10°

Strajè-Stranieri

"Ottobre Africano": dibattiti e spettacoli per ragionare su ribellione e democrazia

"Ottobre Africano": dibattiti e spettacoli per ragionare su ribellione e democrazia
2

E' stato presentato nel pomeriggio a Roma, nella sala stampa della Camera dei Deputati, il festival Ottobre Africano 2011, che si svolgerà a Parma dal 4 al 29 ottobre. Il festival, alla nona edizione, è promosso dal Comune e dall’associazione culturale “Le Réseau". In questa edizione analizzerà  i meccanismi delle rivolte accadute nel mondo arabo, partendo dal desiderio di democrazia delle popolazioni africane.

Alla presentazione sono intervenuti Jean Leonard Touadi, parlamentare (Pd), Mauro Libè, parlamentare (Udc), Jean Baptiste Kambire, ministre conseiller, chargé d'Affaire dell'ambasciata del Burkina Faso in Italia, Andreana Bassanetti, assessore al Welfare Comune di Parma, Cleophas Adrien Dioma, direttore artistico Festival Ottobre Africano - Associazione Le Réseau, Suzanne Mbiye Diku, rappresentante della Redani (Rete della Diaspora Nera Africana in Italia).

L’associazione “Le Réseau” da diversi anni opera per far conoscere e diffondere in Italia la cultura dei Paesi africani, collaborando con diverse associazioni e comunità straniere. Il Comune di Parma, dal canto suo, oltre a sostenere economicamente la manifestazione, da tempo ha intrapreso una politica di inclusione che si basa sulla promozione della reciproca conoscenza e sulla valorizzazione delle diverse comunità e culture presenti sul territorio parmigiano.

L'Africa vive a Parma e l'Ottobre Africano vuole sottolineare questa presenza attraverso numerosi eventi culturali, che “invaderanno” la città per tutto il mese di ottobre. Film, ospiti di rilievo, spettacoli teatrali, cene, letture, presentazioni di libri serviranno a favorire il contatto e il dialogo: momenti che hanno lo scopo di costruire una rete di relazioni e rapporti umani, andando oltre la parola “intercultura”.

FOCUS SUL NORDAFRICA. Il titolo di Ottobre Africano 2011, "Salam Aleikoum Democrazia?", si ispira alla cosiddetta "primavera araba", momento di ribellione e di rivoluzione, attraverso il quale i popoli hanno cercato libertà e democrazia. Queste rivolte, partite dalla Tunisia e dall'Egitto, stanno pian piano toccando anche il subcontinente nero. "Salam Aleikoum" - che è come dire “Ciao” in italiano - ha una doppia valenza: “ciao democrazia” perché finalmente giunge la democrazia e “ciao” perché in certi luoghi del continente, ancora oggi, permangono dittature che non vogliono cedere.

Anche quest'anno, il Festival Ottobre Africano avrà ospiti importanti quali Jean Leonard Touadi, primo parlamentare nero italiano, Pap Khouma e Salah Methnani, primi scrittori della migrazione, Elikia M’Bokolo, storico congolese, professore all’École des Hautes Études en Sciences Sociales e giornalista di Radio France Internationale, Anne-Cecile Robert, giornalista di Le Monde Diplomatique.

Durante il Festival, ci saranno anche momenti dedicati ai più piccoli e agli adolescenti.
Il sito della manifestazione è www.ottobreafricano.org.

“L’Amministrazione comunale di Parma - ha detto l’assessore al Welfare Andreana Bassanetti - ha promosso, negli anni, opportunità, strumenti e saperi per la prevenzione dell’esclusione sociale. Non solo. Ha sviluppato politiche per favorire la cittadinanza attiva degli immigrati, valorizzando le potenzialità dell’associazionismo straniero sul territorio di Parma. Per questo, ha dato vita, ad esempio, al Tavolo Immigrazione e Cittadinanza, a cui partecipano i rappresentanti delle comunità straniere più attive in città. È un organismo sperimentale, creato per ascoltare e conoscere il punto di vista degli immigrati residenti. Per avere uno strumento in grado di fornire idee e formulare proposte per l’approfondimento di vari temi, non soltanto dell’integrazione”.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • giuliana

