14°

25°

Strajè-Stranieri

Erano diretti a Parma. Scomparsi nel nulla

Erano diretti a Parma. Scomparsi nel nulla
0

 Chiara Pozzati

Dall’inferno all’oblio. È la storia di 560 profughi tunisini, sbarcati a Lampedusa il 15 marzo e semplicemente scomparsi. Tre di loro avrebbero dovuto raggiungere il Parmense, ma i parenti, divisi fra la nostra città e l’Africa, hanno perso ogni loro traccia. Rimane solo qualche foto sgranata reperita su internet e qualche viso familiare che spunta dalle immagini di giornali e televisioni. 
È la storia di Zied Sahli, 28 anni, e dei cugini Tarek Hadj Salem e Derbeli Walid, rispettivamente 25 e 32 anni, che avrebbero dovuto raggiungere Salsomaggiore e Mezzani. I tre hanno lasciato la loro terra il 14 marzo scorso e sono sbarcati a Lampedusa il giorno successivo, o almeno così si presume. Dopo oltre nove mesi da incubo, le famiglie dei giovani dispersi e Amnesty international si sono rivolti a Rebecca Kraiem, dell’associazione tunisina «Giuseppe Verdi» di Parma, per chiedere aiuto. La donna, 53 anni e con un'incrollabile fiducia nelle istituzioni, ha deciso di impegnarsi nella ricerca dei nuovi desaparecido. Ecco perché, non più tardi di domenica, ha riunito i parenti dei tre giovani «per fare il punto su una situazione particolarmente delicata», come la definisce lei stessa. 
Un incontro commovente, quello avvenuto all’Enaip di via Gramsci, sede del sodalizio che raggruppa i figli della Tunisia approdati nella nostra città. Per l’occasione c’era anche Federica Sossi, scrittrice, giornalista e docente di estetica all’Università di Bergamo. Zied amava il calcio, Tarek e Derbeli non vedevano l’ora di assaggiare il cibo italiano. «Mio fratello si è sempre rimboccato le maniche per mantenersi. In Tunisia sbarcava il lunario con lavoretti saltuari per non pesare sul bilancio  familiare». A parlare è Kaouthar, 33 anni, sorella di Zied. La giovane operaia dagli occhi grandi è arrivata a Parma una decina di anni fa. «Ero così felice quando ho ricevuto la sua telefonata - racconta desolata -. Ho tentato spesso di richiamare quel maledetto numero, ma non c’è nulla da fare: è sempre staccato». Gli occhi pesti di sonno, il sorriso tirato di chi convive con un male che logora dentro. Kaouthar guarda implorante la Sossi. «Chiediamo che il ministero degli Esteri tunisino fornisca le impronte digitali dei desaparecidos al ministero dell'Interno italiano, per un confronto - spiega la scrittrice -. Solo allora potremo avere risposte». 
«Abbiamo piena fiducia nelle istituzioni - conclude Rebecca Kraiem - ma ci spaventa l’immobilismo burocratico di entrambe le nazioni. Non possiamo abbandonare queste famiglie. Dove sono finiti quei ragazzi?». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Cannes, tris di bionde per la Coppola

cinefilo

Cannes, tris di bionde per la Coppola Video

Esauriti ultimi 20mila biglietti per Vasco a Modena

MUSICA

Esauriti gli ultimi 20mila biglietti per Vasco a Modena

I Simple Minds salgono sul palco di Manchester

MUSICA

I Simple Minds salgono sul palco di Manchester Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

A Parigi, per dodici mesi tra paesaggi e ritratti

VIAGGI

Parigi val bene un weekend. Ecco i nostri consigli

di Luca Pelagatti

Lealtrenotizie

Successo per le «ronde elettroniche»

Criminalità

Successo per le «ronde elettroniche»

PARMA

Scontro auto-moto in via Colorno: un ferito

play-off

Parma qualificato ai quarti: alle 15,30 il sorteggio della prossima avversaria dei crociati

play-off

Sondaggio: chi vorreste incontrare ai quarti? (Guarda la griglia)

VERSO IL VOTO

Amministrative, i sondaggi nazionali sul «caso Parma» 

Salsomaggiore

Lo struggente addio a Monia Lusignani

TRAVERSETOLO

Ragazzini danneggiano un tendone. Il sindaco li «denuncia» sui social

Viabilità

Cominciati i lavori sulla provinciale Monchio-Corniglio

Lutto

San Polo piange Eva Meldi, storica cuoca dell'asilo

Gazzareporter

Le foto di una lettrice: "Neviano de Rossi, una strada praticamente abbandonata..."

IN BICI

Nuova ciclabile: pedaleremo in sicurezza tra Gaiano e Ozzano

1commento

PGN

Cinque nuovi dischi delle band di Parma

Torna Parmagiornoenotte: eventi, appuntamenti, concerti, aperitivi, teatro e feste

LA STORIA

Radio Deejay: love story autista bus - passeggera, impazza il gossip parmigiano

3commenti

allarme

Sorbolo, "quei ragazzini che fingono di finire sotto le auto"

5commenti

via trento

Alcol a chi era già ubriaco: negozio "punito" fino a fine ottobre

9commenti

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma!

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La balla dei soldi pubblici ai giornali

di Michele Brambilla

1commento

EDITORIALE

Loro criminali paranoici. Noi troppo deboli e divisi

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

LA SPEZIA

Due ragazzi trovati morti in una cava dismessa: hanno fatto un volo di 40 metri

SICUREZZA

G7: massima allerta a Taormina Video

SOCIETA'

PARMA

"Nasi Rossi" sabato in piazza Garibaldi fra gag e solidarietà Video

cinema

A Cannes il ritorno di Irina (splendida e sexy) a due mesi dal parto

SPORT

play-off

D'Aversa: "Il Parma è stato, prima di tutto, bravo tatticamente" Video

1commento

CALCIO

Due a zero all'Ajax: il Manchester United vince l'Europa League

MOTORI

MOTORI

Nuova Volvo XC60, ancora più qualità e sicurezza

CAMBIO

L'automatico manda in pensione il manuale? I 5 miti da sfatare