-2°

Strajè-Stranieri

Gli stranieri? A Parma e provincia sono 55mila, il 9,8% in più in un anno

Gli stranieri? A Parma e provincia sono 55mila, il 9,8% in più in un anno
17

Oltre 55mila. Per la precisione, 55.069. Sono gli stranieri residenti in provincia di Parma al 1° gennaio 2011: il 12,5% della popolazione complessiva, con un aumento del 9,8% in un anno (4.922 persone in più). Se si pensa che al primo gennaio 2001 gli stranieri rappresentavano appena il 3,7% dell’intera popolazione provinciale ci si rende conto del balzo enorme compiuto in questi anni dagli immigrati. Un balzo non destinato ad esaurirsi: gettando infatti uno sguardo sul prossimo decennio, le previsioni demografiche realizzate dalla Regione Emilia-Romagna ci dicono che nel 2021 saranno presenti sul territorio parmense quasi 90.000 stranieri, che rappresenteranno più del 18% della popolazione totale residente.
Crescono gli stranieri e crescono le donne straniere, che per il terzo anno superano la componente maschile con un significativo 51,4%. E cambia il podio delle cittadinanze: per la prima volta infatti al primo posto si trovano i moldavi, che hanno soffiato il primato agli albanesi. Albanesi secondi seguiti dai rumeni, e le tre cittadinanze insieme rappresentano da sole il 34,4% di tutta la popolazione straniera.
Nel mercato del lavoro, al 30 settembre 2010, la ripresa in atto ha fatto registrare una discreta dinamicità della componente straniera. Basti pensare che gli avviamenti al lavoro riferiti ai lavoratori stranieri, nel terzo trimestre 2010, sono cresciuti tendenzialmente del 38,6% e congiunturalmente del 9,1%, contro una variazione tendenziale, riferita al complesso dei lavoratori italiani e stranieri, del 21,4%, e congiunturale del 4,1%. Questa dinamicità ha fatto sì che da ottobre 2009 a settembre 2010 si siano creati in provincia di Parma 1.409 posti di lavoro alle dipendenze per i lavoratori stranieri, proprio nei settori che stanno trainando la ripresa a livello locale localmente. A questo si aggiunge per gli stranieri un tasso di disoccupazione nettamente inferiore al livello medio nazionale.
Situazione demografica e situazione occupazionale: questi i due ambiti da cui si è partiti per confrontarsi sull’immigrazione in provincia di Parma. In un convegno organizzato dalla Provincia nella Sala conferenze Ato si è provato a fare il punto della situazione sull’oggi guardando anche al futuro più o meno vicino: è stato un pomeriggio d’analisi e di confronto che partendo dai dati (in particolare appunto da quelli relativi a demografia e occupazione, illustrati rispettivamente da Gian Marco Baroni dell’Ufficio statistica della Provincia e da Monica Pellinghelli dell’Osservatorio sul mercato del lavoro) ha avviato una riflessione sull’integrazione e sull’accoglienza a Parma e nel Parmense.
“Quelli che abbiamo di fronte sono numeri importanti che ci danno spunti per il nostro lavoro – ha detto in apertura l’assessore provinciale alle Politiche sociali Marcella Saccani -. Abbiamo numeri straordinari e credo anche un clima straordinario, perché questo tutto sommato è un territorio che dell’accoglienza ha fatto uno dei suoi tratti di distinzione, in senso positivo più che negativo”. E proprio alle “luci e ombre” dell’immigrazione è stata dedicata la tavola rotonda che ha seguito la presentazione dei dati, moderata dal giornalista Gabriele Balestrazzi: un confronto a più voci che ha voluto mettere a fuoco il fenomeno dell’immigrazione da diversi punti di vista. Dal significativo contributo degli straneri a livello fiscale e pensionistico, cui ha fatto riferimento Andrea Stuppini, responsabile del Servizio Politiche per l’accoglienza e l’integrazione sociale della Regione Emilia Romagna (“Questi lavoratori danno un contributo non trascurabile alla economia e alla finanza italiana. Per quanto riguarda la provincia di Parma pagano 89 milioni di euro di contributi previdenziali, cioè il 5% delle pensioni degli anziani”), al profilo economico della questione della immigrazione, su cui si è soffermato Franco Mosconi, docente di Economia industriale all’Università di Parma (“Sospendere Schengen? Se sospenderemo anche Schengen limiteremo quel poco di mobilità che c’è a livello di mercato del lavoro. Una mobilità che vede gli stranieri protagonisti assoluti”), dagli aspetti più strettamente socio-culturali, trattati da Tiziana Mancini, docente di Psicologia Sociale all’Università di Parma, alle testimonianze dirette: quella di Cristina Bazzini, presidente del gruppo cooperativo Colser – Auroradomus, un gruppo nel quale una buona percentuale di lavoratori è immigrata (“Nel Parmense su 2.300 persone 35% sono stranieri. Non è che, come a volte si sente dire, gli stranieri rubino il lavoro agli italiani: per noi il problema è che se non li abbiamo rinunciamo a fare il nostro mestiere”), e quella di Oscar Mbengue Ousseynou, imprenditore, presidente della Comunità senegalese di Parma e membro della Consulta regionale per l’integrazione: “Sono arrivato a Parma 19 anni fa e sono sempre rimasto qui. Ho fatto a lungo l’operaio, poi sono entrato nel settore dei salumifici e ho messo in piedi un’azienda che si occupa di tutta la filiera, dalla macellazione al prodotto finito e confezionato. L’integrazione? Per me l’integrazione c’è: prima non sarebbe forse stato facile fare un’impresa, oggi noi l’abbiamo fatto. Paghiamo le tasse, abbiamo orari flessibili, siamo disponibili a lavorare, e a fare lavori anche pesanti”, ha detto, aggiungendo poi: “Guardando ai numeri, però, non posso non fare una considerazione. Non ha senso che un ragazzo di diciott’anni nato qui debba chiedere la cittadinanza e non avere certezza che gli sia assegnata. Un ragazzo nato qui si sente italiano e deve esserlo a tutti gli effetti. Questa è una battaglia importante, per cui è necessario spendersi a tutti i livelli”.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • CEDRIC

    06 Maggio @ 13.21

    ..se io vado in un'agenzia di lavoro interinale per cercare lavoro mi dicono che non vi sono offerte,ma se entra uno di "questi"vi assicuro che qualcosa c'è di certo!fanno comodo agli impresari perchè li pagano con un tirone di borsa!

