19°

Strajè-Stranieri

Rifugiati politici: in 35 aspettano il "patentino"

Rifugiati politici: in 35 aspettano il "patentino"
Ricevi gratis le news
5

 Caterina Zanirato

E'  trascorso un anno dalle primavere arabe, che hanno portato in Italia tantissimi stranieri scappati alla violenza, che sono stati accolti anche a Parma.
 Ma nonostante la grande forza di volontà di enti, cooperative e operatori, poco è cambiato: sono ancora tutti qui, in attesa che la commissione territoriale si esprima sul conferimento dello status di rifugiato politico.
Le ribellioni
 Esattamente un anno fa, nel Medio Oriente, i giovani hanno iniziato a ribellarsi: uno dopo l’altro, sono caduti governi e dittature, dopo lunghi mesi di proteste, manifestazioni sfociate nella violenza e, in alcuni casi, vere e proprie guerre civili. 
Esattamente un anno fa, a Lampedusa, hanno iniziato ad arrivare i protagonisti di questa rivoluzione, scappati dalla violenza che si stava consumando nelle loro terre: un numero che è cresciuto esponenzialmente fino a diventare emergenza umanitaria. 
Ed esattamente un anno fa, la protezione civile ha ordinato ad ogni comune italiano di prendersi in carico alcuni di loro, per spostarli dalla piccola isola del Mediterraneo. 
I primi rifugiati
E ad aprile, i primi rifugiati hanno fatto ingresso a Parma: si tratta di 4 ragazzi somali, scappati dalla violente guerra libica. 
Poi, sono arrivati numerosi tunisini, ospitati nei centri di accoglienza del Comune di Parma: per loro nessun problema burocratico, visto che un decreto ministeriale li ha accolti per emergenza umanitaria, dando loro subito accesso a servizi e lavoro. 
Due nuclei famigliari
E infatti a settembre hanno lasciato Parma per trasferirsi in altri paesi europei. 
A luglio, invece, la situazione si è aggravata: sono arrivati tutti i profughi dalla Libia, che nella maggior parte dei casi sono di provenienza di altri paesi africani (Somalia, Mali, Burkina Faso, Nigeria, Bangladesh, Benin, Guinea, Ghana, Ciad). 
Si tratta in tutto di 32 uomini, un nucleo famigliare composto da un uomo e una donna, che sta per partorire, e un nucleo monogenitoriale composto da una donna con il proprio bambino.
L'accoglienza
Di loro, 24 sono ospitati negli appartamenti del patrimonio comunale e accolti in convenzione con la cooperativa Caleidos, che segue il progetto Sprar. 
Tra loro anche la famiglia in dolce attesa.
 Dieci invece sono accolti all’interno di un centro di accoglienza per immigrati del Comune, gestito dalla cooperativa Parma Programme.
 Infine, una donna in particolari condizioni è allocata all’interno di una comunità di accoglienza per donne, in ragione della sua fragilità sanitaria.
 E la mamma e il suo bambino sono state accolte in una comunità convenzionata (non si riportano i nomi per rispetto della privacy).
Le domande
 Tutti, appena arrivati in Italia, hanno fatto domanda perché gli venisse riconosciuto lo status di rifugiato politico.
 Da allora, è stato riconosciuto solo al primo di loro, un ragazzo somalo, che proprio qualche giorno fa ha ricevuto il benestare della commissione territoriale: ora è in attesa del permesso di soggiorno.
Tempi lunghi
 Tutti gli altri non solo sono in attesa del verdetto, ma devono ancora essere ascoltati dall’ente di Bologna: ogni ragazzo infatti è chiamato a raccontare la propria provenienza e la propria storia.
 I tempi saranno ancora lunghi, si attenderà almeno tutto il 2012: periodo fino al quale nessuno degli stranieri potrà permettersi di costruirsi una realtà, visto che molti di loro saranno rimpatriati. 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Olivia

    23 Marzo @ 17.36

    Gentile redazione, credo che l\'uso improprio e superficiale di termini che definiscono per legge situazioni ben precise ridicolizzi il vostro lavoro di giornalisti che rischia così di perdere di credibilità. Forse per non cadere nel ridicolo sarebbe stato più opportuno pensare ad un titolo diverso magari evitando anche le virgolette. Non credo sia troppo difficile per chi come voi delle parole (e delle informazioni) ha fatto o vuole fare un mestiere.

    Rispondi

  • Anto

    03 Marzo @ 10.30

    Caro Piero la faccenda è molto più lunga queste persone vivevano in Libia da anni e lavoravano, a causa della guerra sono stati costretti a scappare. è vero che la guerra è terminata, ma la situazione in Libia non è ancora tranquilla e molti vogliono essere rimpatriati, cmq al di là del caos che si è venuto a creare nella gestione di questa emergenza, si stà pian piano provvedendo a risolvere, considerando caso per caso. P.S. l'articolo è pieno di imprecisioni, non ho parole.

