21°

Strajè-Stranieri

Tragica partita, Cissé non ce l'ha fatta

Tragica partita, Cissé non ce l'ha fatta
0

Margherita Portelli
Non ce l’ha fatta il giovane Cissé. Alle 8.30 di ieri mattina, il ragazzino ivoriano, che pochi giorni fa era stato colpito da un malore mentre giocava a pallone con alcuni amici, in un campetto sportivo di via Montanara, se n’è andato.
 Era arrivato in coma all’ospedale Maggiore, martedì, ed era stato inizialmente ricoverato in Rianimazione. Il giorno seguente i medici lo avevano trasferito nel reparto di Terapia intensiva della Cardiochirurgia: le sue condizioni si erano leggermente stabilizzate, pur rimanendo molto gravi. Nella prima mattinata di ieri, poi, il tragico epilogo, quello al quale nessuno voleva credere: la causa della morte, specificano dall’ospedale, è stato un arresto cardiocircolatorio.
Avrebbe compiuto dodici anni fra pochi mesi (non quindici come avevamo inizialmente comunicato, ndr), Cissé. Tutti lo chiamavano così, ma il suo vero nome era Eric Didier Sahin. Era nato in Costa d’Avorio, aveva la residenza a Parma ma viveva in Francia, per la precisione a Nantes, dove andava a scuola: un ragazzino sveglio e vivace come tanti, che non aveva mai avuto problemi di salute fino a quel momento. «Aveva sempre giocato a calcio, fatto sport senza problemi. Non aveva mai avuto disturbi di alcun tipo. Non riusciamo a capire come possa essere accaduta una cosa simile», spiega con un filo di voce il papà Christian, poche ore dopo aver appreso la terribile notizia. Intorno a lui decine di famigliari, urla e disperazione per una vita spezzata senza motivo, in un caldo pomeriggio di inizio luglio. Il ragazzo era arrivato a Parma da pochi giorni, quando con un cugino ed altri amici del quartiere Montanara, martedì, aveva deciso di fare quello che la maggior parte dei bambini della sua età fa per passare il tempo: giocare a calcio. Quella partita mai finita il piccolo l’aveva abbandonata a pochi minuti dalla ripresa per dare il via a una sfida molto più impegnativa, quella che per oltre quarantotto ore l’ha visto combattere come un piccolo eroe, ma che alla fine non è riuscito a vincere.
Martedì, dopo aver disputato il primo tempo della partita - in campo si fronteggiavano due formazioni composte da alcuni ragazzini del quartiere e amici residenti in altre zone della città - Cissé aveva cominciato senza problemi il secondo tempo. Solo qualche minuto dopo, però, i compagni l’avevano visto cadere a terra: in un primo momento avevano pensato a un infortunio, perché il ragazzo era ancora cosciente e, tenendosi stretto il polso, si lamentava. Ma solo pochi secondi dopo, il giovane aveva perso i sensi e, da allora, non si era più ripreso.
Purtroppo non era servito il provvidenziale intervento dei compagni di gioco che, dopo aver chiamato il 118 con il cellulare, prima ancora di avvisare i genitori, avevano seguito le istruzioni degli operatori e lo avevano trasportato all’ombra sollevandogli le gambe. In una manciata di minuti sul posto erano arrivati anche i sanitari che avevano tentato di rianimarlo, ma senza successo. Poi la corsa disperata in ospedale con l’ambulanza.
Ieri mattina, dopo aver lottato per due giorni e mezzo, il piccolo ivoriano ha terminato la sua partita contro un destino spietato. Il giovane Cissé, oltre al papà, lascia la mamma e due bellissime sorelline di uno e due anni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Sembra ieri 1/1: 1984 - In piazza della Pace l'ippopotamo Pippo

TV PARMA

Sembra ieri: 1985 - Il "nuovo" Ponte Italia

Highlander: San Patrick's

Pgn

Highlander: San Patrick's, le foto della festa

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

musica

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Mastroianni's»: piatti moderni, curati e fantasiosi

Foto tratta dal sito ufficiale del ristorante

CHICHIBIO

«Mastroianni's»: piatti moderni, curati e fantasiosi

Lealtrenotizie

Raffaele Sollecito: «La mia vita riparte da Parma»

Dopo l'assoluzione

Raffaele Sollecito: «La mia vita riparte da Parma»

"Vivo a Barriera Bixio, lavoro e ho buoni amici"

2commenti

allarme

Piazzale Lubiana, trovata polpetta con chiodi: chiusa l'area cani

Autosole

L'ambulanza tampona, il paziente a bordo trasferito sull'elicottero

AGENDA

Un weekend alla scoperta dei castelli

Il candidato

Laura Cavandoli: Il centrodestra si divide

1commento

Profughi

«Lasciati senza cibo per 7 giorni»

4commenti

TRAFFICO

Baganzola, accesso alle fiere al rallentatore. Code per chi arriva dall'A1

Formaggio

La grana del grana

Salsomaggiore

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano

Sentenza

Multa ingiusta, Equitalia condannata

Autostrada

Auto sbanda in A1: muore un 53enne, traffico in tilt per ore Video

Diversi chilometri di coda anche tra Fidenza e Fiorenzuola verso Milano a causa di un altro incidente

Testimonianza

Bloccata in coda in A1: "Ho spento la macchina, attesa senza fine"

6commenti

Bedonia

Domani riapre la stagione di pesca

PARMA

Suonava in Pilotta: multato per la terza volta il fisarmonicista Giovanni 

19commenti

gazzareporter

Fontanini o.... Corcagnano?

ANTEPRIMA GAZZETTA

Raffaele Sollecito si trasferisce a Parma: intervista esclusiva Video

Accusato con Amanda Knox dell'omicidio Kercher, Sollecito è stato assolto. Ha scelto di vivere a Parma

4commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Chi ha interesse a volere la realtà percepita

EDITORIALE

Truffe, anziani e soldi sotto il materasso

di Carlo Brugnoli

ITALIA/MONDO

stanotte

Torna l'ora legale: ricordarsi di mandare avanti le lancette

Treviso

Il giudice girerà armato: "Lo Stato non c'è, devo difendermi"

2commenti

WEEKEND

cinema

Weekend ricco al cinema: i due consigli del CineFilo Video

IL DISCO

Nasce il fenomeno Sex Pistols

SPORT

Formula 1

La prima pole è firmata Hamilton

Mondiali

l'Italia batte l'Albania (2-0)

MOTORI

prova su strada

Kia Niro, il «nativo ibrido»

anteprima

Nuova Ferrari GTC4Lusso, il test drive Fotogallery