21°

Strajè-Stranieri

Modifica il casco per il turbante: multato indiano Sikh a Treviso

Ricevi gratis le news
6

TREVISO – Aveva modificato il casco da moto per fargli contenere la sua lunga capigliatura, ma la spiegazione non ha convinto la polizia municipale di Treviso.
A incappare nei controlli degli agenti cittadini è stato un ciclomotorista di nazionalità indiana e di religione sikh, circostanza, quest’ultima, che, così come ha cercato di spiegare ai poliziotti comunali, gli impedirebbe di liberarsi dal turbante. Per farci entrare il capo, dunque, lo straniero si è ingegnato e ha ricavato lo spazio necessario sotto il guscio del casco togliendo l’imbottitura di serie, senza considerare che, però, in questo modo, lo strumento protettivo avrebbe perso l’omologazione e quindi la conformità di legge alle misure di sicurezza.
Parametro, quest’ultimo, che è ovviamente l’unico sul quale si è fondata la decisione degli agenti i quali non hanno potuto far altro che procedere secondo quanto prevede il codice della strada. Fermo amministrativo del mezzo per due mesi, cioè, multa di 80 euro e confisca del casco ormai inutilmente personalizzato.

Loro modificano il casco, magari svuotandolo, e i vigili urbani li multano. È una "battaglia" curiosa, quanto senza fine, quella che vede contrapposti i sikh e i vigili urbani in Veneto. Per gli indiani il casco tradizionale è qualcosa di importabile che mina le loro tradizioni, ma la legge è legge e fioccano le multe.
L'ultimo caso, ma ne sono stati registrati alcuni nel vicentino dove la comunità sikh è numerosa, è accaduto a Treviso dove un indiano ha modificato il casco per fargli contenere la sua lunga capigliatura e turbante, ma le sue spiegazioni di natura etnica non hanno convinto la polizia municipale che lo ha multato di 80 euro, gli ha confiscato il casco e messo in fermo amministrativo per due mesi il mezzo.
Lo straniero per far entrare il capo nel casco senza toccare la propria capigliatura e turbante aveva ricavato lo spazio necessario togliendo l’imbottitura di serie del guscio del casco rendendolo, però, perfettamente inutile ai fini della sicurezza. Una volta verificato che il guscio era stato svuotato dall’imbottitura protettiva, l’interessato si è giustificato spiegando che in nessun caso la confessione religiosa alla quale aderisce permette che in un luogo pubblico il fedele possa togliersi il turbante, dunque neanche percorrendo le strade.
«E' la prima volta che ci capita un fatto simile – ha spiegato il vice comandante del corpo di polizia locale di Treviso, Roberto Mazzon – e non sappiamo come si comportino gli altri utenti della strada della stessa religione e che vivono in Italia». «Consultando tuttavia i motori di ricerca di Internet - ha aggiunto, non conoscendo i "casi" vicentini – abbiamo capito che la questione posta oggi dall’indiano di Treviso non è poi così rara e che non mancano, in Italia, casi di conflitto fra le norme imposte dal codice della strada e gli utenti che indossano un turbante».
«Anzi, abbiamo notizie che in alcune città – ha concluso - i sikh non si preoccupano nemmeno di coprire il loro vistoso copricapo con qualcosa che somigli ad un casco mentre si spostano con il ciclomotore».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Pavesin Luciano

    15 Maggio @ 23.50

    Se vieni nel nostro paese, DEVI rispettare prima le leggi nostre, poi le tue. non sei obbligato ,ne a rimanere qui, ne' ad usare una moto, se non ti va bene vai in bicicletta, o torni dov'eri.Non vedo perche dovremmo noi adattarci a loro.

    Rispondi

  • mauro

    14 Aprile @ 14.12

    magari con un casco di una misura piu' grande ci sta dentro il turbante, senza modificarlo.

    Rispondi

  • Silvia

    13 Aprile @ 21.28

    Io ho un alunno sikh in classe che quest'anno si è tagliato i capelli e anche suo padre non porta il turbante. vivendo qui anche loro modificano alcune parti della loro religione più pratiche, senza però snaturarsi, se vogliono si integrano e rispettano le nostre regole.

