10°

Strajè-Stranieri

La presentazione della "marcia per il Congo" a Reggio Emilia

Ricevi gratis le news
0

«Auguro a John di tornare dal suo viaggio con un chiaro messaggio politico, nel senso nobile del termine, che dovrà essere portato al Parlamento italiano e al ministero degli Esteri. In questo lo aiuteremo». L’auspicio affinché il messaggio colpisca nel segno viene da Albertina Soliani, senatrice del Partito democratico, che ieri sera è intervenuta alla presentazione della marcia per la pace personale di John Mpaliza Balagizi.
Più che una presentazione, un evento che ha animato lo Spazio Gerra, in centro storico a Reggio Emilia. Diversi ospiti hanno parlato di problemi dell’Africa e della marcia per portare un messaggio di pace: il vicesindaco di Reggio Emilia Filomena De Sciscio, l’assessore provinciale alla Sicurezza sociale Matteo Fantini, la senatrice Soliani, Micaela Malena (rappresentante a Bologna dell’Alto commissariato Onu per i rifugiati - Unhcr) e lo stesso John Mpaliza.
«Ciò che fai ha un valore immenso – ha detto la De Sciscio rivolgendosi a Mpaliza -. Hai detto “Voglio aprire una breccia nel muro di silenzio”: hai ragione. Parliamo sempre di diritti umani, gli abusi su queste donne e i bambini iniziati alla guerra... Fanno rabbrividire. John vuole costruire una rete per abbattere questo muro».
La Soliani ha ricordato il primo incontro con Mpaliza, l’anno scorso in Senato, quando arrivò a piedi da Reggio Emilia per portare lo stesso messaggio di pace per il suo Paese. Ero stata informata via e-mail… Non ci volevo credere. Quando è arrivato dietro il Senato, il primo problema è stato: “Come faccio a farlo entrare?”. Serve infatti la cravatta. Così andiamo a prendere camicia e cravatta ed entriamo. Ricordo l’emozione di John: una cosa straordinaria». La senatrice si è poi rivolta al 40enne marciatore: «Tu cammini con un grandissimo patrimonio: ciò che raccoglierai nelle varie tappe, quello che porti dell’Africa e quello delle persone che incroci nella tua vita. Penso che dovrai mettere bene in chiaro, in forma scritta, ciò che farai. È un patrimonio che dovrà essere spendibile nelle sedi istituzionali più alte. Nel tuo viaggio hai due interlocutori: l’opinione pubblica e le istituzioni».
Micaela Malena ha riferito che l’ufficio di Ginevra dell’Unhcr sta lavorando per dare risalto all’esperienza di Mpaliza. E ha ricordato le cifre dei rifugiati che le guerre nel Kivu (est della Repubblica democratica del Congo) hanno creato in questi anni: 200mila nel nord Kivu, 200mila nel sud Kivu e altri 57mila in Ruanda. «Il maggior carico di rifugiati nel mondo è sulle spalle dei Paesi poveri - ha detto -. Il senso del camminare è fondamentale, per noi, per i congolesi e per i rifugiati».
Mpaliza ha accennato ai gravissimi problemi che attanagliano il suo Paese, raccontando le sue esperienze personali. Nel 1989 gli studenti furono i primi a sollevarsi contro Mobutu, presidente al potere da decenni. Nel 1994 John è scappato ma in seguito è tornato. «Non riuscivo a dormire bene. A casa, mia madre mi trovato mentre piangevo. Vedere le strade… senza ospedali e altre cose… In Italia posso permettermi 50 caffè al giorno a un euro, quando in Congo una persona vive con meno di un euro… Fa molto male. Così mi sono chiesto “Cosa posso fare?”. Tutti dovremmo farci questa domanda, anche gli italiani. Serve un cambiamento di rotta». La camminata per la pace ha voluto essere la risposta a quella domanda. Un’iniziativa a modo suo eclatante, volta a sensibilizzare chi comanda sulle guerre che causano morte, distruzione, centinaia di migliaia di stupri nell’Africa centrale. Il Ruanda è accusato dall’Onu di fomentare i ribelli nel Congo orientale, occupato dalle sue truppe. «Per chiamare mio fratello a Goma devo fare un prefisso ruandese», spiega Mpaliza, che riassume i motivi alla base dei conflitti. Il denaro, le ricchezze minerarie, come sempre. Non più solo oro, rame e diamanti: adesso c’è il coltan, che una volta era semplice sabbia ma è diventata utile per fabbricare telefoni cellulari e altri prodotti tecnologici. Il coltan si trova a cielo aperto, è raccolto spesso dai bambini e, problema nel problema, «sembra che sia leggermente radioattivo. Con l’esposizione prolungata a queste polveri, fra vent’anni si parlerà di leucemie e cancro!». I Paesi africani potrebbero essere favoriti dalla presenza delle materie prime ma di fatto non possono nemmeno determinarne il prezzo. Le banche hanno filiali in Ruanda per le contrattazioni e, fin dall’indipendenza dello Zaire, questo crocevia di enormi interessi ha causato morte (compresa quella di Patrice Lumumba, primo presidente eletto democraticamente) e distruzione.
A chi gli chiede “chi te l’ha fatto fare?”, John risponde “non lo so!”. Lui sa però che non vuole perdere la speranza di cambiare le cose.
Dopo i discorsi al (poco numeroso) pubblico dello Spazio Gerra, la serata è proseguita con un collegamento via Skype con volontari e missionari reggiani al lavoro nel Congo orientale, con uno spettacolo teatrale e un concerto.  A. V.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Gf vip, eliminata Cecilia, la piccola Belen. Grave lutto per Ignazio Moser

