22°

Strajè-Stranieri

Moldavi al primo posto nel Parmense per le rimesse: molte le badanti ma ora arrivano anche giovani famiglie

0

di Andrea Violi

Vivono con gli anziani che accudiscono e cercano di risparmiare il più possibile, per inviare parte dei guadagni in Moldavia. Dove diverse persone aspettano quel denaro per tirare avanti. E' una storia che si ripete, quella delle badanti. Molte di loro vengono dalla Moldavia e costituiscono la spina dorsale delle comunità di connazionali. Anche a Parma.
Le rimesse che partono da Parma alla volta di Chisinau ammontavano a 5,45 milioni di euro nel 2010 e secondo i dati di Bankitalia sul 2011, disponibili da pochi giorni, hanno rivelato un aumento: 6,45 milioni di euro. Così come cresce di anno in anno il numero di persone immigrate dal piccolo Paese incastonato fra Romania e Ucraina. Secondo i dati della Provincia, nel 2011 i moldavi regolari residenti nel Parmense erano 6.960; solo un anno prima ne erano censiti 5.524, con un aumento del 26%. Senza contare che i dati non fotografano una parte del fenomeno: gli eventuali stranieri irregolari e le rimesse che vengono portate in patria attraverso canali informali.

La comunità è cresciuta molto in questi anni: lo sa bene la presidente dell'associazione moldava di Parma, Maria Nimerenco. «Ci sono tanti ricongiungimenti familiari: i giovani non vogliono più distruggere le famiglie. Nella generazione precedente, invece, il marito rimaneva a casa con i figli per farli studiare».
Maria Nimerenco è alla soglia dei 60 anni e fa parte di quest'ultima generazione. Quella delle tante donne arrivate per lavorare per anni in Italia - spesso come badanti - ma che hanno visto disgregarsi i matrimoni con i connazionali. «Oggi magari tornano in patria persone di una certa età che non sono riuscite a sistemarsi. I giovani invece studiano qui e non torneranno in Moldavia... - aggiunge la Nimerenco -. Spesso le quarantenni si sposano e formano una famiglia qui. Io non voglio tornare in Moldavia: lavoro come interprete in tribunale, mi trovo bene, i miei figli lavorano negli Stati Uniti e in Asia... là non ho più niente».
La presidente dell'associazione è contenta della crescita del suo popolo in Italia: «I giovani stanno comprando case, aprono attività come negozi e bar: i moldavi sono competitivi, lavorano sodo per costruire qualcosa». Spesso si dice gli stranieri fanno più fatica ad ottenere il mutuo casa... «Assolutamente no! Le banche sono molto disponibili: conosco molti che hanno comprato case e appartamenti, magari in provincia perché costa un po' meno. I giovani che arrivano adesso non mandano soldi in Moldavia perché si portano la famiglia». 

Le rimesse sono comunque un flusso di denaro corposo: la maggioranza dei moldavi è fatta di donne che lavorano per mantenere i figli in patria. «Diciamo che l'80% della popolazione all'estero manda denaro in Moldavia, per far studiare i figli o per finire di costruire la casa o per aiutare i figli ad aprire un'attività... Per dieci anni li ho inviati anch'io, finché i miei figli si sono sistemati. Le badanti mandano quasi tutto quello che guadagnano. Prendiamo uno stipendio medio di 900 euro: tengono per sé 100 euro, il resto lo mandano a casa perché investono sui figli. Di solito non spendono per divertirsi... come avete fatto voi molti anni fa. Se una signora lavora in una casa 24 ore su 24, non le serve quasi nient'altro! È un grosso sacrificio, anche per persone qualificate... Conosco ad esempio un'insegnante di inglese che a Parma fa la badante. Però io sono contento del mio popolo: le donne moldave sono gran lavoratrici. I soldi si inviano una volta al mese».

