Strajè-Stranieri

Il padre di Cissè: mi serve aiuto per riportarlo a casa

Il padre di Cissè: mi serve aiuto per riportarlo a casa
Ricevi gratis le news
0

di Margherita Portelli

In una traversa di via Montebello, saliti pochi scalini, si entra in un piccolo appartamento pieno di gente e dolore: è la casa in cui i genitori del giovane Cissè piangono, circondati da numerosi parenti e amici che fanno avanti e indietro dal portone. Cissè, 12 anni ancora da compiere, è il ragazzino ivoriano che l'altro giorno ha perso la vita per un arresto cardiocircolatorio, giocando a pallone con alcuni amichetti in un campo di via Montanara.
 Piangono, i genitori. Nell'appartamento si sta stretti, ma c'è spazio per tutti: anche se non ti conoscono, ti allungano una sedia invitandoti a rimanere.  «La nostra tradizione vuole così, nel momento in cui vieni a trovare una famiglia in lutto, è come se tu facessi parte della famiglia», ci spiegano. Non serve dire niente, la presenza è sufficiente, anche se il conforto non lo si trova con facilità. Ora, oltre alla sofferenza, per la famiglia del giovane c'è anche una grossa preoccupazione: quella di riuscire a mettere insieme la somma che serve per riportare il piccolo nel suo Paese natale.
 «Ci vogliono un mucchio di soldi, noi qui siamo in tanti, fra parenti e amici, ma non abbastanza», ci raccontano. Il papà di Cissè, Christian Sahin, 31enne di origine ivoriana, il giorno dopo la tragica notizia, e sul crepuscolo di una disgraziata settimana che aveva preso il via lo scorso martedì, con il malore del ragazzino in campo, dice di stare un po' meglio: «Ma mia moglie è ancora sotto choc», spiega. Le urla strazianti della donna, il giorno precedente, avevano riempito le mura del reparto di Terapia intensiva della Cardiochirurgia, dove il figlio era stato trasferito mercoledì, dopo un iniziale ricovero in Rianimazione. Sono passate ventiquattro ore, ma il suo pianto continua a dare voce a quelle grida. 
La famiglia, composta anche dalle due bellissime sorelline di uno e due anni - fortunatamente ancora inconsapevoli di ciò che sta accadendo -, vive a Parma, ma il piccolo Cissè (il cui vero nome era Eric Didier), durante l’anno scolastico viveva in Francia da alcuni parenti, per la precisione nella cittadina di Nantes, dove frequentava la scuola. 
Si stava affacciando all'adolescenza, Cissè. «L'estate la passava qui, aveva la residenza a Parma. Si era trasferito dalla Costa d’Avorio solo un paio d’anni fa. Era nato a Bangolo, una città che si trova a seicento chilometri da Abidjan, la capitale - spiega Doboho Guei, zio di Cissè -. Mio nipote era un ragazzo sveglio, vivace, che adorava il calcio. Anche a Nantes giocava in una squadra, ma il suo sogno era giocare a Parma». Il padre, sprofondato su un divano, continua: «Oltre al pallone amava ballare, gli piaceva divertirsi, era un ragazzo sorridente, che scherzava sempre».
 Il giovane papà di Cissè lavora come autista, mentre la madre, trentenne, lavora in un’impresa di pulizie. Di fede cristiana, i genitori vorrebbero riportare la salma del figlio in Costa d’Avorio, dove il bambino era nato e dove aveva passato buona parte della sua vita. 
Ma per affrontare questo «ultimo viaggio», i costi sono davvero alti: «Abbiamo sentito che ci vogliono diverse migliaia di euro - specifica lo zio -, e riuscire ad accumulare quella cifra, per noi, è davvero un problema». È un appello sussurrato, quello della famiglia di Cissè. Anche perché di urla, quella casa, ne ha già sentite troppe.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La fotogallery del concerto della Mannoia

TEATRO REGIO

La fotogallery del concerto della Mannoia

Leonessa Kira abbraccia il suo salvatore

animali

La leonessa rivede l'uomo che l'ha salvata

1commento

I «Balli proibiti» di Federica Capra al Teatro degli Arcimboldi

L'INTERVISTA

I «Balli proibiti» di Federica Capra al Teatro degli Arcimboldi

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Scopri il tuo oroscopo 2018 con Gazzafun

ASTRI

Scopri il tuo oroscopo 2018 con Gazzafun

Lealtrenotizie

Colorno, tra fango e conta dei danni. Visita di Bonaccini all'alba: "Chiederò stato d'emergenza"

colorno

Tra fango e conta dei danni. Visita di Bonaccini all'alba: "Chiederò stato d'emergenza" Foto

ALLUVIONE

Piene record, perché e come è successo

1commento

Piena Enza

Immergas, danni ingenti. Amadei: «Ripartiremo con più forza»

MORI' 31 ANNI FA

Mora: perché Parma non capì il suo talento?

118

Altro incidente sulla Massese: schianto a Torrechiara, un ferito

4commenti

Corcagnano

Veglia di preghiera per la 15enne in Rianimazione

CAPODANNO

Fedez verso la Piazza

CONCERTO

Fiorella Mannoia grandiosa al Teatro Regio

SERIE B

Parma in crescita: lo dicono i numeri

NOCETO

Addio a nonna «Centina»

Danni e disagi

Piene, la situazione migliora. Riaperto il ponte di Sorbolo. Le immagini di Colorno "allagata"

Bonaccini: "Chiederemo al governo lo stato d'emergenza". Coldiretti: "Danni per milioni di euro"

maltempo

Strade provinciali, "emergenza finita in montagna". Ancora 5.000 senza corrente elettrica

I danni del vento al campeggio di Rigoso Video

1commento

emergenza

Colorno, una decina di evacuati e danni alla Reggia. Piazza e garage allagati Video 1-2 - Le foto

Sommerso anche il cortile della Reggia

2commenti

meteo

La pioggia si "sposta" al Sud. E da venerdì nuova ondata di freddo

piena

Ecco com'è ridotta Lentigione: il video dall'elicottero

STORIA

Parma, le alluvioni e le piene del Novecento

L'evento più drammatico e disastroso resta lo straripamento del Po nel 1951

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I bitcoin spiegati a tutti. Ecco perché sono da maneggiare con cura

di Aldo Tagliaferro

LA BACHECA

Venti nuove offerte di lavoro

ITALIA/MONDO

lutto

Addio a Everardo Dalla Noce: da "Tutto il calcio minuto per minuto" alla Borsa

luzzara/suzzara

Ha ucciso i due figli e tentato il suicidio: le condizioni migliorano

SPORT

Ciclismo

Choc nel ciclismo, Chris Froome positivo

COPPA ITALIA

L'Inter spezza le reni al Pordenone (ai rigori)

SOCIETA'

gusto light

La ricetta a tema - I biscottini di Santa Lucia

ospedale

A casa dopo 57 giorni il 15enne in arresto cardiaco salvato al Maggiore

4commenti

MOTORI

VOLKSWAGEN

La Polo? Con 200 Cv diventa GTI Fotogallery

MOTO

La prova: Kawasaki Z900RS