televisione

Gf vip, eliminata Cecilia. Lutto per Ignazio. L'ultimo bacio tra i due Video

1commento

Sei un amante dello sport? Ecco 9 quiz per tenerti allenato

GAZZAFUN

Sei un amante dello sport? Ecco 9 quiz per tenerti allenato

Musica e balli anni '50 a Sorbolo Levante: ecco chi c'era Foto

FESTE

Musica e balli anni '50 a Sorbolo Levante: ecco chi c'era Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Al via le iscrizioni 3.0: si fanno solo on line

SPECIALE ORIENTAMENTO

Al via le iscrizioni 3.0: si fanno solo on line

Lealtrenotizie

La figlia del pm Ciaccio Montalto, ucciso da Cosa nostra: «Riina non è l'unico colpevole, mio padre è stato lasciato solo»

INTERVISTA

La figlia del pm Ciaccio Montalto, ucciso da Cosa nostra: «Riina non è l'unico colpevole, mio padre è stato lasciato solo»

2commenti

PALERMO

Riina: la salma giunta al cimitero di Corleone Gallery

Salsomaggiore

A bordo di un’auto con arnesi da scasso: denunciato un pregiudicato

Operazione dei carabinieri

Lutto

L'imprenditore Savini stroncato da un malore

Rugby

In meta nel nome di Banchini

Sissa

Usciti per un rosario: i ladri rubano auto, gioielli e anche i tortelli

Pericolo

Piste ciclabili coperte di foglie: insidia per le bici

2commenti

Lutto

Venturini, l'imprenditore dal cuore grande

Salsomaggiore

Auto medica fuori strada, infermiera all'ospedale

Felino

La maggioranza scricchiola dopo l'uscita di due consigliere

polizia

I ladri entrano dal balcone, raffica di furti in città: otto in tre ore. Ecco l'elenco

11commenti

La storia

Ragazza mette in fuga a schiaffi i suoi aggressori

34commenti

Tg Parma

Terremoto, danneggiati due torrini del Battistero Video

Andranno smontati e restaurati

1commento

Tg Parma

La regista Archibugi presenta all'Astra "Gli sdraiati" Video

Tg Parma

Colpo in una carpenteria, bottino 40 mila euro

2commenti

Tg Parma

Centri vaccini in provincia, la Regione: "Riapriranno" Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Pd, la partita non è nelle regioni rosse

di Luca Tentoni

LETTERE AL DIRETTORE

Il primo posto è di Mattia

1commento

ITALIA/MONDO

Tokyo

Aereo militare Usa precipita nel Pacifico: 11 a bordo, otto salvi

Molestie

Travolto anche Lasseter, il direttore creativo della Pixar

1commento

SPORT

CHAMPIONS

Il Napoli travolge lo Shakhtar e spera ancora

L'ACCUSA

"Tavecchio mi molestò'". Lui: "Ho dato mandato ai legali"

SOCIETA'

Musica

«Sei un mito»: in tantissimi all'Euro Torri per Max Pezzali Gallery

Tv

Cracco perde una stella e guadagna un tapiro Video

MOTORI

Motori

Tesla Roadster 2, da 0 a 100 km/h in 1,9 secondi Gallery

PICK-UP

Arriva Cross: il Fullback in versione "lifestyle"