21°

32°

Strajè-Stranieri

Tavolo immigrazione, aperta la nuova sede

2

La nuova sede del Tavolo comunale immigrazione e cittadinanza è un punto d’arrivo, ma è solo l’inizio. «È da dieci anni che sono a Parma, ed è da dieci anni che aspettavamo un luogo di scambio e dialogo come questo. Oggi è una giornata speciale», commenta il coordinatore Adrien Cleophas Dioma all’inaugurazione che si è svolta ieri pomeriggio.
I nuovi spazi, in via Melloni 1/b, sono una sede provvisoria, una soluzione temporanea in attesa che vengano ultimati i locali del Duc B, ma rappresentano comunque il primo passo verso una collocazione più agevole che permetterà ai componenti del Tavolo di svolgere in modo più funzionale le proprie attività: i «consulenti» scelti dal Comune che fanno parte di questa realtà istituita nell’aprile del 2010 svolgono un’azione propositiva nei confronti dell’amministrazione, fornendo pareri e formulando ipotesi sui temi legati all’immigrazione e all’integrazione, per far sì che i 27 mila «nuovi parmigiani» possano partecipare in modo pieno alla vita della città e alle scelte amministrative. «Speriamo di poter essere davvero utili alla cittadinanza, così come ci stiamo proponendo», ha commentato Leonor Grossi, vice coordinatrice.
Primo atto del Tavolo è stato il convegno «Immigrazione e politica», sulla situazione attuale della partecipazione politica, culturale e sociale dell’immigrato nelle città italiane. Tra le altre iniziative, c'è il contributo fondamentale alla redazione del periodico «Parma culture». Sono inoltre in programma incontri con le diverse associazioni comunitarie straniere, eventi culturali e attività di supporto ai diversi progetti dell’amministrazione comunale sulla tematica dell’immigrazione. «Proprio grazie al lavoro di questi "magnifici sei" (in riferimento ai componenti del tavolo), negli ultimi mesi è stato molto più facile dialogare con le numerose associazioni di stranieri in città», ha dichiarato l’assessore al Welfare e all’inclusione Lorenzo Lasagna.
«C'è una Parma che cambia tutti i giorni e che tutti i giorni si arricchisce - ha dichiarato l’assessore al Patrimonio Giuseppe Pellacini, che in tempi record è riuscito a individuare una sede per il Tavolo -. Tutte le proposte che ci verranno sottoposte saranno ascoltate, siamo solo all’inizio del percorso».
Il Tavolo immigrazione sarà aperto al pubblico tutti i lunedì, mercoledì e sabato, dalle 10 alle 12, e i martedì e i giovedì, dalle 17.30 alle 19.30.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • giuliana

    28 Giugno @ 16.38

    Poi leggiamo sulla nostra Costituzione: art. 8. Tutte le confessioni religiose sono egualmente libere davanti alla legge. Le confessioni religiose diverse dalla cattolica hanno diritto di organizzarsi secondo i propri statuti, in quanto NON CONTRASTINO CON L'ORDINAMENTO GIURIDICO ITALIANO . I loro rapporti con lo Stato sono regolati per legge sulla base di intese con le relative rappresentanze. (hanno dichiarato che non riconoscono alcuna autorità) art. 18. I cittadini hanno diritto di associarsi liberamente, senza autorizzazione, per fini che non sono vietati ai singoli dalla legge penale. Sono proibite le associazioni segrete e QUELLE CHE PERSEGUONO, anche indirettamente, SCOPI POLITICI mediante organizzazioni di carattere militare (le moschee sono le loro caserme e i loro tribunali). art. 19. Tutti hanno diritto di professare liberamente la propria fede religiosa in qualsiasi forma, individuale o associata, di farne propaganda e di esercitarne in privato o in pubblico il culto, purché‚ non si tratti di RITI CONTRARI AL BUON COSTUME (la definizione "buon costume" è molto vaga, per cui penso che legittimare la pena di morte possa rientrare tra questi riti)

