Strajè-Stranieri

Storie dalla Festa multiculturale - L’Ola d’aria di Gianni e Verolù

Storie dalla Festa multiculturale - L’Ola d’aria di Gianni e Verolù
Ricevi gratis le news
1

L’Ola d’aria di Gianni e Verolù

Metà Perù e metà Italia. Ecco la nostra coppia multiculturale. Verolù e Gianni. Già da cinque anni partecipiamo con la nostra bancarella all'immensa festa del Parco Nevicati di Collecchio. Festa Multiculturale, molto più di noi. E se abbiamo partecipato per tanti anni e ancora abbiamo voglia di parteciparvi, non è solo per motivi meramente pecuniari. Ci veniamo perché ci piace, ci sentiamo bene, ci divertiamo. Ci piacciono l'atmosfera, l'idea di fondo, lo scambio, i sorrisi, il cibo, i volontari instancabili, il temporale che arriva sempre l'ultima notte. E ci piace credere che a tutto questo aggiungiamo qualcosa di nostro, che contribuiamo con i nostri piccoli oggetti colorati ad aumentare l'offerta di multiculturalità della festa. Ci sono i menù di decine di paesi e c'è l'artigianato... di tanti paesi ma anche di tante persone che mettono a disposizione la loro fantasia per alimentare un respiro più profondo... E’ per questo che abbiamo dato il nome di “Ola d'aria” al nostro banco: come l'ora d'aria dei carcerati, l'onda d'aria che vogliamo creare è per rinfrescare la vita di quelli che si avvicinano alla nostra bancarella. Speriamo che chi si ferma a guardare le nostre cose, a scambiare una parola con noi, respiri per un momento un'aria diversa, meno stagnante dell'aria che respiriamo tutti i giorni nella routine. E magari che questo momento duri più a lungo per chi si porta a casa una delle nostre creazioni, che gli farà compagnia colorata per tanto tempo. E'    così... dalle bancarella della Festa Multiculturale di Collecchio ti puoi portare a casa qualcosa che viene da lontanissimo, o anche da vicinissimo; magari hai conosciuto chi l'ha fatta o forse non lo conoscerai mai, ma sarà comunque qualcosa che ti farà compagnia per un anno intero... fino alla prossima festa.

Noi siamo artigiani di strada. Abbiamo imparato le nostre tecniche sulle strade del Sud America. Poi le abbiamo sviluppate sulle vie della nostra fantasia e dell’ispirazione di altri artigiani di strada. Lo scambio culturale e artistico è fondamentale... per noi come, pensiamo, per tutti gli esseri umani. Ormai niente più s'inventa, tutto è già stato inventato. Però possiamo trarre ispirazione da altro e trasformarlo in qualcosa di originale e unico. E offrirlo al mondo. Crediamo che tutti dovrebbero farlo.

Verolù se la passava così, di città in città, pagandosi il viaggio vendendo i suoi manufatti. Io passavo per caso (o per destino) di lì e così ci siamo conosciuti. Anch'io ho cominciato a fare le mie cosette. Poi abbiamo deciso di venire in Italia. Abbiamo iniziato facendo una vita “normale”, con un lavoro “normale”, che però non aveva niente di naturale per noi. Allora abbiamo fatto una scelta drastica e ci siamo buttati nel mondo dei mercatini. E abbiamo fatto bene, anche se a volte è dura vivere in questa libertà. Però una festa come Collecchio ci ripaga di tutti gli sforzi... quei quattro o cinque giorni vissuti così.... spensierati, nel suono di tamburi africani, nei profumi orientali, nella solidarietà senza confini, nelle iniziative rivoluzionarie di liberazione dal mero profitto, con l'erba sotto i piedi nudi, ritrovando molti compagni di viaggio... un'esperienza che si rinnova ogni anno e che aspettiamo per tutto un anno.

