21°

35°

Strajè-Stranieri

La storia - Cristian: "Se mia figlia si vergogna a dire che è romena"

La storia - Cristian: "Se mia figlia si vergogna a dire che è romena"
Ricevi gratis le news
53

 Chiara Cacciani

“Com'ero arrabbiato quel giorno...”. Quel giorno in cui Cristian Cosma, metalmeccanico romeno residente a Parma dal 2007,  era davanti al computer a leggere i commenti “poco diplomatici” di alcuni lettori sulla presenza degli stranieri in Italia. E anche lui ha scritto a Gazzettadiparma.it.
Uno sfogo, sì, con tono deciso ma mai sopra le righe. E con tanto di scuse finali: “Sapete, mia figlia di 8 anni oggi è tornata a casa da scuola dicendomi che si vergogna a dire ai compagni che è romena...”
E' nata da quest'ultima frase l'idea di incontrarsi. E quella che ne è uscita non è solamente una storia di felice integrazione, ma anche  una testimonianza diretta sul sistema degli aiuti messi in campo da istituzioni e volontariato e un'analisi lucida - da un punto di vista “originale” - della questione stranieri.  

"CHE DIFFICOLTA' METTERSI IN REGOLA"

Cristian, 35 anni, vive a Vicopò da un anno con la  famiglia. La moglie Anna è custode della piccola chiesa che si affaccia su via Mantova, e la parrocchia ha messo loro a disposizione l'appartamento che sorge a fianco. Sono cristiani ortodossi, i Cosma, ma questo non è stato un “deterrente” per don Francesco Rossolini e i fedeli della frazione.  E la domenica la piccola Larisa indossa orgogliosa la tunica del chierichetto.
    La prima ad arrivare in Italia in realtà è stata Anna, che ha trovato lavoro come badante a Bari e ogni mese mandava a casa i soldi guadagnati. “E' stato difficilissimo separarci Un giorno mia moglie ha chiamato e mi ha detto che la famiglia dove stava la accusava di aver rubato 50 euro - racconta Cristian -. Al telefono ho pianto: non avevo idea di com'era l'Italia, ma sapevo  che Anna non era  una ladra, e le ho detto di andarsene da quella casa”. Ha trovato un altro lavoro, Anna, e nel frattempo l'ha raggiunta anche Cristian. “Gli inizi sono stati molto duri, soprattutto avere a che fare con la burocrazia. Qui è tutto un circolo vizioso: per avere il lavoro servono i documenti, per avere i documenti serve il lavoro. Tante volte ho pensato di non farcela e di tornare nel mio Paese. Arrivavo qui per lavorare, non per rubare, ma non riuscivo a mettermi in regola”. In quel periodo i soldi che la moglie guadagnava  servivano a  pagargli un letto in subaffitto. “Per il mangiare, invece,  ha dovuto arrangiarsi da solo”, racconta la donna, 31 anni.

E' stato così che Cristian ha conosciuto la Caritas della parrocchia di San Paolo. “Ho avuto la fortuna di incrociare una signora, Enrica, che mi ha dato tutto: aiuto per la casa, aiuto per il lavoro. Sono stati lei e don Francesco, alla fine, a trovarmi un impiego in una ditta metalmeccanica e poi ad offrirci la possibilità di venire qui a Vicopò. Ma se non avessi avuto da mangiare, se non avessi avuto aiuto?”, si chiede oggi il 35enne, rispondendo idealmente a chi critica il sostegno offerto dal  volontariato.
Nel frattempo Anna e Cristian, raggiunta la stabilità lavorativa, sono andati a prendere anche Larisa, che oggi frequenta le elementari. “Se  in auto ascoltiamo musica romena, lei me la fa cambiare appena arriviamo vicini a scuola: si trova benissimo qui a Parma ma ha lo stesso paura che la prendano in giro. Anche lei sente ogni giorno tutti i commenti su romeni, albanesi, moldavi...Un adulto può difendersi, ma un bambino è più fragile. E io cerco di spiegarle che non ha niente di cui vergognarsi. Ma ci sono passato anch'io: una volta ero sull'autobus e ascoltavo due persone che parlavano fra di loro: "Gli animali li portiamo dal veterinario, ma questi stranieri che portano tante malattie da chi li mandiamo?”. 

"SERVONO LEGGI SEVERE PER CHI RUBA"

 Sulla questione sicurezza non ci gira intorno, Cristian: “I ladri devono andare in prigione, di qualunque nazionalità siano: ma purtroppo qui mancano le regole  e poi c'è il problema delle carceri piene che non aiuta: li mettono subito fuori. E' vero, leggo di tanti stranieri arrestati o denunciati. Ma per me è soprattutto gente che viene qui apposta per rubare. In Romania uno stipendio mensile medio è di 200 euro: se in due giorni arrivi,  fai un furto da mille euro e torni a casa, poi puoi stare senza lavorare per metà anno. La cosa curiosa è che là non ci sono quasi furti: le leggi sono molto più severe”. E non manca una riflessione in più: “Droga, prostituzione: ma se non ci fosse la domanda l'offerta non ci sarebbe, giusto? E' come per il lavoro: la mia ditta è in crisi perchè non si vende più...”  