    Rispondi

  • giuliana

    26 Giugno @ 13.01

    Diamo un'occhiata a cosa viene insegnato ai bambini musulmani nei centri culturali islamici. Questo a Ravenna, ma è chiaro che analoghe lezioni vengono impartite in tutti gli altri centri. DA CHIUDERE IMMEDIATAMENTE Da "I diritti del fanciullo dell'islam" Per prima cosa viene riconosciuto valore solo ed esclusivamente al sistema normativo islamico (il quale prevede l'inferorità della donna rispetto l'uomo, pene corporali fra le quali amputazione degli arti, impiccagione per gli omosessuali, lapidazione per adultere, fustigazione ...) che viene denominato " Codice di vita", che contiene le regole di condotta, la cui osservanza, con la misericordia di Allàh, sia gloria a Lui I' Altissimo, porta al Paradiso nella vita ultraterrena, è costituito dalla normativa coranica e dalla precettistica profetica, che con una parola è chiamato sciarì'ah, la Via. Addirittura poi si legittima chiaramente la pena di morte: "Il corpo umano è sacro ed inviolabile e solamente nei casi previsti dalla Legge divina l'uomo perde il diritto di vivere (Corano Sura 5 ayah 32), perdita che rende legittima l'esecuzione capitale, con cui viene inflitta la morte corporale." E qui si legittima la disubbidienza alle nostre leggi: "ogni persona ha diritto: 1) di essere trattata sole ed esclusivamente in conformità alle norme della Sciarì'ah ........ 4) di disobbedire a qualsiasi ordine contrario alla Sciari'ah da chiunque esso sia dato Allora, in questi centri culturali viene insegnato ai bambini musulmani a non rispettare le nostre leggi. Leggete gli inviti rivolti agli adulti. nella Dichiarazione universale islamica dei diritti dell'uomo PREAMBOLO Premesso che: Allàh ha dato al genere umano, attraverso la Rivelazione Coranica e la Sunna del Profeta Muhàmmad un sistema giuridico ed un ordinamento morale, all’interno dei quali vengono regolati in modo perfetto i rapporti inter - umani e le istituzioni sociali; in virtù della loro origine divina questi diritti non possono essere limitati, abrogati o calpestati dalle autorità, dalle assemblee o da altre istituzioni, ne possono essere rinunciati o ceduti; Quanto sopra premesso e ritenuto, da noi, credenti che gli insegnamenti dell’Islam rappresentano la quintessenza della Guida Divina nella sua forma finale e perfetta. ci sentiamo vincolati al dovere: di diffondere gli insegnamenti dell’Islam con la parola, con le azioni, IN MODO DELICATO e di REALIZZARE PRATICAMENTE QUESTI INSEGNAMENTI non solamente nelle nostre vite individuali, ma anche NELLA SOCIETA' IN CUI VIVIAMO DI LAVORARE PER LA RIFONDAZIONE DI UNA REALTA' STORICA DI NATURA SOCIO-POLITICO-TERRITORIALE DOVE SI ATTUI L'ORDINAMENTO ISLAMICO. E stiamo ancora qui a parlare dei diritti dei musulmani? CHIUSURA IMMEDIATA DI TUTTI I CENTRI CULTURALI ISLAMICI E MOSCHEE. Non hanno alcun diritto di restare in Italia. Non si sentono sottoposti alle nostre leggi, tramano contro di noi e pretendono pure di avere cittadinanza e diritto di voto? MAI-MAI-MAI- Devono essere espulsi immediatamente dall'Italia.Ci sono tanti paesi islamici in cui si troveranno bene. Se ne vadano tutti e subito. Perché i pm non intervengono?

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Scarpa italiana inguaia Ivanka,dal giudice per plagio

GOSSIP

Scarpa italiana inguaia Ivanka, dal giudice per plagio

fori imperiali

degrado

Sesso ai Fori imperiali davanti ai turisti: è polemica

Elisabetta Gregoraci al Win City fa il pieno di selfie

gossip parmigiano

Elisabetta Gregoraci al Win City fa il pieno di selfie Gallery

Notiziepiùlette

Ultime notizie

botta e risposta pizzarotti / scarpa

ELEZIONI 2017

Pizzarotti-Scarpa, la sfida finale Video-intervista doppia

di Chiara Cacciani

15commenti

Lealtrenotizie

Affluenza a Parma: 30,94% alle 19

elezioni 2017

Affluenza a Parma: 30,94% alle 19  Video

Calo in tutti i Comuni dell'Emilia-Romagna che vanno al ballottaggio

1commento

Felino

Tenta una strage in famiglia: la figlia è gravemente ustionata. Arrestato

Nella notte a Poggio di Sant'Ilario Baganza

sanità

Caso di chikungunya: disinfestazione in due vie Video - I consigli

degrado

Maxi raid vandalico in via Toscana con il catrame: vetrine e auto imbrattate, gomme tagliate anche alle bici

4commenti

polizia

Torna all'Esselunga per un altro furto (di supercalcolici): denunciato un 22enne

3commenti

VIOLENZA

Ancora risse davanti alla stazione

7commenti

gazzareporter

San Pancrazio, il degrado continua Gallery

CHIESA

Montecchio, cambia il parroco: arriva don Orlandini da Reggio

Don Romano Vescovi, originario di Neviano, lascia Bibbiano per l'eremo di Salvano (Quattro Castella)

tg parma

Al Regio l'assemblea dell'Upi con il ministro Graziano Delrio Video

polizia

Furto al Bar Squisjto ad Alberi di Vigatto

Noceto

Addio a Petrini, titolare dell'Aquila Romana

MAMIANO

I padroni sono alla sagra di San Giovanni, e i ladri tentano il colpo

CRIMINALITA

Monticelli, automobilista insegue gli scippatori in viale Marconi

2commenti

Sant'Ilario d’Enza

Ladro aveva in auto del parmigiano rubato, sarà donato alla Caritas

Notato dai Cc vicino a supermarket, aveva precedente specifico

1commento

SERIE B

Mercato: Lucarelli domani annuncia il suo futuro

Abitudini

Auricolari, quando il rischio si corre a piedi

3commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il Parma è l'esempio per la rinascita della città

di Michele Brambilla

2commenti

EDITORIALE

Il partito dell'astensione e del disinteresse

di Filiberto Molossi

1commento

ITALIA/MONDO

MALTEMPO

Frane, smottamenti e vento forte: danni al Nord-Est Foto

Boretto

La villetta va a fuoco, famiglia salvata dal gatto

SOCIETA'

Elezioni 2017

Votare turandosi il naso? A Piacenza qualcuno lo ha fatto davvero... Video

il disco

“Amused to death”, ha 25 anni il disco di Roger Waters

SPORT

formula 1

Gara pazza. Hamilton e Vettel fanno a botte. E Ricciardo brinda...

Moto

Valentino Rossi da leggenda ad Assen, battuto Petrucci

MOTORI

anteprima

Volkswagen, la sesta Polo è diventata grande

MINI SUV

Citroën: C3 Aircross in tre mosse