12°

22°

Strajè-Stranieri

Quelle giacchette nere arrivate da molto lontano

Quelle giacchette nere arrivate da molto lontano
Ricevi gratis le news
0

Beppe Facchini

«Impossibile non è camerunese»: è un detto popolare che profuma di coraggio quello ricordato da Fils Bertin, un ragazzone di 35 anni che nel 2008 ha lasciato la sua città, Douala, a sud dell’ex colonia francese, e si è trasferito a Parma per studiare Economia. La sua passione per il calcio non conosce confini e appena giunto in Emilia ha trovato subito il modo per continuare a praticarlo: «Un giorno un amico mi ha parlato di un corso per arbitri che stava per cominciare. Mi sono presentato e ho fatto subito amicizia con tante persone e da lì è iniziata un’esperienza che spero di continuare a lungo». 
Fils Bertin è stato un po’ l’apripista che ha sparso la voce tra i suoi connazionali e così nella sezione Aia «Ferruccio Bellè» di Parma, oggi si contano oltre cinquanta tesserati stranieri, tanto che da qualche mese è attivo un corso di italiano per aiutarli. 
«Nel 2009, quando ho iniziato, ero l’unico ragazzo africano -ha raccontato - ma con l’aiuto del presidente Fausto Avanzini e di tanti colleghi mi sono sentito subito accolto: mi è servito molto per inserirmi e conoscere la società italiana». 
Nel giro di pochi anni, Bertin è diventato un ottimo guardalinee che oggi è tutte le domeniche in giro per i campi della regione, dove non sempre «giacchette nere» col colore di pelle diverso vengono accolte nel migliore dei modi. «Una volta -ricorda infatti- ho espulso un giocatore perché, essendoci nella sua squadra avversaria un ragazzo del Senegal, mi ha detto: stai favorendo il tuo fratello nero. Anche se sono episodi rari, l’arbitro è prima di tutto un educatore, deve far capire ai calciatori che in campo si deve dare sempre l’esempio». 
Le stesse difficoltà iniziali le ha riscontrate Fabrice, 26enne arrivato anche lui dal Camerun per studiare e oggi direttore di gara in Serie C2 di calcio a 5. «Quando i dirigenti vedono un arbitro di colore, lo guardano un po’ con diffidenza perché, non sapendo bene la lingua, di conseguenza non dovrebbe neppure conoscere il regolamento. Ecco perché  ho capito che era importante imparare l’italiano alla svelta e devo ammettere che questa esperienza mi è servita un sacco».
Sentirsi chiamare «direttore» dai bambini è stata la più grande emozione vissuta da Fabrice, che oggi sogna di arrivare in Serie A. «So che è molto difficile, ma ci voglio provare. Di sicuro -ha concluso- la passione per questo sport è tanta». Per Bertin, invece, l’augurio è un altro: «L’arbitro è un essere umano, può sbagliare come tutti gli altri, ma c’è ancora gente che non lo capisce, in Italia come in Camerun, dove però coltivare questa passione è più pericoloso. Per questo spero che un giorno l’Aia collabori con la federazione del mio Paese, condividendone regole ed esperienze».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Sembra ieri 1/1: 1984 - In piazza della Pace l'ippopotamo Pippo

TV PARMA

Sembra ieri: in passerella anche "lui", il bello di Parma (1996)

Asia Argento lascia l'Italia dopo la bufera sul caso Weinstein

Spettacoli

Asia Argento lascia l'Italia dopo la bufera sul caso Weinstein Video

Ari Berlin volo radente

Düsseldorf

Ultimo volo: il pilota sfiora la torre di controllo

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Lavoro all'estero e residenza in Italia? Ecco dove pagare le tasse

L'ESPERTO

Lavoro all'estero e residenza in Italia? Ecco dove pagare le tasse

Lealtrenotizie

via repubblica

CRONACA NERA

Derubato un rappresentante di gioielli

Furto su un'auto in via Repubblica

Parma calcio

Sorpresa! Trezeguet va a salutare Crespo

2commenti

Guastalla

Sequestrati 3 quintali di dolci mal conservati: erano destinati anche al Parmense

La Municipale ha sequestrato un autocarro di un cittadino indiano che lavora per una ditta mantovana

Anteprima Gazzetta

Anziani scippati, danni devastanti

Le anticipazioni della Gazzetta del direttore Michele Brambilla

Lutto

E' morto Marino Perani, allenò il Parma Video

In panchina negli anni Ottanta

3commenti

Borgotaro

Auto ribaltata sulla fondovalle a Ostia Parmense: un ferito

E' intervenuto anche l'elicottero del 118

PARMA

Via Muzzi, anziana scippata cade e si ferisce

2commenti

Carabinieri

Tentato furto alle cantine Ceci: un arresto

Nello stabilimento di Torrile

PARMA

Tagliati gli alberi sul Lungoparma, protestano i residenti

22commenti

Regione

Punti nascita, bagarre in Aula: salta il numero legale

Le opposizioni: "Ripensare la decisione su Borgotaro"

LUTTO

Addio a Angelo Tedeschi, l'ingegnere gentiluomo

Il caso

L'avvocato Mezzadri: «Quella volta che sparai a un ladro»

tg parma

Nessuna squalifica per d'Aversa. Closing societario il 3 novembre? Video

2commenti

GAZZAFUN

Il gatto più bello della città: guarda le gallery dei finalisti

4commenti

Carabinieri

In manette la primula rossa dell'eroina

1commento

BORGOTARO

«Troppi ragazzi ubriachi, è emergenza»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le scuse scomparse in un mondo incivile

di Roberto Longoni

VELLUTO ROSSO

Da Ezio Mauro a Massimo De Luca: grandi firme in scena

di Mara Pedrabissi

ITALIA/MONDO

chiesa

Smentite le voci sulla salute di Papa Ratzinger

2commenti

MILANO

Arrestato il geometra "re dei trans"

SPORT

CHAMPIONS

La Juve soffre e vince, la Roma strappa il pari in casa del Chelsea

IL SONDAGGIO

Parma, "nebbia" in campionato. Nel mirino dei tifosi lo staff tecnico

1commento

SOCIETA'

SPAZIO

AstroPaolo fotografa nube marrone sulla Pianura Padana

fotografia

I meravigliosi colori dell'autunno sull'Appennino parmense: 10 foto di Giovanni Garani

MOTORI

ANTEPRIMA

Seat Arona: il nuovo Suv compatto in 5 mosse Fotogallery

LA NOVITA'

Kia Stonic, debutta il nuovo «urban crossover»