Fa un appello ai suoi concittadini d'adozione Cristian: “Non considerateci tutti uguali. Parma è una città bellissima, che ci ha offerto un'accoglienza vera: le persone ti danno tutto se sei una brava persona”. “E loro lo sono davvero - raccontano i parrocchiani di Vicopò - Si sono meritati tutto quello che gli è stato dato”. Resta solo un sogno, ai Cosma,  da realizzare: “Portare qui le nostre mamme: non è facile essere lontani. Ma prima devono riuscire ad andare in pensione. Anche là è un problema...”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • laura balzani

    15 Giugno @ 18.01

    Legge del taglione! Si giudicano come lo farebbero nei loro Paesi di origine! Provarci almeno, ma non è detto che si risolva il problema. E poi, diciamoci la verita', qui in Italia la legge sembra difendere sempre chi ha fattodel male e che , chi ha subito, debba quasi vergognarsi.............. Assurdo!!!

    Rispondi

  • Grace

    15 Giugno @ 03.13

    peccato che l"Italia non sia un'isola come l"Australia. Si risolverebbe subito il problema delle persone non grate!. Qui non abbiamo immigrati illegali.L"emigrazione e' aperta solo a persone che hanno qualifiche che servono all'Australia. D'altronde a parte gli aborigeni che sono i guardiani di questa terra, siamo tutti di vecchia o nuova data immigrati. Il problema dell'Italia e' che da paese di emigrazione che era, e' diventato un paese di immigrazione di massa grazie al crollo del comunismo e non era certo preparata!

    Rispondi

  • mauro

    30 Aprile @ 19.18

    allora Lara, domani, c'e'un articolo sulla gazzetta on line, gli stranieri scenderanno in piazza; siccome la maggior parte ( vuoi dire la maggioranza?) come tu scrivi sono delinquenti, domani scenderanno in piazza soprattutto delinquenti? Ma Lara insomma sei libera o no?

    Rispondi

  • pier luigi

    29 Aprile @ 20.59

    non c'ero abituato, siamo in una palazzina di sei appartamenti. Di solito abbiamo sempre vissuto tranquillamente e dormito senza problemi, non il ventinove, fino alle cinque del mattino c'è stato un movimento da 'movida'. Sarebbe stato logico chiedere di smettere,m a con le facce che circolavano............................................

    Rispondi

  • GIALLOBLU'

    29 Aprile @ 17.37

    Purtroppo è la verità che la maggior parte degli stranieri sono delinquenti.La maggior parte, non tutti. E' come scoprire l'acqua calda che ci vogliono leggi più severe, ma ricordiamoci che siamo in Italia e dubito che cambino, o se cambiano , cambiano in peggio non in meglio. E purtroppo bisogna farsene una ragione anche se è molto difficile accettare di non essere difesi dal propio stato

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Si suicida Chester Bennington, cantante dei Linkin Park

NEW YORK

Si suicida Chester Bennington, cantante dei Linkin Park

Barbara Weldens

Barbara Weldens

FRANCIA

La cantante Barbara Weldens muore folgorata durante un concerto

Truffa allo chef Bruno Barbieri: arrestata 33enne

Torino

Truffa allo chef Bruno Barbieri: arrestata 33enne

2commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Ecco la Summer Promo: la Gazzatta a soli 45cent al giorno!

ABBONAMENTO DIGITALE

Ecco la Summer Promo: la Gazzetta a soli 45 cent al giorno!

Lealtrenotizie

Abbraccio tra il padre e Solomon

Delitto San Leonardo

Abbraccio tra il padre e Solomon

Accoglienza

Ecco la giornata dei profughi

Varsi

Colto da malore, grave il sindaco Aramini

CAMPIONI

Emanuele, Filippo e Matteo, i ragazzini d'oro

Personaggi

Dal Crazy Horse alla laurea

Felino

Soldi nelle slot invece che ai figli: condannato

Scurano

Il camionista: «Così ho evitato una tragedia»

Lesignano

Migranti nell'ex caseificio a Mulazzano: il sindaco minaccia le dimissioni

Giorgio Cavatorta ha scritto al ministro dell'Interno

Tg Parma

Delitto di via San Leonardo: Solomon a Parma incontra il padre Video

Delitto

Papà Fred si racconta: tra il dolore infinito e la forza dell'amore

6commenti

IL CASO

Ramiola, taglia i cavi per far tacere le campane

ANTEPRIMA GAZZETTA

Fred Nyantakyi resterà a vivere in città: "Parma non lo lasci solo" Video

COMUNE

Un caso di dengue a Parma: disinfestazione in via Imbriani e al Barilla Center

Tecnici in azione per tre notti

ParmENSE

In arrivo il caldo record, fiume Po sempre più in basso Video

Guardia di Finanza

Fa sparire 135mila euro destinati ai creditori: nei guai imprenditore parmense

1commento

cantiere

Via Mazzini, parte la riqualificazione dei portici Foto

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL CASO

La lezione di papà Fred Video-editoriale

1commento

EDITORIALE

Borsellino e la giustizia che dobbiamo ai giovani

di Filiberto Molossi

1commento

ITALIA/MONDO

GIALLO

Molotov contro centro migranti a Modena

VENEZIA

L'incendio di Londra: mille persone al funerale di Marco, morto assieme a Gloria

SPORT

PARMA CALCIO

Luca Siligardi, nuovo bomber: "Bel gruppo. La serie B? Imprevedibile" Video

TOUR

Sull'Izoard vince Barguil, Aru in difficoltà: scivola al quinto posto

SOCIETA'

l'emendamento

Cellulare alla guida: ritiro immediato della patente fino a 6 mesi

10commenti

telefono azzurro

Telefono e social, i bambini "inchiodano" gli adulti Video

MOTORI

TOYOTA

Yaris GRMN, dal Nurburgring la Yaris più potente di sempre

DAIMLER

Mercedes, "richiamo" volontario per 3 milioni di motori diesel