12°

Strajè-Stranieri

Giacomo, un parmigiano a Hong Kong

Giacomo, un parmigiano a Hong Kong
0

Maroua El Baoui

Quando il made in Italy fa la differenza, anzi il made in Parma. Si parla dello spirito d’intraprendenza e d’innovazione di un parmigiano che ha scelto di sperimentare le sue capacità e competenze nel sud est asiatico. A far la differenza, rispetto a tanti altri, è stato lo spirito d’intraprendenza di Giacomo Stoppa, classe 1984, che ha saputo coltivare le sue intuizioni tanto da poterne raccogliere i frutti. Pendolare di lungo, lunghissimo raggio e laureato in Economia all’Università degli Studi di Parma, ha saputo dare al mondo economico-finanziario cinese un nuovo spirito. Il suo primo contatto con il mondo del lavoro e con Hong Kong risale al 2004: «Tutto nacque dall’idea di esportare nel mercato orientale la tradizionale pausa caffè alla macchinetta. In quegli anni nelle città orientali esistevano distributori automatici che vendevano ogni tipo di prodotto, ma che distribuissero caffè e bibite calde, ancora, non esistevano. Studiai, insieme a quelli che erano, al tempo, i miei soci dei prodotti che potessero essere utilizzati nelle macchinette per bevande calde istantanee. Ci impegnammo a fondo per incontrare i gusti dei consumatori orientali come, ad esempio, il the al latte istantaneo», racconta Giacomo. 
Questo tipo di lavoro andò avanti per qualche anno sempre a Hong Kong inframmezzato da pause studio e fughe in Italia per sostenere gli esami universitari: «In quel periodo non ho fatto altro che studiare e lavorare. La mia vita sociale era ai minimi storici anche perché nell’ufficio in qui lavoravo c’erano solo cinesi. Un giorno, però, mi chiamò la responsabile degli scambi culturali dell’Università di Hong Kong per dirmi che sarebbero arrivati in città degli studenti stranieri. Per l’occasione organizzavano una piccola festa per cui mi chiedevano se volevo partecipare in qualche modo all’evento. Io non mi lasciali sfuggire l’occasione e per un paio d’ore distribuì caffè e bevande calde gratis dalla mie macchinette. Conobbi molti ragazzi con i quali cominciai ad uscire, tante persone nuove che mi insegnarono a vivere la città non solo dal punto di vista lavorativo. Hong Kong oggi è per me la città più bella del mondo, anche se Parma resterà sempre casa mia». 
Prima della partenza, Giacomo compie il suo abituale rito: il giro per i negozi. Ma lo shopping non è legato ai saldi o al vestiario: acquista chili di Parmigiano da regalare agli amici ad Hong Kong e le sue scorte per i mesi di lontananza, vasetti di pesto e crudo di Parma in confezioni sotto vuoto, un «must» irrinunciabile, come dice Giacomo: «Al mio Parmigiano e al crudo non posso proprio rinunciare, ad Hong Kong si mangia bene ma, ragazzi, non si può paragonare a Parma».
La vera rivoluzione nella vita di Giacomo però avviene nel 2007, quando arriva la proposta che fa svoltare la sua carriera lavorativa. Conosce infatti Stefano Passarello, un giovane imprenditore italiano, che vive e lavora a Hong Kong da diversi anni e che propone a Giacomo di sperimentare un'esperienza imprenditoriale diversa. Passarello apre uno studio di consulenza aziendale che mira a dare un supporto a chi decide di allargare i propri affari nel sud est asiatico. 
Il servizio offerto è leggermente diverso da quello abitualmente fornito perché Giacomo, avendo già sperimentato tutto quello che c’è da sapere riguardo alla gestione contabile e amministrativa a Hong Kong, dalla fase di apertura al mantenimento di un’attività in oriente è in grado, in prima persona di gestire nella pratica tutti questi aspetti. Dai bilanci ai mille altri aspetti burocratici necessari, è la persone ideale, una delle poche che può veramente dare l’impulso giusto all’attività: «Dal 2007 ad oggi abbiamo fatto passi, da gigante. La nostra attività, la P&P è in crescita e siamo riusciti a distinguerci rispetto a tutte le altre realtà che lavorano in questo campo. Noi, per motivi vari, frutto soprattutto delle nostre esperienze passate qui in Asia, abbiamo imparato sul campo il lavoro che in prima persona gestiamo dall’inizio alla fine. Questo ha fatto la differenza: dare un volto alle cose. Spero un giorno di raggiungere risultati tali da poter tornare a Parma più spesso, o di poter lavorare più spesso dall’Italia, sperando nel frattempo che in Italia, come in Europa la situazione economica migliori». 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Bruce Springsteen Give Teen A Guitar Lesson On Stage

