-5°

Strajè-Stranieri

Erano diretti a Parma. Scomparsi nel nulla

Erano diretti a Parma. Scomparsi nel nulla
0

 Chiara Pozzati

Dall’inferno all’oblio. È la storia di 560 profughi tunisini, sbarcati a Lampedusa il 15 marzo e semplicemente scomparsi. Tre di loro avrebbero dovuto raggiungere il Parmense, ma i parenti, divisi fra la nostra città e l’Africa, hanno perso ogni loro traccia. Rimane solo qualche foto sgranata reperita su internet e qualche viso familiare che spunta dalle immagini di giornali e televisioni. 
È la storia di Zied Sahli, 28 anni, e dei cugini Tarek Hadj Salem e Derbeli Walid, rispettivamente 25 e 32 anni, che avrebbero dovuto raggiungere Salsomaggiore e Mezzani. I tre hanno lasciato la loro terra il 14 marzo scorso e sono sbarcati a Lampedusa il giorno successivo, o almeno così si presume. Dopo oltre nove mesi da incubo, le famiglie dei giovani dispersi e Amnesty international si sono rivolti a Rebecca Kraiem, dell’associazione tunisina «Giuseppe Verdi» di Parma, per chiedere aiuto. La donna, 53 anni e con un'incrollabile fiducia nelle istituzioni, ha deciso di impegnarsi nella ricerca dei nuovi desaparecido. Ecco perché, non più tardi di domenica, ha riunito i parenti dei tre giovani «per fare il punto su una situazione particolarmente delicata», come la definisce lei stessa. 
Un incontro commovente, quello avvenuto all’Enaip di via Gramsci, sede del sodalizio che raggruppa i figli della Tunisia approdati nella nostra città. Per l’occasione c’era anche Federica Sossi, scrittrice, giornalista e docente di estetica all’Università di Bergamo. Zied amava il calcio, Tarek e Derbeli non vedevano l’ora di assaggiare il cibo italiano. «Mio fratello si è sempre rimboccato le maniche per mantenersi. In Tunisia sbarcava il lunario con lavoretti saltuari per non pesare sul bilancio  familiare». A parlare è Kaouthar, 33 anni, sorella di Zied. La giovane operaia dagli occhi grandi è arrivata a Parma una decina di anni fa. «Ero così felice quando ho ricevuto la sua telefonata - racconta desolata -. Ho tentato spesso di richiamare quel maledetto numero, ma non c’è nulla da fare: è sempre staccato». Gli occhi pesti di sonno, il sorriso tirato di chi convive con un male che logora dentro. Kaouthar guarda implorante la Sossi. «Chiediamo che il ministero degli Esteri tunisino fornisca le impronte digitali dei desaparecidos al ministero dell'Interno italiano, per un confronto - spiega la scrittrice -. Solo allora potremo avere risposte». 
«Abbiamo piena fiducia nelle istituzioni - conclude Rebecca Kraiem - ma ci spaventa l’immobilismo burocratico di entrambe le nazioni. Non possiamo abbandonare queste famiglie. Dove sono finiti quei ragazzi?». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

pgn feste

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

polemica

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

3commenti

"Cold Chairs": un inno alla vita"!

musica

Bataclan, da Collecchio l'omaggio dei "The Lemon Flavour" Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Pasticcio di patate formaggi e verdure

LA PEPPA CONSIGLIA

La ricetta - Pasticcio di patate formaggi e verdure

Lealtrenotizie

I crociati ritrovano la vittoria grazie a Evacuo: Parma-Santarcangelo 1-0

Stadio Tardini

Parma batte Santarcangelo 1-0 e "aggancia" il Venezia Foto Video

Evacuo firma il gol della vittoria. Il Parma è momentaneamente in vetta, a 42 punti, in attesa di Reggiana-Venezia

La morte di Filippo

«Eri la mia vita». Lo strazio dei familiari

TESTIMONIANZA

«Preso a calci e pugni per divertimento»

6commenti

gazzareporter

Muri imbrattati, a volte ritornano... Con provocazione al sindaco Foto

polizia municipale

Autovelox e autodetector: ecco dove saranno

Weekend

Una domenica tra musica e fuoristrada: l'agenda

La storia

Rocco e Giulia, salumieri a Innsbruck

1commento

Protezione civile

I volontari parmigiani al lavoro nelle Marche

elezioni

Pizzarotti, è ufficiale: "Mi ricandido" Video . Dall'Olio si ritira: "Sostengo Scarpa"

24commenti

graffiti

Il sottopasso dello Stradone? Galleria di street art Foto

Polemica

«Sulla legionella ci hanno preso in giro»

5commenti

GRANDE FIUME

Il Po in secca? Attrazione per i turisti

1commento

PEDEMONTANA

Polizia municipale, multe in aumento

2commenti

bedonia

Violenze sul padre per anni, arrestato un 40enne Video

IL CASO

Vigili, la Fabbri si scusa con Bonsu e lo risarcisce

Lettera al giovane ghanese, che riceverà 20mila euro

Langhirano

Filippo, le lacrime e il colore dei ricordi sulla bara bianca

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Dedicato a Filippo e a chi gli vuol bene

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

La neve, le parole e gli Uomini

ITALIA/MONDO

TERREMOTO

La Grandi rischi: "Diga su una faglia riattivata: se il suolo cade nel lago, c'è effetto Vajont"

tragedia

Rigopiano: soccorsi senza sosta, ma le speranze sono deboli

SOCIETA'

Reggiolo

Rave party abusivo in un capannone in disuso: identificati 200 giovani

CINEMA

Da "Arrival" a "Qua la zampa": i film della settimana Video

SPORT

TARDINI

Vittoria un po' sofferta ma 3 punti importanti: il commento di Paolo Grossi Video

sky

Caressa ricorda Filippo Ricotti prima di Milan-Napoli

MOTORI

IN PILLOLE

Dacia Sandero Stepway
model year 2017

ANTEPRIMA

Rivoluzione Micra: Nissan cambia tutto