12°

Strajè-Stranieri

Sikh, gli indiani che conquistano la Food Valley

Sikh, gli indiani che conquistano la Food Valley
2

di Chiara Cabassi

Stalle e caseifici parmensi parlano indiano. I sikh sono il 70% degli addetti nella filiera del Parmigiano Reggiano.
La manodopera delle nostre stalle e dei nostri caseifici viene da lontano. Dalla regione del Punjab, la terra dei cinque fiumi, simile alle pianure di qui. Terra fertile e stesse montagne azzurre nelle foto che ti mostrano. Degli indiani che mandano avanti la filiera del grana ci accorgiamo adesso, adesso che i loro bambini arrivano sui banchi di scuola. Il loro è stato un insediamento silenzioso fatto di una vita appartata nelle fattorie, di matrimoni tra conterranei, sempre estranei ai fatti di cronaca nera. La loro quotidianità è fatta di sveglie all’alba, della mungitura delle quattro, tutti i giorni, di vitelli che vengono al mondo, di macchine succhia latte e di forme rotonde che vanno messe a stagionare. Le mogli a volte solo in casa, a volte compagne di lavoro, a volte imprenditrici, sempre un passo indietro al marito, poco abituate all’italiano, ma inserite in una società parallela che garantisce relazioni familiari, soprattutto per le feste quando alcune migliaia di persone si ritrovano nelle località dei loro templi. Novellara, Fiorenzuola, San Giovanni in Croce. La vocazione zootecnica di Parma li ha calamitati da noi. Per sostituire i vecchi «bergamini».
Marta Zambrelli dell’ufficio sindacale dell’Associazione Agricoltori dice «c'è stato un cambio generazionale. Dopo il pensionamento di operatori di origine meridionale le attività relative alle stalle bovine e di casaro sono svolte prevalentemente da personale indiano. Negli ultimi 8-10 anni sono arrivati a rappresentare il 70% degli addetti della filiera del grana. Sono entrati in tanti con i flussi, con chiamata nominativa, dopo un contratto a tempo determinato e quando l’alloggio lo ha consentito sono riusciti a realizzare il ricongiungimento».
1250 stalle nel parmense, nel capoluogo 135. Un numero accattivante per chi è già pratico, per cultura della cura delle vacche da latte. Lavoratori seri, risparmiatori, alcuni anche con vocazione imprenditoriale. Tra loro e gli altri extracomunitari impiegati in agricoltura c'è differenza di numeri e di qualità della vita: lo stipendio può arrivare anche a 2000 euro e l’alloggio è gratuito.
A Eia nella fattoria di Danilo Ghisoni e del suo centinaio di mucche vive la famiglia di Sing Darshan. Arriva in visita un amico con una moglie giovane e bellissima. Ha il sari rosso e un rossetto vivace. Sono venuti a trovare il nonno, arrivato dopo essere rimasto vedovo. La fattoria di fronte è gestita da un sardo. Prima di loro il mungitore era siciliano. Singh è felice di farmi vedere la stalla, si aggiusta il turbante blu per le foto, si lamenta solo delle tante volte che ha dovuto portare documenti e documenti per i permessi di soggiorno. «Ho sempre lavorato, sono in Italia da 20 anni».
Gli indiani bravi con l’informatica, padroni dell’inglese, sono stati forse l’etnia più penalizzata dal test obbligatorio d’italiano. La loro vita appartata ha creato un gap linguistico che la permanenza nelle campagne non consente di sanare.
A Valera, in un’azienda con 100 capi, vivono le famiglie di Singh Balwinder e del fratello Sainibalbir. Del loro titolare, Luca Zerbini, dicono «è come una grande pianta attorno alla quale sono cresciute tante piccole piante». Sono lì da 14 anni. I loro figli sono nati e vanno scuola lì. Il fratello maggiore ha favorito l’arrivo di due fratelli, zio, cugini «piccole piante».
Appena a qualche chilometro c'è Singh Arwinder, dal '94. Un mungitore - cantante. Ha un suo sito e vende musica «HappyLaira» anche su You tube. Dal telefonino mi mostra la registrazione del suo ultimo concerto. E’ una star, con il suo gruppo di cinque musicisti si esibisce ai matrimoni e nelle altre cerimonie. Ovviamente in provincia le proporzioni sono dieci volte tanto.
Nell’attività di Paolo Caramaschi, il latte viene dalle stalle di Felino e le forme si producono a Tortiano, e ci sono Singh Gurbachan e la moglie Tranjit Kaur. Lei ha un contratto part-time e si occupa della mungitura. Ha un sari azzurro e braccialetti tintinnanti. Lascia parlare il marito che con orgoglio racconta della primogenita: ha ricevuto un diploma di merito, ha studiato informatica e adesso è iscritta ad economia. Non lavorerà in stalla, quindi? Insieme, stavolta, sorridono e rispondono «No!». Sono da nove anni in questa azienda agricola che sembra uscita da una cartolina, linda e fiorita in ogni angolo. Qui tra altri casari nostrani alle forme c'è il gioviale Singh Paramjit, cugino della coppia. E’ in Italia da 14 anni, la moglie ha aperto un negozio di generi alimentari verso Reggio Emilia dove lavora anche il figlio. Tutti e due i matrimoni sono stati «combinati» e durano da più di vent'anni. I fidanzati, spesso, si vedono la prima volta in internet, le famiglie fanno il «contratto», e si uniscono grazie ad un volo aereo appena l’alloggio lo consente.
«Mio figlio, invece, si è fidanzato dopo aver conosciuto la ragazza ad una festa», dice l’indiano parmigiano. Arrivato in Italia conosceva i formaggi morbidi «tipo le mozzarelle», dice. Adesso fa il grana ad occhi chiusi. Le unioni sono esclusivamente all’interno della comunità: «Le mentalità sono ancora molto diverse. E’ difficile che una donna di qui possa pensare di sposarsi con un indiano». C'è anche uno spirito di conservazione delle culture e delle tradizioni (chi non si ricorda «Moonson weeding?»). Ma lentamente tutto si amalgama, come latte e caglio nelle vasche salate. Né sotto i turbanti, -per lavoro - si giustificano, né sul viso quasi nessuno ha il kes, i capelli e la barba lunga, il loro precetto religioso. E qualcuno ha notato qualcosa di nuovo nel grana da un decennio a questa parte? Se non è globalizzazione questa.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Simran Grewal

