16°

Strajè-Stranieri

Il Tavolo immigrazione chiude

2

COMUNICATO

Alla Vice Sindaco del Comune di Parma Dott.ssa Nicoletta Paci

Oggetto: Chiusura del Tavolo Immigrazione – Comune di Parma

Innanzitutto vogliamo ringraziarla per l'incontro che abbiamo avuto con Lei per parlare della nostra esperienza come Tavolo Immigrazione. Delle cose che abbiamo fatto e delle difficoltà avute nello svolgimento del nostro compito. É stata una cosa molta gradita.
Dopo questo incontro che è stato molto utile, i membri del Tavolo abbiamo valutato la attuale situazione e siamo arrivati ad una comune decisione, la di chiudere questa esperienza perché riteniamo sia giusto lasciare alla nuova amministrazione la libertà di scegliere il modo migliore e la struttura che consideri più adeguata per affrontare la problematica dell’immigrazione nella città di Parma. Per tanto siamo a informarla della chiusura ufficiale del Tavolo Immigrazione del Comune di Parma, rendendoci disponibili a collaborare ugualmente con Lei e l’amministrazione comunale.
Inoltre informiamo a Lei che abbiamo deciso di convocare una conferenza stampa per annunciare questa chiusura in modo ufficiale. Le comunicheremo il giorno e il luogo della conferenza dove consegneremo le chiavi degli uffici di Via Melloni.
Certi della sua comprensione la salutiamo cordialmente

Tavolo immigrazione di Parma
Cleophas Adrien Dioma
Leonor Grossi
Asta Vinci
Farid Mansour
Gentian Alimadhi

 

 

 

