19°

29°

Strajè-Stranieri

Maria, da badante a negoziante nel "cuore" dell'Oltretorrente

Maria, da badante a negoziante nel "cuore" dell'Oltretorrente
Ricevi gratis le news
2

Margherita Portelli

Ha insegnato per vent’anni, e poi ha dovuto ricominciare a imparare. In Moldova era maestra, laureata in Psicologia e Pedagogia, e in Italia - un Paese in cui è arrivata scappando da una situazione che non le permetteva più di dar da mangiare ai figli e di curare il marito infermo - ha cominciato facendo la badante. Ora è un’imprenditrice, perché nel 2010 ha avuto il coraggio di provarci. Mettersi in gioco per realizzare un sogno: aprire un negozietto di abiti vintage tutto suo, «Al Pozzo», in via Bixio. Maria Munteanu, 56 anni, hai i colori del suo Est: capelli biondi e occhi chiari. Sorride: lo fa sempre, anche quando racconta delle mille difficoltà che, dal 1989, ha dovuto fronteggiare per ricostruirsi una vita serena.
«Nel 1989, quando si è sciolta l’Unione Sovietica, la moneta del nostro Paese ha subito una svalutazione incredibile: crisi nera. Chi, come me, doveva essere pagato dalla Stato, iniziò a dover aspettare mesi e mesi per vedere uno stipendio. È andata avanti così per anni: io avevo due figli da mantenere e un marito paralizzato, non sapevo più come fare a dar loro da mangiare. Per arrotondare durante le vacanze estive facevo altri lavoretti, mercatini e cose del genere. Facevo il pane in casa, per risparmiare, ma la situazione era sempre più difficile». Maria era molto legata al suo Paese e alla sua città, Chisinau: molti suoi connazionali partivano, lasciando la propria terra per provare a trovare un lavoro altrove, ma lei non voleva. «Non riuscivo a pensare di abbandonare i miei studenti, e i miei luoghi. Non volevo rassegnarmi - racconta -. Una notte però, era il 2002, mi svegliai d’improvviso e capii che in quel modo non potevo andare avanti. Non ce l’ho fatta più: in una settimana sono partita con un visto turistico e su un autobus sono arrivata in Italia». Per due anni Maria non sarebbe più tornata in Moldova. Per due anni avrebbe dovuto rinunciare alla sua famiglia.
«Una volta qui, ho raggiunto mio fratello, per poco tempo sono rimasta a Napoli, e poi siamo andati a Rimini – ricorda -. Cominciai a fare la badante, e capitava spesso che mi ritrovassi a spasso perché in una famiglia non c’era più bisogno di me; così dovevo ricominciare tutto da capo. Per un periodo andai a lavorare a Brescello, in una fabbrica, e poi tornai di nuovo ad assistere anziani, approdando a Parma. Spesso dovevo stare con i malati ventiquattro ore su ventiquattro: anche psicologicamente era molto dura». Lavorava come una pazza assistendo malati, per mandare a casa i soldi con i quali pagava una persona che assistesse il marito e dava da mangiare ai figli. «Col tempo, poi, i miei figli sono arrivati in Italia» sorride Maria mostrando alcune foto di famiglia. Nel rovistare tra i ricordi, la commerciante ripensa a quando, tornata per la prima volta nel suo Paese, era il 2004, tutti la accolsero festosi e curiosi di farsi raccontare come fosse l’Italia: «Fu un’emozione indescrivibile, rivedere la mia terra, la mia famiglia». Dopo diversi anni passati ad assistere anziani, Maria decise di dare spazio a un sogno: «Nel 2007 avevo fatto un corso alla Confesercenti, perché il mio desiderio era quello di aprire un bar. Per lunghi anni poi non mi misi in pista, ma un giorno capitai a Reggio Emilia dove vidi dei negozietti che vendevano abiti strani, «Vintage» c’era scritto. Non sapevo nemmeno che volesse dire, ma mi vergognavo a chiedere, così andai in biblioteca a sfogliare il dizionario. Iniziai a conoscere quel mondo, ad appassionarmi, ed ora eccomi qua. Non senza sacrifici, però». La sua firma, nel negozio, è ovunque: gli abiti li personalizza a seconda dei gusti e i manichini li restaura; e poi crea pochette, cappellini all’uncinetto, decori di ogni sorta. «Questo lavoro mi permette di dare sfogo alla mia creatività. Mi piace» spiega. Il pozzo che dà il nome al suo negozio deriva da una canzone moldava: «La cantavo quand’ero là, parla di un pozzo dei desideri». Uno di quei desideri, a quanto pare, Maria è riuscita proprio a realizzarlo.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Gothico

