15°

Strajè-Stranieri

Quelle giacchette nere arrivate da molto lontano

Quelle giacchette nere arrivate da molto lontano
0

Beppe Facchini

«Impossibile non è camerunese»: è un detto popolare che profuma di coraggio quello ricordato da Fils Bertin, un ragazzone di 35 anni che nel 2008 ha lasciato la sua città, Douala, a sud dell’ex colonia francese, e si è trasferito a Parma per studiare Economia. La sua passione per il calcio non conosce confini e appena giunto in Emilia ha trovato subito il modo per continuare a praticarlo: «Un giorno un amico mi ha parlato di un corso per arbitri che stava per cominciare. Mi sono presentato e ho fatto subito amicizia con tante persone e da lì è iniziata un’esperienza che spero di continuare a lungo». 
Fils Bertin è stato un po’ l’apripista che ha sparso la voce tra i suoi connazionali e così nella sezione Aia «Ferruccio Bellè» di Parma, oggi si contano oltre cinquanta tesserati stranieri, tanto che da qualche mese è attivo un corso di italiano per aiutarli. 
«Nel 2009, quando ho iniziato, ero l’unico ragazzo africano -ha raccontato - ma con l’aiuto del presidente Fausto Avanzini e di tanti colleghi mi sono sentito subito accolto: mi è servito molto per inserirmi e conoscere la società italiana». 
Nel giro di pochi anni, Bertin è diventato un ottimo guardalinee che oggi è tutte le domeniche in giro per i campi della regione, dove non sempre «giacchette nere» col colore di pelle diverso vengono accolte nel migliore dei modi. «Una volta -ricorda infatti- ho espulso un giocatore perché, essendoci nella sua squadra avversaria un ragazzo del Senegal, mi ha detto: stai favorendo il tuo fratello nero. Anche se sono episodi rari, l’arbitro è prima di tutto un educatore, deve far capire ai calciatori che in campo si deve dare sempre l’esempio». 
Le stesse difficoltà iniziali le ha riscontrate Fabrice, 26enne arrivato anche lui dal Camerun per studiare e oggi direttore di gara in Serie C2 di calcio a 5. «Quando i dirigenti vedono un arbitro di colore, lo guardano un po’ con diffidenza perché, non sapendo bene la lingua, di conseguenza non dovrebbe neppure conoscere il regolamento. Ecco perché  ho capito che era importante imparare l’italiano alla svelta e devo ammettere che questa esperienza mi è servita un sacco».
Sentirsi chiamare «direttore» dai bambini è stata la più grande emozione vissuta da Fabrice, che oggi sogna di arrivare in Serie A. «So che è molto difficile, ma ci voglio provare. Di sicuro -ha concluso- la passione per questo sport è tanta». Per Bertin, invece, l’augurio è un altro: «L’arbitro è un essere umano, può sbagliare come tutti gli altri, ma c’è ancora gente che non lo capisce, in Italia come in Camerun, dove però coltivare questa passione è più pericoloso. Per questo spero che un giorno l’Aia collabori con la federazione del mio Paese, condividendone regole ed esperienze».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Halle Berry si libera del vestito degli Oscar: così il Versace finisce per terra e lei si butta in piscina

come in un film

Halle Berry si libera del vestito degli Oscar e si tuffa Video

Montalbano torna, supera i 10 milioni e fa il 40%

televisione

Montalbano, ritorno record: supera i 10 milioni

Addio al gigante di «Trono di Spade»

MORTO FINGLETON

Addio al gigante di «Trono di Spade»

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Top500": la classifica

IMPRESE

Top500 Parma, ecco la classifica completa

Lealtrenotizie

Alberi, sequestrata una struttura per anziani

INCHIESTA

Alberi, sequestrata una struttura per anziani

autostrada

Incidente tra due camion a Fiorenzuola: code verso Fidenza

opportunita'

Venti nuovi annunci per chi cerca un lavoro

L'ALLARME

Droga, a Parma ogni anno 400 segnalati alla Prefettura

1commento

La traversata

Quei velisti con Parma nella cambusa

Mercati esteri

Sicim, tris di commesse per 200 milioni di dollari

Amarcord

Prati Bocchi, 67 anni di amicizia

meteo

Tornano pioggia, vento e neve sulle alpi

Langhirano

E' morto Pierino Barbieri

1commento

Scomparso

«Benito, come un padre per tanti di noi»

La pagella

Monticelli? Mancano spazi per i giovani

LEGA PRO

Parma, Frattali out: in porta arriva Davide Bassi. Il Pordenone travolge il Bassano

L'estremo difensore era svincolato dall'Atalanta, nel suo passato anche Empoli e Torino

1commento

svariati casi a Parma

Ed ecco servita la truffa degli estintori (per i negozi)

2commenti

il fatto del giorno

Droga, i numeri dell'emergenza Video

L'anteprima sulla Gazzetta di domani

1commento

in mattinata

Scippa in bici l'iphone ad una ragazza in via Farini: caccia al ladro

9commenti

Parma

Altri due incidenti questa mattina: quattro schianti in poche ore

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Le multe facili e quelle difficili

13commenti

EDITORIALE

Quei politici allergici alla libertà di stampa

di Filiberto Molossi

ITALIA/MONDO

il CASO

Dj Fabo ha morso il pulsante per il suicidio assistito

1commento

usa

Aereo Cessna si schianta sulle case: tre vittime

SOCIETA'

caffè

A Milano lo Starbucks più grande d'Europa

comune

2200 anni della fondazione di Parma: ecco il logo di Franco Maria Ricci

SPORT

inghilterra

Ranieri: il tributo (mascherato) dei tifosi del Leicester Gallery

Ciclismo

Grave caduta per la giovane promessa Marco Landi

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, la nostra pagella

NOVITA'

Bmw, la nuova Serie 5 ragiona da ammiraglia