Spesso le rimesse passano attraverso banche e servizi di money transfer... Non manca però chi li porta fisicamente nel Paese d'origine. Ad esempio, con i pulmini che ogni settimana fanno la spola con l'Est europeo. Anche da Parma partono e arrivano i collegamenti con la Moldavia: «Ogni sabato e ogni domenica partono non uno, ma tanti pulmini - spiega Maria Nimerenco -. C'è chi raccoglie un po' di denaro quando va a casa... con qualche migliaio di euro si può passare tranquillamente alla dogana. E magari si spendono se ci sono matrimoni, cresime o altre occasioni. Normalmente non sono in tanti a fare così: non si va a casa più di una volta all'anno perché resta il problema del lavoro. Parlo delle badanti, che hanno la responsabilità delle persone che accudiscono. È un disagio anche per il datore di lavoro, che deve trovare una sostituta... Conosco bene l'argomento: anche io ho fatto la badante per tre anni e mezzo con una brava famiglia di Parma».

L'associazione dei moldavi a Parma organizza momenti di aggregazione ma si impegna anche per aiutare i connazionali ad affrontare i problemi. Possono essere ovviamente di vario genere: come rapportarsi con le istituzioni italiane, come risolvere questioni burocratiche e legali (un avvocato italiano aiuta la comunità), come affrontare i problemi sociali. Ci sono anche i moldavi che si mettono nei guai con la giustizia... «Da quando lavoro in tribunale - spiega la Nimerenco - ho trovato persone che hanno commesso furti o piccoli reati... I moldavi non sono veri delinquenti, non abbiamo grossi problemi. Magari qualcuno che arriva e si trova in difficoltà fa dei furti... ma non più delle altre comunità».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

American Airlines

rissa sfiorata

Steward colpisce con un passeggino una donna con il bimbo

Aktion T4: dal 25 aprile Lenz racconta l'olocausto dei piu' deboli

tg parma

Aktion T4: Lenz racconta l'olocausto dei più deboli Video

La verticale (e la vacanza) in topless di Lindsey Vonn seduce il web

caraibi

La verticale (e la vacanza) in topless di Lindsey Vonn seduce il web Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Camminare in Lunigiana Escursioni per tutte le stagioni

NOSTRE INIZIATIVE

Camminare in Lunigiana Escursioni per tutte le stagioni

Lealtrenotizie

Il comandante dei vigili: «Massese pattugliata»

LANGHIRANO

Il comandante dei vigili: «Massese pattugliata»

Lavori pubblici

Ecco il rinato «Lauro Grossi»

SORBOLO

Quegli attori anti-truffa che educano i cittadini

Lutto

Trovato morto in casa l'avvocato Alberto Quaini

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma!

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

Finto carabiniere

Truffati altri due anziani

FORNOVO

Pochi iscritti alle elementari, è polemica

EMILIAMBIENTE

Massari: «Piena fiducia nel cda»

Lega Pro

Parma, tre partite per rilanciarsi

cadute

Incidenti in moto a Noceto e Berceto, grave una 46enne di Salso Video

Sanità

Visite «bucate», arrivano le prime multe

1commento

baganzola

Soldi "macchiati di sangue": truffati due anziani Video

fidenza

Positivo all'alcotest, aggredisce i carabinieri insieme all'amico: arrestati

1commento

divertimento

Calcio balilla in piazza Garibaldi: curiosità e...gol Gallery

gastronomia

Castle street food: Fontanellato assediata Gallery

spacciatori

Uno smerciava a casa, l'altro è sceso dal treno con 3,5 kg di droga: arrestati

Ricostruite le "vendite" di un pusher parmigiano: centinaia in pochi mesi

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

I vecchi partiti? Meglio di oggi

EDITORIALE

Francia: l'Isis cerca di dirottare il voto

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

francia nel terrore

Panico a Parigi per un uomo con un coltello

bassa reggiana

Ricattano una coetanea per un video osè: quattro ragazzine denunciate

WEEKEND

il disco della settimana

“Samarcanda”, magnifica quarantenne Video

L'INDISCRETO

Riuscireste a dire di no a queste nove bellissime 50enni?

1commento

SPORT

motocross

La Fontanesi adesso sfida anche i maschi

calcio

Morto Ehiogu, tecnico giovanili Tottenham

MOTORI

TOP10

Auto: il lusso delle limited edition

ANTEPRIMA

Audi e-tron Sportback Concept, nel 2019 il Suv-coupé "digitale"