    Rispondi

  • gazzettadiparma.it

    24 Febbraio @ 11.17

    A volte sono banali e leggeri anche certi commenti: chi ha idea di come è fatto un giornale capisce che "riconoscimento giuridico di uno status" è un po' lunghino, per stare in un titolo. Parlare di patentino (e le virgolette hanno una funzione, nella lingua italiana) serve a sintetizzare, non certo a mancare di rispetto. Sul resto possiamo discutere (e sono d'accordo che si tratti di un tema al quale dovremo dedcaire sempre più spazio e sempre più seriamente). (G.B.)

    Rispondi

  • akir

    24 Febbraio @ 00.01

    a parte la banalità e la leggerezza con cui si affronta il tema della protezione internazionale e delle sua richiesta, chiamando \"patentino\" quello che è il riconoscimento giuridico di uno status, non è la nazionalità che rende una persona piu\' richiedente asilo di un\'altra nè, per rispondere al commento precedente, sta a nessun altro che alla Commissione giudicare/valutare la fondatezza delle richieste di asilo. Infine, un\'affermazione quale \"visto che molti di loro saranno rimpatriati.\" mi appare insensata nonchè inesatta e utillizzata solo per dare una conclusione nanche brillante ad un articolo scritto senza conoscere approfonditamente un tale argomento.

    Rispondi

  • ParmigianoFiero

    15 Febbraio @ 08.09

    Non mi è chiara una cosa, ma in nord Africa o almeno in Libia e Tunisia la guerra non è terminata? Per quale motivo dovrebbero essere rifugiati politici? Erano sostenitori di Gheddafi? Non penso proprio, ma...

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

14-0 e calcetto finisce in rissa, squadra denunciata

torino

14-0 e il calcetto finisce in rissa, squadra denunciata

"Open bar al Castello": ecco chi c'era alla festa

FELINO

"Open bar al Castello": ecco chi c'era alla festa Foto

Il CineFilo per domenica 22 ottobre - La battaglia dei sessi - Nico 1988 - It - Blade runner 2049 -

IL CINEFILO

It, il nuovo Blade Runner, La battaglia dei sessi: i film della settimana

Notiziepiùlette

Ultime notizie

L'autunnale torta di riso e verze

LA PEPPA

La ricetta L'autunnale torta di riso e verze

Lealtrenotizie

incidente mortale

sorbolo

Pedone investito nella notte in via Mantova: muore un 60enne

La vittima è Asani Memedali, macedone, da anni residente in paese

POLIZIA

"Spaccata" alla concessionaria 'Philosophy': rubate tre moto

Bottino di circa 40mila euro

parma

D’Aversa: "Foggia campo difficile. Cambierò qualcosa" Video

CARABINIERI

Preso il pusher dei ragazzini delle medie: è già libero

12commenti

Parma

Evade dai domiciliari per lavorare nel negozio dei genitori: 50enne arrestato

L'uomo è stato arrestato dai carabinieri per evasione

Via D'Azeglio

Offre droga ai carabinieri in borghese e ne colpisce uno durante la fuga

Arrestato uno studente marocchino 23enne nei guai dopo un controllo dei carabinieri

CALCIO

Domani si gioca Foggia-Parma, oggi le visite per Ceravolo Video

E' già tempo di nuove sfide per i crociati

Chiesa cittadina

Fra' Pineda e don Pezzani, i due nuovi parroci

PARMA

"Solo italiani referenziati" per l'appartamento in affitto: l'annuncio che fa discutere

Polemica sui social network: "E' razzista"

36commenti

REPORTAGE

I sentieri del nostro Appennino: 400 km di infinito

IL CASO

«La scuola di San Paolo esclusa dagli Studenteschi»

NOVITA'

D'inverno al cinema: ora a Fidenza si può

TUTTAPARMA

«Al sóri caplón'ni», angeli in corsia

Lubiana

Il nuovo polo sociosanitario? Dopo 12 anni resta un miraggio

Se ne parla dal 2005, ma l'unica traccia è una recinzione malmessa. Storia di una struttura mai nata

AUTOSTRADA

Incidente in A1: coda tra Parma e Fidenza questa mattina

Progetto

La biblioteca a San Leonardo? Tutti la vogliono

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Renzi contro tutti. Pd lacerato verso il voto

di Stefano Pileri

CHICHIBIO

«Trattoria Ferrari da Cecchino», la tradizione continua

di Chichibio

ITALIA/MONDO

INCIDENTE

Tragedia nel Savonese: vuole sparare a un cinghiale ma uccide un fungaiolo

RICCIONE

La vittima dell'incidente è a terra, 29enne filma l'agonia in diretta Facebook

SPORT

Moto

Guido Meda svela un aneddoto su Simoncelli

FORMULA 1

Hamilton, le mani sul Mondiale. Vettel 2°. Colpo di scena, Raikkonen 3°

SOCIETA'

CULTURA

«A scuola nei musei»: il viaggio sta per ricominciare

GAZZAREPORTER

"Parcheggio inadeguato in via Jacchia"

MOTORI

IL FUTURO

Volvo, rivoluzione Polestar: si partirà da un coupé ibrido da 600 Cv

MINI SUV

Hyundai Kona, al lancio prezzi da 14.950 euro