Frattali, nuovo portiere del Parma Video

Mercato: Faggiano promette sorprese per la settimana prossima

Parma

Camion in fiamme: problemi in tangenziale nel pomeriggio

Neve e terremoto

Partiti altri mezzi e volontari da Parma per l'Italia centrale Foto

Il Soccorso Alpino è impegnato ad Arquata del Tronto

2commenti

Tg Parma

Polizia Municipale: festa del patrono all'insegna della lotta al degrado Video

Parma

Legionella: la causa del contagio resta sconosciuta

Esclusi l’acquedotto pubblico, la rete delle derivazioni dall’acquedotto stesso, l'irrigazione del campo sportivo e gli impianti della "Città di Parma"

4commenti

Fidenza

Meningite, la 14enne è fuori pericolo

colorno

La messa di don Mazzi per ricordare Filippo

TV PARMA

Primarie del centrosinistra: i candidati scenderanno a tre? Video

1commento

Dati Bankitalia

Le rimesse degli immigrati: 24,5 milioni inviati all'estero in 6 mesi  Video

Gli indiani superano i romeni 

17commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Quei «no» che non sappiamo più dire ai figli

5commenti

EDITORIALE

Un morto nell'Italia dello scaricabarile

di Paola Guatelli

ITALIA/MONDO

WASHINGTON

Trump ha giurato: è il nuovo presidente

rigopiano

Quello spazzaneve che non è mai arrivato

WEEKEND

CINEMA

Da "Arrival" a "Qua la zampa": i film della settimana Video

IL DISCO

Avalon, un sound sofisticato

SPORT

Sport

MotoGP: tutti i piloti Foto

MERCATO

Evacuo, trattative congelate

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, ci siamo. Il Suv è già ordinabile Fotogallery

PROVA SU STRADA

Peugeot 2008, per chi non si accontenta