-2°

10°

Strajè-Stranieri

Quei 130 ragazzi tunisini scomparsi: "Un mistero. Aiutateci a ritrovarli"

Quei 130 ragazzi tunisini scomparsi: "Un mistero. Aiutateci a ritrovarli"
1

Caterina Zanirato
Sono 560 i ragazzi tunisini che, dopo esser partiti alla volta dell’Italia, sono scomparsi nel vuoto. Per 130 di loro, è l’associazione tunisina di Parma «Giuseppe Verdi» a portare avanti le ricerche, grazie all’instancabile volontà di Rebeh Kraiem e del fratello Alì Cherif.
 I due fratelli sono stati in ambasciata, in consolato, ovunque fosse possibile. Ma la risposta è sempre stata la stessa: nessuno vuole essere coinvolto, nemmeno per cercare i proprio connazionali, quasi tutti poco più che ventenni.
 E’ un vero e proprio mistero quello che avvolge la sorte di questi 130 tunisini, partiti su un barcone per Lampedusa il primo marzo, il 14, il 22 e il 20 dello stesso mese: data in cui chi proveniva dalla loro terra era ancora considerato profugo di guerra e quindi con diritto a un permesso di soggiorno.
 «Inizialmente, non ricevendo nessuna notizia, pensavamo fosse successa qualche disgrazia in mare - spiega Rebeh -. Ma circa 4 mesi fa ho ricevuto varie chiamate delle famiglie dei ragazzi che stavano festeggiando, perché in alcuni servizi del Tg5 su Lampedusa avevano mostrato dei fotogrammi in cui compariva loro figlio. O sopra al barcone, o al centro di accoglienza, o su un autobus: insomma, erano arrivati in Italia e erano vivi».
 Ma proprio per questo si infittisce il mistero: che fine hanno fatto ora? Perché nessuno di loro ha mai chiamato casa per rassicurare i propri famigliari? «Non sappiamo cosa possa essere successo - continua la donna, che da sempre combatte per i diritti dei più deboli -. Abbiamo chiesto aiuto all’ambasciata che non ci ha ricevuto. Abbiamo contattato il console di Palermo, per la Sicilia, e ci ha dato un appuntamento per il 3 settembre. Ci siamo presentati, ma quel giorno lui ha cambiato idea e non si è fatto trovare. Siamo stati sotto al consolato per due giorni, siamo stati ricevuti anche dal viceprefetto di Palermo che ci ha espresso la propria solidarietà. Ma niente, nessuna notizia. Cosa dobbiamo rispondere ai genitori che in lacrime ci hanno chiesto di scoprire il destino dei loro figli? Che nessuno vuole dirci nulla?».
Rebeh ha fatto un giro per la Sicilia, raccogliendo testimonianze: «Uno di questi ragazzi pare essere stato visto anche da alcuni testimoni. Ma non capiamo perché non diano notizia: non devono temere la legge e, anche se fossero andati all’estero, una chiamata per i genitori non mi sembra una cosa così impossibile. Sinceramente temiamo il peggio, anche perché altrimenti non potremmo spiegare la reticenza mostrata dalle autorità tunisine».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • giuliana

    28 Settembre @ 10.58

    I 130 clandestini non si trovano per il semplice motivo che non vogliono essere trovati. Se fossero rintracciati dovrebbero essere espulsi immediatamente.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

"Bello Figo Roma non ti vuole", ancora minacce al rapper

rapper

"Bello Figo Roma non ti vuole", ancora minacce al rapper

Gianfranco Rosi

Gianfranco Rosi

documentari

Oscar: il parmigiano Rosi agguanta la nomination con "Fuocoammare"

La solignanese Giulia De Napoli vince 85mila euro all'«eredità»

RAI UNO

Giulia De Napoli di Solignano vince 85mila euro all'«Eredità»

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Pasticcio di patate formaggi e verdure

LA PEPPA 

La ricetta - Pasticcio di patate formaggi e verdure

Lealtrenotizie

Sessanta cellulari in casa per contattare fornitori e clienti: arrestato spacciatore

carabineri

Sessanta cellulari per contattare fornitori e clienti: arrestato spacciatore

2commenti

DELITTO DI NATALE

Gli investigatori tornano nella casa dell'assassino

2commenti

radio parma

Pizzarotti: "Piazza della Pace, serve presidio fisso: ma non di militari" Video

22commenti

big match

Venezia-Parma: sold-out (per i tifosi crociati)

Per chi resta a casa: diretta su Tv Parma (domenica 14.30)

TERREMOTO

Le offerte dei lettori per il centro Italia: ecco cosa è stato consegnato

sorbolo

Tenta la truffa dello specchietto, ma la vittima lo beffa

1commento

incidente

San Polo di Torrile e Baganzola, due auto fuori strada: due feriti

privacy

L'Università di Parma tutela gli studenti che cambiano sesso: saranno "alias"

Campagna elettorale

Pizzarotti candidato. E i Cinque stelle?

6commenti

Blackout

Zibello senza luce, scoppia il caso

NOCETO

Tecnico cade da una scala e batte la testa: è grave Video

1commento

CALCIO

D'Aversa ha scelto Frattali

la bacheca

56 opportunità per chi cerca lavoro

ACCIAIO

S.Polo Lamiere acquisisce la Tecnopali

Progetto

Cento studenti mandano una sonda nello spazio

IL 29 AL REGIO

Niccolò Fabi: «Il disco della solitudine»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Dedicato a Filippo e a chi gli vuol bene

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

La neve, le parole e gli Uomini

ITALIA/MONDO

ricerche in corso

Rigopiano, recuperati i corpi di tre donne e quattro uomini: le vittime salgono a 16

gran bretagna

Brexit, la Corte dà torto al governo May: "Voti il Parlamento"

SOCIETA'

salute

I pericoli delle patate «tossiche»

video

La videocandidatura del "Pizza" è social-ironica

SPORT

sci

Valanga rosa: Plan de Corones vince la Brignone, la Bassino 3/a

Formula 1

Ecclestone: "Mi hanno licenziato"

MOTORI

Prova su strada

Renault Scenic, adatta a tutto (e tutti)

ANTEPRIMA

Rivoluzione Micra: Nissan cambia tutto