Comune di Parma,
in qualità di membri del Tavolo Immigrazione e Cittadinanza, abbiamo deciso di scrivere una lettera che sottoponiamo all'attenzione del Sindaco di Parma, Federico Pizzarotti, dell' Assessore ai servizi sociali la sig.ra Rossi, della Giunta comunale e della cittadinanza tutta.
Dopo aver atteso invano un invito da parte dell' Amministrazione Comunale per parlare dell'esperienza del Tavolo Immigrazione crediamo sia giunto il momento di scriverVi . Nella Giunta Ubaldi, l'Assessore Maria Teresa Guarnieri aveva già cercato, con tanta difficoltà, di creare una consulta degli immigrati attraverso l'organizzazione di elezioni tra le comunità di stranieri della città di Parma per scegliere i membri della consulta che avrebbe rappresentato le istanze dei migranti presso la Giunta stessa . Malgrado la sua buona volontà e l'impegno di tutti non è stato possibile arrivare a quelle elezioni. Sarebbe stata una cosa molto complessa, impegnativa, costosa e soprattutto le comunità non erano non erano abbastanza organizzate da portare avanti tale progetto.
Con la Giunta Vignali e, in particolar modo, con l'Assessore Lasagna si era passati ad una soluzione più pratica ed immediata: il Tavolo Immigrazione. Il Tavolo Immigrazione era un tentativo di portare gli immigrati a partecipare alla vita politica, sociale e culturale della città. Doveva essere una cosa progressiva. Prima la creazione di un Tavolo Immigrazione e poi i membri dello stesso dovevano impegnarsi a incontrare e a discutere con le associazioni e comunità di stranieri per poi arrivare alla creazione di un forum delle associazioni e comunità di immigrati. I membri scelti sarebbero stati quasi come dei consulenti (non pagati)  dell'Amministrazione Comunale, una sorta di interfaccia tra il mondo politico e il mondo degli immigrati. Dopo consultazione si è arrivati alla formula di scegliere persone che avevano maturato una certa esperienza, non solo con le associazioni ma anche con le Istituzioni e con la città. Dovevano essere persone capaci di conoscere e saper "leggere" la realtà della città di Parma.
Il Tavolo Immigrazione è dunque nato il 22 aprile 2010 e risultava composto da un gruppo di persone, ovviamente residenti a Parma, che provenivano da diverse parti del mondo: Africa, America, Europa, Asia.
Dopo la nascita del Tavolo abbiamo pensato di presentarci alla città, andando incontro alle diverse Autorità e Istituzioni di Parma. Abbiamo incontrato il Prefetto, la Provincia e in particolar modo l'Assessore Marcella Saccani, l'Ufficio Immigrazione della Questura, i sindacati. E pian piano abbiamo iniziato una serie di incontri con i rappresentanti delle comunità. Uno degli obbiettivi principali del gruppo era anche arrivare ad avere una sede dove incontrare le persone, parlare, discutere ed immaginare delle proposte da presentare alla politica. Come in ogni nuova impresa non sono mancate alcune difficoltà di percorso: difficoltà a capire come  funziona la politica , difficoltà nell'entrare veramente nelle problematiche dell'immigrazione, difficoltà nell'organizzazione interna
del gruppo. Poi, avendo tutti altri obblighi personali e lavorativi, l'impegno dentro il Tavolo era limitato. Nonostante tutto, abbiamo sempre cercato di dare il massimo per portare a buon termine questo progetto perché eravamo convinti della giustezza della nostra scelta ad entrare nel gruppo.
Nessuno di noi era pagato per questo lavoro. Il Tavolo Immigrazione non era una cosa perfetta ma per una volta qui a Parma una Giunta Comunale aveva provato a dare una certa legittimità ad un gruppo organizzato d'immigrati dando loro il mandato di lavorare per trovare risposte e soluzioni alle problematiche che portava la presenza di persone straniere nella città. Noi in quel breve tempo
abbiamo cercato di portare avanti questo compito organizzando eventi, incontrando persone, confrontandoci con quelli che avevano voglia di confrontarsi con noi. Cercando il modo migliore di fare rete, gruppo e lavorare per il benessere di tutti quelli che vivono nella città. Il nostro compito non era solo legato all'immigrazione ma dovevamo anche essere in grado di dare il nostro punto di vista sui progetti che portava avanti l'Amministrazione Comunale.
Elenchiamo di seguente alcuni degli eventi e seminari che abbiamo organizzato:
- Sabato 12 giugno 2010 ore 10 Camera di Commercio di Parma - convegno "Immigrati e Politica: punti di vista, visioni, proposte"
- Sabato 1 ottobre 2011 Auditorium dell'Istituto Professionale Ipsia Primo Levi dalle 8.30 convegno "Genitori immigrati e figli di seconda generazione"
- e co-organizzazione della settimana della cultura Indiana; co-organizzazione della settimana della cultura Argentina, co-organizzazione della settimana della cultura Albanese, co-organizzazione della settimana della cultura Russa.
Insieme ai tecnici del Comune abbiamo lavorato alla realizzazione di un periodico di informazione di nuovi cittadini di Parma. Questo giornale aveva come nome "Parma Culture" e ogni mese parlava di una comunità migrante presente nella città. Vogliamo sottolineare che all'inizio non abbiamo condiviso la formula ma eravamo all'inizio del mandato e non ce la siamo sentiti di andare contro le decisioni della nostra amministrazione. Dopo aver avuto la sede in via Melloni 1/b, l'abbiamo tenuta aperta con una programmazione settimanale al mattino e al pomeriggio compatibilmente ai nostri impegni lavorativi e personali. La sede diventava quasi uno sportello dove gli immigrati si potevano rivolgere, gli italiani potevano venire a chiedere informazioni. Le comunità potevano incontrarsi.
Che cosa è andato storto?
E' chiaro che il Tavolo Immigrazione era un "prodotto" della scorsa giunta comunale. Siamo entrati essendo consapevoli che potevamo essere strumentalizzati. Avevamo chiaro in testa i rischi che comportava aver fatto una scelta del genere. Ma era giusto per noi provare. Iniziare un percorso diverso.
Malgrado, anche qui, la buona volontà dell'Assessore Lasagna, ci siamo trovati comunque a vivere delle difficoltà legate alla gestione dei rapporti tra noi e i tecnici comunali da una parte, dall'altra parte la diffidenza di una fetta del mondo delle associazioni aventi come tematica l'immigrazione verso una struttura nata sotto la proposta della Giunta Comunale. Una delle critiche era il fatto che i membri del Tavolo non erano stati scelti democraticamente. Una scelta chiaramente discutibile, ma conoscendo molto bene il mondo delle associazioni degli immigrati sapevamo che quasi tutte le associazioni di migranti avevano problemi interni di leadership, di organizzazione, di rappresentanza. Il nostro sogno era invece vedere se si poteva arrivare insieme a trovare soluzione a questi problemi prima di arrivare alla seconda fase: elezioni dei membri dei forum delle associazioni delle comunità straniere. Non ci siamo riusciti.
Possiamo dire che il breve tempo ma forse anche la nostra inesperienza a lavorare con la politica non ci ha aiutato. Il Tavolo è durato poco più di due anni e con la caduta e le dimissioni della Giunta Vignali ci siamo trovati quasi fuori.
Anche se l'esperienza del Tavolo Immigrazione era imperfetta e ha avuto un finale infelice, crediamo comunque che sia stato un bel tentativo di portare le persone straniere a partecipare alla vita politica, sociale e culturale della città. Noi crediamo che non si può parlare di immigrazione e di integrazione senza gli immigrati. Noi eravamo immigrati e abbiamo vissuto tutti, o quasi, l'esperienza dell'immigrazione. Le nostre esperienze personali potevano aiutare la politica ad avere un approccio diverso verso le problematiche dell'immigrazione. Abbiamo volontariamente dato le nostre competenze e conoscenze, il nostro tempo alla nostra città impegnandoci in questa impresa.
Non avendo la bacchetta magica abbiamo cercato di fare quello che è stato possibile fare.
Oggi abbiamo deciso di chiudere ufficialmente questa nostra esperienza e ridare le chiavi alla nostra città. All'Amministrazione Comunale.
 

