15°

Strajè-Stranieri

Quei 130 ragazzi tunisini scomparsi: "Un mistero. Aiutateci a ritrovarli"

Quei 130 ragazzi tunisini scomparsi: "Un mistero. Aiutateci a ritrovarli"
1

Caterina Zanirato
Sono 560 i ragazzi tunisini che, dopo esser partiti alla volta dell’Italia, sono scomparsi nel vuoto. Per 130 di loro, è l’associazione tunisina di Parma «Giuseppe Verdi» a portare avanti le ricerche, grazie all’instancabile volontà di Rebeh Kraiem e del fratello Alì Cherif.
 I due fratelli sono stati in ambasciata, in consolato, ovunque fosse possibile. Ma la risposta è sempre stata la stessa: nessuno vuole essere coinvolto, nemmeno per cercare i proprio connazionali, quasi tutti poco più che ventenni.
 E’ un vero e proprio mistero quello che avvolge la sorte di questi 130 tunisini, partiti su un barcone per Lampedusa il primo marzo, il 14, il 22 e il 20 dello stesso mese: data in cui chi proveniva dalla loro terra era ancora considerato profugo di guerra e quindi con diritto a un permesso di soggiorno.
 «Inizialmente, non ricevendo nessuna notizia, pensavamo fosse successa qualche disgrazia in mare - spiega Rebeh -. Ma circa 4 mesi fa ho ricevuto varie chiamate delle famiglie dei ragazzi che stavano festeggiando, perché in alcuni servizi del Tg5 su Lampedusa avevano mostrato dei fotogrammi in cui compariva loro figlio. O sopra al barcone, o al centro di accoglienza, o su un autobus: insomma, erano arrivati in Italia e erano vivi».
 Ma proprio per questo si infittisce il mistero: che fine hanno fatto ora? Perché nessuno di loro ha mai chiamato casa per rassicurare i propri famigliari? «Non sappiamo cosa possa essere successo - continua la donna, che da sempre combatte per i diritti dei più deboli -. Abbiamo chiesto aiuto all’ambasciata che non ci ha ricevuto. Abbiamo contattato il console di Palermo, per la Sicilia, e ci ha dato un appuntamento per il 3 settembre. Ci siamo presentati, ma quel giorno lui ha cambiato idea e non si è fatto trovare. Siamo stati sotto al consolato per due giorni, siamo stati ricevuti anche dal viceprefetto di Palermo che ci ha espresso la propria solidarietà. Ma niente, nessuna notizia. Cosa dobbiamo rispondere ai genitori che in lacrime ci hanno chiesto di scoprire il destino dei loro figli? Che nessuno vuole dirci nulla?».
Rebeh ha fatto un giro per la Sicilia, raccogliendo testimonianze: «Uno di questi ragazzi pare essere stato visto anche da alcuni testimoni. Ma non capiamo perché non diano notizia: non devono temere la legge e, anche se fossero andati all’estero, una chiamata per i genitori non mi sembra una cosa così impossibile. Sinceramente temiamo il peggio, anche perché altrimenti non potremmo spiegare la reticenza mostrata dalle autorità tunisine».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • giuliana

    28 Settembre @ 10.58

    I 130 clandestini non si trovano per il semplice motivo che non vogliono essere trovati. Se fossero rintracciati dovrebbero essere espulsi immediatamente.

    Rispondi

Video

3commenti

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

parodia con Parma/Karma canzone vincitrice sanremo

parodia

Si sorride con il prosciutto di Parma in "salsa" Occidentali's Karma Video

Aereo intercettato sui cieli della Germania

germania

Il pilota non risponde: volo di linea scortato da jet da guerra

Jessica allena i glutei

GOSSIP

Sexy allenamento di Jessica Immobile: boom di clic 

Notiziepiùlette

Ultime notizie

I dieci errori da evitare in palestra

FITNESS

I dieci errori da evitare in palestra

Lealtrenotizie

Finto malato e assenteista, infermiere condannato

CORTE DEI CONTI

Finto malato e assenteista, infermiere condannato

3commenti

Collecchio

Rapina alla Cariparma: giallo sui colpi di arma da fuoco. Video: l'arresto dei ladri

Il servizio del Tg Parma: la testimonianza di un giovane - Video

1commento

Sicurezza

Blitz nelle cattedrali del degrado

2commenti

FISCO

Condomini, è guerra contro le scadenze impossibili

Salso

Righe blu, e la mezz'ora gratis?

Fidenza

Concari, quando la medicina è una missione

CCV

Ventuno progetti per Parma

1commento

A TEATRO

«Mar del Plata», il rugby contro la dittatura

calcio

Cerri, che gioia il gol in A

1commento

CULTURA

Tahar Ben Jelloun a Parma: "Più educazione per sconfiggere l'Isis"

Palazzo del Governatore gremito

GAZZAREPORTER

Degrado in Oltretorrente Foto

Un lettore racconta con le immagini una passeggiata abortita

3commenti

anteprima GAZZETTA

Pomeriggio di paura a Collecchio Video

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma!

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

LEGA PRO

Parma- Samb 4-2: il film del match Video

Via Mazzini

Le baby gang fanno paura: negozianti sotto assedio

12commenti

Parma

Trasporti, gara a BusItalia. Tep all'attacco: "Verificheremo se l'assegnazione è legittima"

Offerte eccessivamente al ribasso - dice la Tep - possono poi avere pesantissime ripercussioni sul servizio, sugli utenti e sui lavoratori

14commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Le deprimenti liti dei politici

5commenti

EDITORIALE

I figli, la droga e una mamma "condannata" per troppo amore

di Carlo Brugnoli

2commenti

ITALIA/MONDO

modena

Mail "trappola" che annuncia donazione: truffata la Croce Rossa di Carpi

san polo d'enza

Magnete sul contatore per risparmiare: commerciante denunciato per furto

1commento

SOCIETA'

LA BACHECA

44 offerte per chi cerca lavoro

auto

Addio al libretto di circolazione: il documento sarà unico

1commento

SPORT

Vietnam

Rigore inesistente: la squadra resta immobile per protesta

ATLETICA

"Ayo" Folorunso vince i 400: guarda la straordinaria rimonta Video

MOTORI

SUPERCAR

Ferrari 812 Superfast,
la nuova berlinetta da 800 Cv

nuovo kit

Mercedes Classe A Next, un passo più avanti