    Rispondi

  • the clansman

    13 Aprile @ 21.15

    adesso arriverà un giovane avvocato pagato dalla sinistra per fare un ricordo contro le regole valide per gli italiani...

    Rispondi

  • Franco Bifani

    13 Aprile @ 20.01

    Ecco un altro esempio paradigmatico di integrazione; ma la vogliamo smettere con queste esternazioni di sub-culture tricotiche, tra veli e turbanti .

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

I meravigliosi colori dell'autunno sull'Appennino parmense: 10 foto di Giovanni Garani

fotografia

I meravigliosi colori dell'autunno sull'Appennino parmense: 10 foto di Giovanni Garani

Tieni sempre allenata la tua parmigianità con i nostri nuovi quiz

GAZZAFUN

Tieni sempre allenata la tua parmigianità con i nostri nuovi quiz

Via D'Azeglio: tutti alla Mattanza

PGN FESTE

Via D'Azeglio: tutti alla Mattanza Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Da Ezio Mauro a Massimo De Luca: grandi firme in scena

VELLUTO ROSSO

Da Ezio Mauro a Massimo De Luca: grandi firme in scena

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Gestione rifiuti: bando da 44 milioni per 15 anni di affidamento del servizio

PARMA

Gestione rifiuti: bando per 15 anni di affidamento del servizio Video

Il Comune ha presentato il bando europeo sulla gestione rifiuti

BUSSETO

Tenta di investire l'ex moglie in un parcheggio: arrestato 65enne Video

L'uomo, un operaio residente a Polesine, è accusato di resistenza e stalking

FIDENZA

Muore a 51 anni, 11 giorni dopo l'incidente in bici

Giovanni Rapacioli era molto conosciuto: era il pizzaiolo-dj di via Berenini

UNIVERSITA'

Bici legate al montascale, ancora bloccata la ragazza disabile

2commenti

Rumore

«Il Comune paghi i danni della movida»

4commenti

CARABINIERI

Controlli anti-droga in piazzale Barbieri: denunciato un minorenne

Un 17enne è stato scoperto mentre cedeva hashish a una compagna

SORBOLO

Un 88enne: «Un cane mi ha aggredito e morsicato in un parcheggio»

COLLECCHIO

Va all'asilo, mamma derubata

salute

Un'équipe dell'Università di Parma studia la chirurgia mini-invasiva contro la cefalea da cervicale

In oltre il 90% dei pazienti trattati con l’intervento ha visto la completa scomparsa dei sintomi (8 su 10) o una loro netta diminuzione

PARLA L'ESPERTO

«Anziana scippata, evento traumatico»

2commenti

LUTTO

In duomo a Fidenza l'ultimo saluto a Luca Moroni

CONCORSO

Il gatto più bello di Parma: oggi alle 16 si chiude il gruppo 10

Giardino

Parco Ducale: giù il muro su viale Piacenza

Stanziati 1.281.000 euro

7commenti

Traffico

Nebbia a Parma: ancora disagi in mattinata

Guastalla

Sequestrati 3 quintali di dolci mal conservati: erano destinati anche al Parmense

La Municipale ha sequestrato un autocarro di un cittadino indiano che lavora per una ditta mantovana

FRAZIONE

«Carignano, auto troppo veloci e pochi controlli»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le scuse scomparse in un mondo incivile

di Roberto Longoni

NOSTRE INIZIATIVE

Da oggi le foto di tutti i remigini delle scuole di città e provincia

ITALIA/MONDO

CRIMINALITA'

Delitti di 'Ndrangheta nel 1992 a a Reggio Emilia: tre arresti della polizia

Massa

Lite per un parcheggio: gli spara e lo ferisce al volto

SPORT

Parma calcio

Sorpresa! Trezeguet va a salutare Crespo

2commenti

Lutto

E' morto Marino Perani, allenò il Parma Video

3commenti

SOCIETA'

SPAZIO

AstroPaolo fotografa nube marrone sulla Pianura Padana

Düsseldorf

Ultimo volo: il pilota sfiora la torre di controllo

MOTORI

ANTEPRIMA

Arona: il nuovo Suv compattodi Seat in 5 mosse Foto

LA NOVITA'

Kia Stonic, debutta il nuovo «urban crossover»