australia

15enne suona sul palco con Springsteen, con tanto di lezione Video

Jessica allena i glutei

GOSSIP

Sexy allenamento di Jessica Immobile: boom di clic 

Aurora Ramazzotti canta la canzone di papà Eros e lo imita: «Mi ucciderà»

radio

Aurora Ramazzotti imita papà Eros: «Mi ucciderà» Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

I dieci errori da evitare in palestra

FITNESS

I dieci errori da evitare in palestra

Lealtrenotizie

Le baby gang fanno paura. Negozianti sotto assedio

Via Mazzini

Le baby gang fanno paura: negozianti sotto assedio

7commenti

lega pro

Piovani: "Il Parma? Un po' Fortana, un po' Malvasia" Video

Questa sera Bar Sport su Tv Parma (Ore 20.30)

Parma

Trasporto pubblico, gara a Busitalia. Tep all'attacco: "Verificheremo se l'assegnazione è legittima"

Offerte eccessivamente al ribasso - dice la Tep - possono poi avere pesantissime ripercussioni sul servizio, sugli utenti e sui lavoratori

8commenti

Parma

Mattinata di incidenti: quattro feriti in poche ore Foto

parodia

Si sorride con il prosciutto di Parma in "salsa" Occidentali's Karma Video

autobus

Via Farini, da domani modifica temporanea del percorso del 15

parma calcio

Trasferta di Salò: ecco la prevendita dei biglietti

Boys e Coordinamento organizzano i pullman (tutte le info)

La storia

Silvia, convertita all'ebraismo: mollo tutto e mi trasferisco in Israele

Cocaina

Preso il pusher dei ragazzini

2commenti

Polizia municipale

Autovelox e autodetector: ecco la mappa dei controlli a Parma

Gazzareporter

Parma e Torrechiara: scatti invernali

Foto della lettrice Simona

crocetta

Crocetta, il mistero dell'auto bruciata

tg parma

Il pugile Fragomeni dona 25mila euro all'Ospedale dei Bambini Video

BASSA

I truffatori arrestati risarciscono i negozianti raggirati

1commento

berceto

La bandiera dei Lakota sventola in municipio

Sant'Ilario d'Enza

Rissa a colpi di sedie e tavolini: quattro stranieri in manette

Due indiani e due pakistani si sono affrontati fuori da un kebab di via Roma, nel paese della Val d'Enza

7commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Le deprimenti liti dei politici

3commenti

EDITORIALE

I figli, la droga e una mamma "condannata" per troppo amore

di Carlo Brugnoli

ITALIA/MONDO

arte

Mega furto in un Museo a Parigi, 8 anni di carcere a "Spider-Man"

Cremona

Napalm artigianale per incendiare la discoteca "rivale": denunciati due giovani

SOCIETA'

auto

Addio al libretto di circolazione: il documento sarà unico

1commento

IL CINEFILO

Ecco due film "Molto belli" Video

SPORT

presidente samb

Fedeli: "Parma più simpatico, proveremo a fermare il Venezia"

ATLETICA

"Ayo" Folorunso vince i 400: guarda la straordinaria rimonta Video

MOTORI

SUPERCAR

Ferrari 812 Superfast,
la nuova berlinetta da 800 Cv

LA PROVA

Countryman: anche Mini ha il suo Suv