    28 Luglio @ 14.03

    Punjabi' s are the BEST...

    Rispondi

  • Singh Avtar

    26 Luglio @ 21.21

    Singh Is KIng.... noi siamo indiani sempre sempre bravi dell mondo....

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Arriva il Tapiro d'oro, Renzi: "Un Tapiro cumulativo lo merito..."

Roma

Arriva il Tapiro d'oro, Renzi: "Un Tapiro cumulativo lo merito..." Foto

Jessica allena i glutei

GOSSIP

Il sexy allenamento ai glutei di Jessica Immobile fa il boom di clic Video

Aurora Ramazzotti canta la canzone di papà Eros e lo imita: «Mi ucciderà»

radio

Aurora Ramazzotti imita papà Eros: «Mi ucciderà» Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

I dieci errori da evitare in palestra

FITNESS

I dieci errori da evitare in palestra

Lealtrenotizie

Le baby gang fanno paura. Negozianti sotto assedio

Via Mazzini

I commercianti: «Minacciati dalle baby gang»

Il fenomeno dilaga

Bocconi al veleno, allarme anche a San Leonardo

BASSA

I truffatori arrestati risarciscono i negozianti raggirati

Salsomaggiore

Addio a Iolanda Campanini, una vita fra libri e giornali

Fidenza

Malore in piazza, l'esercitazione diventa soccorso reale

Cocaina

Preso il pusher dei ragazzini

La storia

Silvia, convertita all'ebraismo: mollo tutto e mi trasferisco in Israele

Lega Pro

Parma: splendida rimonta, Samb ko

Stadio Tardini

Il Parma soffre ma poi vince alla grande: 4-2 sulla Sambenedettese Foto Video

I crociati tengono il passo del Venezia. Partita numero 300 per capitan Lucarelli con la maglia del Parma

1commento

Parma-Samb

D'Aversa: "Nel primo tempo non eravamo aggressivi. Importante l'atteggiamento" Video

2commenti

Polizia municipale

Autovelox e autodetector: ecco la mappa dei controlli a Parma

lega pro

La Reggiana vince 2-0 con il Lumezzane

il caso

Bocconi avvelenati al Parco Martini: e Otto muore in poche ore

7commenti

L'INCHIESTA

Telefonini in classe? A Parma per lo più spenti

8commenti

Il personaggio

Il bussetano Laurini debutterà in F3 al volante di una Dallara: «Che emozione»

Gazzareporter

La foto di un lettore: "Parco del Cinghio finito e mai aperto"

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La risposta che occorre per placare la rabbia

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

Le deprimenti liti dei politici

1commento

ITALIA/MONDO

auto

Addio al libretto di circolazione: il documento sarà unico

Sant'Ilario d'Enza

Mezzo nudo e in perizoma fa l'esibizionista davanti a una bimba: arrestato 

1commento

COSTUME

L'INDISCRETO

I belli delle donne

1commento

il disco

45 ANNI FA - Mu, il mito secondo Cocciante

SPORT

Parma-Samb

Il Parma tira fuori il carattere: l'analisi di Sandro Piovani Video

Parma-Samb

Lucarelli: "Partenza lenta, pericolo scampato" Video

MOTORI

SUPERCAR

Ferrari 812 Superfast,
la nuova berlinetta da 800 Cv

300 CV

Leon Cupra, la Seat più potente di sempre Gallery