    26 Aprile @ 12.17

    Complimenti Signora Maria, Ho visitato di recente il suo Super Allegro negozio in via Bixio nel cuore dell oltretorrente parmigiano. Tante cose prezzi ottimi, Consigliato____________________________

    Rispondi

  • Shunkakan

    25 Luglio @ 00.08

    In bocca al lupo alla signora! Purtroppo la sua fuga da una brutta situazione l'ha portata in un paese che sta affondando lentamente oltre ad essere il più tassato del mondo senza avere nessun tipo di servizio in cambio, anzi: tagli alla sanità, alla sicurezza, alla cultura ecc. . Un tempo l'Italia era "il bel paese", quello che ha dato i natali a Leonardo da Vinci, Platone, Dante Alighieri, Manzoni, Petrarca, Correggio, Raffaello solo per citarne alcuni, la culla dell'arte e della letteratura, musica e buona cucina;un posto dove si poteva avere dei sogni e delle idee e con la buona volontà realizzarli. Adesso a chi viene una buona idea arriva il governo a metterci sopra una tassa! Le auguro comunque di riuscire nel proseguimento del suo sogno monti e spread permettendo.....

    Rispondi

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Tutti al Begio day a Berceto

Era qui la festa

Tutti al Begio day a Berceto Foto

Grey's Anatomy 14 stupisce ancora, parla italiano

Stefania Spampinato

Tv

Grey's Anatomy 14: il cast parla sempre più italiano

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia

tg parma

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Programmazione dal 21/08/2017 al 25/08/2017 delle postazioni di accertamenti strumentali di velocità e irregolarità alla circolazione

VIABILITA'

Autovelox, speedcheck e autodetector: la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Maternità, rubate le due preziose sonde di un ecografo

Furto

Maternità, rubate le due preziose sonde di un ecografo

2commenti

incendio

Doppio focolaio a Panocchia: notte di fiamme e lavoro

Doppio intervento

Escursionisti in difficoltà in Appennino

varano

Così i vigili del fuoco hanno recuperato l'uomo scivolato nel calanco Video

weekend

In barca e sui sentieri, tra amor e trota: l'agenda della domenica

Protesta

«Cittadella abbandonata»

Fidenza

Spargono olio davanti ai negozi

LA STORIA

Angelo e Simba, quei due cani che hanno commosso tutti

SERIE B

Nuovi crociati crescono

Salsomaggiore

Pubblica in lutto: è morto Spalti

Personaggio

Ettore, cinquant'anni a tu per tu con la pietra

varano

Scivola per 50 metri in un calanco: i vigili del fuoco arrivano dall'alto Foto

FIDENZA

Addio all'ostetrica Mara Maini: ha fatto nascere migliaia di bambini

brescia

Cellino riabilita Ghirardi: "A Parma ha fatto tanto". La rabbia del web

8commenti

La testimonianza

«Io, molestata da un maniaco al Campus»

7commenti

Testimonianze

Parmigiani a Barcellona: «Abbiamo visto tanta solidarietà tra la gente»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I terroristi di ieri e quelli di oggi

di Michele Brambilla

EDITORIALE

Colpito il simbolo della gioia di vivere

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

Marina di pietrasanta

Rapina all'alba al Twiga di Briatore, banditi armati

NAPOLI

In codice rosso aspetta 4 ore: muore 23enne

3commenti

SPORT

il personaggio

«Chicco» Taverna l'ex rugbista che doma le onde

SERIE A

La Juve travolge il Cagliari, Il Napoli passa a Verona

SOCIETA'

perugia

Oca lo becca al parco, nonno risarcito dalla Regione

IL DISCO

Elton John e quell'omaggio a John Lennon

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti