14°

Strajè-Stranieri

"Centro islamico, andrò avanti nella mia battaglia legale"

"Centro islamico, andrò avanti nella mia battaglia legale"
8

 Chiara Pozzati

«Per prima cosa segnalerò alla Procura la dirigente dell’amministrazione per omissione di atti di ufficio, in secondo luogo mi rivolgerò alla Corte dei Conti per segnalare la necessità dell’esborso per le casse pubbliche». Cesare Piazza canta vittoria dopo il verdetto favorevole del Tar, sull’accesso ai documenti del Comune più volte richiesti «e sempre negati».
 Una battaglia aspra quella che l’artigiano ha ingaggiato contro il centro islamico, ormai  da diversi anni. Battaglia fatta di botte e  risposte, sentenze, burocrazia, manifestazioni. E ieri ha chiamato a raccolta la stampa per chiarire alcuni aspetti del verdetto. Piazza aveva impugnato il diniego tacito a seguito della richiesta di accesso, presentata al Comune il 2 dicembre 2011, relativa al provvedimento con il quale l’amministrazione avrebbe concesso all’Associazione islamica un termine per l’adeguamento della propria struttura. Non solo: l’artigiano aveva anche più volte richiesto di poter avere accesso ai provvedimenti emessi dal Comune a fronte della trasmissione del fascicolo relativo al rigetto della Denuncia di inizio attività (Dia) in sanatoria.
 Il Comune a sua volta si era costituito in giudizio opponendo la genericità della richiesta e chiedendo la bocciatura del ricorso. Ma il Tar ha ritenuto che «è principio consolidato che il diritto di accesso ai documenti amministrativi, posto a garanzia della trasparenza ed imparzialità della pubblica amministrazione, trovi applicazione in ogni tipologia di attività della Pa; in linea di principio, dunque, l’amministrazione detentrice dei documenti amministrativi, purché direttamente riferibili alla tutela di un interesse personale e concreto, non può limitare il diritto di accesso, se non per motivate esigenze di riservatezza». Il Comune è stato condannato alla rifusione, in favore del ricorrente, di spese e competenze del giudizio liquidate in complessivi 1.500 euro oltre rimborso forfetario spese generali, oneri previdenziali e fiscali come per legge.  «Tutte spese che potevano essere evitate alla collettività - conclude l’artigiano - se solo qualcuno si fosse degnato di ascoltare».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • giuliana

    23 Aprile @ 11.47

    Gli avvenimenti storici non si possono cambiare a proprio piacimento. A sostegno della storia (quella vera) esistono documenti, esistono prove. E tutto questo lo trova in Informazione corretta. Se cerco la verità non mi rivolgo a chi so con certezza che mi sta raccontando balle. I musulmani ripetono all'infinito delle storie inventate, ma ciò non le rende più credibili. Una delle ultime è quella di Mosè che avrebbe tratto in salvo i bambini palestinesi, che Gerusalemme (mai nominata nel corano) è sempre stata importante per i musulmani, o l'altra sparata, un po' più vecchia, quella che lo stesso Gesù era un musulmano. Arrigoni era un occidentale che non aveva capito dell'islam una cosa essenziale: NON PUO' E NON DEVE esistere (secondo il corano) sincera amicizia tra un vero musulmano e chi musulmano non è. Se per seguire gli insegnamenti del corano una madre arriva ad uccidere il proprio figlio o se ne augura la morte mentre compie stragi di infedeli, pensa davvero di poter godere, quale portatore di cultura non islamica, di stima o affetto sinceri da parte dei musulmani, se il corano lo proibisce? L'errore di Arrigoni, come quello di tanti occidentali, è stato quello di relativizzare e deformare il pensiero islamico attraverso la lente di una formazione culturale completamente diversa. Esiste, in internet, la traduzione di un commento al corano, fatta e messa a disposizione di tutti noi dal dottor Paolo Valerio Mantellini, purtroppo recentemente scomparso. http://www.webalice.it/pvmantel/index.html Il nome del sito è:"Islam questo sconosciuto" Sempre tramite lo spazio offerto da questi commenti avevo già consigliato la lettura del libro di uno dei figli dello sceicco Hassan Yousef (uno dei membri fondatori e guida del movimento terroristico Hamas). Il titolo del libro è "Figlio di Hamas-dall'intifada ai servizi segreti israeliani" scritto da Mosab Hassan Yousef, edito da Gremese, euro 16- che ora vive, indovini dove, in America per sfuggire alla punizione di allah che lo potrebbe colpire per mano di chiunque, per la sua apostasia, cioè essersi allontanato dall'islam, se rimanesse nel suo paese. Può toccare con mano una verità un po' diversa da quella in cui ha creduto finora.