    Rispondi

  • frusta

    06 Maggio @ 08.55

    ipocriti! una volta ve la prendevate con quelli del sud (terroni), ora vi è il nuovo caproespiatorio "gli immigrati", gli stranieri-strajè! vi lamentate tatno solo per il puro scopo di essere costantemente intolleranti verso chiunque, prima quelli ora questi. Intanto, se volgiamo dirla tutta, quì a parma ci sono molti più del sud italia che parmigiani doc! guardatevi attorno, parlano tutti con accento di roma o di napoli, per non parlare di tutti i siciliani che fanno ad esempio gli infermieri, dei napoletani che guidano gli autobus come se fossero a napoli ecc, ecc.... siete ipocriti, ammettetelo!

    Rispondi

  • Claus

    05 Maggio @ 18.29

    Non ha senso che un ragazzo di diciott’anni nato qui debba chiedere la cittadinanza e non avere certezza che gli sia assegnata. Un ragazzo nato qui si sente italiano e deve esserlo a tutti gli effetti. Questa è una battaglia importante, per cui è necessario spendersi a tutti i livelli”VIVA!

    Rispondi

  • Lorenzo

    05 Maggio @ 17.51

    è incredibile...io giro per Parma...ma non la riconosco più...andate al sbaato pomeriggio in piazzale della pace...Marocchini,Africani,c\'è chi porta il tamburo e si mette a suonare...Albanesi...ma ragazzi..facciamo una riflessione...ma i nostri? i nostri dove sono?? il nostro dialetto, la nostra cultura...io non ne vedo più una minima parte in giro...è c\'è ancora della gente autolesionista che continua a difendere l\'immigrazione e gli immigrati a discapito della nostra gente...è veramente una cosa vergognosa...

    Rispondi

  • parmense doc

    05 Maggio @ 17.03

    bene cittadinanza a tutti..anche al 70% di stranieri che okkupano via burla..cosi si sentrianno italiani e cosi a fare i reati saranno solo italiani...avendo dato la cittadinanza a tutti. anche a chi spaccia, stupra, si ubriaca ect

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

polemica

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

"Cold Chairs": un inno alla vita"!

musica

Bataclan, da Collecchio l'omaggio dei "The Lemon Flavour" Video

Edoardo Bennato: «Sono sia Peter Pan che Capitan Uncino»

Intervista

Edoardo Bennato: «Sono sia Peter Pan che Capitan Uncino»

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO 

Prosa e Lirica, risate e emozioni a teatro: il meglio della settimana

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Filippo, le lacrime e il colore dei ricordi sulla bara bianca

Langhirano

Filippo, le lacrime e il colore dei ricordi sulla bara bianca

2commenti

bedonia

Violenze sul padre per anni, arrestato un 40enne Video

commozione

Langhiranese: un minuto di silenzio per Filippo Video

commemorazione

Il liceo Bertolucci si prende per mano: "Ciao Filippo"

elezioni

Pizzarotti, è ufficiale: "Mi ricandido" Video . Dall'Olio si ritira: "Sostengo Scarpa"

13commenti

Polemica

«Sulla legionella ci hanno preso in giro»

4commenti

sanguinaro

Via Emilia, tamponamento a catena: ci sono feriti (lievi) e code

Tg Parma

Tenta di truffare un anziano e gli strappa i soldi dal portafogli: denunciato

Weekend

Feste di Sant'Antonio, musica e fuoristrada: l'agenda

IL CASO

«Ci hanno tolto il figlio per uno schiaffo»

7commenti

Langhirano

Antonella, quel sorriso si è spento troppo presto

centro italia

Parma, un'altra partenza degli angeli del soccorso Foto

lega pro

D'Aversa: "In campo anche alcuni dei nuovi arrivati" Video

lirica

Roberto Abbado direttore del Festival Verdi dal 2018

E nasce a Parma il comitato scientifico per un 2017 più filologico 

fino al 23 febbraio

Al via le iscrizioni per la Maratona delle Terre verdiane

Lutto

Albino Rinaldi, il signore dei «Baci»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La neve, le parole e gli Uomini

EDITORIALE

Trump, il presidente del «Prima l'America»

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

Stati Uniti

Una marea rosa contro Trump invade le città americane Video

Libia

Tripoli: autobomba vicino all'ambasciata italiana

WEEKEND

CINEMA

Da "Arrival" a "Qua la zampa": i film della settimana Video

IL DISCO

Avalon, un sound sofisticato e una copertina leggendaria

1commento

SPORT

sport

Il Coni premia i suoi campioni parmigiani: le foto

Sport Invernali

Il cielo è azzurro a Kitzbühel: Paris fa l'impresa

MOTORI

IN PILLOLE

Dacia Sandero Stepway
model year 2017

ANTEPRIMA

Rivoluzione Micra: Nissan cambia tutto