11°

Strajè-Stranieri

Le badanti diventano assistenti familiari

Le badanti diventano assistenti familiari
Ricevi gratis le news
8

 Caterina Zanirato

Non c’è dubbio che l’assistenza domiciliare per gli anziani sia il futuro dei servizi sociali.
 Assistenza che sempre più spesso avviene attraverso figure non professionali, come le badanti, che solo nella provincia di Parma nel 2010 sono state oltre 7mila, quelle in regola con l’Inps.
Il progetto Pro Domo
 Proprio per garantire uno sviluppo in termini di qualità e regolarità di questi servizi il Comune di Parma, in collaborazione con Pro.Ges, centro ricerche e studi di Ferrara e istituti simili spagnoli, tedeschi, inglesi, ungheresi e sloveni, ha sviluppato il progetto Pro Domo: un percorso durato due anni e che ha portato alla realizzazione di un progetto europeo per la formazione di assistenti famigliari non professionisti, come appunto le badanti in Italia, ma che in ogni angolo d’Europa hanno connotati diversi. 
L'assessore Bassanetti
«La particolarità di questo progetto è quella di aprirsi ai bisogni dell’altro. Ho notato la capacità di organizzare un lavoro di équipe che crea un unico cuore al servizio della persona - afferma Andreana Bassanetti, assessore al Welfare, aprendo l’incontro di chiusura che si è svolto ieri mattina al Centro Congressi -. Il Comune intende sostenere un servizio nato per seguire il più possibile l’anziano nel suo domicilio, rispettando le sue abitudini, veri e propri punti di riferimento nella terza età. E per ribadire l’importanza di queste azioni ricordo che a Parma e provincia gli ultra 65enni sono oltre 40mila, quindi essere al servizio della persona è uno dei nostri obiettivi primari».
L'albo delle badanti
Se in Italia l’assistenza è affidata alle badanti che per il 57% sono provenienti dall’Europa dell’Est, in Spagna provengono dal Sud America. In Inghilterra l’assistenza è affidata a giovani famigliari, mentre in Germania a assistenti accreditate. In Ungheria e in Slovenia, invece, il sistema è pubblico e ai lavoratori autonomi non resta che lavorare in nero. 
«Abbiamo elaborato un progetto unico ma declinato in base alle caratteristiche del territorio di appartenenza - spiega Michela Musile Tanzi, del Comune -. Questo per prendere il meglio di ognuno riadattandolo».
 Il progetto a Parma porterà nel concreto, nei prossimi mesi, l’apertura di uno «sportello d’argento», già annunciato, in collegamento con lo sportello informa immigrati: in questo modo chi arriverà in Italia per effettuare assistenza domiciliare verrà formato e sarà creato una sorta di albo delle badanti, per garantire una qualità di servizio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • giuliana

    12 Ottobre @ 13.30

    Maurizio- l'episodio che ho riportato risale a qualche anno fa. La ragazza di cui ho parlato, dovendosi mantenere, ha trovato lavoro presso un bar. So che ora è sposata e ha un bimbo. Non l'ho mai più rivista e non mi sembra il caso di telefonarle per chiederle precisazioni. Aveva bisogno di essere sostenuta anche economicamente e accompagnata nel percorso formativo, ma questi aiuti non erano previsti per una italiana. Da quanto risulta la professione di infermiere, in Italia, non è molto ambita nemmeno dagli infermieri extracomunitari, perchè considerata scarsamente retribuita. Mio figlio, per anni e anni durante il periodo scolastico, ha fatto il volontario presso la pubblica assistenza. Si è reso disponibile per turni consecutivi, giorni e notti, Vigilie di Natale, giorni di Natale, ultimi dell'anno...Se lo ha fatto lui a titolo gratuito, non vedo perché dovrebbe essere questo il motivo per il quale non si sceglie di fare gli infermieri. I turni li fanno anche i medici e sono previsti in tanti altri lavori. Diciamo che il corso per infermieri è quasi equivalente, per difficoltà, ad una laurea in medicina. Non è così semplice come vogliono far credere. (Siamo sicuri che, all'estero, i corsi presentino le stesse difficoltà dei nostri?) Una volta c'era la distinzione e un diverso percorso formativo per infermieri generici e professionali. Oggi non è più così, almeno per gli italiani. E per colmare la lacuna della mancanza di infermieri si sono creati corsi con diversa denominazione e le assunzioni, se non totalmente, almeno buona parte, sono riservarte agli extracomunitari e nuovi comunitari. (http://www.epicentro.iss.it/temi/politiche_sanitarie/ocseSistemaSanitario08.asp)

    Rispondi

    • giuliana

      13 Ottobre @ 09.25

      Maurizio- Ho constatato che con il link ottenuto con il copia-incolla non si risale a nulla. Meglio cercare, con google, corsi per infermieri extracomunitari e solo allora, nell'elenco che compare, può cliccare su personale sanitario-Epicentro-Istituto Superiore di Sanità che ha per link quello che avevo inviato ieri. E' solo per fare il punto sulla situazione che ha portato al proliferare di corsi sulla spinta della presenza di extracomunitari. L'errore sta nella soppressione di un corso per infermieri generici come esisteva una volta.

      Rispondi

  • Geronimo

    29 Settembre @ 11.58

    Se quello che dici è vero fammi avere, si recuperano su internet, i bandi dei corsi....