    Rispondi

  • Youn

    19 Aprile @ 23.01

    Lei mi da un sito filoisraeliano. sicuramente non è un informazione corretta (oppure corretta ma secondo loro). Diamo un occhiata alla vita del grande eroe Vittorio Arrigone. ho scelto un articolo a caso, http://www.gennarocarotenuto.it/5396-uccidete-vittorio-arrigoni/ Saluti.

    Rispondi

  • giuliana

    18 Aprile @ 12.50

    Le consiglio un sito molto serio che, oltre a pubblicare gli articoli dei propri giornalisti, pubblica quotidianamente una rassegna stampa, in tempo reale, di articoli di altri quotidiani che riguardano Israele e il medio oriente www.informazionecorretta.com A sinistra c'è l'elenco, con foto, dei giornalisti che collaborano al quotidiano con i propri articoli. Più in basso, sempre a sinistra, c'è "Miti e Fatti" una guida al conflitto arabo-israeliano. Non si spaventi per la lunghezza complessiva (300 pag.) Già le prime sono molto interessanti e discorsive. A destra, Le consiglio di guardare le immaginio di "Pillole di storia. Mi creda, per cercare di capire la verità, è meglio andare alla fonte. In europa sta montando un odio devastante e pericoloso contro il piccolo Stato di Israele e gli ebrei. E in questo gioco al massacro, che cosa c'è di meglio se non unirsi ai musulmani che da sempre odiano gli ebrei e sono stati alleati fedeli di hitler?

    Rispondi

  • Youn

    18 Aprile @ 00.38

    Troppe parole poca verità anzi zero verità. spendo due minuti di mio tempo, lo stato sionista di Israele non rappresenta gli ebrei. diamo un occhiata in rete, basta scrivere ''ebrei contro lo stato sionista di Israele''

    Rispondi

  • giuliana

    16 Aprile @ 23.27

    Non ho fatto alcun copia-incolla, in caso contrario non avrei esitato a dichiararlo. I terroristi palestinesi hanno scritto sui muri della Basilica di Betlemme "prima quelli del sabato, poi quelli della domenica". L'odio dei musulmani contro gli ebrei e i cristiani , come pure l'esortazione ad usare la falsità nei confronti di tutti i non musulmani, è una prescrizione coranica e come tale (secondo loro) non esiste legge umana che possa invalidarla. Come si fa a credere a tutte le falsità che vengono sparate contro Israele? Le foto a cui fa cenno sono fotomontaggi della propaganda palestinese. Ci sono le prove. I soldati israeliani, prima di colpire obiettivi civili dove si nascondevano i terroristi, hanno sempre avvisato in anticipo la popolazione. Vere sono le riprese di militanti di hamas chge impediscono ai bambini palestinesi di cercare riparo. Storicamente non è mai esistito un popolo palestinese. I "palestinesi" sono popolazioni di origine araba (i loro cognomi ne sono la prova) invitati ad occupare territori israeliani e ai quali è stata attribuita la condizione di profugo. Da un numero iniziale di 500-600.000 del 1948, i profughi sono diventati milioni, perchè tale qualifica, unico caso al mondo, si tramanda da padre in figlio da generazioni.Chi poteva essere definito profugo palestinese? Chiunque andasse a lavorare nella Palestina Britannica e vi rimanesse per due anni, diventava profugo in modo automatico. I paesi musulmani si sono sempre rifiutati di accoglierli e se lo hanno fatto si sono affrettati a rinchiuderli in campi di miseria e violenza dove l'odio viene nutrito quotidianamente. Non l'odio verso gli altri arabi che li sfruttano per i loro scopi di guerra, ma verso gli ebrei, le scimmie e i maiali ebrei, come insegna il corano. (un'ultima cosa: i musulmani (l'islam è nato in Arabia) credono ancora che la terra sia piatta, come aveva affermato maometto. Se qualcuno la crede tonda, è solo perchè allah gliela fa vedere tonda. Ma in realtà è piatta). Buonanotte.

