21°

Strajè-Stranieri

I tunisini di Parma tra sogni e speranze

I tunisini di Parma tra sogni e speranze
0

di Giulia Coruzzi

«Noi sogniamo una società sana. E l'aspettiamo, ricordandoci un detto arabo: lo splendore del sole comincia da un raggio». 
Suo padre è morto lo stesso giorno in cui Ben Alì ha lasciato la Tunisia: il 14 gennaio. E lei si commuove mentre spiega quale sia il suo dolore più grande: «Non ho avuto il tempo di dirgli “Ce l'abbiamo fatta, siamo liberi!”».
Rebeh Kraiem, 54 anni, fa parte dell'associazione degli immigrati tunisini «Giuseppe Verdi». Storie complicate quelle che le ruotano intorno, dure, violente, struggenti. Suo marito, Benjoudou Belgacem, presidente della stessa associazione, dopo 21 anni è finalmente riuscito a tornare in Tunisia.
La caduta del regime per lui ha significato anche questo: riottenere il passaporto, dopo anni di porte chiuse in faccia, per rimettere i piedi tra le sue radici. E ora è là con una missione molto precisa che lega la realtà tunisina direttamente a Parma: «Mio marito è in Tunisia come rappresentante del Comitato di protezione della rivoluzione – spiega Rebeh -. Avrà un incontro in questi giorni con il primo ministro e con il ministro degli Affari sociali per proporre un ponte con Parma, in particolare con l'Enaip, per riportare in Tunisia i profughi senza lavoro e avviarli nella loro terra a svolgere una professione. La collaborazione con Giorgio Zanni, direttore dell'Enaip e nostro caro collaboratore, potrebbe consentire di condurre nella nostra terra insegnanti al fine di formare i giovani tunisini dal punto di vista professionale. Solo così si può ripartire e ricostruire, insistendo sulla cultura e sul lavoro».
Enaip non è nuova a certi progetti: «Il sistema Enaip ha già aperto scuole di mestieri in Venezuela, Argentina e Mozambico  - dichiara Zanni -. I fondi per la cooperazione e lo sviluppo ci sono, ma i nostri sono più che altro autofinanziamenti».
Ben e Rebeh, che fondarono l'associazione nel 2002, sono affiancati anche da Cherif Ali e Imen Brida. Tutti credono in alcuni punti saldi: affiancare nelle pratiche burocratiche i nuovi arrivati, aiutarli a cercare lavoro, ma soprattutto fare cultura.
Le esperienze di Rebeh e Ben sono estreme e li hanno abituati a una grande apertura: «I miei nonni furono perseguitati dai tedeschi, uno dei due fu anche prigioniero in campo di concentramento – racconta la donna -. Da quando sono piccola mi interesso alla questione ebraica. L'anno scorso siamo andati a Fossoli e con l'Isrec vorremmo organizzare una visita ad Auschwitz. Nel 2010, durante le giornate che dedicammo alla Shoah, dimenticai in sede alcune lettere che mio nonno aveva spedito alla sua famiglia dal campo di concentramento dove era stato deportato. Mi sono state rubate».
«Oltre all'associazione di Rebeh, c'era a quei tempi anche un altro gruppo di tunisini a cui avevo concesso le chiavi dell'Enaip per fare incontri – spiega Zanni -. Quando si è verificato questo grave furto ho deciso di interrompere subito i contatti con questa seconda realtà, troppo integralista al punto da non accettare che i loro connazionali potessero parlare di Shoah».
Oggi ancora non vi sono tracce di quelle carte: «Il console dice che sono passate dagli uffici consolari di Genova ma che vi sono solo transitate – continua la donna -. Ho fatto diversi presidi là, senza ottenere nulla. Per me quelle testimonianze valevano molto».  Alla donna erano stati rubati anche carta di soggiorno e passaporto.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Bar Refaeli  è di nuovo incinta

gossip

Bar Refaeli è di nuovo incinta

gazzarock

musica

Premio Gazzarock, la sfida comincia: vota il tuo artista preferito

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO

Settimana di grandi classici. Con grandi sorprese Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Tenuta del Buonamico: c'è un bel Fortino,speziato ed elegante

IL VINO

Tenuta del Buonamico: c'è un bel Fortino, speziato ed elegante

di Andrea Grignaffini

Lealtrenotizie

Cade per un malore: 42enne muore il giorno dopo il matrimonio

Luzzara

Cade per un malore: 42enne muore il giorno dopo il matrimonio

Delicato intervento al cervello al Maggiore di Parma: Barbara Cocconi, barista, ha lavorato a Montecchio, Boretto, Brescello

Consiglio comunale

In arrivo riduzioni per Cosap, dehor e tassa sui rifiuti

Spaccatura Pd, Torreggiani contro Dall'Olio

10commenti

Londra

Gemellini borgotaresi salvano la vita alla mamma

1commento

assemblea

Zebre rugby: Pagliarini si dimette, la Falavigna presidente

polizia municipale

Incidente tra tre auto a Chiozzola: due feriti

anteprima gazzetta

Arsenale in casa per la banda che voleva rubare la salma di Ferrari

carabinieri

Maxi-sequestro di armi da guerra nel Parmense: volevano rubare anche la salma di Enzo Ferrari

I nomi dei sette parmigiani della banda

6commenti

Personaggi

Francesco Canali: "Il mio messaggio di speranza ai malati di Sla"

Il “maratoneta in carrozzina”, ha scritto un articolo per la Gazzetta, per la “sua” Gazzetta

5commenti

32a giornata

Parma-Maceratese anticipata alle 18.30 (domenica 2 aprile)

piazzale dalla chiesa

Al bar con la droga pronta per lo spaccio: fermato il pusher richiedente asilo

12commenti

saranno famosi

Langhirano: Ettore, 7 anni e la sua super batteria Video

1commento

politica

Elezioni 2017, un gruppo solo in corsa per il simbolo M5S

Solo gli "Amici di Beppe Grillo" hanno presentato richiesta entro i termini

3commenti

Incidente

Ubriaco travolge tre ciclisti

2commenti

corte dei conti

Interviste a pagamento, assolto Villani. Condannati 6 ex consiglieri regionali

2commenti

Crisi

Copador, si apre la strada del risanamento

2commenti

sos animali

Bocconi avvelenati: nuovo allarme in via Capelluti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Chi ha interesse a volere la realtà percepita

5commenti

EDITORIALE

L'ora della Brexit. Non sarà indolore

di Aldo Tagliaferro

ITALIA/MONDO

traffico

Scontro pullman-tir sul raccordo tra l'A1 e l'A14: 40 feriti

Bode

Furto del secolo a Berlino? Rubata moneta d'oro da guinness dei primati

1commento

SOCIETA'

studio

Cucina: i libri di ricette sono pieni di errori sulla temperatura di cottura

manchester

"Ingombri la strada", il ciclista s'infuria e reagisce Video

SPORT

argentina

Pesanti insulti al guardalinee(Video): 4 turni di squalifica a Messi

Il personaggio

Bassi: «Il Parma a Gubbio finalmente ha fatto il Parma»

MOTORI

innovazione

La Fiat 500? Adesso si può noleggiare su Amazon

Motori

Il lusso? Oggi veste il made in Italy di Alcantara