Sono eventi come questo che ci sostengono nella nostra scelta di vivere così... passando di festa in festa, di mercatino in mercatino, perché ci sembra il modo più libero e divertente di guadagnarsi la pagnotta, perché i nostri figli (ne abbiamo due) possano ogni giorno vedere un orizzonte diverso, conoscere pensieri differenti, incontrare persone singolari, ognuna con qualcosa di proprio da insegnare. Crescere nella multiculturalità.... è sempre quella la parola ricorrente. E ci sembra che proprio questo sia lo spirito di questa festa, no? Come potremmo non esserci? 

Allora ringraziamo tutti quelli che la rendono possibile... Forum Solidarietà (in particolare il caro Ale), i giovanissimi volontari da tutto il mondo, le cuoche e i cuochi di livello internazionale, il custode del parco Nevicati, i bambini che scorrazzano e gridano, tutti i bancarellisti e tutte le persone piene di passione che tornano ogni anno a visitarci. E tra pochi giorni saremo di nuovo tutti lì.

Un abbraccio a tutti.
Gianni e Verolù – Ola d'aria

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Sylvia Melgar

    30 Giugno @ 16.31

    !!Bravi Gianni e Verito..anche Fiorella Sebastiani...L'amore per le proprie creazioni deve trasparire dai gesti, da come si maneggiano gli articoli, dalle parole che si usano per descriverli. Insomma, stiamo parlando di un lavoro artistico, e un pò artisti bisogna sentirsi.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

"Stallone è morto". Ma era una bufala online

cinema

"Stallone è morto". Ma era una bufala online

David Garrett

David Garrett

TEATRO REGIO

Cancellato il concerto di David Garrett

Filippo Nardi

TELEVISIONE

Isola dei famosi: Filippo Nardi si spoglia davanti a Bianca Atzei Video

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

64 offerte di lavoro per articolo Gazzetta 20 febbraio 2018

LAVORO

64 nuove offerte

Lealtrenotizie

Preso il rapinatore con roncola della sala scommesse

squadra mobile

Preso il rapinatore (seriale?) con roncola della sala scommesse Il video del blitz

lettera aperta

Elezioni, le cinque richieste di Pizzarotti ai candidati

2commenti

viale bottego

Fiamme in studio dentistico: evacuato tutto il palazzo. Due intossicati Foto

tgparma

Meteo: da domani rischio neve in città, domenica arriva il gelo

Via Buffolara

«Prima mi ha investito e poi picchiato»

10commenti

furti

Svaligiate le sedi delle associazioni per i disabili. E allora, "Caro ladro ti scrivo..."

1commento

tg parma

Parmigiano 60enne prestanome per una banda di ladri dell'Est Video

salute

Vincere il tumore: la testimonianza di tre parmigiani

IL CASO

Colf estorce 3.000 euro all'ex datore di lavoro. E patteggia 3 anni

tg parma

Gazzola: "Abbiamo piena fiducia nel mister" Video

Fidenza

Addio a Fabrizio «Fispo» Rivotti

SCIENZA

Renata Tebaldi conservata per l'eternità al Polo Nord

amarcord

Le «innominabili case» (chiuse) che popolavano Parma: la mappa Foto

DI NOTTE

Maiatico, razzia dei ladri nelle case

Allarme

Parma, in 10 anni 166 medici in pensione. E chi li sostituisce?

CURIOSITA'

Il colore del cartello è sbagliato: Langhirano diventa... provincia (o regione) Foto

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Una scintilla per le idee. La vera vittoria di Parma 2020

di Marco Magnani

VADEMECUM

Elezioni del 4 marzo: come votare correttamente

1commento

ITALIA/MONDO

tribunale

Corona, l'ex fotografo esce dal carcere e va in comunità

vandalismi

Imbrattata con svastiche la targa di Moro a Roma Foto

SPORT

guinness

Trainato da una Levante, Barrow sullo snowboard a 151,57 km/h: è record

sport

La discesa d'Oro di una favolosa Sofia Goggia Foto

SOCIETA'

PIACENZA

Badante sposa l'invalido che accudisce e lo riduce sul lastrico: denunciata 

3commenti

gusto

La ricetta light - Brodo vegetale allo zenzero

MOTORI

motori

Ferrari: ecco la 488 Pista, sarà presentata a Ginevra

MOTO

I 115 anni di Harley-Davidson, si avvicina l'open day