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Musica alla Latteria dal Beccio

pgn

Musica alla Latteria dal Beccio Foto

Morto il fratello dell'inviato Valerio Staffelli

Striscia la notizia

Morto il fratello dell'inviato Valerio Staffelli

«Ok il prezzo è giusto», alla presentatrice cede il vestito in diretta tv

Australia

Cede il vestito in diretta: esce il seno

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Collezionismo e antiquariato di nuovo protagonisti a Parma

L'EVENTO

Mercanteinfiera protagonista
a Parma

Lealtrenotizie

Successo per la Verdi Marathon: 2.200 partecipanti, sole e... Verdi sul palco

Bassa

Successo per la Verdi Marathon: 2.200 partecipanti, sole e... Verdi sul palco Foto

Malattie

Tre ragazzi con la scabbia alle superiori

8commenti

agenda

Una domenica con i mille colori del Carnevale

Borgotaro

Discute con una coppia, torna armato di coltello: un ferito nel parapiglia

Marocchino bloccato dai carabinieri 

7commenti

SALSOMAGGIORE

Addio a Renzo Tosi, il re della focaccia di Natale

1commento

CALCIO

A Salò un Parma affamato Diretta dalle 16,30

Manca Baraye, squalificato: al suo posto dovrebbe giocare Scaglia

Borseggio

«Tenetevi i soldi, ma ridatemi la foto del nipotino»

1commento

CURIOSITA'

Cartello «anti-rudo» al Campus

SORBOLO

Se n'è andato Giuliano Rosati, poliedrico e infaticabile

IL CASO

Sorbolo, contro furti e degrado il controllo si fa correndo

Nasce il progetto «Arrestiamoli»: lo sperimentano il sindaco e due runner

Sos animali

Cinque cuccioli cercano casa

viabilità

Il calendario e la mappa degli autovelox della settimana

Parma

Carnevale, carri e maschere dal Battistero alla Cittadella Foto Video

Spettacoli

Agnese Scotti: «Il mio teatro è fisico»

lutto

Collecchio piange Massimiliano Ori, lo sportivo dall'animo gentile

Aveva 51 anni

1commento

EVENTO

I 70 anni della Famija Pramzana

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Auguri Giorgio Torelli, un parmigiano speciale

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

Le multe facili e quelle difficili

6commenti

ITALIA/MONDO

Esplosione

Catania, crolla palazzina: morta un'anziana, una bimba di 10 mesi in coma 

Sant’Ilario

Rubava il telefono ai giocatori di videopoker: denunciato 35enne

WEEKEND

FIERE

E' iniziato Mercanteinfiera: curiosità fra gli stand Foto

45 anni fa: il disco

Catch bull at four - Quando Cat Stevens cantava in latino

SPORT

Coppa del mondo

Sci: Peter Fill vince il SuperG. Argento per gli azzurri nel Team sprint

lega pro

La Reggiana vince e si fa sotto. Il Gubbio si allontana

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, il Suv del Biscione. Da 50.800 euro Video

NOVITA'

Bmw, la nuova Serie 5 ragiona da ammiraglia