I membri del Tavolo Immigrazione e cittadinanza del Comune di Parma
Cleophas Adrien Dioma
Leonor Grossi
Asta Vinci
Ambrose Laudani
Genthian Alimadhi
Farid Mansour
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Grossi

    15 Marzo @ 10.34

    Scusate, non mi sono mai sentita “maneggiata”, perche personalmente mai mi lascio “maneggiare”, come qualcuno lo ha detto in questa pagina. Succede che davanti ad una platea politica diversa bisogna lasciare spazio e tempo a chi di dovere deve decidere che cosa e come fare. Leonor Grossi

    Rispondi

  • pier luigi

    14 Marzo @ 21.29

    devo dire una cosa: questi Signori hanno capito tutto dell'immigrazione in italia. Queste persone vengono maneggiate in modo politico e se si tenta di fare cose 'diverse' gli tagliano le gambe, ma non è mafia!!!!!!!

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Domenica di carnevale a Calestano con la sfilata

calestano

Domenica di carnevale a Calestano con la sfilata

Addio al gigante di «Trono di Spade»

MORTO FINGLETON

Addio al gigante di «Trono di Spade»

Amici, la Celentano dà della grassa alla ballerina che si mette a piangere

Video

"Sei grassa" e la ballerina piange: polemica ad Amici

4commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Top500": la classifica

IMPRESE

Top500 Parma, ecco la classifica completa

Lealtrenotizie

Alberi, sequestrata una struttura per anziani

INCHIESTA

Alberi, sequestrata una struttura per anziani

L'ALLARME

Droga, a Parma ogni anno 400 segnalati alla Prefettura

Scomparso

«Benito, come un padre per tanti di noi»

La traversata

Quei velisti con Parma nella cambusa

Amarcord

Prati Bocchi, 67 anni di amicizia

Mercati esteri

Sicim, tris di commesse per 200 milioni di dollari

Langhirano

E' morto Pierino Barbieri

La pagella

Monticelli? Mancano spazi per i giovani

LEGA PRO

Parma, Frattali out: in porta arriva Davide Bassi. Il Pordenone travolge il Bassano

L'estremo difensore era svincolato dall'Atalanta, nel suo passato anche Empoli e Torino

svariati casi a Parma

Ed ecco servita la truffa degli estintori (per i negozi)

1commento

il fatto del giorno

Droga, i numeri dell'emergenza Video

L'anteprima sulla Gazzetta di domani

1commento

in mattinata

Scippa in bici l'iphone ad una ragazza in via Farini: caccia al ladro

6commenti

Parma

Altri due incidenti questa mattina: quattro schianti in poche ore

1commento

INCHIESTA

Strada del Traglione: un viaggio nel degrado

8commenti

ieri sera

Pauroso incidente in Tangenziale Ovest, auto si ribalta: una donna ferita Foto

3commenti

crisi

Copador, settimana decisiva

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Le multe facili e quelle difficili

13commenti

EDITORIALE

Quei politici allergici alla libertà di stampa

di Filiberto Molossi

ITALIA/MONDO

MILANO

L'Italia della moda si ferma per Franca Sozzani Video

AREZZO

18enne uccide il padre: "Era quello che dovevo fare"

SOCIETA'

IL CASO

Cappato (che rischia 12 anni di carcere): "Dj Fabo è morto"

6commenti

Cinema

E' morto l'attore Bill Paxton

SPORT

Ciclismo

Grave caduta per la giovane promessa Marco Landi

rugby

L'amarezza di Villagra: "Potevamo vincere" Video

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, la nostra pagella

NOVITA'

Bmw, la nuova Serie 5 ragiona da ammiraglia