    23 Settembre @ 11.29

    Il pensiero dell'islam nei confronti della democrazia? Ve lo spiega bene Khamenei, eccolo: "Non dobbiamo confondere la democrazia islamica basata sulla sharia con la democrazia liberale occidentale". Ha anche sostenuto che il modello dei paesi in rivolta è il regime iraniano. ... Non lasciate che i modelli del liberalismo occidentale o laico vi sia imposto.il vuoto dei paesi in rivolta deve essere riempito con l'islam." Libia -Il neo-movimento della gioventù islamica illustra ciò che vorrebbe per la "nuova" Libia. Anche loro discutono di democrazia e ritengono la turchia troppo laica (!) e approvano e apprezzano senza ombra di dubbio quell'art. determinativo inserito nella Costituzione provvisoria: le NORME ISLAMICHE sono «LA» FONTE PRINCIPALE della legislazione, (invece dell' indistinto «una delle» che avrebbero preferito alcuni ministri del nuovo governo) "Le famiglie libiche restano molto tradizionaliste e conservatrici. I predicatori non sentono il bisogno di discutere della sharia , perché sanno che è già accolta dalla società. «Questa è la rivoluzione del popolo e il popololo è musulmano." Ciò dimostra ancora una volta quanto sia pericoloso, per la difesa dei diritti umani, lasciare spazio all'islam. Islam e sharia devono essere dichiarati fuorilegge in Italia e in europa. Il resto sono solo chiacchiere.

    Rispondi

  • parmense doc

    21 Settembre @ 21.55

    il comune non ha soldi per il settembre italiano...non ha soldi per il concerto di capodanno..qui i soldi spuntano...italiani popolo di c....

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Morto il fratello dell'inviato Valerio Staffelli

Striscia la notizia

Morto il fratello dell'inviato Valerio Staffelli

Rispunta Rosy Maggiulli. Intervistata da Playboy

gossip

Rispunta Rosy Maggiulli. Intervistata da Playboy

CONCORSO

GAZZAREPORTER

Racconta l'inverno e vinci: le foto dei lettori Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO

Il rugby irrompe in scena. E arriva il "bello" Sergio Muniz

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Duc, si lavora per riaprirlo

Il caso

Duc, si lavora per riaprirlo

CRIMINALITA'

Razzia di tonno, liquori e caffè in un magazzino

agenda

Weekend a Parma e in provincia: protagonista il Carnevale

CALCIO

Parma, i conti tornano

Collecchio

E' morto a 51 anni Massimiliano Ori

Lutto

Franco Scarica, addio alla fisarmonica da Oscar

Ambiente

Attiva la nuova Ecostation di via Pertini nel parcheggio di via Traversetolo

Donatori

Elezioni Avis: Giancarlo Izzi «in pole»

AL CAMPUS

Elio e le Storie Tese in forma per l'Europa

RUGBY

Zebre, altro mesto rinvio

viale mentana

Auto si ribalta e sbatte contro altre vetture: donna incastrata, 5 feriti Foto Video

FelegarA

Auto distrutta dai vandali nella notte

I teppisti sapevano come agire, hanno usato una candela da automobile: rompe il vetro facilmente e fa poco rumore

foto dei lettori

Fontana di Barriera Repubblica

maltempo

Allerta meteo Protezione civile: forti temporali in Emilia Romagna

Allerta arancione per il rischio idrogeologico

arresti

Trafficanti seguiti da Fidenza a Parma: avevano in auto un kg di eroina

tg parma

Legionella, Comune e Ausl varano un protocollo di intervento Video

11commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IMPRESE

Top500 Parma, ecco la classifica completa

EDITORIALE

Anche i robot dovranno fare il 730?

di Paolo Ferrandi

1commento

ITALIA/MONDO

FORT LAUDERDALE

"Musulmano?", figlio Mohammed Ali fermato in aeroporto

Calcio

C'è l'accordo: lo stadio della Roma si farà

WEEKEND

L'INDISCRETO

Da Presley a Hemingway: nipoti d'arte

1commento

45 anni fa: il disco

Catch bull at four - Quando Cat Stevens cantava in latino

SPORT

Calciomercato

Ranieri: "Il mio sogno è morto"

intervista

Arancio: "Campionato d'Eccellenza ad hoc per  il rugby a 7"

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, il Suv del Biscione. Da 50.800 euro Video

NOVITA'

Bmw, la nuova Serie 5 ragiona da ammiraglia