10°

20°

Strajè-Stranieri

L'uzbeka Irina, una cameriera laureata in legge

L'uzbeka Irina, una cameriera laureata in legge
1

 Chiara Pozzati 

La sua storia trafigge il cuore. Gli occhi di ghiaccio e l’esile, atletico profilo sembrano trasmettere la sua invincibile voglia di lottare. Irina Kopilova, uzbeka di 34 anni, è nata a Karshi, tremila anni di storia a un’ora di strada da Samarcanda. 
Laureata in legge, il diploma di pianista in tasca, un bimbo che le illumina la vita e la «divisa» in bianco e nero del Caffè Garibaldi sotto braccio.
 Saetta tra i tavoli con garbo ed eleganza, precisa ma discreta, Irina solleva vassoi con leggerezza mentre sorride alla città. «Tornare in Uzbekistan? Lo faccio, ma non più di qualche giorno. La mia casa è a Parma, qui mi sento più che appagata». 
Un complimento che il Ducato ricambia con vivo affetto, gli habitué della Piazza adorano i modi raffinati della cameriera spigliata e intraprendente.
 Ha iniziato a viaggiare a 12 anni, «ma solo qui ho trovato il mio ‘nido’ felice. Purtroppo mio padre è scomparso molto giovane – spiega con la calma innaturale di chi non vuole appesantire la conversazione – e mia madre ha dovuto prendere in mano le redini della famiglia». 
Una madre energica a cui Irina non sarà mai grata abbastanza,  e una sorella diventata un’amica vera: ecco la fotografia dell’infanzia in casa Kopilova. «Ci siamo sempre divise tra Uzbekistan e Russia – racconta con un velo di malinconia – mia madre è moscovita e trascorrevamo le vacanze estive a Mosca. 
A Karshi l’estate arriva prima ed è più calda: si parla di 55 gradi all’ombra. Ogni tanto ci concedevamo qualche settimana al mare (il Mar Nero), ma i tre mesi di vacanze sembravano comunque durare un soffio».
 Il resto dell’anno Irina si divideva tra la scuola normale (dove oltre al russo e  l’uzbeko dovevi imparare altre tre lingue) e la scuola di musica, grazie a cui ha conseguito il diploma in pianoforte. 
«Ho trovato lavoro mentre ancora studiavo – chiarisce – ero una consulente che viaggiava in tutta Europa per conto di un’azienda specializzata nella produzione del gas».
 Poi, nel 2002, l’arrivo a Parma «anche se mi era già capitato di visitare alcune città italiane». Venezia, Firenze, Roma, giusto per citarne qualcuna. «Qui ho vissuto momenti di straordinaria gioia, ma anche di puro dolore. Non è stato semplice ricostruirmi una posizione in un luogo parecchio lontano da casa». 
Una laurea in legge che non le viene riconosciuta e un diploma non sempre semplice da far valere, Irina si rimbocca le maniche: «Specialmente per il bene di mio figlio. Il padre ed io siamo rimasti molto legati e desideriamo il meglio per lui».
 Dopo una scia di curricula lasciati sulle scrivanie di mezza Parma, è stata assunta all’elegante caffè Bistrot quasi per caso («provvidenza»). 
«Da allora ho scoperto una seconda famiglia e una professione appagante», assicura. 
Impeccabile nei modi e nell’operato, la giovane uzbeka ha dimostrato fin da subito una rara dedizione al lavoro. 
Irina è rimasta in Piazza da allora, oggi si dà un gran da fare tra i tavolini del Caffè Garibaldi. «Viaggiare? Non mi manca per nulla – risponde con naturalezza – qui ho tutto ciò che mi rende felice». 
A partire dal suo Alessio, quel bimbo che le ha rischiarato la vita e che «è un piccolo grande parmigiano a tutti gli effetti». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • patric

    16 Ottobre @ 11.59

    Mi spiace ma non possiamo mettere minimamente a confronto le nostre scuole e universita con quelle dell est a livello di legge ed economia e commercio. Non parlo da razzista perchè mio cugino è sposato con una ragazza ucraina la quale è proprio laureata in legge e che dichiara che ce un oceano di differenza tra i due paesi su lauree in legge e anche altri indirizzi. la sua laurea equivale a una terza superiore da noi, ma come alcuni nostri titoli di studio non hanno gran valore nel loro paese. Non sono minimamente stranito da questa notizia.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Blu Trieste

Gazzareporter

Blu Trieste: le foto di Ruggero Maggi

Giovedì nozze per Alessia, prima trans a sposarsi

gossip

Giovedì nozze per Alessia, prima trans a sposarsi Gallery

Brigitte, la prof che sposò l'allievo e ora sogna l’Eliseo con Emmanuel

macron

Brigitte, la prof che sposò l'allievo e ora sogna l’Eliseo Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Fare, vedere, mangiare: ecco l'App Pgn

GIOVANI

L'App Pgn è più ricca: scaricala e scopri le novità

Lealtrenotizie

Addio a Valenti, lo sportivo

LUTTO

Addio a Valenti, lo sportivo

1commento

ALLARME

Bocconi killer, un nuovo caso

Parma

Maltempo: allerta della protezione civile fino alle 18

Stazione

Quei tombini instabili che tolgono il sonno

Calcio

Parma, la parola ai tifosi

lutto

Fidenza piange il pittore Mario Alfieri

SACERDOTE

Don Ubaldo, da Tabiano alla Siberia

Parma

«La Marina? Un'opportunità per i giovani»

1commento

AL REGIO

De Andrè, Cristiano canta Fabrizio

Parma

Auto ribaltata a San Ruffino: 4 feriti

Comune

Ultimo Consiglio: scintille sulla questione Fiera

Dall'Olio: "Multe per 13 milioni, il massimo di sempre". Scontro Bosi-Nuzzo. Parcheggi sotterranei mai costruiti: il Comune pagherà 661mila euro anziché 192mila

7commenti

droga

Spacciava cocaina a Colorno: arrestato

4commenti

INCHIESTA

Nessun soccorso per gli animali selvatici. I cittadini: "Telefonate a vuoto mentre muoiono"

L'assessore regionale Caselli spiega che nessuna associazione del Parmense ha risposto al bando 

6commenti

CREMONA

Grande commozione all'addio a Alberto Quaini

lettere 

"Quei ragazzini che lanciano sassi a Traversetolo"

6commenti

Anteprima Gazzetta

Bocconi killer: avvelenato un cane al Parco Ducale

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La storia ci insegna. Purtroppo

1commento

REPORTAGE

La guerra delle cipolle nella sfida per l'Eliseo

di Luca Pelagatti

ITALIA/MONDO

maltempo

Torna la neve in Lombardia Video

BOLOGNA

Killer ricercato: rubato nella zona un kit di pronto soccorso

SOCIETA'

medicina

Tre tazzine di caffè al giorno diminuiscono il rischio di cancro alla prostata

IL VINO

La Freisa compie cinquecento anni. Festa con Kyè di Vajra

SPORT

BASEBALL

Gilberto Gerali general manager della Nazionale

Moto

Tragedia nel motociclismo, morto Dario Cecconi

MOTORI

NOVITA'

Toyota Yaris: l'ora del restyling

OPEL

La Insignia tutta nuova è Grand Sport