-2°

Strajè-Stranieri

Quelle giacchette nere arrivate da molto lontano

Quelle giacchette nere arrivate da molto lontano
0

Beppe Facchini

«Impossibile non è camerunese»: è un detto popolare che profuma di coraggio quello ricordato da Fils Bertin, un ragazzone di 35 anni che nel 2008 ha lasciato la sua città, Douala, a sud dell’ex colonia francese, e si è trasferito a Parma per studiare Economia. La sua passione per il calcio non conosce confini e appena giunto in Emilia ha trovato subito il modo per continuare a praticarlo: «Un giorno un amico mi ha parlato di un corso per arbitri che stava per cominciare. Mi sono presentato e ho fatto subito amicizia con tante persone e da lì è iniziata un’esperienza che spero di continuare a lungo». 
Fils Bertin è stato un po’ l’apripista che ha sparso la voce tra i suoi connazionali e così nella sezione Aia «Ferruccio Bellè» di Parma, oggi si contano oltre cinquanta tesserati stranieri, tanto che da qualche mese è attivo un corso di italiano per aiutarli. 
«Nel 2009, quando ho iniziato, ero l’unico ragazzo africano -ha raccontato - ma con l’aiuto del presidente Fausto Avanzini e di tanti colleghi mi sono sentito subito accolto: mi è servito molto per inserirmi e conoscere la società italiana». 
Nel giro di pochi anni, Bertin è diventato un ottimo guardalinee che oggi è tutte le domeniche in giro per i campi della regione, dove non sempre «giacchette nere» col colore di pelle diverso vengono accolte nel migliore dei modi. «Una volta -ricorda infatti- ho espulso un giocatore perché, essendoci nella sua squadra avversaria un ragazzo del Senegal, mi ha detto: stai favorendo il tuo fratello nero. Anche se sono episodi rari, l’arbitro è prima di tutto un educatore, deve far capire ai calciatori che in campo si deve dare sempre l’esempio». 
Le stesse difficoltà iniziali le ha riscontrate Fabrice, 26enne arrivato anche lui dal Camerun per studiare e oggi direttore di gara in Serie C2 di calcio a 5. «Quando i dirigenti vedono un arbitro di colore, lo guardano un po’ con diffidenza perché, non sapendo bene la lingua, di conseguenza non dovrebbe neppure conoscere il regolamento. Ecco perché  ho capito che era importante imparare l’italiano alla svelta e devo ammettere che questa esperienza mi è servita un sacco».
Sentirsi chiamare «direttore» dai bambini è stata la più grande emozione vissuta da Fabrice, che oggi sogna di arrivare in Serie A. «So che è molto difficile, ma ci voglio provare. Di sicuro -ha concluso- la passione per questo sport è tanta». Per Bertin, invece, l’augurio è un altro: «L’arbitro è un essere umano, può sbagliare come tutti gli altri, ma c’è ancora gente che non lo capisce, in Italia come in Camerun, dove però coltivare questa passione è più pericoloso. Per questo spero che un giorno l’Aia collabori con la federazione del mio Paese, condividendone regole ed esperienze».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Malore alle prove del concerto: operato Al Bano

Roma

Al Bano operato dopo un malore: "Paura passata, il cuore sta ballando"

Poligoni

Polygons

Il cucchiaio del futuro da 1milione di $. Non ancora in vendita

2commenti

Chiara Ferragni regina Instagram 2016, in top Papa e Fedez

2016

La Ferragni regina di Instagram. Secondo? Vacchi. C'è il Papa

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso 6 dicembre

VELLUTO ROSSO

Da Shakespeare a Peter Pan: gli spettacoli da non perdere a teatro

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Incidente in Autocisa. Nebbia: visibilità 110 metri in A1 Traffico in tempo reale

Nebbia in A1 (foto d'archivio)

Traffico

Pericolo nebbia: visibilità 80 metri fino a Bologna in A1 Tempo reale

Scontro fra due auto: statale 63 chiusa per due ore nel Reggiano, 4 feriti

via d'azeglio

Un coro di no per la chiusura del supermercato Videoinchiesta

In arrivo una sala slot? (Leggi)

1commento

TRAVERSETOLO

Ladri in azione a colpi di mazza nel negozio. Poi la fuga

1commento

raccolta firme

La Cittadella si illumina con l'albero di Natale Video

Per ribadire il "no" alla chiusura del chiosco

Poviglio

Fanno esplodere il bancomat: filiale semidistrutta, caccia all'uomo fra Parma e Reggio  Video

2commenti

Parma

Elvis e Raffaele hanno celebrato l'unione civile: "Ora siamo una famiglia"

Cerimonia nella Palazzina dei matrimoni con il vicesindaco

1commento

ospedale

Day hospital oncologico: nuova organizzazione

convegno

Migranti, Pizzarotti in Vaticano: "Comuni lasciati soli" Video

2commenti

derby

Reggiana-Parma: in vendita i biglietti (4.200)

LETTERE

Bello FiGo e i luoghi comuni

1commento

Rugby

Zebre sconfitte dal Tolosa e... dalla nebbia. Partita sospesa dopo 63 minuti

viabilità

Ecco dove saranno gli autovelox la prossima settimana

1commento

Parma

Cachi in città: raccolte 180 cassette in un giorno Foto

1commento

Gazzareporter

I "magnifici 13"

Sorbolo

Sedicenne terribile autore di due «spaccate»

15commenti

Fidenza

Ubriaco si schianta contro un albero. Poi la bugia: "Rapito e costretto a bere" 

4commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Quando le notizie false diventano un'epidemia

di Paolo Ferrandi

IL DIRETTORE RISPONDE

Quelli che «Io? Mai stato renziano»

4commenti

ITALIA/MONDO

crisi

Mattarella: "Governo a breve. Prima del voto armonizzare le leggi"

cremona

Presepe negato, la diocesi: "E' tutto un malinteso"

WEEKEND

IL CINEFILO

Da "Captain Fantastic" a "Non c'è più religione": i film della settimana

45 ANNI DOPO

Tarkus, il capolavoro di Emerson Lake & Palmer

SPORT

Parma Calcio

D'Aversa: "Vinta una partita, non risolto i problemi". I convocati

sci cdm

Goggia 2ª in gigante Sestriere, vince Worley

MOTORI

AL VOLANTE

I consigli utili per guidare nella nebbia

4commenti

novità

Dal cilindro di Toyota esce C-HR, il Suv per tutti