21°

28°

Strajè-Stranieri

Quei 130 ragazzi tunisini scomparsi: "Un mistero. Aiutateci a ritrovarli"

Quei 130 ragazzi tunisini scomparsi: "Un mistero. Aiutateci a ritrovarli"
1

Caterina Zanirato
Sono 560 i ragazzi tunisini che, dopo esser partiti alla volta dell’Italia, sono scomparsi nel vuoto. Per 130 di loro, è l’associazione tunisina di Parma «Giuseppe Verdi» a portare avanti le ricerche, grazie all’instancabile volontà di Rebeh Kraiem e del fratello Alì Cherif.
 I due fratelli sono stati in ambasciata, in consolato, ovunque fosse possibile. Ma la risposta è sempre stata la stessa: nessuno vuole essere coinvolto, nemmeno per cercare i proprio connazionali, quasi tutti poco più che ventenni.
 E’ un vero e proprio mistero quello che avvolge la sorte di questi 130 tunisini, partiti su un barcone per Lampedusa il primo marzo, il 14, il 22 e il 20 dello stesso mese: data in cui chi proveniva dalla loro terra era ancora considerato profugo di guerra e quindi con diritto a un permesso di soggiorno.
 «Inizialmente, non ricevendo nessuna notizia, pensavamo fosse successa qualche disgrazia in mare - spiega Rebeh -. Ma circa 4 mesi fa ho ricevuto varie chiamate delle famiglie dei ragazzi che stavano festeggiando, perché in alcuni servizi del Tg5 su Lampedusa avevano mostrato dei fotogrammi in cui compariva loro figlio. O sopra al barcone, o al centro di accoglienza, o su un autobus: insomma, erano arrivati in Italia e erano vivi».
 Ma proprio per questo si infittisce il mistero: che fine hanno fatto ora? Perché nessuno di loro ha mai chiamato casa per rassicurare i propri famigliari? «Non sappiamo cosa possa essere successo - continua la donna, che da sempre combatte per i diritti dei più deboli -. Abbiamo chiesto aiuto all’ambasciata che non ci ha ricevuto. Abbiamo contattato il console di Palermo, per la Sicilia, e ci ha dato un appuntamento per il 3 settembre. Ci siamo presentati, ma quel giorno lui ha cambiato idea e non si è fatto trovare. Siamo stati sotto al consolato per due giorni, siamo stati ricevuti anche dal viceprefetto di Palermo che ci ha espresso la propria solidarietà. Ma niente, nessuna notizia. Cosa dobbiamo rispondere ai genitori che in lacrime ci hanno chiesto di scoprire il destino dei loro figli? Che nessuno vuole dirci nulla?».
Rebeh ha fatto un giro per la Sicilia, raccogliendo testimonianze: «Uno di questi ragazzi pare essere stato visto anche da alcuni testimoni. Ma non capiamo perché non diano notizia: non devono temere la legge e, anche se fossero andati all’estero, una chiamata per i genitori non mi sembra una cosa così impossibile. Sinceramente temiamo il peggio, anche perché altrimenti non potremmo spiegare la reticenza mostrata dalle autorità tunisine».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • giuliana

    28 Settembre @ 10.58

    I 130 clandestini non si trovano per il semplice motivo che non vogliono essere trovati. Se fossero rintracciati dovrebbero essere espulsi immediatamente.

    Rispondi

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Morto svedese Nyqvist, Mikael Blomkvist in Millenium

Lutto nel cinema

E' morto l'attore Michael Nyqvist, Mikael Blomkvist in Millenium

Serena Williams incinta e senza veli su Vanity Fair

Serena Williams sulla copertina di Vanity (Ed. Usa)

Il caso

Serena Williams incinta e senza veli su Vanity Fair

"Bidonata" alle nozze porta gli invitati al ristorante. Risarcimento in arrivo?

sassari

"Bidonata" alle nozze porta gli invitati al ristorante. Risarcimento in arrivo?

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Autovelox e autodetector: la mappa dei controlli

Autovelox (foto d'archivio)

CONTROLLI

Autovelox e autodetector: la mappa della settimana 

Lealtrenotizie

Gara per il trasporto pubblico, inchiesta per turbativa d'asta

IL CASO

Gara per il trasporto pubblico, inchiesta per turbativa d'asta

Lutto

L'ultima lezione di Angela

In viale Vittoria

Ragazzo a terra, è gravissimo

Intervista

Papageorgiou: «Lascio il lavoro per la musica»

Documentario

L'Antelami torna in Duomo

FIDENZA

Tiro a segno, l'ex presidente condannato a versare 183.893 euro di risarcimento

Futuro vicesindaco

Bosi: «Saremo più vicini ai cittadini»

MERCATO

La «decima» di Lucarelli

polizia municipale

Fa la pipì in piazzale Matteotti: 450 euro di multa

Multato anche un uomo disteso sulla panchina

8commenti

il caso

Vetri rotti, vandali/ladri in azione: la mappa dell'emergenza

3commenti

polizia

Arancia meccanica in un kebabbaro (con rapina) di piazzale della stazione: presi due giovani

2commenti

Fatto del giorno

Gara Tep-Busitalia: perquisizioni a Smtp

Il caso

Ancora vandali in Battistero, emergenza baby gang Video

1commento

Politica

Nuova giunta, il rebus dell'assessore all'Ambiente Video

Primo Consiglio tra 15 e 20 luglio

disagi

Temporale su Parma: cellulari, problemi a singhiozzo sulla linea Tim

2commenti

paura

70enne si ritrova con i ladri in casa in zona via La Spezia

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il Parma è l'esempio per la rinascita della città

di Michele Brambilla

3commenti

EDITORIALE

Pd, quanti errori dietro l'ennesima batosta

di Stefano Pileri

10commenti

ITALIA/MONDO

TORINO

Fuggi fuggi in piazza San Carlo, indagata la Appendino

salute

Vaccini: in Sardegna, tetano dopo 30 anni. Morta bimba a Roma per morbillo

SOCIETA'

salute

Drogometro, in 8 minuti scova gli ''sballati'' alla guida

INFORMATICA

Maxi attacco hacker in Russia e Ucraina

SPORT

SEMIFINALE

Gli azzurrini in dieci: la Spagna dilaga

vela

Coppa America, trionfo New Zealand. Primo sfidante Luna Rossa. Azzurra? Forse torna

MOTORI

LA PROVA

Nissan, 10 anni di Qashqai. Ecco come va il nuovo Foto Dati tecnici

ANTEPRIMA

Arona, ecco il Suv compatto secondo Seat