Strajè-Stranieri

Shpetim Baci, da badante a chirurgo

Shpetim Baci, da badante a chirurgo
0

Margherita Portelli

«Vengo da un paesino sperduto sui monti albanesi, talmente piccolo che nemmeno i tedeschi nel ’43 riuscirono a trovarlo. Per me, oggi, essere qui in Italia e fare il mio lavoro, quello per il quale ho studiato, è davvero una gioia immensa».  Shpetim Baci, medico chirurgo della casa di cura Città di Parma, è uno dei tanti albanesi che vivono nella nostra città. 
La sua storia, però, non è come tutte le altre. Dopo aver studiato Medicina a Tirana, e aver svolto la professione per qualche anno come medico militare della Marina a Valona,  Baci nel 2000 arrivò in Italia. La moglie, che oggi lavora a una rampa di scale da lui come ostetrica, si era trasferita  in Italia  perché aveva vinto una borsa di studio per frequentare la scuola da infermiera a Reggio Calabria. Lui, che aveva deciso di seguirla, per qualche mese fece un corso di lingua per stranieri a Catanzaro. 
Ma serviva qualche soldo, e così, pur con una laurea costata anni di sacrifici in tasca, si mise a fare il badante. A Parma Baci ci arrivò per trovare un lavoro migliore: ospite di una parente, si mise a cercare, salvo poi ritrovarsi a pulire spogliatoi e palestre. «Ero custode, parcheggiatore, uomo delle pulizie  -  ricorda oggi il medico -. Poi accadde che un giorno, durante una pausa, passeggiai fino a piazzale Maestri e vidi la casa di cura nella quale tuttora lavoro. Pensai: se devo fare le pulizie, tanto vale farle in ospedale». 
Entrò per chiedere se c’era bisogno di una mano, raccontò la sua storia, e si trovò di fronte a persone che da una sola occhiata ne intuirono il valore: «Mi venne proposto di fare l’ausiliario in sala operatoria. Quasi non ci credevo»,  racconta. Da lì iniziò la scalata a un sogno: tornare al suo lavoro.
 Per la convalida della laurea conseguita in Albania doveva frequentare un anno di università in più: «Da noi il corso di Medicina dura cinque anni, così dovetti frequentare il sesto anno, dare tre esami e fare i sei mesi di tirocinio post laurea  -  ricorda -. Nel frattempo continuavo a lavorare come ausiliario alla Città di Parma. Il 17 dicembre 2002 mi laureai e nel 2003 diedi l’esame di Stato».
 Ora indossa il camice bianco e tra in corsia molte infermiere lo chiamano «Timmy»: «Sono entrato qui dentro che non ero nessuno, ora sono un medico ma mi piace che i colleghi continuino a rapportarsi con me come allora  -  ride -. L’importante è lavorare bene».
La sua storia sembra un sogno, ma il dottor Baci ammette che non sono mancati i momenti di sconforto: «Sia a Parma sia a Reggio Calabria ho sempre avuto la fortuna di trovare persone squisite, che mi hanno aiutato da subito  -  racconta -. Tuttavia ci sono stati momenti duri, in cui mancavano i soldi e stavo quasi per mollare tutto e tornare in Albania. Ora che ce l’ho fatta considero Parma casa mia: mi sento italiano, e da un anno e mezzo ho fatto domanda per la cittadinanza». 
Dolcezza e umiltà gli si leggono in volto: non sembra chiedere nulla di più alla vita. In fondo ha il suo lavoro, una moglie che nel frattempo è venuta a lavorare a Parma, due figli (uno grande che vuole fare il medico e uno piccolo che se gli si parla in albanese risponde in italiano) e un mutuo per la casa. A quanto pare basta e avanza per essere felici.  

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Aniston rifila un "due di picche" a Pitt

invito a cena

Aniston rifila un "due di picche" a Pitt

Marito e moglie si incontrano per caso in villa di scambisti: scoppia rissa

ARICCIA

Marito e moglie si incontrano per caso in villa di scambisti: scoppia rissa

Bertolucci, Maria sapeva tutto tranne uso del burro

giallo "Ultimo tango"

Bertolucci: "Maria sapeva tutto tranne del burro"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

autovelox

CONTROLLI

Autovelox e autodetector: la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Rianimato dall'amico dopo essere stato investito: è gravissimo

Dramma

Rianimato dall'amico dopo essere stato investito: è gravissimo

PARTITI

La resa dei conti nel Pd e le elezioni

Cassazione

Omicidio Guarino, le motivazioni dell'ergastolo

Psicologia

Bebè, il buon sonno incomincia dal lettone

ACCADEMIA

Maria Luigia e la fucina delle arti

Io parlo parmigiano

Un calendario tutto da ridere

Lutto

Borgotaro piange il maresciallo Bernardi

collecchio-noceto

Truffa-furto del finto soccorso stradale: nuove segnalazioni

parma calcio

Vagnati Ds: lo "accoglie" D'Aversa: "Felice di averlo al mio fianco"

AL REGIO

Virginia Raffaele «ladra di facce»

BASSA

Lutto a Sorbolo per la morte di Ilaria, uccisa da una malattia a 30 anni

il fatto del giorno

Referendum e dimissioni: "Non è la fine politica di Renzi"

traversetolo

Ucciso da forma di Parmigiano: condannato il produttore della "spazzolatrice"

Galà e premiazioni

Cus: parata di campioni e di sorrisi Fotogallery

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma!

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

Analogie

Il Parma sulle orme del "miracolo" Fiorentina 2002?

Cambio d'allenatore, innesti di mercato: da metà classifica alla B. Era il 2002. E c'era Evacuo

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Ci sarebbe, magari, un "grazie" da dire

di Michele Brambilla

8commenti

IL DIRETTORE RISPONDE

La verità può nascondersi ma c'è

ITALIA/MONDO

Governo

Mattarella chiede a Renzi di congelare le dimissioni: "Bilancio da approvare"

cagliari

Uccise i genitori adottivi, 28enne si impicca in carcere

SOCIETA'

televisione

Belen e Cuccarini, il sexy tango infiamma la tv

musica

La canzone di Natale di Radio Dj. Torna Elio e...c'è Valentino Video

SPORT

16a giornata

Parma - Bassano 1-1 Gli highlights

secondo allenamento

D'Aversa, subito alle prese con le assenze in difesa Video

MOTORI

GRUGLIASCO

Prodotta la Maserati numero centomila

NOVITA'

Q2, l'Audi che farà strage di cuori (femminili)