    Rispondi

  • Geronimo

    28 Settembre @ 11.51

    Giuliana guardi che le infermiere italiane sono rare da trovare, ci sono stati vari appelli per assumerne di italiane ma nulla non si trovano perchè a natale bisogna stare in famiglia e il sabato sera averlo libero. Ne conosco di giovani ragazze italiane che fanno le infermiere, tutte bravissime ma anche loro concordano con me e con chi le assume nell'affermare che i giovani italiani spesso non vogliono fare sacrifici

    Rispondi

    • giuliana

      29 Settembre @ 09.51

      Maurizio, mi spiace insistere, ma una precisazione è necessaria. I corsi per infermieri sono molto impegnativi e alla fine sono quasi lauree in medicina. I corsi per gli immigrati che vogliono fare gli infermieri non sono gli stessi. Sono più brevi e molto meno impegnativi- Comunque non sono la stessa cosa. E' a questi corsi che gli italiani non sono ammessi.

      Rispondi

  • giuliana

    27 Settembre @ 10.39

    Questi corsi sono discriminatori. Una ragazza giovane, italiana, dopo aver assistito la madre morta per un tumore, aveva scelto di assistere le persone malate, magari frequentando quei corsi per infermieri predisposti per gli extracomunitari che sono sempre più veloci e semplici di quelli normali. La ragazza viveva sola e avrebbe dovuto mantenersi. Le hanno sbattuto la porta in faccia proprio perché italiana. Sono già passati alcuni anni, ma non credo che adesso sia diverso. Provi Lei ad iscriversi ai corsi predisposti per extracomunitari o a tentare di fare lo spazzino o lo sguattero. Se non è extracomunitario ha ben poche possibilità. Non è vero che le ragazze italiane non vogliono fare le badanti. Sarebbe sufficiente che il lavoro fosse organizzato in turni e fosse equamente retribuito.

    Rispondi

  • Geronimo

    26 Settembre @ 11.50

    Giuliana, non penso che il corso sia discriminatorio, semplicemente un'italiana non vuole fare la badante comunque se vuoi iscriverti fa pure

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Balli, brindisi e bellezza al Primo Piano: una serata con Francesca Brambilla

FESTE

Balli, brindisi e bellezza al Primo Piano: una serata con Francesca Brambilla Foto

Quiz, ma voi lo sapete come si affronta una rotonda?

GAZZAFUN

Quiz, ma voi lo sapete come si affronta una rotonda?

22commenti

Gianni Morandi "D'amore d'autore" il nuovo album di inediti  in uscita venerdì 17 novembre

MUSICA

Gianni Morandi, nuovo album e nuovo tour Videointervista

Notiziepiùlette

Ultime notizie

La casa in classe energetica A o B? Va acquistata subito

L'ESPERTO

La casa in classe energetica A o B? Meglio acquistarla subito

di Arturo Dalla Tana*

1commento

Lealtrenotizie

Tre anni e sei mesi a Jacobazzi

TRIBUNALE

Tre anni e sei mesi a Jacobazzi

INCIDENTI

Investito sulle strisce in via Budellungo. Auto contro camion a Soragna

WEEKEND

Sabato: appuntamento con lupi, fantasmi e ghiottonerie

Scuola

Il Romagnosi sarà anche linguistico

FECCI A ROMA

Delrio: «La tangenziale di Noceto si farà»

Intervista

Il «Re Leone»: nello sport non contiamo più nulla

SALSO

Si fingono i vicini di casa: anziana derubata

Ponte chiuso

Casalmaggiore chiede lo stato d'emergenza

Lutto

E' morta Liliana, la maestra di Lagrimone

ECONOMIA

Lanzi, via al collegamento tra l'interporto e la Norvegia

tg parma

Renzi alla Galloni di Langhirano: "Esempio per l'Italia" Video

FRONERI

I sindacati vedono Renzi. L'azienda ribadisce la chiusura, "Soluzioni attive per i lavoratori"

Il segretario: "Salvaguardare le nostre migliori capacità produttive"

Tg Parma

Sicurezza, decoro urbano, disabilità e inclusione: i quattro delegati

2commenti

Mafia

Morto all'ospedale di Parma Totò Riina

Il boss era detenuto da anni nel carcere di via Burla

10commenti

IL CASO

Ricorso accolto, non paga la Tari

3commenti

carabinieri

Sotto sequestro il campeggio di Berceto

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Imprenditrici e donne. Il valore aggiunto

di Patrizia Ginepri

WEEKEND

La top 5 del fine settimana

ITALIA/MONDO

ULTIMA ORA

Allarme bomba a Milano, trovata granata

La lettera

La moglie di Brizzi: "Barricata in casa con mia figlia: è un tribunale mediatico"

2commenti

SPORT

rugby

Roselli: "Il rugby italiano sta facendo bene, occorre tempo" Video

GAZZAFUN

Cittadella-Parma: finalmente gli attaccanti...

SOCIETA'

IL DISCO

Sound e riti tribali: Peter Gabriel fa IV

A macchia d'olio

Violenze, accuse (anche) a Stallone. Lui: "Falso e ridicolo"

MOTORI

NOVITA'

Nuova Bmw X3. Sa fare tutto (da sola)

LA PROVA

Hyundai Kona, il nuovo B-Suv in 5 mosse Le foto