-5°

Strajè-Stranieri

"Senza casa, ospitati all'ostello. Ma sfrattati se arrivano turisti"

"Senza casa, ospitati all'ostello. Ma sfrattati se arrivano turisti"
1

Ospitalità, ma «a tempo»: c'è un tetto sulla testa, ma  ogni tanto anche una notte all'addiaccio. Una storia  surreale, in  una Parma  dove la disoccupazione sfiora il 4% e la casa   è un'emergenza. A farne le spese è  chi già prima della recessione viveva situazioni  precarie, e con la crisi è precipitato nella miseria.  Come Habib  Saidmabrouk, trasferitosi a Parma dalla natìa Sousse, in Tunisia,  nel 1998. Muratore «con partita Iva, iscritto all'albo degli artigiani di Parma», come ci tiene a far notare, Habib  è riuscito a mantenersi, e a mantenere la famiglia in Tunisia, fino a un anno fa, quando la stretta edilizia ha colpito per primi gli ultimi anelli della catena, come lui. Da 12 mesi, solo lavoretti saltuari.  Da quattro mesi  la famiglia (moglie e due figli: una bambina di sei anni che ha un handicap a un braccio, e che è in cura all'Istituto ortopedico Rizzoli di Bologna, e un bambino di quattro) lo ha raggiunto a Parma. E da allora la ricerca di un alloggio e di un pasto  è diventata un'odissea. «Siamo stati in un  edificio di borgo Poi, assieme ad altre famiglie tunisine,   e dopo lo sfratto   siamo  stati per un mese ospiti di un amico in via Marx». Una vita di disagi e sofferenze, che - sostiene Habib - avrebbe causato l'aborto della moglie, incinta del terzo figlio. Dal 27 febbraio la famiglia di Habib  mangia i pasti che ritira, già cucinati,   dalla Caritas diocesana, ed è stata sistemata dai servizi sociali del  Comune nell'Ostello della gioventù di via San Leonardo, grazie a una convenzione che la struttura, gestita dalla Cooperativa Aurora Domus, ha stipulato a dicembre 2012 con l'amministrazione comunale. Una convenzione che prevede però che l'ostello,  quando ha   tutte le camere   prenotate da tempo, chieda agli «inquilini» a carico del Comune di lasciare libere le loro stanze.  E' così che, in 38 giorni, la famiglia di Habib ha dovuto pernottare fuori  per due notti, a distanza di una decina di giorni,  ospite di un amico tunisino in una casa di Vicofertile: 60 metri quadrati dove già vivono quattro persone. E stamani alle 10 dovrà di nuovo sloggiare dalla sua stanza (un letto matrimoniale e due letti a castello: c'è  il bagno in camera, ma non è possibile cucinare) per fare rientro domani alle 15. Solo che stavolta Habib  non sa dove andare. «L'amico di Vicofertile  dice che non può più ospitarmi. Come  faccio?».
 Il problema, spiegano all'Ostello, si pone soprattutto nei fine settimana, quando l'albergo ospita diverse famiglie o comitive di giovani che arrivano a Parma per manifestazioni sportive o per turismo, e che magari hanno prenotato da mesi. «Ci dispiace per  questa famiglia, che si comporta in modo corretto e non ha mai creato problemi. Noi diamo la nostra disponibilità  per le emergenze abitative e applichiamo al Comune una tariffa agevolata. Ma   siamo una struttura che deve stare sul mercato»,  spiegano all'ostello.
Nel 2012,  aggiunge l'assessore comunale alle Politiche  sociali  Laura Rossi, sono stati ospitati  all'Ostello di via San Leonardo e in altri  residence della città  13 nuclei familiari, e dall'inizio dell'anno sono 10 le famiglie sistemate in queste strutture. A volte restano pochi giorni, a volte oltre sei mesi. «Vanno ad aggiungersi alle 450 persone che, nel 2012, hanno trovato sistemazione nei nostri dormitori. Di queste, una novantina erano donne e, in otto casi, avevano   uno o più figli al seguito», dice ancora l'assessore. Che ci tiene a sottolineare che «già da un mese la famiglia tunisina sapeva che questo sabato non avrebbe avuto la disponibilità della stanza».
 Intanto Habib prepara le valigie, sperando  che qualche amico si faccia avanti. La casa, per ora, resta un miraggio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • mauro

    14 Aprile @ 14.08

    veramente questa sarebbe da prima pagina , al posto delle cialtronate di casapound. Questo sarebbe' l'ennesimi tunisino che depreda la casa a un italiano? Dico bene? o non sara' che qualche italiano la sta depredando a lui?

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

White Lion: i latini a Pilastro

Pgn Feste

White Lion: i latini a Pilastro Foto

Eugenie Bouchard fra tennis e scatti sexy

Australian Open

Eugenie Bouchard fra tennis e scatti sexy Foto

Acquisto auto nuova: le 6 soluzioni più efficaci

CONSIGLI

Acquistare un'auto nuova: le 6 soluzioni più efficaci

Notiziepiùlette

Incidente Cascinapiano
Incidente Cascinapiano

Filippo, addio con la maglia numero 8

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO 

Prosa e Lirica, risate e emozioni a teatro: il meglio della settimana

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

«Sulla legionella ci hanno preso in giro»

Polemica

«Sulla legionella ci hanno preso in giro»

IL CASO

«Ci hanno tolto il figlio per uno schiaffo»

Weekend

Feste di Sant'Antonio, musica e fuoristrada: l'agenda

Parlano gli studenti

«La Maturità 2018? Premia chi non studia»

Langhirano

Antonella, quel sorriso si è spento troppo presto

Il caso

Anziana disabile derubata in viale Fratti

Incidente Cascinapiano

Filippo, addio con la maglia numero 8

tg parma

Trentenne parmigiano aggredito e rapinato da una baby gang in centro

6commenti

PROTESTA

Le medicine? Prendetele all'ospedale

DATI

Collecchio, boom di nascite

Intervista

Edoardo Bennato: «Sono sia Peter Pan che Capitan Uncino»

Regio

L'umanità raccontata da Brunori Sas Foto

Il fatto del giorno

Legionella: la rabbia del quartiere Montebello

3commenti

Polizia

Salta il furto di rame nella centrale di Vigheffio: arrestati due romeni

Sequestrato tronchese gigante

8commenti

Parma

Metano e gpl per auto: arrivano gli ecoincentivi

3commenti

Parma

Rapina in villa a Marore: falsi vigili svuotano una cassaforte

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Quei «no» che non sappiamo più dire ai figli

6commenti

EDITORIALE

Un morto nell'Italia dello scaricabarile

di Paola Guatelli

ITALIA/MONDO

soccorsi

Altri 4 estratti dalle macerie del Rigopiano, ma c'è una quarta vittima

I Parete

"Viva anche Ludovica": Giampiero riabbraccia la famiglia

WEEKEND

CINEMA

Da "Arrival" a "Qua la zampa": i film della settimana Video

IL DISCO

Avalon, un sound sofisticato

1commento

SPORT

Sport

MotoGP: tutti i piloti Foto

MERCATO

Evacuo, trattative congelate

MOTORI

IN PILLOLE

Dacia Sandero Stepway
model year 2017

ALFA ROMEO

Stelvio, ci siamo. Il Suv è già ordinabile Fotogallery