-2°

Strajè-Stranieri

Leonor, dall'Argentina a Parma per dare un avvenire ai figli

Leonor, dall'Argentina a Parma per dare un avvenire ai figli
1

Margherita Portelli
Dalla facilità con cui parla di sé e del proprio percorso, dalla voce calda e dai modi gioviali ma gentili: l’Argentina, a Leonor Grossi, gliela puoi leggere nel volto e nei modi. 58 anni, nativa della provincia del Chaco, Leonor è a Parma da ventuno anni, è il suo primo «ricordo d’integrazione» ce l’ha ancora stampato nella memoria: «I bambini erano piccoli, andavano a scuola, e io ancora avevo molta difficoltà con la lingua - racconta ancora un po’ emozionata -. Eravamo in gita, e un papà mi chiese di dare un’occhiata alla sua bimba perché si doveva allontanare un attimo. C’erano tanti altri genitori, ma lui lo chiese a me: mi fece sentire esattamente come tutti gli altri. Fu un momento di gioia incredibile». Come in quell’occasione, spiega Leonor, i figli e la famiglia sono stati molto utili all’amalgama sociale e culturale che le ha permesso di rifarsi una vita a  migliaia di chilometri da casa. Lei e il marito, nativi di una terra di migranti, hanno ripercorso a ritroso il viaggio compiuto dai padri decenni prima: «Loro dall’Italia andarono in Argentina che erano ragazzi per trovare lavoro – racconta Leonor, che da vent’anni lavora come dipendente alla Greci di Ravadese -. Noi, sul nascere degli anni Novanta, spinti dalla situazione critica a livello politico ed economico in cui versava il nostro paese - già sposati e con due bambini - decidemmo di lasciare i nostri lavori (mio marito aveva un negozio di alimentari e io ero dipendente della pubblica amministrazione) e di tentare l’avventura, ripercorrendo le orme lasciate qualche generazione prima».
Venne in Italia, Leonor, perché «altrove non sarebbe potuta andare»: c’erano le radici, ma nulla più, perché la lingua i genitori non l’avevano insegnata né a lei né al marito, Nicolas Spinosa. «All’inizio - assicurano - non fu facile». La grande fortuna era la doppia cittadinanza: «Rispetto ad altri emigranti siamo stati senz’altro dei privilegiati – ricorda Leonor -. Per i primi tempi mio marito consegnava uova per un allevamento, e dopo io iniziai a lavorare come stagionale in fabbrica. Il posto divenne fisso, erano altri tempi rispetto ad adesso. Poi chiesero a me e a mio marito di fare i custodi dell’azienda, così ottenemmo anche l’abitazione». Passò qualche anno, il tempo di mettere via i risparmi, e la famigliola della Pampas riuscì a prendere un proprio appartamento. «Noi veniamo da un paese di migranti, siamo aperti e inclusivi per natura - spiegano -, qui si trovano un po’ più di difficoltà nel costruire rapporti di amicizia duraturi». Là, a Sud dell’Equatore e a tanti meridiani di distanza, rimangono gli affetti e gli amici, i ricordi e la gioventù. Qui, il futuro: «Per i figli. Partimmo soprattutto per loro: perché in Argentina stava cadendo tutto il sistema. Ricordo che quell’anno mio figlio andò a scuola quaranta giorni in un anno. Non c’era avvenire in un paese allo sbando come quello». Col tempo, poi, Leonor non si è fatta bastare il lavoro e la famiglia: attiva nel sindacato, è anche vice coordinatrice del «Tavolo immigrazione e cittadinanza» del Comune di Parma, un organismo che fornisce pareri e formula proposte sui temi legati all’immigrazione e all’integrazione: «Mi sono sentita di farlo - conclude -, anche perché credo che la partecipazione sia la giusta strada per inserirsi».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • hugo horacio

    02 Agosto @ 13.52

    QUERIDA LEONOR!!!! Una alegría inmensa ver a una amiga de la niñez, un cariño grande para vos, Chiche y los niños. -

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Malore alle prove del concerto: operato Al Bano

Roma

Malore alle prove del concerto: operato Al Bano

Chiara Ferragni regina Instagram 2016, in top Papa e Fedez

2016

La Ferragni regina di Instagram. Secondo? Vacchi. C'è il Papa

Raffaella Fico: "Sposerò Moggi"

Gossip Sportivo

Raffaella Fico: "Sposerò Moggi"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Ristoranti - La Zagara

CHICHIBIO

Ristoranti - La Zagara: cucina, pizza e dolci di qualità

di Chichibio

Lealtrenotizie

Arrivano i carabinieri: ladri in fuga

TRAVERSETOLO

Ladri in azione a colpi di mazza nel negozio. Poi la fuga

Rugby

Zebre sconfitte dal Tolosa e... dalla nebbia. Partita sospesa dopo 63 minuti

Poviglio

Fanno esplodere il bancomat: filiale semidistrutta, caccia all'uomo fra Parma e Reggio  Video

1commento

Parma Calcio

D'Aversa: "Vinta una partita, non risolto i problemi". I convocati

Domani, al Tardini (14.30) il Teramo. Le altre partite del Girone B

Polemica

In via d'Azeglio scoppia il caso «supermarket»

11commenti

Parma

Elvis e Raffaele hanno celebrato l'unione civile: "Ora siamo una famiglia"

Cerimonia nella Palazzina dei matrimoni con il vicesindaco

"Veterani dello sport"

A Malori il premio Atleta dell'anno

Per il 2015: a febbraio non aveva potuto ritirarlo per l'incidente

WEEKEND

Bancarelle, spongate, cioccolato: gli appuntamenti a Parma e provincia

Parma

Il «Galà dell'anolino» diventa un reality show Video

Una giuria formata da grandi esperti sceglierà il miglior galleggiante

viabilità

Ecco dove saranno gli autovelox la prossima settimana

1commento

Tg Parma

Polveri sottili, bilancio positivo: metà sforamenti rispetto al 2015 Video

Sorbolo

Sedicenne terribile autore di due «spaccate»

13commenti

Scuola

Il Romagnosi compie 156 anni

1commento

Fidenza

Ubriaco si schianta contro un albero. Poi la bugia: "Rapito e costretto a bere" 

4commenti

IL CASO

Spray urticante, ennesimo caso in discoteca

E' accaduto mercoledì al Campus Industry

3commenti

Gazzareporter

Un sabato gelido con la nebbia

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Quando le notizie false diventano un'epidemia

di Paolo Ferrandi

IL DIRETTORE RISPONDE

Quelli che «Io? Mai stato renziano»

4commenti

ITALIA/MONDO

PIACENZA

Fanno la saltare cassa ma bruciano i soldi e rompono l'auto per la fuga

Brescia

Neonata abbandonata in strada

WEEKEND

IL CINEFILO

Da "Captain Fantastic" a "Non c'è più religione": i film della settimana

45 ANNI DOPO

Tarkus, il capolavoro di Emerson Lake & Palmer

SPORT

sci cdm

Goggia 2ª in gigante Sestriere, vince Worley

IL RICORDO

Trent'anni senza Bruno Mora

MOTORI

AL VOLANTE

I consigli utili per guidare nella nebbia

3commenti

novità

Dal cilindro di Toyota esce C-HR, il Suv per tutti