19°

Strajè-Stranieri

Giacomo, un parmigiano a Hong Kong

Giacomo, un parmigiano a Hong Kong
0

Maroua El Baoui

Quando il made in Italy fa la differenza, anzi il made in Parma. Si parla dello spirito d’intraprendenza e d’innovazione di un parmigiano che ha scelto di sperimentare le sue capacità e competenze nel sud est asiatico. A far la differenza, rispetto a tanti altri, è stato lo spirito d’intraprendenza di Giacomo Stoppa, classe 1984, che ha saputo coltivare le sue intuizioni tanto da poterne raccogliere i frutti. Pendolare di lungo, lunghissimo raggio e laureato in Economia all’Università degli Studi di Parma, ha saputo dare al mondo economico-finanziario cinese un nuovo spirito. Il suo primo contatto con il mondo del lavoro e con Hong Kong risale al 2004: «Tutto nacque dall’idea di esportare nel mercato orientale la tradizionale pausa caffè alla macchinetta. In quegli anni nelle città orientali esistevano distributori automatici che vendevano ogni tipo di prodotto, ma che distribuissero caffè e bibite calde, ancora, non esistevano. Studiai, insieme a quelli che erano, al tempo, i miei soci dei prodotti che potessero essere utilizzati nelle macchinette per bevande calde istantanee. Ci impegnammo a fondo per incontrare i gusti dei consumatori orientali come, ad esempio, il the al latte istantaneo», racconta Giacomo. 
Questo tipo di lavoro andò avanti per qualche anno sempre a Hong Kong inframmezzato da pause studio e fughe in Italia per sostenere gli esami universitari: «In quel periodo non ho fatto altro che studiare e lavorare. La mia vita sociale era ai minimi storici anche perché nell’ufficio in qui lavoravo c’erano solo cinesi. Un giorno, però, mi chiamò la responsabile degli scambi culturali dell’Università di Hong Kong per dirmi che sarebbero arrivati in città degli studenti stranieri. Per l’occasione organizzavano una piccola festa per cui mi chiedevano se volevo partecipare in qualche modo all’evento. Io non mi lasciali sfuggire l’occasione e per un paio d’ore distribuì caffè e bevande calde gratis dalla mie macchinette. Conobbi molti ragazzi con i quali cominciai ad uscire, tante persone nuove che mi insegnarono a vivere la città non solo dal punto di vista lavorativo. Hong Kong oggi è per me la città più bella del mondo, anche se Parma resterà sempre casa mia». 
Prima della partenza, Giacomo compie il suo abituale rito: il giro per i negozi. Ma lo shopping non è legato ai saldi o al vestiario: acquista chili di Parmigiano da regalare agli amici ad Hong Kong e le sue scorte per i mesi di lontananza, vasetti di pesto e crudo di Parma in confezioni sotto vuoto, un «must» irrinunciabile, come dice Giacomo: «Al mio Parmigiano e al crudo non posso proprio rinunciare, ad Hong Kong si mangia bene ma, ragazzi, non si può paragonare a Parma».
La vera rivoluzione nella vita di Giacomo però avviene nel 2007, quando arriva la proposta che fa svoltare la sua carriera lavorativa. Conosce infatti Stefano Passarello, un giovane imprenditore italiano, che vive e lavora a Hong Kong da diversi anni e che propone a Giacomo di sperimentare un'esperienza imprenditoriale diversa. Passarello apre uno studio di consulenza aziendale che mira a dare un supporto a chi decide di allargare i propri affari nel sud est asiatico. 
Il servizio offerto è leggermente diverso da quello abitualmente fornito perché Giacomo, avendo già sperimentato tutto quello che c’è da sapere riguardo alla gestione contabile e amministrativa a Hong Kong, dalla fase di apertura al mantenimento di un’attività in oriente è in grado, in prima persona di gestire nella pratica tutti questi aspetti. Dai bilanci ai mille altri aspetti burocratici necessari, è la persone ideale, una delle poche che può veramente dare l’impulso giusto all’attività: «Dal 2007 ad oggi abbiamo fatto passi, da gigante. La nostra attività, la P&P è in crescita e siamo riusciti a distinguerci rispetto a tutte le altre realtà che lavorano in questo campo. Noi, per motivi vari, frutto soprattutto delle nostre esperienze passate qui in Asia, abbiamo imparato sul campo il lavoro che in prima persona gestiamo dall’inizio alla fine. Questo ha fatto la differenza: dare un volto alle cose. Spero un giorno di raggiungere risultati tali da poter tornare a Parma più spesso, o di poter lavorare più spesso dall’Italia, sperando nel frattempo che in Italia, come in Europa la situazione economica migliori». 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

"Kim Kardashian ha la cellulite": è bufera, 100mila fan la abbandonano

gossip

"Kim Kardashian ha la cellulite": è bufera, 100mila fan la abbandonano Foto

1commento

caclio donne

spagna

Le ragazze che fanno la storia: hanno stravinto il campionato dei maschi

I Soul System, vincitori di X-Factor, a Radio Parma e stasera al Campus Industry

INTERVISTA

Cantano i Soul System, da X-Factor a... Radio Parma Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Le scalette", il gusto dolce della carne e del pesce

CHICHIBIO

"Le scalette", il gusto dolce della carne e del pesce

di Chichibio

4commenti

Lealtrenotizie

Gli amici sotto choc per la morte di Andrea: "Endurista dal cuore generoso"

INCIDENTE

Gli amici sotto choc per la morte di Andrea: "Endurista dal cuore generoso"

roccabianca

Ritrovato il 50enne scomparso: era al Pronto soccorso

sorbolo

Filmate le gare in scooter a mezzanotte. Il sindaco: "Ora convochiamo i genitori" Video

Via Volturno

Nuova spaccata in una panetteria

l'agenda

Una domenica tra castelli, Cantamaggio e golosità on the road

Laminam

Incontro tra cittadini e Comitato «L'aria del Borgo»

gazzareporter

Borgo Guazzo, cronache dalla discarica.....

LEGA PRO

Il Parma a Teramo per ripartire

Traversetolo

Il sindaco sposta il comizio del 1°Maggio: il Pd insorge

parma

Primarie del Pd: istruzioni per poter votare

Dalle 8 alle 20

1commento

Lutto

Addio a Corradi, il «biciclettaio» di via D'Azeglio

Ragazzola

Un comitato per «proteggere» il ponte sul Po

Personaggio

Il «detective» della scultura del mistero

Interrogazione

Jella latitante (e sorridente su Fb): il caso in Parlamento

4commenti

Fidenza

Anestesista muore a 37 anni

raduno

500 Miles...un fiume di Harley Davidson a Parma Gallery

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Perché ci sono sempre meno preti

EDITORIALE

Gli assassini impuniti e lo Stato impotente

di Paola Guatelli

3commenti

ITALIA/MONDO

tunisia-Italia

Strage di Berlino: la salma di Amri custodita (e rimpatriata?) a spese dell'Italia

Mistero

18enne di Genova trovata morta nella sua casa a Londra. Scotland Yard indaga

WEEKEND

meteo

Weekend col sole. Ma il 1° maggio è "ballerino" Le previsioni

il disco

Caravan, i 45 anni di Waterloo Lily

SPORT

storie di ex

Buffon: "Volevo ritirarmi, Agnelli mi ha fatto ripensare"

Calciomercato

Galliani lascia il calcio e cambia vita

1commento

MOTORI

IL TEST

Al volante di Infiniti QX30. Ecco come va Foto

GOLF E UP!

Volkswagen, niente Iva sulle elettriche

1commento